Costa Concordia, la Smit ultima la flangiatura. Riprendono le ricerche dei dispersi

9 febbraio 2012 0 Di redazione

Questa mattina, viste le condizioni meteo marine favorevoli che hanno permesso al pontone Meloria di lasciare il porto e affiancare la Costa “Concordia”, i tecnici della Smit – Neri hanno completato la flangiatura di sei serbatoi di prua. Sempre nella mattinata, su indicazione del soggetto attuatore Amm. Ilarione Dell’Anna, sono state completate le operazioni di riposizionamento delle nuove panne rigide di contenimento. Dopo i test di funzionamento sulle flangie sarà possibile iniziare le operazioni di svuotamento dei serbatoi.
Prosegue l’attività di monitoraggio dei movimenti della Costa “Concordia” e della condizione ambientale del mare del Giglio condotto dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze e dai tecnici dell’Ispra e dell’Arpat.
E’ ripresa, inoltre, la ricerca dei dispersi: gli operatori del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco hanno verificato altri cinque dei sedici target individuati nei 18 km quadrati di mare intorno alla nave, dando esito negativo; al momento restano, dunque, da verificare sei obiettivi. Il personale dei Vigili del Fuoco ha, inoltre, installato undici prismi sulla Costa “Concordia”, indispensabili per il proseguimento del monitoraggio dei movimenti dello scafo attraverso le stazioni topografiche robotizzate.