Giorno: 8 luglio 2014

8 luglio 2014 0

Il successo passava per “divano” del fotografo, professionista arrestato perché adescava minorenni

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato F.F. (cl. 1963), titolare di una nota agenzia di modelle e attori per spot televisivi operante a Roma, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Roma, Giulia Proto, su richiesta del Procuratore Aggiunto Maria Monteleone e del Sostituto Procuratore Cristiana Macchiusi della Procura della Repubblica di Roma, in quanto indagato dei reati di adescamento di minori, pornografia minorile aggravata e prostituzione minorile in danno di alcune ragazze minorenni.

L’indagine dei Carabinieri è scaturita da un’inchiesta giornalistica sul fenomeno delle “baby squillo” che ha portato all’acquisizione di alcune testimonianze circa presunte attività illecite attribuibili al menzionato Agente, secondo le quali, nell’esercizio della sua attività professionale, questi era solito proporre a giovani ragazze di età compresa tra i 14 e i 17 anni, la realizzazione di servizi fotografici di nudo in pose sessualmente provocanti, facendo credere che questo sarebbe stato l’unico strumento utile per avere un rapido successo nel mondo della moda e dello spettacolo.

Le indagini, avviate dai militari di via in Selci nel maggio scorso, hanno consentito di acquisire in brevissimo tempo, rilevanti riscontri alla fondatezza delle testimonianze acquisite, dimostrando come effettivamente, l’indagato abbia posto in essere una vera e propria attività criminale “organizzata” e lungamente sperimentata; il monitoraggio di F.F. ha infatti evidenziato come egli fosse solito prospettare alle giovanissime ragazze, anche minorenni, che si presentavano presso la sua agenzia in cerca di lavoro, un possibile e facile successo nel mondo dello spettacolo, mediante la realizzazione di book fotografici contenenti immagini sessualmente provocanti, individuando abilmente, tra le tante, le giovani disponibili ad incontrarlo all’insaputa dei genitori e a posare senza inibizioni in foto pornografiche, nonché a prestarsi al compimento di atti sessuali nel corso delle sedute fotografiche stesse. I reati contestati all’indagato riguardano pertanto le attività da egli svolte nel corso dei servizi fotografici in questione, effettuati con ragazze minorenni e della cui minore età egli era consapevole, tanto da aiutarle a falsificare le generalità sui documenti di identità, affinché risultassero maggiorenni in occasione della partecipazione a “casting”.

Nel corso delle operazioni sono state effettuate perquisizioni domiciliari, è stato sequestrato materiale informatico ritenuto utile all’individuazione di eventuali complici dell’arrestato e lo studio fotografico ove l’indagato svolgeva la propria attività.

L’arrestato si trova recluso nel carcere di Regina Coeli.

8 luglio 2014 0

Incendi, sette roghi in provincia di Latina. Ad Aprilia le fiamme minacciano abitazioni

Di admin

E’ allarme incendi in provincia di Latina. Da questa mattina i vigili del fuoco sono stati impegnati su sette fronti tra i comuni di Latina, Aprilia, Gaeta, Sezze e Itri. In tutto sono stati impegnati tre elicotteri e un aereo oltre a tutte le squadre di terra dei distaccamenti, delle boschive, alla Forestale e a squadre di volontari di protezione civile. Le preoccupazioni maggiori si sono registrate ad Aprilia dove le fiamme hanno arso circa 30 ettari di vegetazione arrivando a lambire più volte le abitazioni. Per domarle sono serviti gli interventi aereo del canadair e degli elicotteri.

8 luglio 2014 0

Ricerca persona a Serapo, impegnati un elicottero dei vvff e guardia costiera di Gaeta

Di admin

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 16 e a Serapo di Gaeta, sono iniziate le ricerche in mare. Si cerca una persona, un bagnante la cui sagoma sarebbe stata vista dalla spiaggia. Un pattugliatore della guardia costiera ed un elicottero dei vigili del fuoco, stanno setacciando, chi a filo d’acqua e chi dall’alto, il mare che, tra l’altro, è anche agitato. Al momento, però, la segnalazione non è stata ancora verificata.

Er. Am.

