Giorno: 29 marzo 2011

29 marzo 2011 0

Cassino al Voto, Sebastianelli: “Non ero io il problema del ‘capo’ delle liste civiche”

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una settimana fa mi sono definito “l’ostacolo” che impediva al Pdl di arrivare unito alla presentazione della lista per le amministrative e quindi ho preso atto della scelta dei massimi rappresentanti locali del partito di candidare a sindaco il capo delle liste civiche, ma evidentemente non ero io il motivo del mancato accordo tra le diverse anime del partito, come dimostra il fatto che i consiglieri regionali di Cassino non hanno ancora trovato una soluzione condivisa da entrambi.

Il problema dunque non ero io che in autunno avrei voluto fare le primarie, io che poi, visto che nessuno ha accolto il mio invito, ho auspicato che si candidassero tutti per lasciare il compito della “selezione” degli amministratori ai cittadini.

Così, mentre in queste ore l’Udc e altri partiti si sono uniti intorno a un candidato che evidentemente garantisce tutte le parti della coalizione, la dottoressa Iris Volante, l’orizzonte stenta a schiarirsi nel Pdl a causa delle mosse attuate dai due giocatori del partito che spesso assumono il ruolo di arbitri. A questo proposito, mi rivolgo al coordinatore provinciale del Popolo della Libertà Franco Fiorito e al coordinatore regionale Vincenzo Piso, se ancora sono in carica: non possono esimersi dall’esprimere un’opinione, dal fornire una linea in questo desolante spettacolo che oltre a creare un notevole “danno d’immagine” al partito avvalora l’ipotesi che non sta loro a cuore il destino di una città importante come Cassino che personalmente non credo sia malata, ma abbia bisogno di amministratori che la amino di più e cerchino di mettere in campo politiche capaci di renderla migliore e al passo con le metropoli europee. I cittadini, nelle vesti di elettori, terranno conto del fatto che, proprio negli anni in cui sale il prestigio del partito cassinate grazie ai consiglieri regionali eletti lo scorso anno, diminuisce la concertazione all’interno dello stesso partito. L’impressione è che, invece dei programmi per il futuro di Cassino, si parla solo di nomi di candidati più o meno reali, come quello, mai dichiarato, dell’onorevole D’Aguanno, che di fatto non sembra ancora convinta della candidatura di Palombo. Se la ragione della spaccatura del Pdl non ero io, come sembra evidente perché anche senza di me gli onorevoli Annalisa D’Aguanno e Mario Abbruzzese non siedono allo stesso tavolo, allora è il caso che spieghino ai cittadini qual è la situazione reale del Pdl, altrimenti l’unico risultato dell’azione “rinnovatrice” è stata la divisione del Popolo della Libertà; e in caso di sconfitta del primo partito della città chi ne sarà il responsabile?

29 marzo 2011 0

Provincia di Frosinone, Tedeschi (IdV): “Stabilizzare precari per salvare quel che resta della sanità”

Di redazione

“La stabilizzazione dei precari della sanità in provincia di Frosinone è un provvedimento non più rinviabile”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell’Italia dei valori, Anna Maria Tedeschi. “I circa 200 lavoratori, per stessa ammissione di Mirabella, sono indispensabili per assicurare il funzionamento di quel che resta della sanità frusinate dopo il colpo di mannaia della Polverini. Per questo chiediamo alla presidente un intervento diretto affinchè questi lavoratori trovino finalmente la stabilità e il sistema possa pianificare nel tempo l’erogazione di servizi ai pazienti.”

