Giorno: 11 luglio 2014

11 luglio 2014 0

La Goletta dei Laghi di Legambiente arriva nel Lazio

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Fa tappa nel Lazio il viaggio della Goletta dei Laghi, la campagna nazionale di Legambiente per il monitoraggio dello stato di salute dei bacini lacustri italiani, realizzata con il contributo del COOU (Consorzio Obbligatorio Oli Usati) e di Novamont.

Dal 12 al 16 luglio la Goletta accenderà i riflettori sui laghi di Canterno, Albano, Nemi, Martignano e Bracciano per individuare le criticità che minacciano gli ecosistemi lacustri, anche grazie alle segnalazioni ricevute dai cittadini tramite il servizio SOS Goletta per indicare le situazioni a rischio (mail a sosgoletta@legambiente.it o sms / mms al 346.007.4114).

“Le situazioni di inquinamento sono ancora molte – spiega Simone Nuglio, responsabile della Goletta dei Laghi – a causa degli scarichi abusivi diretti e della depurazione inefficiente. Lungo il nostro itinerario affronteremo i molti problemi che affliggono i territori attorno ai laghi, a partire dalla continua cementificazione delle coste e dalla perdita di biodiversità. Ma Goletta è anche la campagna che mette in evidenza chi ha saputo favorire nel proprio territorio uno sviluppo sostenibile contro qualunque forma di sfruttamento”.

Le iniziative della Goletta dei Laghi in programma nel Lazio dal 12 al 16 luglio

sabato 12 luglio, lago di Canterno: escursione guidata domenica 13, lago di Albano: escursione sul lago lunedì 14, lago di Martignano: attività di pulizia con i volontari di Legambiente martedì 15, lago di Bracciano: incontro pubblico alle ore 17.00 sulla depurazione e le acque del lago

I risultati del monitoraggio della Goletta dei Laghi saranno presentati

in conferenza stampa mercoledì 16 luglio

Le tappe della Goletta dei Laghi: 25 – 28 giugno: lago d’Iseo, Lombardia 28 giugno – 1 luglio: lago di Como, Lombardia 2 – 5 luglio: lago Maggiore, Lombardia, Piemonte 5 – 8 luglio: lago di Garda, Lombardia, Veneto 9 – 10 luglio: lago Trasimeno e lago di Piediluco, Umbria 12 – 16 luglio:laghi Canterno, Albano, Nemi, Martignano e Bracciano, Lazio 17 luglio: lago di Porta, Toscana 18 luglio: Oasi di Polverina, Marche 22 – 24 luglio: laghi della Sicilia 25 – 28 luglio: laghi della Sila, Calabria 30 – 31 luglio: lago Pertusillo, Basilicata

Main partner Coou Partner Novamont

Media partner La Nuova Ecologia Segui il viaggio della Goletta dei Laghi sul sito www.legambiente.it/golettadeilaghi

E su facebook.com/golettalaghi

11 luglio 2014 0

A Latina e Sabaudia i vigili del fuoco aprono presidio di salvamento acquatico

Di admin

Anche per l’estate 2014 il Comandante dei Vigili del Fuoco ha proposto, su indicazione di SE il Prefetto D’Acunto, al Presidente della Provincia oltre che al Sindaco di Latina e al Sindaco di Sabaudia di trovarsi ancora insieme per ratificare un dispositivo d’intervento da attivare a mare con l’obiettivo di aumentare, durante il periodo estivo, il livello di sicurezza dei bagnanti nelle spiagge dei comuni di Latina e Sabaudia.

Il 26 giugno è stata siglata la convenzione per l’attivazione del servizio presso il presidio acquatico stagionale dei vigili del fuoco del Comando Provinciale di Latina presso il porto canale di Rio Martino (Latina).

In analogia allo scorso anno nei fine settimana e nei giorni di maggior presenza di persone già a partire dal 5 luglio e fino al 7 settembre (complessivamente 26 giorni dalle ore 9.00 alle 18.00),  costantemente coordinati dalla locale Capitaneria di Porto, sarà operativa una postazione formata da specialisti dei vigili del fuoco e dotata di imbarcazione e moto d’acqua con più soccorritori acquatici.

Le unità saranno in continuo pattugliamento e quindi già in acqua in caso d’emergenza.

L’intesa è stata firmata dal Prefetto D’Acunto, dal Comandante dei Vigili del Fuoco D’Angelo, dal Presidente della Provincia De Monaco, dal Sindaco Di Giorgi per il Comune di Latina e dal Sindaco Lucci per il Comune di Sabaudia.

Disponibile e pronto all’uso anche un DAE (defibrillatore semiautomatico) affidato ai vigili del fuoco qualche anno fa proprio dalla Provincia di Latina.