 

8 luglio 2014 0

Dal 1° luglio il canone delle lampade votive al cimitero si pagherà al Comune

Di redazionecassino1

Nei giorni scorsi molti cittadini di Cassino, con il contratto per una lampada votiva al cimitero comunale che illunmina le tombe dei propri cari, si è visto recapitare i solleciti di pagamento del canone da parte del vecchio gestore. In realtà il comune di Cassino aveva già da tempo rescisso il contratto con la precedente ditta fornitrice del servizio e oggi in un comunicato ha invitato gli utenti a non versare quanto richiesto ed attendere i bollettini di pagamento da parte degli uffici comunali competenti. “Dal primo luglio il servizio lampade votive è gestito direttamente dal Comune di Cassino. Pertanto si coglie l’occasione per informare tutti i cittadini di non tenere in considerazione eventuali solleciti e/o intimazioni di pagamento inoltrate dalla ditta Alfano Spa che ha gestito il servizio fino allo scorso 30 giugno. Come fatto presente in passato, infatti, la ditta Alfano ha erroneamente inviato le fatture per la riscossione del tributo relativamente all’intera annualità in corso. A tal proposito gli uffici comunali, nello specifico gli affari legali, già dal mese di giugno 2013, avevano inviato alla ditta concessionaria comunicazione di non procedere alla richiesta del tributo relativamente all’intera annualità 2014. Si ribadisce, quindi, che i cittadini che dovessero ricevere dalla ditta in questione solleciti o intimazioni non dovranno effettuare il pagamento. Per coloro, invece, che hanno già provveduto al pagamento del tributo si rende noto che non verrà chiesto loro alcun ulteriore contributo economico per quanto concerne l’annualità 2014 delle lampade votive e che potranno rivolgersi presso gli uffici competenti per ogni tipo di chiarimento in merito. Detto ciò, dal momento che il servizio dal primo luglio è gestito direttamente dal Comune, si informa che per eventuali segnalazioni di guasti all’impianto o per richieste di nuovi contratti i cittadini dovranno rivolgersi al settore ambiente – igiene – sanità dell’Ente.” È quanto emerge in una nota a firma dell’assessore all’ambiente Riccardo Consales

8 luglio 2014 0

Con i “Briganti Rugby Cassino” giornata di sport e solidarietà

Di redazionecassino1

“Una manifestazione dedicata allo sport ed ai sani principi che ispirano, o quantomeno dovrebbero ispirare, ogni tipo di disciplina sportiva.” A dichiararlo l’assessore allo sport del Comune di Cassino, Danilo Grossi, in merito alla manifestazione che ha coinvolto associazioni sportive no profit, tra cui i Briganti Rugby Cassino promotori dell’iniziativa, e associazioni sociali del territorio in una giornata dall’alto significato in memoria di Liliana Panaccione, una volontaria molto attiva di Educatori senza frontiere e collaboratrice per circa 20 anni di Exodus. “Un’iniziativa molto bella – ha sottolineato Grossi – che è stata capace di unire all’aspetto sportivo quello sociale, due lati della vita che vanno a braccetto. D’altronde lo sport può essere un vero e proprio motore per il sociale e la serata che si è tenuta la scorsa settimana nella nostra villa comunale ne è una dimostrazione evidente. Tanti bambini, tanti ragazzi, tanti amanti dello sport e sportivi che si sono riuniti per vivere una serata in compagnia e per promuovere le varie discipline sportive ed allo stesso tempo tanti cittadini accorsi per fornire il proprio contributo ad una giusta causa. Il ricavato della serata, infatti, è stato interamente donato ad una donna rumena che aveva innanzitutto bisogno di un posto dove dormire, ma soprattutto di un’ambulanza per riportare il proprio figlio, in stato vegetativo, in Romania. Questo è stato possibile grazie ad Exodus e grazie all’impegno de ‘I Briganti Rugby Cassino’ che dimostrano sempre una grande attenzione all’aspetto sociale anche e soprattutto perché sono una bellissima realtà sportiva che testimonia quanto lo sport possa essere aggregazione, rispetto, e solidarietà. Una manifestazione che verrà ripetuta anche il prossimo anno, quando, speriamo sarà possibile vedere la squadra dei ‘I Briganti Rugby Cassino’ militare in un campionato. Lo scorso anno, quando a Cassino c’è stata una delegazione della dirigenza degli All Blacks sono stati proprio i Briganti ad accoglierli. Da quel giorno è passato del tempo ed i Briganti Cassino ne hanno fatta di strada e l’obiettivo è quello di riuscire ad iscrivere la squadra al prossimi campionato.”

