Giorno: 25 febbraio 2015

25 febbraio 2015 0

Le speranze di ricostruire L’Aquila e quelle di rilanciare l’edilizia bloccate da un granello di sabbia

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

di Max Latempa

Nel disastrato mondo dell’edilizia, uno dei settori più duramente colpiti dalla crisi con migliaia di imprese sul lastrico a causa della mancanza di commesse o dei mancati e ritardati pagamenti degli enti pubblici, uno sfogo importante ha rappresentato certamente la ricostruzione de L’ Aquila. La città rasa al suolo dal sisma del 2009, dopo quattro anni di buio, da circa un anno ha visto finalmente partire centinaia di cantieri che, oltre che dare una speranza di veloce rinascita alla comunità, ha anche dato concretamente impulso all’economia della zona. Dal 2014 i soldi messi a disposizione dal CIPE ammontano a circa 6,5 miliardi di euro. Soldi che ci sono e che sono materialmente disponibili, già ripartiti ed assegnati ai consorzi creatisi tra i soggetti aventi diritto, privati e pubblici. Ci sono voluti due anni di perizie e di incartamenti. Poi sono arrivate finalmente le imprese con operai, camion, betoniere, gru e quant’ altro. Uno spettacolo impressionante per operosità, carico di rivalsa sulla tragedia che ha messo in ginocchio il capoluogo abruzzese. Ma dopo qualche mese di rosee previsioni ecco il granello di sabbia che blocca l’ ingranaggio perfetto e che conferma che l’ Italia è un paese dove neanche più San Tommaso avrebbe le sue proverbiali certezze. La macchina burocratica che deve controllare i lavori eseguiti ed effettuare i pagamenti è stata affidata alla Abbruzzo Engineering, società nata nel 2006 allo scopo di abbattere il “digital divide” nelle zone interne dell’Abruzzo, per volontà dell’allora presidente della Regione, Ottaviano Del Turco, in accordo con Pierfrancesco Guarguaglini, allora presidente di Finmeccanica, e Stefania Pezzopane, oggi senatrice del Pd e all’epoca presidente della Provincia. Personaggi inquisiti, indagati o alla ribalta della cronaca rosa. Dal 23 dicembre la Abbruzzo Engineering, a causa della scadenza della convenzione, ha mandato in cassa integrazione oltre un centinaio di dipendenti che si occupavano di gestire le pratiche dei pagamenti alle imprese e tutto il meccanismo si è fermato. A gennaio nessuna impresa ha potuto incassare i soldi degli stati d’avanzamento per i lavori effettuati. E così andrà a finire pure la scadenza di febbraio. La convenzione non è stata rinnovata perché, secondo l’ultima Legge di Stabilità, i fondi trovati per le questioni riguardanti l’assistenza tecnica per la ricostruzione del cratere sismico, necessitano di una delibera Cipe che ancora non viene emanata. Si tratta dell’ 1% dei 6,5 miliardi disponibili. E mentre i politici sguazzano nella propria incapacità, centinaia di imprese con migliaia di operai e la popolazione martoriata dell’ Aquila tutta, aspettano increduli ed esasperati.

25 febbraio 2015 0

Tentano il furto di rame sul tetto di una struttura comunale a Latina, tre rumeni in manette

Di admin

C.R. 26 anni, S.B.I 20 anni e C.L.F. 20 anni, sono tre giovani di nazionalità romena residenti a Latina arrestati dalla polizia per tentato furto aggravato. I tre si erano impossessati di lamine di rame di proprietà del Comune di Latina. La centrale operativa della questura ha ricevuto poco prima dell’una di notte la segnalazione di tre persone con fare sospetto in Via Romagnoli, nei dintorni di uno stabile del Comune di Latina. Arrivati sul posto la scena appare inequivocabile: sopra il cornicione dello stabile due uomini stavano letteralmente strappando dei fogli di guaina e li stavano gettando di sotto dove, un complice, cercava di raccoglierli in un unico mucchio. I tre sono stati immediatamente bloccati dagli uomini della volante che li hanno accerchiati facendoli poi scendere dal tetto. Una volta fermati, gli agenti sono saliti sul cornicione accertando che i due avevano strappato diverse parti di lamine in rame che erano posizionate sopra la guaina, avevano reciso dei fili di corrente elettrica e avevano staccato delle staffe di rame dello scarico a terra dell’energia. Il lavoro era stato effettuato con un coltellino rinvenuto proprio sul cornicione che è stato sottoposto a sequestro penale. Gli 8 i kg di lamine di rame accumulati sono state recuperati e trasportati negli uffici della Questura in attesa della restituzione al Comune di Latina.

