Giorno: 15 settembre 2014

15 settembre 2014 0

Dà fuoco ad un’autofficina a Napoli, fermato a Cassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Oggi a Cassino i carabinieri del NORM della locale Compagnia rintracciavano e sottoponevano a fermo di P.G. un 42enne di Napoli resosi responsabile, in Napoli, di incendio doloso, lesioni gravi e  porto abusivo di coltello, reati commessi nella giornata di ieri. L’uomo, per motivi passionali, dava fuoco ad un’autofficina di proprietà della vittima che aggrediva con un coltello, procurandogli lesioni gravissime, per poi rendersi irreperibile. L’aggredito, stante le gravi ferite riportate, veniva soccorso presso un nosocomio partenopeo ove tuttora si trova ivi ricoverato. Le indagini erano state avviate dal personale della Polizia di Stato che aveva diramato le ricerche del soggetto. Il fermato è stato trasferito presso la Casa Circondariale di Cassino.

15 settembre 2014 0

Fermati in autostrada con documenti falsi a Cassino, denunciati dalla polstrada

Di admin

Ieri, nel corso di un servizio di vigilanza autostradale una pattuglia della sottosezione Polstrada di Cassino, giunta all’altezza del km 669 dell’autostrada A1, carreggiata Nord, ricadente nel territorio comunale di Cassino (FR), procedeva al controllo di un’autovettura Lancia Ypsilon, di colore blu, con due persone a bordo identificati per V.C. di anni 51 e C.G. di anni 58, entrambi di origine napoletana che da un successivo controllo annoveravano numerosi precedenti di Polizia anche se nulla in atto. Gli operatori della Polizia Stradale si accorgevano che i due durante le verifiche in atto mostravano un atteggiamento nervoso e si scambiavano sguardi particolari tra loro facendo ritenere che occultassero illecitamente armi o droga. Pertanto, si procedeva d’iniziativa, nelle forme previste dalla legge, alla perquisizione personale dei due che veniva estesa anche all’abitacolo della vettura e proprio all’interno del veicolo si rinvenivano nr. 7 Carte d’Identità, nr. 1 patente di guida italiana, nr. 8 tessere sanitarie e varie comunicazioni relative a rimborsi Irpef – Agenzia delle Entrate. In relazione al possesso di tali documenti V.C. e C.G. non volevano fornire alcuna indicazione anche se si evinceva che presumibilmente servissero per compiere truffe in quanto su ben tre delle carte d’identità rinvenute era stata apposta una foto ritraente V.C.. Alla luce di quanto esposto si procedeva al sequestro dei suddetti documenti e alla denuncia alla competente A.G. in stato di libertà dei due individui per ricettazione e possesso di documenti di identificazione falsi.

15 settembre 2014 0

Offende la madre e viene accoltellato a Teano, arrestati due 19enni

Di admin

A Capua i Carabinieri della locale Compagnia, guidati dal Capitano Giovanni De Risi e i carabinieri della stazione di Teano guidati dal Mar. Ca. Tommaso Forziati, hanno arrestato, per concorso in tentato omicidio premeditato, Dabija Vasile Madalin, rumeno, cl. 1995, residente a Teano e Palmieri Alessandro, cl. 1995, residente a Sparanise (CE), in esecuzione decreto fermo del P.M., emesso dalla dott.ssa Antonella Cantiello della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria C.V. (CE). Il provvedimento restrittivo è scaturito dall’immediata attività di indagine sviluppata dai Carabinieri che, in pochissime ore dall’accaduto, hanno raccolto gravi ed inconfutabili indizi colpevolezza a carico degli arrestati che, la notte di due giorni fa, verso le ore 04.30 circa, in Teano, per futili motivi legati alla diffusione, da parte della vittima, di notizie offensive del decoro e della reputazione della madre di uno dei due, in concorso tra loro, con premeditazione e volontà di uccidere, hanno inflitto una coltellata ad un connazionale del Dabija. L’arma utilizzata, un coltello con lama di 20 cm., è stata rinvenuta e sottoposta a sequestro. La vittima è stata sottoposta ad intervento chirurgico e risulta ancora ricoverata presso l’ospedale civile di Sessa Aurinca (CE) in prognosi riservata mentre gli arrestati, sono stati ristretti presso la casa circondariale di Santa Maria C.V. a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. Continua, pertanto, il costante impegno dell’Arma sul territorio caleno volto a garantire la sicurezza attraverso la costante presenza e la collaborazione con i cittadini.