8 luglio 2014 0

“Alcol, meglio parlarne” il tema del convegno organizzato dal Club Alcolisti in Trattamento

Di redazionecassino1

Lodevole iniziativa del locale CAT Club degli Alcolisti in Trattamento si è svolta con una larga partecipazione lo scorso 28 giugno presso la sede di Villa Latina nei locali del Centro Sociale “Sabina”. All’evento ben studiato in ogni minimo particolare dal Presidente Mauro Di Folco, hanno preso parte le associazioni Mens Sana di Aquino, Giovani all’opera di Atina, Santa Maria di Pescosolido la Protezione civile di Atina, apportando un ottimo contribuito per la riuscita della manifestazione. Il Presidente Mauro Di Folco ha avuto parole di elogio e di ringraziamento per gli operatori che hanno trattato l’argomento “Alcol” con estrema semplicità ed efficacia. Hanno rimarcato come “il vero problema dei tantissimi disagi che crea all’individuo ed alla società non è l’alcol, ma bensì l’uso di esso, ovvero il bere”. La dott.ssa Simona Borsa ha parlato dei problemi relazionali che insorgono nelle famiglie disturbate dall’alcol. “L’isolarsi dalla società o nascondere il problema all’interno delle mura domestiche non porta a niente se non – ha spiegato – il persistere e peggiorare i disagi di ciascun membro della famiglia, quindi meglio chiedere aiuto all’esterno”. Da qui l’invito a contattare il CAT dove insieme ad altre famiglie, unite dallo stesso problema, la soluzione è più facile e certa. Interessante si è rivelato il tema affrontato dal Dott. Gianluca Pellegrini, Presidente dell’associazione Mensa Sana, che ha sottolineato le difficoltà di approccio con le famiglie con problemi da alcol. Suggerisce ed auspica che le famiglie mettano da parte il problema dello stigma e dei pregiudizi. “La comunità tutta è la prima ad avvertire il disagio ed i comportamenti del bevitore, per cui l’intera famiglia non deve trincerarsi dietro la vergogna di chiedere aiuto al Club, anzi, varcando la porta del Club è motivo di testimonianza di inizio di cambiamento verso uno stile di vita in sobrietà”. Conclude Di Folco dicendo che “i Club degli Alcolisti in Trattamento sono una porta aperta nella comunità locale. Essi hanno portato pace, benessere salute e vita migliore a tantissime persone che lo hanno frequentato, sono una vera risorsa per le tante famiglie che non sanno a chi rivolgersi, trattandosi di un problema che non può essere affrontato in campo medico, in quanto non malattia, ma tutto deriva da uno stile di vita da rivedere e correggere”. Per quanti vorranno chiedere aiuto potranno chiamare al 339-4542192.

8 luglio 2014 0

“Paga o sono guai per tua sorella e la tua fidanzata”, giovane sotto estorsione a Cassino, manette per tre

Di admin

“Sappiamo dove abiti e soprattutto, dove abitano tua sorella e la tua fidanzata”. Con questa minaccia, un 23 enne di Cassino ha dovuto pagare affinché quelle rimanessero solo parole. Oggi l’incubo è finito dato che i tre estorsori, tutti di Cassino e di età compresa tra i 25 e 27 anni, sono stati arrestati dagli uomini del commissariato di polizia diretti dal vice questore Francesco Putortì e coordinati dall’ispettore Crescenzo Pittiglio. Nei loro confronti è stata eseguita una ordinanza di custodia cautelare richiesta dal pm Cerullo e firmata dal Gip Lanna. La vicenda ha avuto inizio nel 2011 davanti ad un bar in piazza Restagno quando uno dei tre, oggi indagato, litigò con il 23enne e nell’inseguirlo si fece male. A distanza di tempo lo rintracciò e, insieme ai suoi compari, pretese una sorta di risarcimento per le ferite subite. Il giovane è arrivato a sborsare fino ai 3mila euro pattuiti, ma neanche allora il terzetto si sentì sazio e sotto la minaccia di fare del male alle due donne, addirittura pretesero la macchina del ragazzo. Era l’agosto dell’anno scorso quando i tre si presentarono a casa dei genitori del giovane pretendendo dal padre, proprietario della vettura, la firma per il passaggio di proprietà. E’ stato proprio il genitore, in quel momento, a capire in che guaio era il figlio e non ha tardato a chiamare la polizia che da quel momento ha iniziato ad indagare ricostruendo tutti i passaggi precedenti per arrivare alla misura cautelare di oggi. I tre, infatti, con l’accusa di estorsione aggravata, sono stati arrestati ma è stata loro concessa la detenzione domiciliare. Ermanno Amedei