29 marzo 2011 0

La Provincia di Frosinone ospite della Provincia di Catania

Di redazione

Presso il centro congressuale “Le Ciminiere” di Catania l’Amministrazione Provinciale di Frosinone, rappresentata dal presidente on. Antonello Iannarilli e dall’assessore ai trasporti Ennio Marrocco, ha partecipato ai lavori della conferenza sul tema:”Sistema territoriale della Sicilia orientale”. La Provincia di Frosinone è partner della Provincia di Catania nel più vasto progetto denominato “Log in Med” a testimonianza di una partnership istituzionale ormai consolidata. Ai lavori della conferenza hanno preso parte i rappresentanti delle province e dei comuni della Sicilia orientale ed ha partecipato il Governo rappresentato dall’on. Raffaele Fitto, ministro per i rapporti con le Regioni e la coesione territoriale, e dall’on. Bartolomeo Giachino, sottosegretario alle infrastrutture ed ai trasporti. Il presidente della Provincia di Frosinone, dopo aver salutato i presenti, ha sottolineato l’importanza della collaborazione con l’ente provinciale catanese che ha organizzato l’evento e capofila del progetto “Log in Med”. L’assessore Ennio Marrocco ha poi manifestato la volontà della Provincia di Frosinone ad intervenire convintamente nel settore della gestione integrata della logistica, sottolineando l’importanza di ottimizzare l’uso dei “corridoi della mobilità”. Si tratta, ha spiegato l’assessore Marrocco, di un progetto molto ambizioso ma il rilancio economico del nostro territorio non può prescindere dall’acquisizione di nuovi sistemi e nuove tecnologie fortemente innovative come “l’infomobilità” nel trasporto delle merci. La logistica multimodale ed integrata, ha concluso l’assessore ai trasporti di Frosinone, deve diventare lo strumento operativo per una scelta consapevole del viaggio delle merci all’insegna della massima economia del trasporto. E’ auspicabile che un sistema operativo come quello inaugurato a Catania per il sistema territoriale della Sicilia orientale venga riprodotto anche in Ciociaria affinchè gli operatori economici possano avere uno strumento concreto ed operativo per risolvere le criticità, migliorare la coesione ed aumentare la competitività verso l’esterno. Sono concetti nuovi nei quali l’assessorato ai trasporti vuole investire tempo e risorse nella convinzione che oggi l’economia veda incentivata non con finanziamenti generalizzati che quasi mai premiano i meritevoli ma con strumenti concreti messi a disposizione di tutti gli operatori economici alla cui bravura è rimesso il buon uso di tali strumenti. L’incontro a Catania sembra davvero l’inizio di una nuova politica nell’ambito dell’Assessorato ai trasporti della provincia di Frosinone con l’individuazione di nuove strategie per uno sviluppo armonioso e sostenibile di tutto il trasporto territoriale.

29 marzo 2011 0

Maurizio Russo e le gaffe di Palombo: “Cassino non è Ciociaria”