25 febbraio 2015 0

Sant’Angelo riavrà la sua edicola

Di admin

“Dal primo di gennaio a Sant’Angelo in Theodice non esiste più un punto vendita di giornali. Questo perché il 31 dicembre 2014 l’edicola di piazza Mazzini ha cessato l’attività ed il titolare, oltre a rimuovere il box adibito alla vendita di giornali, ha restituito la propria licenza al Comune di Cassino. I tanti residenti della popolosa frazione di Cassino ancora oggi, quindi, sono privi di un servizio importante. Tuttavia nelle scorse settimane è pervenuta presso l’ufficio commercio la richiesta (SCIA) del titolare di un esercizio commerciale di Sant’Angelo per la vendita di quotidiani e periodici all’interno della propria attività sita nella frazione cassinate. Si tratta di un punto vendita ‘non esclusivo’ visto che l’attività principale è la rivendita di generi di monopolio, ma comunque rappresenta un’occasione importante per restituire a Sant’Angelo un servizio indispensabile. Per questa ragione oggi ho inviato all’ADG (Agenzia di distribuzione di libri, giornali e riviste) una comunicazione auspicando che venga assicurata al nuovo richiedente la distribuzione della carta stampata, ponendo rimedio in tal modo alla mancanza che si è venuta a creare con la chiusura dell’edicola di Piazza Mazzini avvenuta lo scorso 31 dicembre.” È quanto emerge in una nota a firma del vicesindaco ed assessore alle attività produttive del Comune di Cassino Mario Costa.

25 febbraio 2015 0

Ispettori ambientali al comune di Cassino, pubblicata la graduatoria

Di admin

“Con la chiusura del bando e con la relativa stesura della graduatoria si apre la fase successiva che riguarda la formazione dei 30 ispettori ambientali del Comune di Cassino.” A renderlo noto è l’assessore all’ambiente Riccardo Consales che ha aggiunto: “nella graduatoria sono stati inseriti tutti coloro (77) hanno presentato domanda presso gli uffici competenti perché risultati idonei ai criteri previsti dal bando. Gli aspiranti Ispettori Ambientali, quindi, sono stati ammessi di diritto al corso di formazione, offerto in forma gratuita dal Comune, che viene tenuto da personale esperto e qualificato ed a seguito del quale tra tutti i partecipanti i primi 30 che hanno presentato domanda verranno impiegati come ispettori ambientali. Successivamente, partito il progetto e preso atto dell’andamento dello stesso che auspichiamo essere positivo, eventualmente si provvederà all’abilitazione di tutti coloro avranno frequentato il corso e conseguito la qualifica. Un corso, della durata di 40 ore, che si terrà sempre nelle ore pomeridiane e che inizierà martedì 3 marzo quando i candidati dovranno presentarsi in Sala Restagno dalle 15 alle 19 per prendere parte al primo modulo. Il corso, infatti, è articolato in una serie di moduli sulla figura ed i compiti dell’ispettore Volontario Ambientale con nozioni che riguarderanno gli illeciti amministrativi ed i reati in materia ambientale, il procedimento sanzionatorio amministrativo, l’esame di regolamenti ed ordinanze comunali in materia ambientale e l’esame della normativa in materia ambientale, Regionale e Statale in particolare il vigente T.U.A. Al corso prendono parte anche 10 dipendenti comunali che verranno affiancati agli aspiranti Ispettori Ambientali che, conseguito il titolo, dovranno assicurare, a pena di inammissibilità, almeno venti ore mensili di lavoro volontario, a favore dell’ente gestore del corso di formazione, secondo le disposizioni impartite dal responsabile. Dopo aver approvato il regolamento ed espletato l’iter con apposito bando, siamo quindi passati alla fase operativa di un progetto che assicura un sostegno importante in termini di controllo ambientale del territorio. La raccolta differenziata ha segnato una svolta epocale per quanto riguarda le abitudini dei nostri concittadini con il nuovo sistema di conferimento ‘porta a porta’, in linea con le realtà più virtuose e con le politiche europee. Tuttavia, per svariati motivi ci sono stati, purtroppo, deprecabili effetti collaterali – alcuni dei quali fisiologici, altri, per la verità, patologici – che hanno costituito un vero e proprio allarme ambientale, consistenti nel rilascio e sversamento di rifiuti in diverse aree della nostra città, soprattutto in quelle periferiche. Ciò aggravato dal fatto che molte di queste pratiche barbare avvengono a ridosso dei fiumi e delle zone verdi. L’Ispettore Ambientale, in tal senso, svolge un ruolo fondamentale, attraverso un’attività di monitoraggio e di segnalazione di pratiche scorrette e di presenza di eventuali mini discariche abusive, fornendo un forte contributo sia nel prevenire tale fenomeni che nel sostenere le autorità competenti per le conseguenti attività sanzionatorie e repressive. Pertanto gli ispettori ambientali, una volta formati e dotati delle attrezzature necessarie, potranno svolgere il proprio compito che, è bene qui precisarlo, non costituisce attività di pubblico ufficiale, ma va a coordinarsi con il ruolo insostituibile degli uffici competenti.”

