Giorno: 28 gennaio 2011

28 gennaio 2011 0

Di Pietro all’ospedale di Pontecorvo: “Polverini ha ceduto ai poteri forti della sanità”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Grande partecipazione di pubblico alla manifestazione organizzata questa mattina dall’Italia dei Valori presso l’ospedale di Pontecorvo, in provincia di Frosinone. Per ribadire la netta contrarietà alla chiusura della struttura ospedaliera, come prevede il Piano Polverini, è arrivato il presidente Antonio Di Pietro, che ha parlato di “battaglia in difesa dei diritti dei più deboli.” “La scelta di chiudere questo ospedale – ha detto il leader dell’Italia dei Valori – senza tenere conto delle esigenze dei territori, è il risultato di una visione romanocentrica della politica e di un asservimento ai poteri forti della sanità, che prosperano mentre le strutture pubbliche vengono chiuse.” Di “battaglia non ancora chiusa” ha parlato anche il consigliere regionale e vice presidente della Commissione sanità, Giulia Rodano. “Crediamo che ci sia ancora la possibilità di tenere aperto questo ospedale – ha dichiarato Rodano – e per questo abbiamo chiesto un consiglio regionale straordinario, affinchè il ‘tesoretto’ di 600 posti letto che la Polverini si è tenuta, possa essere utilizzato per tenere aperti gli ospedali di provincia, primo fra tutti quello di Pontecorvo.” Il consigliere regionale dell’Italia dei Valori, Anna Maria Tedeschi, ha sottolineato come la mobilitazione e la lotta per l’ospedale di Pontecorvo non si fermerà e ha ribadito “l’impegno totale dell’Italia dei Valori, simboleggiato dalla presenza di Di Pietro, per la sanità pubblica.” Alla manifestazione ha preso parte anche il segretario regionale dell’Italia dei Valori, Vincenzo Maruccio, che ha chiesto alla Polverini di “rivedere alcune decisioni calate dall’alto, ascoltando le esigenze dei territori” .

28 gennaio 2011 0

Fiat 6 / Bloccata la stazione ferroviaria di Cassino

Di redazione

La stazione ferroviaria di Cassino è stata bloccata da un migliaio di manifestanti che chiedono la soluzione della vicenda di Colleferro dove un gruppo di manifestanti è stato bloccato perché senza biglietto. La gente a Cassino è scesa sui binari bloccando la circolazione dei trni e costringendo quelli in arrivo a fermarsi prima dell’arrivo in stazione. Er. Amedei

28 gennaio 2011 0

Fiat 5 / In settemila a Cassino. Antagonisti fermati a Collferro

Di redazione

Sono circa 7 mila le persone che questa mattina hanno affollato le strade di Cassino, un dato che coincide tra quelli forniti tra questura ed organizzatori. “Stiamo presidiando le strade della città martire e i punti sensibili con circa 350 uomini tra carabinieri e polizia- ha dichiarato il primo dirigente della questura di Frosinone Mino De Sanctis – Al momento non si registrano incidenti ma dobbiamo scongiurare che gruppi possano staccarsi dal corteo e creare disordini”. Intanto un gruppo di antagonisti è stato fermato su un trno a Colleferro perché senza biglietto. Er. Amedei

28 gennaio 2011 0

Fiat 4/ In migliaia i lavoratori che hanno aderito al corteo della Fiom per le vie di Cassino

Di redazionecassino1

Il concentramento dei lavoratori in piazza Miranda, fin dalle prime ore di questa mattina, provenienti da tutta Italia, dalla provincia di Frosinone e dalla regione, anche una folta delegazione di lavoratori dello stabilimento di Pomigliano D’Arco a sostegno dei lavoratori Fiat di Cassino. Chiusi i negozi, ma non le scuole che hanno garantito l’attività didattica. Oltre trecento cinquanta gli uomini delle forze dell’Ordine, un elicottero  della Polizia ha seguito costantemente la manifestazione.  Secondo i primi dati forniti dalla Fiom avrebbero partecipato circa il 70% dei lavoratori dello stabilimento di Piedimonte San Germano, alcuni studenti provenienti dalla Capitale sarebbero stati fermati, sul treno proveniente da Roma, a Colleferro perché sprovvisti  di biglietto.

