Giorno: 20 gennaio 2015

20 gennaio 2015 0

Crollo in tribunale, udienze sospese per le verifiche. Sotto la lente anche i lavori di ristrutturazione

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Udienze sospese domani in tribunale a Cassino per ultimare le verifiche di agibilità sull’intera struttura dopo il crollo di questa mattina all’interno dell’archivio al primo piano. Le verifiche, c’è da scommetterlo, non riguarderanno solo il piano coinvolto dal crollo che ha visto un grosso specchio di pavimento sprofondare per alcuni metri trascinandosi in quello che sembra essere una grossa pozza d’acqua putrida, gli scaffali contenenti faldoni dell’archivio; sotto la lente dei tecnici passeranno anche i lavori di ristrutturazione in corso ai piani sovrastanti e quanto, questi, abbiano appesantito i solai. Tra le ipotesi, infatti, oltre a quello delle infiltrazioni d’acqua, al cedimento dovuto dal peso degli scaffali dell’archivio, anche quello che un eccessivo appesantimento sulla sommità possa aver favorito il cedimento della base. Tutte ipotesi che i tecnici del genio civile e dei vigili del fuoco stanno valutando. Ermanno Amedei

20 gennaio 2015 0

Investita a Cassino, 4 ore al pronto soccorso per una radiografia

Di admin

Dalle 11.30 fino alle 15.30 su una barella, appoggiata all’interno del pronto soccorso di Cassino, in attesa di una radiografia. Quattro ore per sapere di avere una frattura al femore. È la sorte della 50enne investita ieri mattina a Cassino da una Toyota Corolla in piazza Labriola. Sulla piazza non ci sono strisce pedonali e l’investimento è avvenuto in un punto in cui automobilista e pedone avevano entrambi scarsa visibilità. Il primo a soccorrere la malcapitata è stato proprio il conducente dell’auto, un appartenente alle forze dell’ordine fuori servizio che ha atteso l’arrivo dell’ambulanza e ha condiviso con la donna ferita, la lunga ed estenuante attesa in ospedale. Un episodio, quello di ieri, che oltre ad aggiungere un nuovo tassello, ovviamente negativo sul quadro della sanità in città, ripropone anche un aspetto legato alla scarsa sicurezza nella piazza più centrale; oltre alla sicurezza  pubblica che ha visto l’inizio dell’anno caratterizzato da episodi di violenza, è carente anche quella stradale. Ermanno Amedei

20 gennaio 2015 0

Trascinata in un casolare e picchiata per convincerla a fare sesso, 40enne arrestato dopo 8 mesi

Di admin

Aggredita e trascinata in un casolare, picchiata con l’intento di convincerla a subire un atto sessuale. A fine maggio, una giovane donna di Sora raccontò questa terribile esperienza agli agenti di polizia del commissariato. A testimoniare ciò che diceva, i segni delle percosse, dei calci, dei pugli che le erano costati anche la frattura del setto nasale. Gli agenti del Commissariato di Sora cominciano le indagini muovendosi discretamente e su le descrizioni date dalla vittima arrivano ben presto ad un quarantenne del posto. Inoltre, per avere certezza, cercano anche un testimone che avrebbe assistito alla violenza. Nel casolare abbandonato, viveva un senzatetto sudamericano che, dopo i fatti, si era dileguato. L’indagine è servita a ritrovarlo in una Regione del Nord e convincerlo a testimoniare. L’uomo, ha quindi confermato la versione della donna aggredita, permettendo, quindi, di far arrestare il 40enne per di violenza sessuale, violenza privata e lesioni personali.

