Rapinano una tabaccheria ad Aprilia ma vengono prontamente bloccati da due carabinieri fuori servizio

11 marzo 2014 0 Di admin

Alle ore 15.00 circa di ieri, in Aprilia (LT) via G. Cesare snc, due militari dipendenti del NORM del locale Reparto Territoriale, liberi dal servizio, dopo aver notato che Ferdinando BEGHIN, titolare dell’omonima tabaccheria ubicata in quella via De Gasperi n. 67, era stato aggredito da uno sconosciuto, datosi immediatamente alla fuga a bordo di una Fiat Punto targata CW234LW, si posizionavano con la loro autovettura privata nell’adiacente via M. Aurelio per ostruirla e impedire la fuga al malvivente e agli altri due complici, attivando nel contempo la locale Centrale Operativa che provvedeva immediatamente a inviare rinforzi. Purtroppo i tre, pur di assicurarsi la libertà, non si facevano alcuno scrupolo a forzare l’inaspettato “posto di blocco”, speronando l’autovettura dei militari. Vano tentativo, in quanto, dopo il sinistro i militari riuscivano a bloccare immediatamente il malvivente alla guida Mirko PARISI, originario di Terracina (LT), disoccupato, pluripregiudicato, traendolo in arresto per aver rapinato la vittima, alla quale aveva asportato l’incasso di euro 6.500, dopo averlo ripetutamente colpito con pugni alla testa ed al costato.
All’interno dell’autovettura – risultata oggetto di furto consumato in provincia di Frosinone -, sono stati rinvenuti due passamontagna utilizzati per la rapina, una sciarpa, dei guanti gommati e numerosi cellulari, sequestrati per essere inviati al RIS per i relativi accertamenti tecnici.
Le immediate indagini e ricerche hanno consentito di rintracciare – alle successive ore 19.00 circa, in via Umberto I° di Latina – con la collaborazione dei militari della locale Compagnia CC, uno dei correi che era riuscito a dileguarsi, tale Giovanni FIDA, nativo di Alassio (SV) , disoccupato, pluripregiudicato, domiciliato a Latina ove di fatto dimorava in un albergo del centro, nella cui stanza sono stati rinvenuti, a seguito di perquisizione, documenti vari ed alcune carte di credito di dubbia provenienza, al vaglio degli inquirenti.
Tra l’altro, quest’ultimo risulta sottoposto all’obbligo di presentazione alla P.G. presso il Comando Stazione CC di Latina per furto aggravato.
I due sono stati associati presso la casa circondariale di LATINA.
Sono in corso attive ricerche per rintracciare il terzo correo.
A seguito della collisione, i due militari coinvolti nell’incidente hanno riportato lesioni guaribili in giorni 10 e 15.