Giorno: 27 aprile 2012

27 aprile 2012 0

Rapinato, drogato e abbandonato nei boschi, il CNSAS Abruzzo partecipa al salvataggio dell’uomo

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Questa notte la stazione di Avezzano del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico dell’Abruzzo stata allertata per la ricerca di una persona dispersa nei dintorni di Avezzano (AQ). In tarda serata i familiari avevano ricevuto una telefonata in cui l’uomo, in evidente stato confusionale, affermava di essersi perso e di non sapere esattamente dove trovarsi, probabilmente nella frazione Avezzano. Dopo mezzanotte il cellulare non era più raggiungibile e sono state allertati i Carabinieri e la Polizia. A seguito delle elaborazioni effettuate dai Carabinieri sui dati di telefonia, l’ultima posizione del disperso invece individuata presso la frazione Caruscino e pertanto la prefettura dell’Aquila ha allertato CNSAS Abruzzo, che ha inviato i propri tecnici e una unità cinofila. I tecnici di soccorso alpino hanno effettuato un rastrellamento a pettine che ha permesso l’autovettura dell’uomo. Alle prime luci dell’alba il disperso è riuscito a raggiungere in modo autonomo i familiari, ed essere stato rapinato da tre persone che poi lo hanno drogato e abbandonato in una zona remota.

27 aprile 2012 3

Ha chiuso due cagnolini nel sacchetto della spazzatura per asfissiarli, denunciato da Aidaa

Di redazione

Ha tolto i due cuccioli di cani di pochi giorni alla mamma, li ha rinchiusi in un sacchetto nero della spazzatura e li ha gettati nell’orto aspettando che morissero per soffocamento. E’ l’ultima denuncia di maltrattamento ad animali denunciato dall’associazione Aidaa. Per sua sfortuna un passante attratto dai guaiti provenienti dal sacco di plastica si è avvicinato ed aprendo il sacco ha scoperto l’orrore: nel sacco c’erano due piccoli cuccioli di cane uno dei quali già morto, e l’altro nonostante il tentativo di massaggio cardiaco fatto dal passante è morto pochi minuti dopo. L’uomo conoscendo la persona che si occupa di lavorare quel terreno l’ha immediatamente chiamato al cellulare. Questo arrivato ha ammesso in presenza di testimoni di aver sottratto i cuccioli alla mamma e di averli chiusi in un sacco per lasciarli morire non avendo lui stesso il coraggio di farlo, subito dopo ha seppellito le salme dei due cuccioli in giardino. I fatti sono accaduti domenica scorsa a San Nicolò di Tordino in provincia di Teramo. Oggi dopo la segnalazione e le relative verifiche il presidente di AIDAA ha inviato alla procura della repubblica di Teramo una denuncia per maltrattamento causante la morte di animali ai sensi dell’articolo 544 ter del codice penale nei confronti dell’autore di tale atrocità. “Si tratta di un atto barbaro per giunta nei confronti di due piccoli cuccioli inermi- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- rinchiusi in un sacco di plastica e lasciati soffocare dopo essere stati tolti alla madre che li stava allattando. Ci auguriamo che questo individuo sia severamente punito per questo atroce reato”. Foto repertorio

27 aprile 2012 0

Baby pusher arrestato dai carabinieri, il suo “mercato” era una scuola di Frosinone

Di redazione

Uno spacciatore baby quello arrestato questa mattina dai carabinieri all’interno di un istituto scolastico di Frosinone. Le indagini sono scattate a seguito di numerose segnalazioni che informavano dell’esistenza di una persistente attività di consumo e spaccio di sostanze stupefacenti all’interno della scuola. Per questo, stamattina il Comando Provinciale ha disposto l’effettuazione di mirati servizi di controllo a cui hanno partecipato personale del NORM e delle Stazioni di Frosinone e di Frosinone Scalo, congiuntamente a 2 Unità Cinofile Carabinieri di Roma. I servizi espletati presso sei istituti scolastici ha permesso di rinvenire occultati all’interno di un bagno 25 grammi di “hashish” e di trarre in arresto uno studente di anni 16 di Frosinone, responsabile di aver introdotto nella scuola diverse dosi della medesima sostanza pronte per essere cedute, nonché di rinvenire presso la sua abitazione ulteriori grammi 80 di “hashish”. Il prosieguo dei controlli consentiva di rinvenire altri 10 grammi circa di analoga sostanza celata all’interno di un bagno di altro istituto. L’iniziativa è stata condivisa dal Provveditorato agli Studi di Frosinone. Il giovane arrestato è stato trasferito presso la Casa di prima accoglienza di Roma.