20 gennaio 2015 0

Crollo nel tribunale di Cassino, sprofondati 50metri quadrati di pavimento. Faldoni nell’acqua

Di admin

Sono almeno 50 i metri quadrati di pavimento dell’archivio del tribunale sprofondati per circa due metri. Migliaia di faldoni, quelli che costituivano l’archivio del tribunale, sono finiti nell’acqua e con tutta probabilità sono perduti. Intanto il personale non è più rientrato negli uffici e si sapra nei prossimi giorni se le attività potranno riprendere almeno nei piani alti. “I tecnici, sostengono che a causare il crollo sia stato il peso dell’archivio congiuntamente alla presenza dell’acqua nel sottosuolo”. Lo ha detto il presidente del tribunale di Cassino Amedeo Ghionni. “Pare che il problema (della stabilità – ndr) sia circoscritto all’area nella quale si è verificato il fatto, quindi al piano terra. Pare che ci possa essere la necessità di inibire l’utilizzo il piano terra mentre sarà possibile frequentare i piani sovrastanti”.

Ermanno Amedei

Foto Antonio Nardelli

20 gennaio 2015 0

I lunghi di Montegranaro abbattono le velleità cassinati . Poderosa 87 – BPC Virtus Cassino 67

Di redazionecassino1

La BPC Virtus Cassino torna con una sconfitta dalla trasferta in terra marchigiana . La sfida che la vedeva opposta a Montegranaro è stata appannaggio dei gialloneri padroni di casa che, come recita il punteggio, hanno stravinto per 87 a 67. Ma è tutto vero? E’ così largo il divario tra le due formazioni? Per chi era presente al Palasport di Via Martiri d’Ungheria della cittadina adriatica le sensazioni che la gara ha lasciato nelle menti non è così poi così definita. Certo Montegranaro è uno squadrone , completo in tutti i settori e soprattutto “cattiva” sportivamente parlando. E’ sicuramente migliorata moltissimo nelle ultime settimane in questo senso. Fiuta il lato debole dell’avversario e vi si infila decisa, avendo anche allungato in qualità il roster e dunque per Steffè le rotazioni permettono di non scendere mai in qualità nelle fasi topiche del match. Tuttavia per rispondere correttamente alle due domande che ci eravamo posti nell’incipit del nostro racconto della gara dobbiamo anche ammettere che la Virtus Cassino ha reso difficile la gara ai padroni di casa per ben due quarti ed oltre . La forbice del divario si è aperta unicamente a metà del terzo quarto e la sostanziale differenza è un paradosso che è lapalissianamente lì impietoso a definire la differenza tra le due formazioni : i punti realizzati in area ! 54 per Montegranaro e 34 per Cassino. 20 punti di differenza , esattamente il divario espresso sul campo e sul tabellone finale al termine dei 40 minuti di gioco . Lì , proprio lì è la chiave del match . Sì perché dal perimetro c’è stato un sostanziale equilibrio . Infatti la BPC Virtus Cassino ha tirato con il 40% dal campo ed i padroni di casa con il 46%, con , più o meno , gli stessi tentativi. Dunque quanto si era visto sul parquet di Cassino , ad ottobre i rossoblù cassinati , avevavo vinto il confronto sotto le plance con i dirimpettai marchigiani, si è completamente ribaltato. Se dunque Montegranaro ha realizzato 54 punti in area è perché Ravazzani ( incredibile macchina da rimbalzi , 18 in totale per lui) , Gatti , Micevic e Coviello hanno consentito chiaramente doppi possessi, 21 punti da doppie opportunità contro i soli 11 punti di Cassino. La dura legge dei numeri nel basket stavolta è impietosa e fotografa alla perfezione il divario. Cassino dunque dovrà tornare a lavorare su questi aspetti con serietà perché rischiano di divenire un handicap nei confronti con corazzate di questo tipo e cabotaggio. Eppure l’approccio al match non era stato affatto negativo. Cassino a 3 minuti dalla fine del primo quarto era avanti di 5 punti ma soprattutto aveva sciorinato un basket fluido e gradevole. Sugli scudi un ottimo Sgobba che aveva il merito di leggere