L’attività di soccorso potrà essere richiesta ai consueti numeri d’emergenza o, in particolare, al 1530 (Capitanerie di Porto) o al 115 (Vigili del Fuoco).

11 luglio 2014 0

Lavori sulla conduttura idrica, lunedì rubinetti chiusi a Frosinone

Di admin

Acea Ato5, gestore del servizio idrico nella città di Frosinone, comunica che, a causa di lavori sulla condotta adduttrice nel Comune di Veroli, in contrada Casa Palma, proveniente da Posta Fibreno, si renderà necessaria l’interruzione del flusso idrico nella giornata di lunedì 14 luglio 2014, dalle ore 9 alle ore 18, salvo imprevisti, alle utenze che afferiscono al serbatoio Colle Anna. Le zone interessate saranno:

viale Napoli, via del Cipresso, vicolo del Cipresso, via Brighindi, via Dante Alighieri, via Vetiche (direzione variante Casilina), via Pozzolina, via Ceccano, via Castagnola c/o incrocio con via Ceccano, via del Poggio incrocio viale dell’America Latina, via San Magno, via Coroni, corso della Repubblica (tratto iniziale), via Fosse Ardeatine (tratto iniziale Sant’Antonio), via Firenze, via Lecce, variante Casilina, via Casilina (direzione Casilina sud), via Cerceto, via Valle Contessa, via Colle Maldei, via Foresta le Monache, zona Madonna della Neve, Colle Cottorino, via Mària, via Tiburtina, viale Roma, via Cicerone, piazzale De Matthaeis, parte di via Aldo Moro.

11 luglio 2014 0

Petrarcone: “Sanità, nessuna strumentalizzazione”

Di redazionecassino1

“Ho piena fiducia nel Presidente Zingaretti che sta facendo il possibile per salvare la sanità della Regione Lazio dal dissesto e dal commissariamento. In due anni la giunta Zingaretti ha fatto lavorato costanemente per uscire dal deficit e dare un nuovo volto alla sanità del Lazio, dando un segnale di forte vicinanza alle province grazie alla soppressione delle macroaree create artatamente dalla Giunta Polverini e da alcuni esponenti della destra locale che oggi reclamano e che quando erano al governo regionale hanno consentito la soppressione di tanti ospedali del territorio, tra cui, per citare un esempio a noi vicino, il Pasquale del Prete di Pontecorvo. Nel contempo siamo preoccupati per la situazione del Santa Scolastica di Cassino – che assicura l’offerta sanitaria a tutto il territorio del cassinate e non solo – per le recenti chiusure o ridimensionamenti di alcuni reparti ed in particolare in questi giorni per lo stato di sofferenza del reparto di pediatria con conseguente danno anche per i reparti di ostetricia, ginecologia e nido che non possono far fronte ai ricoveri ed alle emergenze ginecologiche, in particolare delle partorienti. Comprendiamo le esigenze del personale medico e sanitario cui bisogna assicurare le ferie ed il dovuto riposo, ma non è pensabile chiudere i reparti per la mancanza di personale. Le soluzioni vanno ricercate al più presto. La chiusura di reparti fondamentali del nostro ospedale, in un periodo di grave crisi economica come quello attuale, comporta enormi disagi ai pazienti che devono essere sradicati, insieme alle loro famiglie, dal territorio in cui vivono in momenti di grande sofferenza fisica e psicologica, e nel contempo li obbliga a sostenere costi importanti con una ricaduta economico – sociale di cui non si può non tener conto. Abbiamo bisogno di un confronto serio e costruttivo con la Regione e con la direzione generale della Asl di Frosinone, senza strumentalizzazioni, senza atti eclatanti ed inutili, per trovare la soluzione migliore nell’interesse dei cittadini, mettendo al primo posto il diritto alla salute che viene prima di ogni logica economica.” È quanto emerge in una nota a firma del sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone.

11 luglio 2014 0

Esce di casa per innaffiare il grano, anziano di Piedimonte trovato morto nel campo

Di admin

E’ uscito di casa alle 22 per andare ad innaffiare il campo di grano e non è più tornato. L’allarme è stato lanciato ieri sera poco dopo la mezzanotte a Piedimonte San Germano ma quando i parenti dell’anziano agricoltore sono arrivati sul campo, lo hanno trovato senza vita. Immediatamente è stata allertata una ambulanza e, contestualmente i carabinieri. Giunti sul posto, però, i sanitari hanno accertato che la morte dell’anziano è sopraggiunta a causa di un malore improvviso, quindi senza responsabilità esterne. Il corpo, quindi, è stato affidato ai parenti per il rito funebre.