25 febbraio 2015 0

Controlli straordinari contro i furti la notte scorsa a Cassino, foglio di via per un pontino, un casertano ed un rumeno

Di admin

Servizi straordinari di controllo del territorio hanno riguardato la notte scorsa il territorio del cassinate.

L’attività della Polizia di Stato è stata rivolta in particolare alla prevenzione dei reati predatori.

Personale delle Volanti del Commissariato di P.S. di Cassino ha passato al setaccio zone maggiormente esposte al compimento di attività illecite.

Proprio nel corso del pattugliamento di una strada più periferica della città, intorno alle due della decorsa notte, una pattuglia delle Volanti nota un’auto viaggiare con andatura anomala nelle adiacenze di abitazioni isolate.

Gli agenti intimano l’alt al conducente del veicolo e procedono al controllo degli occupanti.

Le verifiche nella banca dati interforze evidenziano a carico dei 3 numerosi precedenti penali connessi a reati contro la persona e contro il patrimonio.

Per i tre pregiudicati, un cittadino rumeno, un pontino ed un casertano, che non hanno saputo fornire spiegazioni plausibili sulla loro presenza in provincia, è stata attivata la procedura per l’irrogazione del foglio di via obbligatorio.

Nel pomeriggio di ieri operatori di polizia sempre del Commissariato di Cassino hanno denunciato un diciannovenne di Piedimonte San Germano per guida senza patente perché mai conseguita.

A seguito della verifica documentale dell’auto condotta dal giovane hanno altresì sottoposto a sequestro il veicolo perché sprovvisto di copertura assicurativa.

25 febbraio 2015 0

Si accascia sul marciapiede e muore per strada a Boville Ernica

Di admin

Si è accasciato a terra ed è morto. E’ accaduto questa mattina in via Santo Stefano a Boville e la vittima è un 71enne dell posto, nonno di un consigliere comunale di maggioranza. Pare che l’uomo fosse con la sorella quando ha accusato un malore, mentre la donna cercava aiuto, lui si è accasciato a terra privo di vita. Inutili i soccorsi. Sul posto è arrivata una ambulanza e i carabinieri ma non hanno potuto far altro che constatare il decesso.

Er. Amedei

Foto repertorio

25 febbraio 2015 0

Incendio di tre auto a Sabaudia, scoppia il panico in un condominio

Di admin

Notte movimentata quella appena trascorsa a Sabaudia, quando tre auto sono state avvolte dalle fiamme in via Cesare Del Piano. L’allarme è stato lanciato alle 2.45 circa. Il veloce propagarsi del rogo fa ipotizzare a ragione che la natura sia dolosa. Le fiamme altissime hanno generato panico tra i condomini del vicino palazzo i cui alloggi si sono riempiti di fumo. Una donna è salita sul tetto temendo che l’incendio si fosse propagato alla palazzina. In preda al panico i vigili del fuoco hanno dovuto convincerla che era al sicuro e che poteva scendere.

Er. Amedei