Serrone – Acqua: il sindaco Proietti denuncia Acea Ato5 alla Procura

5 luglio 2012 0 Di redazionecassino1

Ora basta: così non si può più andare avanti. I disservizi sono all’ordine del giorno e il gestore, sempre più spesso, fa orecchie da mercante anche di fronte a ordinanze e diffide. Con il caldo i problemi si acuiscono e l’unica strada percorribile è quella di ricorrere alla Procura della Repubblica di Frosinone per denunciare le ripetute interruzioni di pubblico servizio a cui ci costringe Acea Ato5”.

Il sindaco di Serrone, Maurizio Proietto, spiega così la decisione di denunciare Acea per interruzione di pubblico servizio.

Premesso – si legge nell’esposto denuncia inviato in Procura – che nel nostro Comune, ripetutamente da mesi, le zone di Stazione, via Prenestina, Collepetto Alta, La Forma, Collicillo, Le Grotte, via Forese, via Velobra e via Fontana Livio, subiscono la carenza idrica improvvisa e a intermittenza nelle ore e nei giorni, senza un preavviso o un orario stabilito o programmato dal gestore ACEA ATO 5, creando inevitabili disagi alla popolazione di queste zone, e premesso inoltre che da mesi esistono perdite su condotte adduttrici e diramazioni, di cui, via la Torre, via Palianese loc. Musaveglio, via La Mola, ecc, più volte segnalate”.

Il Comune di Serrone, nell’esposto presentato in Procura, evidenzia pure come “alcune di queste perdite appaiono riparate con scarsa cognizione tecnica e/o non da tecnici specializzati, visto che le stesse perdite si ripresentano entro breve tempo dalla riparazione”, portando ad esempio “la perdita in via La Torre (una delle zone più basse del paese), che ha visto l’intervento della ditta riparatrice per ben quattro volte senza nessuna risoluzione finale, con grossi disagi ai terreni adiacenti, a tutta l’utenza della stessa condotta e naturalmente alle tasche di noi contribuenti”.

Il sindaco Proietti elenca, poi, tutta una serie di disagi e difficoltà, legati ai disservizi di Acea, e ribadisce il mancato rispetto dell’ente gestore delle numerose ordinanze emesse a suo carico dal Comune di Serrone per concludere chiedendo, “considerato che tutto ciò rappresenta un gravissimo disagio per la popolazione del nostro territorio a partire dalle fasce più deboli dei portatori di handicap, dei bambini e degli anziani”, “urgentissimi provvedimenti per il ripristino delle primarie necessità idriche, igieniche e sanitarie da parte di Acea Ato 5”.

Nella giornata di ieri, dopo aver consegnato la denuncia in Procura, in sindaco ha anche scritto al presidente della Provincia, Antonello Iannarilli, per investirlo “nella sua veste di coordinatore dei sindaci di Acea Ato5” e sollecitarlo a “convocare in tempi rapidi un’assemblea dei sindaci dell’area di riferimento al fine di affrontare in modo serio, e compatto, i continui disagi che i cittadini della provincia sono costretti a subire per le inadempienze del gestore del servizio. Personalmente, dopo le numerose diffide e ordinanze che ho emanato (e le ho sistematicamente trasmesso per conoscenza), e che sono spesso rimaste lettera morta, oggiAggiungi un appuntamento per oggi sono stato costretto a presentare un esposto denuncia alla Procura della Repubblica di Frosinone contro Acea Ato5 per il reato (art.331 Cpp) di interruzione di pubblico servizio”.

Pur soddisfatto della presa di posizione della Provincia, che ha anch’essa presentato una denuncia contro il gestore, il sindaco di Serrone punta molto a dare forza, e compattezza, ai sindaci esortando il presidente della Provincia a svolgere il proprio ruolo di coordinamento: “Il caldo di questi giorni – conclude Proietto – rende indifferibile un’assemblea dei sindaci dell’Ato per giungere a determinazioni univoche sul servizio idrico. E’ per questo che, nella sua veste di coordinatore, con la presento le chiedo formalmente di convocarla quanto prima per poter, fin dai prossimi giorni, dare a tutti i sindaci uno strumento condiviso per rapportarsi con il gestore e tutelare così le esigenze e i bisogni dei nostri cittadini”.