foto repertorio

27 aprile 2012 0

Costa Concordia, alla ricerca degli ultimi due corpi

Di redazione

Anche oggi, personale subacqueo della Guardia Costiera, dei Vigili del Fuoco e della Polizia di Stato ha proseguito le attività di ispezione mirata alla ricerca dei due corpi ancora dispersi, nella tragedia della nave Costa Concordia concentrandosi nell’area compresa tra la roccia su cui poggia lo scafo e i balconi dei ponti 6,7 e 8, nella parte immersa della nave. Le operazioni, rese particolarmente difficoltose dalle condizioni di difficile accesso, hanno avuto finora esito negativo. Contestualmente, squadre subacquee della Capitaneria e della Polizia hanno svolto l’ordinaria attività di verifica dei marker che registrano i movimenti della nave. Il motopontone Marzocco ha lasciato l’isola nella mattinata e ha trasferito a Talamone, per successiva destinazione al sito di stoccaggio, i materiali e gli oggetti fuoriusciti dalla nave raccolti negli ultimi giorni. Nel frattempo, i tecnici delle società Smit Salvage e Neri hanno continuato ad assicurare le attività di caretaking del fondale, nonché il recupero e riposizionamento di alcune panne spostate o danneggiate dal mare grosso dei giorni scorsi ripristinando il sistema anti-inquinamento previsto dal piano. Si è svolta regolarmente l’ordinaria attività di vigilanza e assistenza in mare, condotta dalle unità navali delle forze dell’ordine nello specchio d’acqua circostante la Costa Concordia. Non risultano, infine, anomalie da segnalare né nei movimenti della Costa Concordia monitorati dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Firenze, né nei rilevamenti ambientali assicurati da Ispra e Arpat.

27 aprile 2012 0

Basket: BPF Basket Cassino, ultimo ‘ciack’ sul paquet dell’Aprilia

Di redazionecassino1

Sarà il parquet della città di Aprilia il palcoscenico dell’ultima partita della regular season della Pallacanestro Cassino, Canzano e compagni affronteranno gli avversari con la testa già rivolta alla prima gara play-off fissata per domenica 6 maggio probabilmente contro la corazzata Contigliano. Nulla da chiedere alla partita, presumibilmente il coach Porfida a scanso di equivoci farà ricorso alle cosiddette seconde linee per dare respiro a quelli che hanno giocato di più, Confessore, Canzano, Simeoli e Guida  per evitare infortuni sgraditi a questo punto della stagione, quindi Tamburrini, Candelaresi Esposito e Pantano avranno modo di dimostrare tutte le loro caratteristiche in ottica futura, forza ragazzi la società ha bisogno di voi.  La regular season è all’ultimo “ciak”. A quasi una settimana di distanza dal bellissimo match perso di 5 con la capolista Gaeta, i biancorossi di coach Porfidia saranno impegnati nell’ultima gara della stagione regolare ad Aprilia, prima dei tanto attesi playoff. La qualità indiscussa del gruppo cassinate, seppur privo dall’inizio del duo Violo-Borozan e in corso d’opera di Max Guida(distorsione alla caviglia), ha messo in forte apprensione la corazzata gaetana, cedendo il passo solo nei minuti finali. Le motivazioni a far bene erano tantissime, così è arrivata una prestazione ottima che lascia pensare ad un finale di stagione davvero emozionante. Manca, dunque, quello step finale che non è decisivo per Canzano e compagni in termini di classifica. Al Pallone Tensostatico di Aprila, coach Porfidia potrà finalmente far riposare i suoi senatori, segnati dalle fatiche di una stagione super impegnativa, per poi lasciare spazio agli under desiderosi di guadagnare un minutaggio importante nella fase finale. Aprila, dalla sua, non attraversa un momento fortunato dal punto di vista fisico. Nelle recenti giornate, infatti, sono arrivati risultati negativi, l’ultimo in ordine di tempo sul campo di un Eurobasket in forma straripante. Tuttavia, i ragazzi allenati da coach Sardo hanno preparato con attenzione la prossima sfida con un Cassino forte del settimo posto in tasca da due settimane. Infatti, i pontini partono dalla quinta posizione in classifica, e in caso di vittoria potrebbero guadagnare la quarta piazza, ma allo stesso tempo potrebbero incappare in uno scivolone che vorrebbe dire sesta casella. L’intenzione dei padroni di casa, quindi, è quella di vincere con il massimo scarto per evitare almeno un potenziale sorpasso della Tiber Roma, ma di fronte avrà una squadra come il Cassino che renderà merito al campionato fin ora disputato. Ai pontini mancheranno i fratelli Rossetti alle prese con guai muscolari, però il resto del gruppo sarà a disposizione dello staff tecnico. All’andata i cassinati sfornarono una prestazione da urlo, imponendosi anche sulla fisicità della Virtus, con armi come la velocità e l’intensità di gioco.

