pubblicato il13 settembre 2013 alle 10:02

Una battaglia per rivendicare il diritto a vivere pienamente la natura

I primi furono Adamo ed Eva, poi tutti gli altri e, tra questi, i naturisti che affollano la spiaggia dell’Arenauta a Gaeta. E’ lì che da tempo un gruppo di naturisti, rivendica il diritto a godere della splendida spiaggia così come madre natura li ha fatti: nudi. E’ una filosofia di vita sposata da chi vuole sentirsi parte integrante della natura, senza nessuna barriera che possa creare distanze con essa. “Ci mostriamo per ciò che siamo realmente – spiega Francesco De Gennaro, 46 anni, presidente dell’Unione Naturisti Campania (Uni Campania) – senza nasconderci dietro la classe sociale di appartenenza, dietro le nostre ricchezze o povertà, l’importanza o meno dei nostri lavori. Qui in spiaggia siamo tutti uguali e tutti nutriamo lo stesso profondo rispetto per la natura. Il naturista, per definizione, è uno che ha rispetto per se stesso, per gli altri e per l’ambiente”.
francesco De Gennaro punto La spiaggia dell’Arenauta dal quale De Gennaro ci parla è uno splendido tratto di riviera pontina che ricade nel territorio di Gaeta. Un tempo era nota per essere interamente vissuta dai nudisti “protetti” dal non facile accesso all’arenile. Per arrivarci, infatti, nel migliore dei casi bisogna scendere (e poi risalire) centinaia di gradini, oppure percorrere un tortuoso, polveroso e ripido sentiero.
naturisti Punto
Poi, con il tempo, l’industria del turismo ha creato le comodità e i limiti ai nudisti, fino a relegarli in un centinaio di metri di spiaggia. Certamente non si lamentano perché il loro resta l’angolo più bello e naturalisticamente meglio conservato di tutta la spiaggia. Nonostante la lunga storia di naturismo nella zona, hanno problemi ad essere accettati e riescono a praticarlo in quell’area solo perché “tollerati”. “In Italia siamo circa mezzo milione quelli censiti perché iscritti ad associazioni – spiega De Gennaro, che nella vita è artigiano e appassionato di teatro – ma realmente, a praticare il naturismo siamo oltre un milione. Eppure, almeno nel nostro Paese, siamo potenzialmente punibili del reato di atti osceni in luogo pubblico (Art. 726), equiparati, quindi, a chi si spoglia in un mercato o si masturba ai giardinetti”.
naturisti0 punto Questo perché a Gaeta, l’associazione presieduta da De Gennaro, nonostante innumerevoli sforzi protratti negli anni, non riesce ad ottenere dall’amministrazione comunale, così come accade altrove, una delibera che legittimi il naturismo su quel tratto di spiaggia. Eppure i risvolti economici non sono da sottovalutare se si considera il potenziale di questa fetta di turismo. Al momento la spiaggia è fruita da una cinquantina di naturisti ma il numero è limitato perché non può essere pubblicizzata così come avviene per altre spiagge italiane legittimate al naturismo.
naturisti5 punto“I risvolti economici non sono da poco conto se si pensa che oltre al milione di naturisti italiani ce ne sono 30 milioni europei. Il nostro Paese è quello più di altri li fa fuggire all’estero, in particolare verso la Francia che lo scorso anno ha ospitato oltre 2 milioni di naturisti stranieri per un fatturato di oltre 120 milioni di euro. Qui, invece, siamo ancora costretti a combatte con la burocrazia, i voyer e i molestatori”. Infatti ad inizio agosto, De Gennaro ha dovuto affrontare un uomo che sulla spiaggia, si stava masturbando. Nell’invitarlo ad andare via, questi ha reagito colpendolo con una testata su uno zigomo ed un morso sulla guancia, costringendolo a ricorrere alle cure del pronto soccorso da dove è stato dimesso con una prognosi di 12 giorni. “In questa situazione di tolleranza e non di legittimità, anche i deviati si sentono autorizzati a tutto.naturisti6 punto La prima cosa che ti rispondono quando chiedi loro di smettere, è che anche noi, nudi sulla spiaggia, stiamo commettendo un reato”. Purtroppo però, il naturismo puro e sano, si porta dietro un bagaglio di equivoci da cui è difficile scollarsi. Per troppi anni si è pensato che le spiagge naturiste fossero un miscuglio di scambisti, esibizionisti ed anche voyer. Insomma di coloro che volevano vivere apertamente, e forse in maniera sfacciata, la loro sessualità. naturisti9 punto“Va detto che per troppi anni in passato questa forma di promiscuità c’è stata – ha concluso De Gennaro – da tempo, stiamo cercando di far capire che il naturismo è un’altra cosa. E’ qualcosa che non ha nulla a che fare con il sesso, o quantomeno con quel sesso che non rientra con i normali canoni dello stesso. Del resto sempre più famiglie vivono le spiagge nudiste con i loro figli e questo è bellissimo.
spiaggia naturista 1 puntoIo stesso, con la mia compagna, (Floriana Figliomeni, 41 anni, nella foto che esce dall’acqua) portiamo spesso in spiaggia i miei nipoti”. Inoltre sono invidiati perché, secondo alcuni, occupano le spiagge più belle ma a tal proposito De Gennaro sostiene una tesi diversa. “Un tempo tutte le spiagge erano belle. Poi hanno cominciato a cementificare, a creare comodità a tutto discapito della natura. Noi, invece, sulle nostre spiagge non permettiamo nessun intervento tant’è che per l’Arenauta non chiediamo concessioni per poter costruire stabilimenti balneari o chissà cosaltro. Chiediamo solo di essere legittimati a vivere serenamente la nostra filosofia. Semplicemente, quindi, le nostre spiagge sono belle perché le sappiamo meglio conservare”.
Ermanno Amedei

spiaggia naturista punto

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07