Giorno: 23 dicembre 2015

23 dicembre 2015 0

Con coltelli, ascia e carne cruda nello zaino, denunciato straniero dalla Polfer di Cassino

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Aveva nello zaino un ricco armamentario di armi bianche e carne cruda il nigeriano fermato per controllo dalla polizia ferroviaria di Cassino. Una settimana impegnativa quella della Polfer della Città martire i cui Agenti si sono trovati, come spesso accade, a risolvere casi tra loro molto diversi.

Hanno infatti deferito all’Autorità Giudiziaria un italiano che, a seguito di un controllo, li ha spintonati insultandoli; hanno ritrovato una ragazza maggiorenne e l’hanno convinta affinché chiamasse la madre che la cercava da due giorni.

Il fatto più eclatante è quello che si è verificato nel pomeriggio di domenica.

Sono circa le 17,30 quando all’interno della stazione ferroviaria di Cassino, ad attirare l’attenzione di una pattuglia della Polfer un cittadino nigeriano che indossa uno zaino da cui fuoriesce della sostanza ematica.

I poliziotti fermano l’uomo ed all’interno rinvengono un’ascia, tre coltelli e 30 chilogrammi di carne cruda a pezzi che, analizzata successivamente dalla ASL viene ritenuta non idonea al consumo umano.

Il nigeriano è stato denunciato per possesso di armi ed oggetti atti ad offendere.

23 dicembre 2015 0

Funerale rom a Frosinone, anche divieto di sorvolo sulla città

Di admin

Frosinone – Anche il divieto si sorvolo è stato istituito questa mattina sui cieli di Frosinone in occasione del funerale Rom. L’esperienza e i fatti di Roma quando il funerale di Vittorio Casamonica ha anche vistyo l’impiego di un elicottero che lanciava fiori, ha consigliato al questore Filippo Santarelli di prendere tutte le precauzioni. I familiari aveva chiesto l’autorizzazione ad un corteo funebre con carro trainato da cavalli e accompagnato da banda musicale che si snodava per le centralissime via Vado del Tufo, via Aldo Moro, via De Matthaeis, Via Tiburtina. “Un percorso che rappresentava qualcosa di preoccupante dal punto di vista dell’ordine pubblico. Per questo – ha detto il questore Santarelli – abbiamo preso provvedimenti analoghi a quelli adottati a Roma dopo un analogo funerale”. Niente carrozza con cavalli, e la banda musicale, arrivata direttamente da Isernia, ha intonato canzoni funebri solamente davanti la chiesa. Inoltre il percorso del corteo consentito è stato solo quello che attraverso la via Montilepini porta al cimitero.

“La reazione dei familiari alla notifica delle restrizioni alle loro richieste ci ha consigliato di prendere provvedimenti. Oltre al divieto di sorvolo sulla zona interessata, abbiamo chiesto intervento di Reparto Mobile”. Il reparto mobile della polizia in assetto antisommossa non è mai stato visto ad un funerale a Frosinone, ma il suo impiego è stato decisamente giustificato.

“Il funerale – ha detto ancora Santarelli – è stato tranquillo, tranne che in un momento, quando alla fine della funzione il corteo ha tentato di seguire un percorso diverso da quello che era stato indicato. Ha cercato quindi di imbucare via Austria per il centro ma lì avevamo il reparto messo a sbarramento”.  Il numero di uominie a consistenza dello schieramento ha consigliato Si sono fronteggiati, alcuni insulti ma nessun ferito poi sono tornati sul percorso stabilito e la polizia stradale a fatto in modo di limitare al minimo i disagi per il traffico. Abbiamo evitato di dare segnali sbagliati alla comunità; no esibizioni di forza o che vanno al di la della legalità e questo vale per tutti”.

Ermanno Amedei

23 dicembre 2015 0

Spara alla ex e si uccide a San Giorgio a Liri, oggi a Cassino i funerali di Graziano Bruognolo

Di admin

Cassino – In un clima di commozione generale caratterizzato da una fitta nebbia e un profondo silenzio, si sono svolti questa mattina i funerali di Graziano Bruognolo.

Silenzio, di chi è senza parole, anche a distanza di cinque giorni, dalla terribile e drammatica scelta del 25enne di sparare alla sua ex fidanzata Annachiara D’Onofrio, in pieno centro a San Giorgio a Liri, riducendola in fin di vita, prima di rivolgere l’arma contro se stesso ed esplodere il quarto colpo.

Nella chiesa di San Bartolomeo, quartiere di Cassino in cui il giovane commerciante abitava insieme alla madre e ai fratelli, si sono ritrovati, amici e clienti per l’ultimo saluto a quel giovane ben educato e lavoratore, ma capace di un gesto così terribile.