Alfonso Salzano

27 aprile 2012 0

Basket Regionale C: Virtus Frusino, in gara due dei play-off, chiude la pratica Borgo Don Bosco

Di redazionecassino1

Il Credito Artigiano Virtus Frusino chiude la pratica quarti di finale play off, superando anche in gara due il Borgo Don Bosco e volando  in semifinale. Dopo la vittoria in gara uno di domenica scorsa, dunque, Rocchi e compagni sono passati a Roma giovedì sera con il punteggio di 70-81, chiudendo la serie sul 2-0. Una vittoria meritata per la Virtus, che ha dovuto però lottare per avere la meglio di un coriaceo Borgo Don Bosco. La sfida che si è giocata sul parquet della  palestra dell’ Itis “G Giorgi” di via Perlasca a Roma, infatti, ha visto un inizio match tutto di marca casalinga.  Nel primo quarto la partita scivola via equilibrata, mentre è nel secondo quarto che i padroni di casa accelerano e riescono a chiudere in vantaggio di sei lunghezze sul 40-34 il primo tempo. Da parte dei ragazzi di coach Massacesi un gioco a tratti spigoloso, ma specchio sicuramente del grande cuore di un Borgo Don Bosco mai domo. Come accaduto però già in gara uno, e come previsto alla vigilia dallo stesso staff tecnico frusinate, alla distanza sono usciti i valori della Virtus. Complice infatti anche un miglior approccio difensivo, Rocchi e compagni nel secondo tempo entrano sul parquet in maniera completamente diversa, e riescono a trovare  i canestri che permettono di ribaltare la situazione. Sei le bombe andate a segno nel terzo quarto che portano la firma dei fratelli Fiorini, di capitan Rocchi e di Goran Bjelic, infatti, cambiano l’inerzia del match, e permettono alla Virtus di chiudere al 30’ sul +7 (53-60). Negli ultimi dieci minuti di partita, poi, nonostante il generoso tentativo del Borgo Don Bosco di rientrare, si è vista la maggiore esperienza e l’abitudine degli elementi a disposizione di coach Antonio Efficace a giocare partite di questo genere. Rocchi e compagni hanno infatti gestito senza grossi problemi il vantaggio, chiudendo in maniera autorevole partita e serie. Solida prestazione di squadra per la Virtus, con quattro uomini in doppia cifra, ma con minuti importanti anche da parte delle cosiddette seconde linee.

A commentare quanto accaduto giovedì sera è coach Efficace: “Nei primi due quarti gli avversari non ci hanno permesso di ragionare, e nonostante questo abbiamo perso anche qualche occasione che ci avrebbe potuto permettere di andare subito in vantaggio. Anche per questo la partita è scivolata sul punto a punto. Nel momento in cui abbiamo accelerato, però,  la differenza si è vista, dal punto di vista offensivo e difensivo”. A questo punto, in attesa dell’inizio della serie di semifinale, con gara uno prevista a Frosinone domenica 6 maggio, la Virtus avrà a disposizione qualche giorno di riposo: “Questo fatto è sicuramente molto positivo dal punto di vista mentale, anche se in questa fase non staccheremo certamente la spina. Continueremo a lavorare duro cercando di farci trovare pronti per la serie di semifinale. Le cose stanno procedendo nel migliore dei modi, e noi pensiamo soltanto all’obiettivo promozione”.  Ancora da definire l’avversario della Virtus, che uscirà dalla serie di quarti tra Pamphili e Civitavecchia, con gara tre che si giocherà proprio in questo weekend. “Sono due ottime squadre – conclude Efficace – anche se per noi cambia poco, perché vogliamo vincere subito gara uno e poi fare del tutto per passare anche in trasferta e presentarci nel migliore dei modi alla finale. Con Civitavecchia abbiamo già giocato, e parliamo sicuramente di una squadra con meno talento rispetto al Pamphili ma secondo me più organizzata. Il Pamphili, invece, dispone di nomi importanti, che non sono però forse sfruttati nel migliore dei modi. Ripeto, comunque, che per noi l’una o l’altra cambia poco. Vogliamo vincere”.