8 luglio 2014 0

Società farmaceutica di Ferentino evade il fisco per 16 milioni di euro

Di admin

Una nota società di Ferentino, operante nel settore farmaceutico, dopo aver posto in essere complesse operazioni societarie ha omesso di presentare le dichiarazioni dei redditi degli anni 2010 e 2011 risultando così evasore totale. A scoprire la frode fiscale i finanzieri della Brigata di Anagni, nel corso di indagini avviate sullo stato di decozione dell’impresa ciociara. Gli accertamenti condotti dalle Fiamme gialle hanno evidenziato l’esigenza di far ricorso a controlli anche nei confronti di clienti e fornitori, di approfondire le operazioni contabili e di chiedere la collaborazione di altri Reparti del Corpo. Al termine si è potuto constatare che la società ha nascosto redditi per oltre 16 milioni e non ha correttamente operato ritenute previdenziali per oltre 700 mila euro. Il legale rappresentante è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Frosinone per reati tributari.

8 luglio 2014 0

Blitz dei carabinieri nei cantieri ad Isernia, tra i denunciati un cassinate

Di admin

Nel corso di una vasta operazione predisposta per tutelare la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro e contrastare il fenomeno dello sfruttamento di lavoratori in nero, una task force composta dai Carabinieri dei Reparti territoriali del Comando Provinciale di Isernia, da quelli del Nucleo Ispettorato del Lavoro e dal personale del Servizio Ispettivo della Direzione Territoriale del Lavoro di Isernia, ha passato al setaccio numerosi cantieri edili e attività commerciali ubicati tra Isernia, Venafro, Agnone e altri comuni limitrofi. Dieci sono state le persone, in prevalenza titolari di imprese edili, denunciate alla competente Autorità Giudiziaria per inosservanza alle norme previste per la prevenzione degli infortuni sul lavoro e sulla regolarità occupazionale dei lavoratori. Si tratta di un 53enne ed un 45enne di Isernia, un 44enne di Venafro, un 42enne di Sesto Campano, un 32enne di Pozzilli, un 50enne di Castel di Sangro (AQ), un 30enne di Cassino (FR), un 44enne di Benevento, un 29enne di Battipaglia (SA) ed un 51enne di Ciorlano in provincia di Caserta. Nel corso dei controlli sono state riscontrate numerose violazioni quali la mancata presenza di adeguate impalcature o ponteggi, la mancata presenza di idonee protezioni atte ad evitare la caduta dei lavoratori, la presenza di materiali vari posizionati in maniera disordinata in modo da intralciare il passaggio con grave pericolo per i lavoratori, la mancata presenza di idonei dispositivi di protezione individuale e la non corretta o mancata redazione di tutta la documentazione prevista dal piano operativo di sicurezza del cantiere. Oltre una decina sono stati i lavoratori a nero identificati durante le ispezioni.

8 luglio 2014 0

“Punto coma” sarà presentato in sala Restagno, un aiuto ai famigliari con persone in coma

Di redazionecassino1

Si svolgerà venerdì 11 luglio presso la sala “Restagno” del comune di Cassino, per iniziativa della UIL e UIL FPL in collaborazione con la Onlus “Gli Amici di Eleonora” la presentazione del ” PUNTO COMA”. Il Punto coma è uno sportello informativo dedicato ai familiari dei malati in stato vegetativo per pratiche di invalidità civile e handicap; richieste di assistenza domiciliare, ausili tecnici, permessi per mobilità, abbattimento barriere architettoniche, agevolazioni fiscali; informazioni su ospedalizzazione, assistenza sanitaria e accoglienza pazienti.