pubblicato il5 gennaio 2016 alle 23:10

Passa la notte su una barella al pronto soccorso di Frosinone e viene anche derubata

Frosinone – Non solo il dramma di dover aspettare su una barella per buona parte della notte di essere visitata a causa di un malore, ma nel pronto soccorso dell’ospedale Spaziani di Frosinone ha dovuto subire anche un furto.

La sfortunata protagonista della vicenda è una 54enne che ha trascorso tutta la notte in barella presso il pronto soccorso del nosocomio di Frosinone, in attesa del proprio turno per essere visitata a seguito di un malore, quando una 54enne si è accorta di essere stata derubata del proprio cellulare.

Il personale medico dà l’allarme al personale in servizio presso il Posto di Polizia ubicato all’interno dell’ospedale Spaziani.

L’operatore di polizia effettua i primi accertamenti tra i presenti nella sala d’attesa ricevendo più segnalazioni di un giovane con felpa grigia e pantaloni mimetici che nella notte si aggirava con fare sospetto tra i lettini dei degenti.

Scattano le ricerche della persona sospetta, anche con l’ausilio di personale delle Volanti della Questura.

Gli agenti lo rintracciano proprio all’interno del pronto soccorso e la descrizione corrisponde a quella fornita dalle varie testimonianze.

Accompagnato presso i locali del Posto di Polizia, il giovane viene sottoposto a perquisizione personale con esito positivo.

Indosso al 30enne frusinate gli agenti rinvengono il telefono dello stesso modello sottratto alla denunciante e quattro coltelli, di cui tre multiuso ed uno a serramanico; per questo dovrà rispondere dinanzi all’Autorità Giudiziaria dei reati di furto e porto abusivo di arma da taglio.

Il cellulare recuperato è stato restituito alla legittima proprietaria.

© ilpuntoamezzogiorno.it - vietata la riproduzione anche parziale di testi e immagini



Ultime notizie

... sto caricando ...

Mostra più notizie

Direttore responsabile: E. Amedei - © Ilpuntoamezzogiorno.it - Tutti i diritti riservati - Iscrizione registro stampa tribunale di Cassino n° 3/07 - decreto n° 78/07