Campionato C Regionale – Quarti di finale play off – Girone B Borgo Don Bosco: Aloisio 7, Camilli 4, Groppi 11, Tretta, Chiucchi 4, Fontana 2, Marotto 5, Binot 21, Quadrozzi 12, Cammillucci 4 . Coach: Massacesi Credito Artigiano Virtus Frusino: Briglianti 1, Marini 1, Botticelli 3, Bjelic 20, Fiorini G 19, Rocchi 15, Fiorini M. 16, Quaresima, Maiuri 6, La Marra, Coach: Efficace Arbitri: Pansini  e Caccamo Cinanni di Guidonia Montecelio (Rm).

Parziali: 17-20, 40-34(23-14), 53-60(13-26), 70-81(17-21)

27 aprile 2012 0

Il Mario Negri certifica la qualità (buona) dell’aria di Lanciano in vista della centrale a Biomasse

Di redazione

Uno studio sulla qualità dell’aria di Lanciano è stato commissionato dall’amministrazione comunale all’istituto Mario Negri che ha dovuto verificare perché la ricerca sulla Biodiversità lichenica effettuata nell’aria della città frentana ha dato, nel 2009, un risultato preoccupante. I licheni nell’aria sarebbero degli indicatori particolarmente sensibili proprio sulla qualità della stessa aria, ecco perché se in alcune zone della città, alcuni tipologie di questi organismi erano assenti, qualcosa causato quell’assenza. Lo studio del Mario Negri, denominato Squilla (Studio della qualità dell’Aria nel territorio di Lanciano) coordinato dal professor Tommaso Pagliani, è servita a scoprire perché e i risultati sono stati forniti questa mattina nel corso di una conferenza stampa in Comune alla quale ha partecipato anche il sindaco Mario Pupillo e alcuni assessori. Ma non solo, le risultanze dello studio costituisco un valore di soglia fissato prima dell’entrata in funzione di alcuni impianti che, tra i residenti, fanno temere un innalzamento dell’inquinamento. Uno su tutti, la discussa centrale a Biomasse in fase di costruzione a Villa Pasquini di cui, al momento, la società proprietaria, ancora non ha fornito informazioni tecniche che, invece, sarebbero dovute essere contenute nel progetto. Una richiesta per avere quei dati grazie ai quali sarà possibile ipotizzare le ricadute dell’attività della centrale sul territorio è stata avanzata alla società. Al momento, però, a parte alcune eccezioni, va detto che la qualità dell’aria a Lanciano è decisamente ottima. L’unica fonte di inquinamento, del resto, è il traffico veicolare e i sistemi di riscaldamento delle abitazioni dato che nell’area non vi sono significativi industrie potenzialmente inquinanti. Nei 24 punti di rilevamento individuati dai ricercatori del Negri Sud, sono stati installati dei sistemi capaci di “incollare” le sostanze cercate, ed è emerso che, rispetto al 2005, la situazione è andata certamente migliorando per quasi tutti i punti nevralgici della città. Restano zone a rischio, ma seppur ben lontani dai limiti di pericolosità, le zone nei pressi dei centri commerciali e, a quanto pare, anche un incrocio nel centro, quello tra viale De Crecchio e via Filzi. Molti gli aspetti per i quali l’aria è migliorata in città; innanzitutto l’ammodernamento delle auto che circolano e poi, anche un importante innalzamento della qualità della benzina e dei carburanti in genere; probabilmente ha inciso anche il diffondersi delle auto a gas. Uno studio che dovrebbe però essere verificato nel dettaglio grazie all’utilizzo di centraline fisse capaci di monitorare anche le polveri sottili ma, questo, considerando i costi, sembra improbabile. Ermanno Amedei

27 aprile 2012 0

Delitto di via Poma: Raniero Busco assolto in Appello

Di redazionecassino1

Dopo circa due ore di camera di consiglio la Corte d’assise d’appello del tribunale di Roma ha assolto Raniero Busco dall’accusa di aver ucciso Simonetta Cesaroni, l’ex fidanzata trovata morta il 7 agosto 1990 nel palazzo di via Carlo Poma n. 2 a Roma. Il 26 gennaio 2011 Busco era stato condannato in primo grado a 24 anni di carcere per omicidio volontario. Oggi i giudici hanno ribaltato la sentenza, assolvendolo per “non aver commesso il fatto”.