Di redazione

“Io preferisco il panino casereccio di Cassino al cosiddetto ‘panino ciociaro’ pubblicizzato da Carmelo Palombo e dal presidente Abbruzzese. Naturalmente nulla contro il panino ciociaro ma io preferisco i prodotti del mio territorio. Le loro dichiarazioni entusiastiche di appartenenza alla Ciociaria non le condivido. Le nostre tradizioni storiche e geografiche sono diverse da quelle del territorio della Ciociaria. Noi apparteniamo alla cosiddetta ‘Terra di lavoro’ così laboriosa e ricca di vita produttiva”. Lo dichiara Maurizio Russo candidato a sindaco di Cassino con un raggruppamento di cinque liste all’interno del centrodestra dopo aver visto i servizi pubblicitari dei due rappresentanti del Pdl mangiare e inneggiare alla genuinità di quel panino prodotto dalla società americana di alimentazione. Maurizio Russo ricorda che “La Terra di Lavoro è una regione storico-geografica dell’Italia Meridionale legata alla Campania e, oggi, suddivisa tra le regioni amministrative di Lazio, Campania e Molise. La Terra di Lavoro, inoltre, fu una unità amministrativa, prima, del Regno di Sicilia, poi, del Regno di Napoli, quindi, del Regno delle Due Sicilie ed, infine, del Regno d’Italia.” La città di Cassino e il suo comprensorio appartennero fino al 1927 proprio alla Terra di lavoro con provincia Caserta. Ed ancora oggi è forte il flusso dal casertano e dal napoletano verso Cassino da sempre considerata vicina, per storia e per tradizioni popolari, alla Campania. E poi la cosiddetta “Terra di san Benedetto” in parte s’identifica con la Terra di lavoro. Secondo una pubblicazione dell’istituto geografico De Agostini risulta chiaramente una regione o subregione che «la Ciociaria comprende l’ampia Valle del Sacco, i Monti Ernici, il versante interno degli Ausoni e parte dei Lepini», grossomodo il circondario di Frosinone. “Io sono per la difesa delle tradizioni storiche – aggiunge Maurizio Russo – e per mantenere legami con i territori circostanti. Io non mi sento ciociaro e né tantomeno si sentono tali i tifosi del calcio che allo stadio urlano ‘Non siamo ciociari’ a dimostrazione che anche nello sport si fanno delle distinzioni anche per motivi campanilistici e goliardici”. Maurizio Russo spiega poi di essere favorevole al rilancio dell’agricoltura locale e alla valorizzazione dei prodotti tipici come stanno facendo in altre città. “Anche in questo settore così importante per una sana alimentazione – dice il candidato a sindaco – bisogna puntare alle incentivazioni per favorire la nascita di cooperative agricole attraverso progetti da presentare alla regione Lazio.” La polemica “Cassino è da considerarsi parte della Ciociaria o no” va avanti da quasi un secolo. La storia direbbe di no e Maurizio Russo dichiara: “Siamo di Cassino e basta, non possiamo considerarci ciociari”. . Infatti gli studiosi affermano in un documento:”Una descrizione geografica della Ciociaria che risolva il problema dei suoi confini e delle sue peculiarità etniche non è mai stata fornita. Il territorio interessato è sempre stato amministrativamente denominato Lazio, Campagna e Marittima o Campagna di Roma e gli studi storiografici e demologici che portarono alla luce gli aspetti sociali degli abitanti laziali detti ciociari, all’inizio del XIX secolo, trattano la questione in modo marginale, senza disporre di documentazioni precise”.

29 marzo 2011 0

Trovata esanime nella vasca da bagno, da chiarire morte di una 70enne

Di redazione

Il corpo esanime di una donna di circa 70 anni è stato ritrovato, nel tardo pomeriggio di oggi, nella vasca da bagno della sua casa a Selvacava di Esperia. A rinvenire il corpo è stato il figlio che ha allertato subito i carabinieri della compagnia di Pontecorvo. Inizialmente sembrava fondato il sospetto di una morte non accidentale ma poi, dopo una prima indagine medico legale, pare sia prevalsa l’ipotesi della morte a seguito di malore. La salma, però, è stata trasportata nell’obitorio dell’ospedale di Cassino a disposizione della Procura.

29 marzo 2011 0

R.L. Commissione Roma-capitale: L.Romanzi(Psi): Federalismo solidale che unisce e non divide

Di admin

Dal Gruppo consigliare Partito Socialista Italiano riceviamo e pubblichiamo: “Il federalismo deve unire e non dividere! Quello fiscale, inevitabile realtà con il quale tutti dovranno confrontarsi, nel Lazio assume maggior rilevanza per la costituzione di Roma Capitale con tutto ciò che di complesso comporta.”ha dichiarato il capogruppo del PSI Luciano Romanzi. “E’ necessario uno sforzo comune della maggioranza e dell’opposizione, per garantire una vera gara di sussidiarietà tra le istituzioni, senza contrapposizioni ideologiche. Per attuare un effettivo e funzionale federalismo devono essere garantiti i rapporti solidali tra Comuni, Provincie, Comunità Montane, con la Regione Lazio e lo Stato Centrale, per uno sviluppo reale di tutto il territorio. Bisogna quindi tenere presenti i bisogni delle piccole comunità, dare voce alle criticità provenienti dai territori e dare risposte puntuali, affinché il federalismo attuato sia quel volano necessario all’impulso dell’economia e non percepito come un elemento di disarmonia del tessuto sociale della nostra regione. Concordo con l’impostazione data dal Presidente Di Stefano ai lavori della Commissione Roma Capitale e il suo sforzo di ricercare la più ampia convergenza possibile per iniziare quel percorso di riforme necessario per la crescita e il benessere del Lazio.”ha concluso Romanzi.

