Quindici quintali di giocattoli pericolosi sequestrati sull’A1 a Cassino

2 maggio 2012 0 Di redazione

E’ un vero traffico di giocattoli pericolosi quello che avviene sulla tratto autostradale Roma Napoli e che attraversa il cassinate. La Polizia Stradale della sottosezione di Cassino ha tessuto la fitta rete di controlli nella quale, ieri sera, è finito un carico di oltre 15 quintali di giocattoli pericolosi che, altrimenti, sarebbero finiti nelle mani di bambini.

Macchinine, trenini, carrozzine, motociclette, tutta merce marcata falsamente con la sigla Ce, ma che in realtà, non rispondeva a nessun requisito di sicurezza imposto dall’Unione europea. Tra i giocattoli vi erano anche torce elettrice ricaricabili ma che non erano state sottoposte ad alcuna omologazione, quindi pericolose perché non si conoscono gli effetti una volta collegati alla rete elettrica.

Il tutto viaggiava su un camion diretto a Sud, con a bordo due uomini, un cittadino cinese di 52 anno e un napoletano di 50 anni. Il camion, invece, era di proprietà di un altro cittadino cinese. E’ un sistema particolarmente efficace quello utilizzato dalla organizzazione che si occupa della distribuzione di questa merce; un uomo, solitamente un cinese, è responsabile del carico e quindi si accolla tutte le denunce, il conducente, solitamente un italiano, ha solo la responsabilità della guida, mentre il camion non può essere sequestrato perché di proprietà di un terzo. La merce, poi, è accompagnata da documenti contabili redatti appositamente per cercare di sviare i controlli e le successive indagini delle forze dell’ordine. Di si conosce la provenienza, ma solitamente non è indicato ne la quantità, e men che mai la destinazione del carico.

Gli uomini dell’ispettore Giovanni Cerilli della Sottosezione di polizia stradale di Cassino, però, stanno indagando per ricostruire tutta la filiera che, inevitabilmente, oltre a costituire un pericolo per gli utilizzatori finali dei giocattoli, costituiscono anche un danno economico importante per chi, invece, produce, distribuisce e vende, giocattoli costruiti a norma di legge.
Ermanno Amedei