Cassino (finalmente) al voto / E’ finita, per fortuna, la campagna della maleducazione

13 maggio 2011 8 Di redazione

Ora è finita davvero questa campagna elettorale… sprecona e senza rispetto delle regole!
La campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale e del sindaco di Cassino è al suo ultimo atto, oggi i comizi di chiusura, con gli ultimi big a sostenere i sei candidati a sindaco. Sta per finire per fortuna; i big della politica non si son risparmiati alle Conventions dei vari schieramenti e dei rispettivi candidati-sindaco. Si è partiti con Cesa, passando per Di Pietro, Ferrero, Donadi e Migliore, Casini, ma non basta perché i candidati alla poltrona di Primo Cittadino di piazza De Gasperi, Volante e Palombo, hanno giocato “l’asso di briscola’’. Già perché Iris Volante ha avuto il sostegno di Massimo D’Alema, a cui ha risposto Carmelo Palombo che per sostenerlo si è scomodato addirittura il Ministro di grazia e giustizia (ammesso che in questo Paese ne esista ancora di Giustizia) Angelino Alfano! Oggi gli ultimi comizi per cercare di convincere gli elettori. Ancora qualche ‘pezzo da novanta’. Leoluca Orlando per Petrarcone, Adornato per Iris Volante, Annalisa D’Aguanno e Oreste Tofani per Barbara Di Rollo, Abruzzese, Tajani e, forse, addirittura al telefono Silvio Berlusconi, per Carmelo Palombo e il generale Pappalardo a sostenere Maurizio Russo. Poi tutto si fermerà per la sacrosanta giornata di riflessione degli elettori.

volantini elettorali

L’importante che questa campagna elettorale sia finita, ballottaggio a parte, che siano finiti gli sprechi e le violazioni di una legge elettorale che, proprio nella Città Martire, è stata una vera ‘porcata’! Che sia finito lo sperpero di denaro, dilapidato a fiumi dai candidati e che, se impiegato in vere opere umanitarie, avrebbe sfamato, curato bambini, adulti e donne nei paesi del Terzo Mondo e invece tutto denaro buttato al vento per la sete e l’arroganza di potere!

volantini strada cassino

Che sia finita la sporcizia per le strade, i marciapiedi, i parcheggi ridotti a discariche e da volantini, ‘santini’ e tutto il resto. Manifesti selvaggi, quintali di volantini con pseudo programmi elettorali che resteranno solo sulla carta, gazebo ad ogni metro di strada e di marciapiede disponibile, cassonetti per l’immondizia tappezzati di faccioni e slogan che in nessun altro posto potrebbero stare se non nei secchi dell’immondizia, ma dentro e non fuori! Una campagna elettorale in cui gli striscioni dei vari candidati hanno adornato i balconi di tutti gli edifici, persino quelli delle periferie della città (sempre più Martire!), che ha accentuato il già caotico traffico cittadino con automezzi che trascinavano faccioni sorridenti e accattivanti di questo o quel candidato in lungo ed in largo, neppure le recinzioni delle scuole pubbliche, elementari e materne, sono state risparmiate! Certo, non un bell’esempio da dare ai più giovani, non c’è dubbio! Per fortuna si avvicina il sabato pre-elettorale, quello in cui devono cessare tutti questi sprechi, gli schiamazzi politici e tutto questo fastidio per i cittadini, quello in cui nella tranquillità gli elettori dovranno riflettere, valutare i programmi degli schieramenti e decidere chi sia il più meritevole, idoneo e soprattutto capace di ricoprire il ruolo per il quale si è candidato e ha chiesto il consenso agli elettori. Già questo è il momento fatidico, quello in cui gli elettori, i principali artefici della prossima amministrazione comunale, dovranno esprimersi e con il loro voto premiare, ma per quello che si è visto in questi mesi, punire tutti gli sprechi, l’arroganza dei candidati, il mancato rispetto delle regole, anche quelle più elementari!

volantini elettorali

Speriamo che i cittadini di Cassino pensino a tutto questo e decidano scegliendo chi ha agito secondo le regole, certamente pochi, ma questo non sarà un problema, tanto i posti da consigliere comunale sono solo 24 e il sindaco soltanto uno. Un vecchio spot pubblicitario di qualche anno fa recitava: “Meditate gente, meditate…!” Già, meditiamo e scegliamo secondo coscienza per evitare che questa città sia ancora più Martire di quanto sia già stata ridotta nel corso della sua storia, dalla Guerra prima e dalle amministrazioni comunali succedutesi in questi anni!
Felice Pensabene