Una bara bianca per Ciro, così lo chiamavano, bianca come le rose che ieri sono state deposte nella piazzetta del mercato dove solitamente piazzava il suo banco.

Er. Amedei

Foto Alberto Ceccon

23 dicembre 2015 0

Reparto Mobile schierato a Frosinone per funerale Rom, corteo tenta di forzare il blocco

Di admin

Frosinone – Un funerale con tanto di carro trainato da cavalli, fiori, banda musicale e lunghissimo corteo per le strade del centro di Frosinone. Questo doveva essere questa mattina l’ultimo saluto a una donna di 59 anni di origini Rom, un po’ sullo stile del funerale di Vittorio Casamonica.

Ad impedirlo è stata la questura che non ha autorizzato il corteo così come previsto e che altrimenti si sarebbe snodato per varie strade della città. Le avvisaglie di un “funerale” difficile, ci sono state ieri quando sono state notificate alla famiglia le varie prescrizioni e un percorso meno invasivo per la città. Le vibranti proteste hanno consigliato al questore Filippo Santarelli di schierare, questa mattina, anche agenti del reparto Mobile in assetto antisommossa.

Un provvedimento tutt’altro che eccessivo dato che, all’uscita della chiesa Santa Maria Goretti, dove il funerale è stato celebrato, circa quaranta persone hanno tentato di cambiare il percorso stabilito ma subito la loro azione è stata ostruita da uomini e mezzi del reparto.

Attimi di tensione, insulti e provocazioni alle quali le forze dell’ordine non hanno reagito, poi i provocatori sono rientrati nel corteo che, attraverso la via Montilepini ha percorso il tragitto più breve per raggiungere il cimitero.

Ermanno Amedei

23 dicembre 2015 0

“Due bollini rosa” per il reparto di oncologia dell’ospedale di Sora

Di admin

Sora – Prestigioso riconoscimento per il reparto oncologia dell’ ospedale Santissima Trinità di Sora.  L’Osservatorio Nazionale sulla Salute delle Donne ha infatti conferito due bollini rosa al reparto. I riconoscimenti, detti in questo caso ‘Bollini rosa’, sono andati a 19 ospedali del Lazio che si sono contraddistinti per la loro offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili.

Nella provincia di Frosinone l’unico ad aver ottenuto ben 2 bollini rosa, su un massimo di 3, è l’ospedale S.S. Trinità di Sora.

La cerimonia di premiazione è avvenuta nelle scorse ore a Roma presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Soddisfazione per il traguardo importante è arrivata anche dal sindaco di Sora, Ernesto Tersigni, il quale si è complimentato con i sanitari del reparto e con il direttore. N.Costa

23 dicembre 2015 0

Escono di strada e si inabissano nel Canale a Latina, tre giovani rischiano di affogare

Di admin

Latina – Escono di strada e finiscono nel canale. Hanno rischiato di annegare questa notte tre giovani che poco dopo la mezzanotte, mentre percorrevano la via Appia, sono usciti fuori strada con l’Audi su cui viaggiavano finendo inabissati nel canale in località Borgo Faiti a Latina.

La vettura si è subito riempita d’acqua ma per fortuna i tre giovani sono riusciti a liberarsi e ad uscire prima che l’abitacolo si allagasse completamente.

I vigili del fuoco di Latina immediatamente sul posto hanno messo in sicurezza la zona e l’auto imbragandola e tirandola all’asciutto.

Per i due ragazzi e la ragazza, spavento a parte, nessuna conseguenza seria. I rilievi del caso sono stati effettuati dagli agenti di polizia stradale di Albano.

23 dicembre 2015 0

Si schianta con l’auto, muore il 20enne Davide Gemellini di Sora. Ferite tre ragazze

Di admin

Sora – Aveva appena 20 anni, compiuti due settimane fa Davide Gemellini il ragazzo di Sora morto poco prima di mezzanotte in uno spaventoso incidente avvenuto su via dell’Industria a Sora. Il giovane guidava una Fiat Punto e in sua compagnia c’erano tre ragazze poco più che 20enni.

Il giovane ha perso il controllo del mezzo schiantandosi contro una recinzione.

Immediati i soccorsi tra carabinieri, vigili del fuoco e operatori del 118.

Per il 20enne, però, non c’è stato nulla da fare. Ferite gravemente, ma non in pericolo di vita le tre ragazze che erano non lui. Hanno riportato fratture scomposte agli arti e traumi cranici ma nessuna delle tre sarebbe in pericolo di vita.

Er. Amedei