Giorno: 15 marzo 2016

15 marzo 2016 0

Commemorato il 72esimo anniversario della distruzione di Cassino, appello dell’Anvcg all’accoglienza dei rifugiati

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – 15 marzo 2016 – Un appello ad accogliere i rifugiati, un monito ad aprire le porte dell’Europa per accogliere le vittime della guerra. Un richiamo sincero alle istituzioni e ai giovani in particolare che arriva dal cuore di chi, ad appena 4 anni, è stato sfollato, scacciato dalla quiete domestica dalle bombe sganciate sulla città di Cassino. Il presidente dell’associazione nazionale Vittime Civili di guerra sezione di Frosinone, il cavaliere Giovanni Vizzaccaro è stato il portavoce della testimonianza viva della sofferenza provocata dalla guerra nel giorno della commemorazione del 72esimo anniversario della distruzione della città di Cassino.

La cerimonia è stata inaugurata proprio dall’associazione che ha ricordato le vittime civili del secondo conflitto mondiale con una corona deposta dal segretario nazionale Roberto Serio e dal vice presidente nazionale Aurelio Frulli della sezione provinciale di Firenze davanti al monumento in memoria delle vittime civili di guerra. Subito dopo il corteo si è spostato in piazza De Gasperi per un momento istituzionale solenne alla presenza dei labari delle associazioni provinciali dell’Anvcg e delle associazioni combattentistiche e d’arma e dei gonfaloni dei comuni del martirologio. Dopo la liturgia della parola officiata dal vescovo Gerardo Antonazzo la cerimonia ha assunto un accento più umano e lontano dalle retoriche delle commemorazioni con la testimonianza ancora viva di chi ha vissuto la guerra. Il presidente Vizzaccaro ha usato le parole più semplici per raccontare commosso il significato di essere sfollati deportati cacciati da casa strappati agli affetti. Sentimenti vissuti da lui stesso ancora bambino. E da lui è arrivato un appello all’accoglienza e alla comprensione di coloro che oggi soffrono per lo stesso male. La cerimonia per l’Anvcg è proseguita presso il museo Historiale.

“Il 15 marzo – ha detto il sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone – è per i cassinati una pagina di storia triste e dura, giunta ad un solo mese di distanza dal bombardamento che aveva colpito in modo ferale la meravigliosa Abbazia di Montecassino, che in ogni famiglia viene ricordata con profonda commozione e sofferenza, ma anche con l’orgoglio di un popolo che ha saputo ritrovare il coraggio di ricominciare. Non possiamo correre il rischio che le nuove e future generazioni, i cui familiari hanno subito in prima persona il dramma della guerra, frutto dell’odio e della prevaricazione, non conoscano questa pagina di storia della nostra città. A tal proposito non possiamo dimenticare tutti gli Amministratori comunali della Città che hanno profuso il loro impegno ed il loro contributo per la ricostruzione. Una rinascita non semplice, per la quale sono occorsi decenni, che ha restituito alla nostra Cassino quel ruolo di primo piano che la storia le ha assegnato nell’intero panorama provinciale”.

La giornata è stata realizzata in collaborazione con il comune, con l’Anvcg, con l’unione italiana ciechi e il centro internazionale giovanile Anne Frank che ha organizzato un momento molto significativo di testimonianze e omaggio delle vittime al teatro Manzoni.

Foto Antonio Nardelli

15 marzo 2016 0

Anche a Frosinone Seat Leon con la livrea della Polizia di Stato, oggi la prima uscita ufficiale delle due nuove Pantere

Di admin

Frosinone – Questa mattina hanno fatto la loro prima uscita nel capoluogo frusinate due fiammanti auto Seat Leon date in uso alle Volanti della Questura per lo svolgimento dei servizi di controllo del territorio.

Le vetture erano state presentate ufficialmente al pubblico nel piazzale della Caserma Ferdinando di Savoia, a Roma, nel 2015, in occasione del 163° anniversario della Fondazione della Polizia.

150 CV “in divisa”, cinque porte, lunga 426 cm e larga 182.

Il motore scelto per le vetture con il 113 e la nuova livrea della Polizia di Stato sulle fiancate è il 2.0 TDI da 150 CV, abbinato al cambio manuale a sei marce.

Nuova la barra luminosa multifunzione che consentirà di dare messaggi agli utenti della strada in caso di pericolo od altre necessità.