bene i mis – match offensivi e volgerli sempre a proprio favore. Purtroppo però alcune decisioni arbitrali , non proprio condivisibili, stavolta consentivano il rientro in gara di Montegranaro che andava alla prima sirena con un vantaggio di 4 lunghezze, grazie ad un tiro di Andreani da 3 punti a pochi secondi dal termine . L’equilibrio non si spezzava nel secondo quarto. Cassino non trova i punti di Castelluccia e Colonnelli , ma viene sostenuta in attacco da Filiberto Dri ( 15 punti , 10 di valutazione , 6 rimbalzi e 3 assist) e Giorgio Sgobba ( 23 punti , 15 di valutazione ) . Dall’altro fronte cominciano a macinare gioco Coviello e Ravazzani(MVP di serata , con uno strepitoso score finale : 14 punti e 18 rimbalzi per 26 di valutazione). Gli uomini di Steffè chiuderanno la frazione con 10 lunghezze di vantaggio , realizzando prevalentemente da dentro l’area. Ma i veregrensi si erano portati fino al +11 (34-23) con il canestro in transizione di Ciribeni al 14’, e avevano controllato l’evolversi del match senza problemi fino all’intervallo lungo. Nella terza frazione di gioco l’equilibrio si spezza soltanto a metà del minitempo . La difesa giallonera è tutt’altro che impeccabile, ma l’attacco laziale è solo Sgobba e quello della Poderosa, invece, trova nel bene e nel male sempre buone soluzioni. Due liberi di Ciribeni valgono il +17 (55-38 al 25’) e Cassino non ne ha più. La tripla di Gatti per il +23 (71-48 al 32’) mette di fatto la parola fine sul match, c’è tempo anche per la bomba del giovane Ortenzi e per un canestro del giovane Busico in entrata nelle fasi conclusive del match. Il pensiero per i padroni di casa può già volare verso il derby di domenica prossima contro Porto Sant’Elpidio mentre per la BPC Virtus Cassino le attenzioni dovranno essere rivolte assieme ad una feroce concentrazione alla gara contro Cagliari. Sabato alle 15,30 , Palasport del Soriano di Atina , infatti , Vettese e i suoi si giocheranno gran parte della stagione : dare un senso oppure cadere nel dimenticatoio e l’oblio di una stagione anonima. A fine gara ha parlato solo coach Steffè all’Ufficio Stampa della Poderosa Montegranaro . “Mi aspettavo una partita tosta fisicamente, avevano giocato molto bene nelle ultime due partite, sia quella vinta contro Porto Sant’Elpidio che quella persa con Palestrina perché i nuovi inserimenti hanno dato nuovo equilibrio alla squadra. Abbiamo lavorato in settimana sull’approccio mentale alla gara perché ci aspettavamo questo e sapevamo di dover mettere il corpo ed essere tosti. Siamo stati bravi, ogni volta che loro hanno provato a rientrare, a fare un passo in più in difesa e un passaggio in più in attacco. Devo dire che la squadra sta giocando bene insieme e questo è un piacere. Abbiamo fatto un passo in avanti a livello difensivo e questo è molto positivo. La sconfitta di Palestrina con Senigallia? Finora avevano fatto una cosa incredibile vincendo 14 partite in fila, era normale che ci potesse essere un passo falso. Poi Senigallia se mette 13 triple è difficile da marcare, è una squadra pericolosa. Ma noi pensiamo al nostro, pensiamo al derby contro Porto Sant’Elpidio che la squadra sa essere molto sentito dall’ambiente. Spero soprattutto di vedere più gente sugli spalti, avere più gente che sostiene noi e la società sarebbe davvero bello”

Poderosa Montegranaro 87 – BPC Virtus Cassino 67 Parziali: 22-18, 44-34, 63-55 Poderosa Montegranaro: Micevic 12, Alessandri 9, Ciribeni 18, Coviello 16, Ravazzani 14, Marzullo, Gatti 7, Ortenzi 3, Quondam, Andreani 8. All Steffè BPC Virtus Cassino: Castelluccia 5, Colonnelli 6, Sgobba 23, Vergara 2, Dri 15, Salzillo, Busico 2, Ausiello 5, Di Mambro, Ingrosso 9. All Vettese ARBITRI: Giuseppe Petrone di Fisciano e Giuseppe De Prisco di Nocera Superiore. MVP : Ravazzani La chiave del match: lo strapotere in area avversaria di Montegranaro.