Er. Amedei

11 luglio 2014 0

Sanità Ciociara al tracollo, reparto di pediatria a Cassino in costante emergenza. E non è l’unico. Serve assumere medici

Di admin

Il reparto di pediatria e neonatologia del Santa Scolastica di Cassino sono di nuovo in emergenza e il consigliere regionale Marino Fardelli che sull’argomento ha già inviato una lettera e un’articolata interrogazione al Presidente Zingaretti, sollecita stavolta una seduta di Commissione Salute. “La seduta è chiamata per affrontare con urgenza la situazione relativa alla sanità in provincia di Frosinone e in particolare al destino degli ospedali di Sora, Cassino, Frosinone ed Alatri e per l’attuazione del potenziamento del Pronto Soccorso di Ceccano così come da Risoluzione del 17.11.2013 ed approvata all’unanimità nel Consiglio regionale del 27.11 2013”. Il sollecito inviato al Presidente Leodori è motivato dalle continue urgenze e chiede la convocazione dei sindaci della provincia o di una delegazione di amministratori e del management della Asl frusinate: “Il reparto di pediatria e neonatologia dell’ospedale di Cassino è di nuovo in emergenza. Anzi – afferma il consigliere regionale Marino Fardelli – l’emergenza non è mai cessata e ogni giorno ormai da mesi il reparto rischia la chiusura con i medici costretti a turni estenuanti. Ma la situazione gravissima che vive il Santa Scolastica è simile al SS Trinità i cui fatti ormai sono conosciutissimi e comuni a tutti i nosocomi provinciali grandi e piccoli, compresa la Casa della Salute di Pontecorvo dove pure si lotta per il Punto di Primo Soccorso”. Nella lettera il consigliere regionale Marino Fardelli sottolinea il carattere d’urgenza proprio alla luce di tanti nuovi accadimenti che ogni giorno complicano la vita del personale medico e di quella dei pazienti: “La commissione sanità potrà valutare la drammatica situazione che vive la provincia di Frosinone. Se pure abbiamo registrato i segnali di un interesse e di un intervento del Presidente Zingaretti come per l’eliminazione delle macroaree, dobbiamo però tener conto che gli effetti di qualsiasi ampio provvedimento non saranno immediati. E’ necessario intanto valutare caso per caso e cercare una soluzione, anche se l’unica strada possibile resta quella dell’assunzione dei medici” ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli, capogruppo LB alla Regione Lazio.

11 luglio 2014 0

Sanità e l’annullamento delle macroaree, Fardelli: “Ora ci aspettiamo un riequilibrio dei servizi”

Di admin

“Le macroaree hanno rappresentato uno dei peggiori danni alla sanità regionale e abolirle è un nuovo punto di partenza per rivoluzionare la sanità nel Lazio”. Lo ha affermato il consigliere regionale Marino Fardelli che più volte aveva sollecitato il Presidente Zingaretti circa l’annullamento di “una suddivisione discriminante a danno delle aree provinciali”. Il piano operativo 2013/2015 per la sanità nel Lazio approvato dal Mef e dal Ministero della Salute, riporta dieci punti sui quali si baserà l’azione regionale nei prossimi due anni: “Bene l’abolizione delle macroaree. Per il turn over ci saremmo aspettati di più dato che un 15% non risolve la questione della carenza di medici – ha affermato il consigliere regionale Marino Fardelli – Si tratta comunque di segnali importanti di un cambiamento che ora deve andare nella direzione del riequilibrio dei servizi che la provincia di Frosinone ha perso a causa dei tagli perpetrati negli ultimi anni. Il potenziamento di Latina, Viterbo e Tor Vergata citato da Zingaretti, è l’inizio di un’azione che non può non riguardare anche i vari Santa Scolastica, Spaziani, SS Trinità, San Benedetto e l’annuncio del potenziamento della sanità nelle provincie del nord e del sud del Lazio è un chiaro segnale che c’è l’attenzione che a gran voce abbiamo chiesto per il nostro territorio” ha concluso il consigliere regionale Marino Fardelli, capogruppo LB alla Regione Lazio.

11 luglio 2014 0

Bastonate di gelosia alla convivente, 44enne di Piedimonte in manette

Di admin

Per gelosia bastonava la convivente. Per questo ieri i carabinieri di Piedimonte san Germano hanno arrestato un 44enne del posto che era già agli arresti domiciliari. La donna, una 37enne del luogo, è stata costretta a ricorrere alle cure sanitarie dell’ospedale di Cassino e le indagini dei carabinieri della stazione hanno accertato che quello di ieri non era il primo caso di aggressione ma che le violenze, tra quelle mura domestiche, si ripetevano frequentemente già da alcuni mesi. Per questo sono scattate le manette e per il 44enne si sono aperte le porte del carcere di Cassino. Ermanno Amedei