28 gennaio 2011 0

Fiat 3 / Manifestazione rallentata da incidenti e controlli

Di redazione

Il corteo della Fiom Cassino parte in ritardo a causa di un in cidente stradale che a Colleferro ha bloccato i pullman provenienti dalla Capitale e per i controlli ad un treno di manifestanti fermato a Colleferro dalle forze dell’ordine. Al momento a Cassino, in piazza Miranda sono arrivati i lavoratori di Pomigliano che i sono uniti al 60% degli operai Fiat dello stabilimento di Cassino che hanno scioperato.

28 gennaio 2011 0

Migliaia di lavoratori in piazza a Cassino allo sciopero Fiom-Cgil contro il “Piano Marchionne”

Di redazionecassino1

Sciopero generale indetto dalla Fiom-Cgil migliaia di lavoratori in piazza contro il “Piano Marchionne” negli stabilimenti Fiat, prima di Pomigliano, poi di Mirafiori e ora anche allo stabilimento di Piedimonte San Germano. Attiva l’azione delle forze dell’ordine per evitare incidenti, vasto spiegamento di Polizia, Carabinieri e dalle prime ore della mattina intensa anche l’attività di Vigili Urbani di Cassino per liberare le strade da auto ed evitare intralci al corteo che è partito dalla stazione ferroviaria in piazza Garibaldi.

Il concentramento dei lavoratori in piazza Miranda, fin dalle prime ore di questa mattina, provenienti da tutta Italia, dalla provincia di Frosinone e dalla regione, anche una folta delegazione di lavoratori dello stabilimento di Pomigliano D’Arco a sostegno dei lavoratori Fiat di Cassino. Chiusi i negozi, ma non le scuole che hanno garantito l’attività didattica.

28 gennaio 2011 1

Fiat 2 / In seimila previsti per la mobilitazione Fiom a Cassino

Di redazione

La manifestazione organizzata oggi dalla Fiom a Cassino per scongiurare l’ipotesi che lo stabilimento cassinate segua lo stesso percorso di quello di Mirafiori porterà nelle strade della città martire non meno di seimila persone. Il livello di attenzione sindacale sull’ultimo stabilimento italiano rimasto nel gruppo Fiat è altissimo. La Fiom resta l’unica organizzazione, tra le maggiori quattro rappresentate nella fabbrica di auto ciociara, a schierarsi contro il piano Marchionne. Così come già fatto in altri stabilimenti italiani, chiamando in piazza gli operai, la rappresentanza sindacale della Cgil, prevede a Cassino, non meno di seimila persone. Er. Amedei

28 gennaio 2011 1

Fiat/1, alla manifestazione si teme il blocco della città e disordini

Di redazione

Sono circa 60 i pullman che porteranno a Cassino per la manifestazione di questa mattina, operai di altri stabilimenti e studenti Laziali. Il corteo si riunirà a Piazza Nicolas Green e si snoderà per le strade del centro. Preoccupazioni in centro di commercianti e cittadini che subiranno, certamente, il blocco della circolazione stradale. Timori anche per la possibilità che nel corteo possano nascondersi frange estreme con l’intenzione di creare disordini. Per questo polizia, carabinieri e Finanza sono schierati in forze. Er. Amedei

28 gennaio 2011 0

Rifiuti al “Rio Inferno”, intervengono i carabinieri

Di admin

Nella mattinata odierna, i militari delle Stazioni di Cassino e Cervaro, nell’ambito di servizi disposti dalla Compagnia, sono stati impegnati in attività di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, nonché ai reati in materia ambientale.

L’attività di polizia ha permesso di individuare, in località San Pasquale di Cassino, lungo le strade interpoderali che costeggiano a sx e dx il “Rio Inferno” affluente del fiume Rapido, lungo il tratto di via San Lorenzo e via Varlese, la presenza di cumuli di rifiuti dai quali affiorano rifiuti speciali pericolosi e non (lastre di eternit, tubo in cemento – eternit, carcasse di televisori e monitor di computer completi di tubo catodico e parti elettriche degli stessi, materiale di risulta, pneumatici e parti di auto nonché un consistente cumulo di barattoli e secchi già contenenti vernice per autovetture ecc.).

Sono in corso gli accertamenti per addivenire all’identificazione dei responsabili dello sversamento dei rifiuti.

Per le attività di bonifica e ripristino dello stato dei luoghi sono stati informati gli organi competenti, in particolare l’Arpa, l’ASL, il Servizio di Protezione Ambientale della Provincia ed il Comune di Cassino.