20 gennaio 2015 0

Adesca minorenne su facebook, arrestato. Smascherato falso diciassettenne

Di redazionecassino1

Aveva organizzato tutto alla perfezione per adescare giovani vittime l’uomo trentatreenne della provincia di Frosinone.

Apre un profilo facebook utilizzando la foto di un ragazzo deceduto in alta Italia e falsifica la sua età dichiarando di avere 17 anni.

Contatta una ragazza appena quattordicenne con problemi psichici ed inizia una fase di corteggiamento fatta di lusinghe ed apprezzamenti.

Ogni giorno che passa i contatti diventano sempre più insistenti e dai complimenti si passa alle richieste di foto hard.

La ragazzina dapprima acconsente, ma quando le richieste diventano più oscene, si confida con sua sorella maggiorenne.

E’ proprio questa che mettendosi in contatto con lo pseudo diciassettenne, lo invita a smettere informandolo anche delle condizioni psichiche della sorella.

L’uomo però non si arrende. Chiede sempre di più ed anzi minaccia di pubblicare le foto già ricevute sul web nel caso di rifiuto alle sue nuove richieste.

Le pressioni sono fortissime ma la sorella maggiorenne trova il coraggio di denunciare quanto accaduto alla Polizia di Stato.

Partono le indagini sulla rete ed i poliziotti riescono a risalire alla vera identità dell’adescatore.

Un profilo ingannevole dove le uniche richieste di amicizie erano rivolte a ragazzine.

La Squadra Mobile ha proceduto al sequestro del materiale utilizzato dal trentatreenne che ora, in stato di arresto, dovrà rispondere di violenza sessuale, sostituzione di persona, minacce, estorsione e detenzione di materiale pedopornografico.

20 gennaio 2015 0

La Polizia di Stato blocca “asta” con truffa da oltre 50 mila euro. Denunciato un cittadino peruviano

Di redazionecassino1

Era riuscito a vendere on-line, sotto falso nome, ben 250 telefoni cellulari di ultima generazione a prezzi più che appetibili, ingannando altrettanti ignari acquirenti che avevano versato sul suo conto corrente oltre 50 mila euro.

Una truffa ben architettata che faceva leva sulla psicologia soprattutto dei giovani navigatori della rete sempre sensibili alle nuove tecnologie, specialmente a prezzi stracciati.

Uno di loro, però, dopo aver versato 429 euro sul conto corrente fornito, non vedendosi recapitare il telefonino, si è rivolto alla Polizia di Stato.

Gli agenti dell’Ufficio Volanti hanno incrociato le coordinate bancarie e sono risaliti ad un conto corrente sul quale risultava che in poco più di due mesi, da ottobre a dicembre, erano stati effettuati 248 bonifici da persone e/o società a seguito di aggiudicazione on-line su una nota piattaforma di vendite all’asta di apparecchi cellulari.

L’uomo, identificato per un trentacinquenne di origini peruviane residente nel nord Italia, è stato quindi denunciato per truffa e sostituzione di persona.