Alla pronuncia della corte d’appello Busco è scoppiato in lacrime e poi è uscito dall’aula abbracciato alla moglie Roberta Milletarì. Mentre lasciava l’aula Europa del tribunale di Roma, stretto da una folla di amici e sostenitori e protetto da un cordone di sicurezza, Raniero Busco ha avuto un lieve malore ed è stato portato in una stanza del tribunale, assistito dai parenti.

Il suo legale, Paolo Lorìa, ha commentato così la sentenza: “La corte ha dimostrato l’assenza assoluta e totale di prove per Busco: ora la storia è finita”. Nei giorni scorsi l’avvocato si era detto “fiducioso in un’assoluzione con formula piena”. “E’ pazzesco”, ha invece commentato la moglie di Busco, Roberta Milletari, frastornata dalla calca mentre il fratello di Busco, Paolo, l’ha abbracciato dicendo: “Giustizia è fatta”. Busco ha lasciato in auto il tribunale di Roma senza commentare la sentenza, ma molto commosso.

27 aprile 2012 0

Tour “Essere Italiani”: Oltre 700 alunni delle scuole medie al Manzoni per parlare di legalità e sicurezza

Di redazionecassino1

Ha fatto tappa al Teatro Manzoni di Cassino il Tour ‘Essere Italiani’, la seconda edizione del progetto itinerante che lo scorso anno ha portato il presidente del Consiglio regionale, Mario Abbruzzese, nelle scuole del Lazio per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia.  Quello di oggi è il quarto di sei incontri incentrati sul tema della legalità e vede il coinvolgimento di 700 studenti delle scuole medie ‘Di Biasio’ e ‘Diamare-Conte’.

Ad aprire l’incontro il saluto istituzionale del presidente Abbruzzese. “La Presidenza del Consiglio Regionale – spiega – per rilanciare il contrasto alla criminalità organizzata e per dare un segnale forte ai cittadini, affronta ogni anno temi sociali importanti portandoli nelle scuole ed in tutti gli enti di formazione. Mentre lo scorso anno ci siamo dedicati ai 150 anni dell’Unità d’Italia, quest’anno abbiamo scelto la sicurezza, con un’attenzione particolare al tema dell’usura, che interessa da vicino la provincia di Frosinone. Secondo l’ultimo rapporto Eurispes, infatti, nel frusinate si registra un ‘indice di rischio usura’ pari a 55 (su una scala che va da 0 a 100). Una vulnerabilità questa che dipende in particolare  dall’elevato tasso di disoccupazione, dal Pil pro-capite inferiore alla media nazionale, dalla diffusione della criminalità, dallo stato di crisi in cui versano famiglie ed imprese, dalla minore presenza di banche sul territorio e dalla difficoltà di accesso al credito (dossier SOS Impresa).

A fronte di un fenomeno con dati così allarmanti, però, il numero delle denunce è ancora molto basso: il Rapporto Sicurezza della Regione Lazio sui dati ministeriali indica infatti solo 20 denunce negli ultimi cinque anni. Mi auguro che le nuove generazioni possano affrontare il tema con una sensibilità nuova, facendosi promotrici di un’idea di legalità ‘attiva’ che contribuisca a combattere anche culturalmente un fenomeno malavitoso che incide così profondamente e dolorosamente sulla produzione regionale”.

Subito dopo l’intervento del presidente alcuni alunni dell’istituto condividono con i compagni e le istituzioni presenti pensieri e riflessioni sul tema e l’associazione ‘Il palco e la cornice’ mette in scena la rappresentazione teatrale ‘La mano sulla spalla’, che racconta la storia vera di una vittima di usura. Alla rappresentazione segue la proiezione del videoclip “L’ombra del denaro”, il documentario vincitore del concorso ‘Report contro l’usura’ bandito da SOS Impresa.