29 marzo 2011 0

Alimenti, Pallone (Pdl): “Tracciabilità esigenza imprescindibile”

Di admin

«Sono rammaricato per il mancato raggiungimento dell’accordo, ma la tutela dei consumatori, in questo settore, deve essere una priorità. È grave che si sia persa l’occasione di adottare una nuova normativa in materia». Così, il portavoce della delegazione italiana del Pdl al Parlamento europeo, Alfredo Pallone, ha commentato il mancato raggiungimento dell’accordo tra Consiglio, Parlamento e Commissione Ue sulle norme europee per i “cibi nuovi”, i cosiddetti “novel foods”.«La tracciabilità – ha aggiunto Pallone – è un’esigenza imprescindibile ed è fondamentale che i consumatori siano ben informati e siano messi a conoscenza del contenuto dei cibi in modo chiaro. Nel vuoto normativo causato dal fallimento della procedura di conciliazione l’auspicio, a questo punto, è che i governi nazionali intervengano al più presto affinché venga scongiurato il pericolo della commercializzazione di prodotti le cui origini non sono naturali. Mi auguro, altresì – ha concluso l’eurodeputato – che venga presto colmato il vuoto legislativo e che la Commissione presenti, in tempi ragionevoli, una proposta condivisa a tutela dei diritti dei consumatori».

29 marzo 2011 0

Giro di vita della Polizia di Stato sull’attività dei cantieri edili

Di redazione

Sono in atto mirati controlli della Polizia di Stato per verificare la regolarità delle norme in materia di edilizia. Sotto la lente d’ingrandimento della Squadra Mobile coadiuvata anche dal personale dell’INPS, ASL, ed INAIL sono finiti diversi cantieri che svolgono le loro attività su Ceccano. Nulla è stato tralasciato ognuno per la parte di specifica competenza hanno verificato la conformità delle attività e le normative di settore. Nel corso del controllo è stato anche individuato un cittadino rumeno che aveva in carico un provvedimento di rimpatrio con divieto di ritorno nel comune di Ceccano della durata di tre anni ancora in corso di validità, che per la circostanza è stato denunciato. L’attività espletata entra in un più ampio progetto che vuole garantire in ogni contesto l’elevazione del livello di sicurezza. Proseguiranno anche nei prossimi giorni le verifiche già iniziate non trascurando però le attività di controllo del territorio. Infatti proprio il poliziotto di quartiere durante un’attenta attività di pattugliamento ha consentito di denunciare un altro cittadino rumeno anch’esso inottemperante al foglio di via. Anche l’attività dei poliziotti di quartiere è finalizzata a rafforzare il senso di sicurezza dei cittadini offrendo loro migliore garanzia di visibilità.

29 marzo 2011 0

Cade dallo scooter, pasticciere gravemente ferito

Di redazione

Un noto ed affermato pasticciere di Cassino, questa notte, è stato trasferito d’urgenza in un ospedale della Capitale a causa delle ferite riportate ieri sera cadendo dallo scooter in via Zamosch. L’uomo, 50anni circa, pare sia caduto mentre parcheggiava il ciclomotore, battendo il volto sull’asfalto. Non è ben chiaro come l’incidente possa essere capitato, ma non si esclude che tra le cause vi possa essere un malore. Trasportato in ospedale a Cassino, i medici gli hanno riscontrato un trauma facciale per il quale è stato necessario trasferirlo all’Umberto primo di Roma.