20 gennaio 2015 0

Crollo nel Tribunale di Cassino. Edificio evacuato

Di redazionecassino1

Una profonda voragine si è aperta nel tribunale di Cassino di piazza Labriola, questa mattina intorno alle ore 11.30. Sembra che il grosso buco si sia aperto mentre erano in corso le udienze nell’Aula Presidenziale che si trova nell’ala dell’edificio di via Enrico De Nicola ed in prossimità degli uffici postali di piazza De Gasperi. Alcuni testimoni avrebbero riferito che l’enorme e profonda voragine si sia aperta mentre erano intenti a consultare dei fascicoli nell’archivio al seminterrato. Il pavimento è improvvisamente sprofondato di alcuni metri inghiottendo parte degli scaffali con la documentazione. Anche una avvocato ha rischiato di finire nel grosso buco che si è creato, facendo appena in tempo ad uscire mentre una enorme nuvola di polvere e calcinacci ha invaso l’intero locale. In palazzo di giustizia è stato completamente evacuato, le udienze sospese, mentre sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco di Cassino, polizia, carabinieri e tecnici per stabilire le cause della voragine. F. Pensabene

Foto Antonio Nardelli

20 gennaio 2015 0

Goleada campana per La Ferrara e Vairano Scalo nel girone ‘D’

Di redazionecassino1

Dopo la 16a giornata i tornei proseguono senza grossi mutamenti sostanziali delle rispettive classifiche. Nel girone ‘A’ Cafè Retò Aquino continua la sua marcia solitaria in vetta a quota 38 punti dopo la vittoria, 3 a 4, ottenuta contro Amatori Colfelice. Alle spalle della capolista, a otto lunghezze di ritardo, Sangermanese che conquista un’importante vittoria esterna sul terreno di Tecnocasa Cassino per 1 a 2. Deve, invece, accontentarsi di un pareggio, 2 a 2, Professional Service nella trasferta di Sora che lo vedeva opposto al Cenceglie. Un risultato di rilievo è quello ottenuto da Terelle ai danni dei Corsari Colfelice sconfitti dai padroni di casa per 5 a 2. Sarà, tuttavia, il prossimo turno a poter dare un cambiamento, seppur non definitivo, quando ad affrontarsi saranno le prime due. La 17a giornata, infatti, vedrà lo scontro diretto fra la capolista Cafè Retrò Aquino e Sangermanese Piedimonte. Nel girone ‘B’ prosegue la marcia di Cassino Ovest Doc che nel turno di questa settimana deve accontentarsi di un solo punto, raggiungendo quota 40, dopo il pareggio casalingo, 2 a 2, ottenuto contro Vallemaio. Vincono le due inseguitrici, la Longobarda batte in casa, 2 a 0, lo Scauri, mentre l’Atletico Pontecorvo conquista i tre punti sul terreno degli Amatori Coreno vincendo per 2 a 3. Rinascita Monticelli vince agevolmente, 3 a 5, sul campo di Belmonte, mentre Tredici Gradi Cassino non ha difficoltà ad affondare, 6 a 0, il Bellaria. Prossimo turno impegnativo per la capolista, la formazione di Losani dovrà vedersela, infatti, con l’Atletico Pontecorvo, ora al terzo posto in classifica, che potrebbe, in caso di vittoria, dare la possibilità alla Longobarda, impegnata contro Bellaria, di rosicchiare punti proprio alla formazione cassinate. Ancora un pareggio a reti inviolate, per Rocca D’Evandro nel derby campano contro Atletico Marzano Appio che consente a Tibia e Peroni (nella foto)di mantenere il vantaggio di due lunghezze sulla formazione campana, dopo la vittoria, 1 a 3, ottenuta sul terreno di Cervaro. Pietravairano con la vittoria, 1 a 3, contro Drink Team Lord resta saldamente ancorata al terzo posto in classifica, a 37 punti, ed a sole tre lunghezze da Rocca D’Evandro. Molto più equilibrato il girone ‘D’ dove Yammo.it resta in vetta a quota 39 punti, dopo la vittoria esterna, 0 a 2, su Castelforte a due lunghezze di vantaggio su La Ferrara che con una goleada, 10 a 0, sullo Sporting Pignataro mantiene la piazza d’onore nel torneo. Non è da meno, in fatto di reti segnate, Vairano Scalo che con un 6 a 0 rifilato a Caffè del Corso mantiene saldamente la terza posizione a soli tre punti dalla capolista. F. Pensabene