Distribuito ai ragazzi, in occasione dell’evento, l’opuscolo ‘Dalla parte giusta-la legalità, le mafie e noi’ realizzato, con il patrocinio del Consiglio regionale, dalla casa editrice Giunti e in collaborazione con Libera, associazione attiva ormai da anni sul territorio regionale nel contrasto alla criminalità organizzata attraverso la gestione e l’utilizzo con finalità sociali dei beni sequestrati alla malavita. La pubblicazione contiene le introduzioni del presidente di Libera Don Luigi Ciotti e del presidente del Consiglio regionale Mario Abbruzzese.

        

27 aprile 2012 0

Calcio a 5 femminile: il Cus Cassino conquista il titolo nel Campionato AICS “Joga Girls”

Di redazionecassino1

Il CUS Cassino del calcio a 5 femminile vince il campionato AICS provinciale “Joga Girls” 2011/2012. Ieri, dopo la vittoria per 5 a 3 sulla Birreria Spanky, è esploso tutto l’orgoglio delle cussine. La squadra, a sei anni dalla nascita, con 57 punti in classifica a pari merito con le sfidanti, vista la migliore differenza reti, si è guadagnate dunque di diritto l’accesso alle prestigiose finali nazionali che si giocheranno a giugno nel Nord Italia.  L’istantanea più bella del campionato AICS Femminile appena concluso, è l’abbraccio fortissimo delle ragazze che hanno esultato in maniera sobria ma sentita, quasi come a non volerci credere, quasi come a volersi trasmettere in maniera molto intima tutto quello che hanno provato al triplice fischio dell’arbitro.  La compagine di mister Valente è riuscita a vincere il campionato, battendo e scavalcando le dirette rivali della Birreria Spanky, campionesse in carica. Si giocava l’ultima partita del campionato e il fato ha messo di fronte quelle che senza dubbio sono le migliori giocatrici della provincia, dando vita così, ad uno spettacolo imperdibile. Sono le ragazze del CUS a partire forte cogliendo di sorpresa le avversarie, sfruttando due micidiali ripartenze finalizzate dalla giovanissima Di Carlo, che sigla il 40esimo e 41esimo gol del suo mostruoso campionato. Spanky, imbattuta da tempo immemore sembra sbandare, cerca il gol, ma subisce ancora la velocità della Di Carlo e delle due atlete di fascia, Di Raimo e Zomparelli, mentre Russo, schierata come centrale di difesa tiene alla grande la temibilissima Vellucci.  Il secondo tempo inizia con i migliori propositi, ma le “cussine” accusano un calo, dovuto anche alla pressione scatenata delle avversarie e al cambio di posizione tra la Vellucci e la Promutico, esperto centrale difensivo. Le avversarie si portano sul due a uno, il CUS sbanda paurosamente, ma è il miglior portiere del campionato, Claudia Monti, a parare l’imparabile, tagliando così le gambe alle avversarie.  Mister Valente effettua il cambio giusto: fuori a riposare Di Raimo e dentro Candido come centrale, mentre Russo può scatenarsi sulla fascia. E’ proprio lei a segnare due gol nello spazio di cinque minuti, prima su ribattuta del palo su una splendida azione di Zomparelli e poi su assist di Di Carlo. Tutto sembra girare per i verso giusto, ma Spanky dimostra a tutti il perché sono campionesse in carica segnando due gol in poco tempo: 4 a 3 e discorso riaperto. Gli ultimi cinque minuti sono tutto un susseguirsi di emozioni: Russo salva sulla linea con un dubbio tocco di mano e l’arbitro fischia impietoso il rigore. Monti ipnotizza Promutico che sbaglia tirando a lato, mentre Di Raimo, su successivo ribaltamento di campo, guadagna un prezioso calcio d’ angolo che batte lei stessa, serve la sfera a Russo al centro dell’area, la quale è svelta a insaccare siglando la sua personale tripletta. Cinque a tre, triplice fischio e l’abbraccio collettivo al centro del campo, tutti a far festa per un’impresa memorabile: Amato, Mancini, Di Mambro, Soscia, Papa, altre giocatrici non citate ma preziosissime in egual modo per il cammino strepitoso del CUS Cassino Calcio a 5 Femminile. Entusiasta il presidente del Cus Cassino Carmine Calce: «Le ragazze hanno dimostrato tutta la loro forza e il loro valore. Mister Valente è stato eccezionale. La squadra, a sei anni dalla nascita, non è più una cenerentola bensì la squadra leader del campionato. Ora guardiamo tutti con fiducia alle finali del prossimo mese di giugno».