pubblicato il11 luglio 2013 alle 10:14

Sgominata banda di pluripregiudicati dedita alle rapine a Cancello ed Arnone

Nel corso della notte, a conclusione di complesse ed articolate indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere e condotte dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe e della Stazione di Cancello ed Arnone, sono state eseguite 3 (tre) misure cautelari personali (due in carcere ed uno agli arresti domiciliari), emesse dal G.I.P. del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nei confronti di altrettanti soggetti gravemente indiziati del reato di “tentata rapina aggravata e lesioni personali in concorso”.
Gli arrestati si identificano in:
– BUONOCORE Antonio., classe 66’, pluripregiudicato, originario di Giugliano in Campania (sottoposto agli arresti domiciliari);
– PISCOPO Carmine., classe 67’, pluripregiudicato, originario di Napoli, ma residente a Giugliano in Campania;
– ROSA Egidio, classe 64’, pluripregiudicato, originario di Castel Volturno.
L’ indagine ha preso l’avvio da tentativo di rapina commesso l’11 marzo 2013 a Cancello ed Arnone, nei pressi di un istituto di credito, nei confronti di un commerciante 67enne originario di Casal di Principe.
La vittima, che avrebbe dovuto versare in banca la somma di 15.000 euro fu, nella circostanza, aggredita da due rapinatori che volevano sottrargli il denaro. L’anziano uomo riuscì comunque a barricarsi all’interno della propria autovettura proteggendo il denaro fino a quando i malviventi, senza desistere dall’azione criminosa, con più colpi di “accetta” riuscirono ad infrangere il vetro del veicolo. La rapina venne sventata grazie all’intervento di alcuni passanti e del Comandante della Stazione Carabinieri di Cancello ed Arnone, nella circostanza libero dal servizio, che riuscì a bloccare uno dei due rapinatori, PARRETTA Tommaso., classe 62, pluripregiudicato originario di Arzano.
La vittima, profondamente scossa dall’evento, riportava lesioni ed escoriazioni varie.
L’attività di indagine eseguita nelle settimane successive attraverso attività tecnica e dinamica, ha consentito di individuare il secondo rapinatore riuscito a fuggire e poi, a seguire, gli altri due complici della banda, con ruolo di basisti nell’esecuzione del “colpo”.
Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati a individuare eventuali ulteriori e analoghe rapine commesse dal sodalizio criminale disarticolato dai militari. Il PISCOPO Carmine è stato associato al carcere di Poggioreale mentre ROSA Egidio a quello di Avezzano. BUONOCORE, invece, è stato posto agli arresti domiciliari.,

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07