15 marzo 2016 0

Cecchino ad aria compressa spara contro la casa di riposo per anziani a Viterbo

Di admin

Viterbo – Cecchino, armato di fucili e pistole ad aria compressa, ha attrezzato come riparo per un tiratore scelto il balcone che affaccia su una casa di riposo per anziani a Viterbo e bersagliava pareti e piante della struttura. Le segnalazioni di colpi di arma da fuoco hanno innescato le indagini da parte degli uomini della Squadra Mobile della questura di Viterbo che dopo ripetute ricognizioni dei luoghi e da un primo esame balistico effettuato tendendo conto del posizionamento e della direzione dalla quale potevano provenire i colpi, sono arrivati a due appartamenti, le cui finestre erano prospicienti alla struttura presa di mira. Effettuata una perquisizione domiciliare in una delle abitazioni di proprietà di un 64enne nativo nella Provincia di Roma, sono stati trovati sei fucili muniti di ottica di precisione e puntamento laser, due pistole, tutto ad aria compressa e un ingente quantitativo di munizionamento. Inoltre, una delle camere, la cui finestra si affaccia sulla casa di riposo, era stata attrezzata come riparo per “tiratore scelto”. L’uomo, dopo gli accertamenti di rito, è stato denunciato per tentate lesioni personali aggravate e le armi sottoposte a sequestro.

15 marzo 2016 0

IX edizione dei Campionati Nazionali di marcia, lo sport veicolo per l’integrazione delle persone disabili

Di redazionecassino1

E’ stata presentata questa mattina nella sala “P. Restagno” del comune di Cassino, nel corso di una conferenza stampa, la IX edizione del “Campionato Nazionale di marcia” che si terrà domenica prossima, 20 marzo, a Cassino. Il presidente dell’associazione “Sport No Frontiere”, Valeria Santini, nel suo intervento ha ribadito l’importanza della manifestazione che per il terzo anno si svolge nella nostra città. Un traguardo – ha sottolineato Santini – che oltre a rientrare nel circuito nazonale del campionato di questa particolare specialità sportiva, rappresenta il prologo al campionato mondiale di marcia che si svolgerà a Roma nei mesi prossimi. “E’ particolare motivo di orgoglio per me e per l’associazione “Sport No Frontiere” avere inserito nell’edizione 2016 – ha sottolineato Valeria Santini – un appuntamento di notevole importanza rappresentato dalla gara non competitiva “Diversamente in marcia” che vedrà la partecipazione di numerose associazioni di disabili provenienti molte regioni italiane. Abbiamo voluto inserire questa iniziativa – ha proseguito Santini – per ribadire l’importanza dello sport nel processo di integrazione delle persone disabili nella società civile, promuovendo anche un convegno su questi temi, dal titolo “Lo sport e la marcia incontrano la disabilità” che si terrà il 19 marzo proprio in concomitanza con la manifestazione sportiva”. Rosario Petrungaro, dell’associazione Kronos Roma, ha ringraziato l’Amministrazione per l’impegno e la disponibilità dimostrate per la realizzazione della manifestazione che vedrà la partecipazione di oltre trecento atleti suddivisi in varie categorie. Un’attenzione particolare è stata rivolta, da Petrungaro, alla presenza delle sorelle cassinati Anthea e Angelica Mirabello che rappresentano due atlete italiane di maggior prestigio, proiettate ad ottenere impprtanti risultati non solo in campo nazionale, ma anche internazionale. Alberto Villa, presidente della Kronos Roma, ha illustrato il Trofeo Kronos intitolato a Fulvio Villa ed ha ringraziato gli organizzatori per l’ottimo lavoro svolto alla riuscita della manifestazione. Gli interventi dell’assessore allo sport, Danilo Grossi, e del vicesindaco, Mario Costa, hanno voluto sottolineare l’importanza del Campionato nazionale, che per la terza volta si svolge nella nostra città, non solo sotto l’aspetto sportivo, ma sotto quello del prestigio per la città di Cassino. “L’Amministrazione – hanno sottolineato Grossi e Costa – è da sempre impegnata a dare spazio agli sport che troppo spesso e per troppo tempo sono stati considerati inferiori agli altri, ma che in realtà rappresentano i valori di sacrificio, costanza e impegno nel raggiungimento di risultati eccezionali. F. Pensabene

15 marzo 2016 0

Donna 55enne di Veroli con il braccio nel morsa del trattore

Di admin

Veroli – Rischia di perdere una mano la 55enne che questa mattina, poco prima delle 12, a Casamari, frazione di Veroli, è rimasta con l’arto incastrato in un componente meccanico del trattore agricolo che azionava una cisterna. La dinamica di quanto è accaduto è ancora da chiarire, la le urla della donna e la richiesta disperata di aiuto del parente che era con lei hanno attirato l’attenzione dei vicini. Sul posto è arrivata una ambulanza del 118 e anche i vigili del fuoco ma la donna era già stata liberata dalla morsa di ferro. Il braccio, però, era in condizioni terribili tanto che, sul posto, è atterrata una eliambulanza che ha trasportato la ferita all’Umberto I di Roma dove i medici tenteranno con un intervento chirurgico di salvarle l’arto.

15 marzo 2016 0

Basket: La NB Sora2000 torna a ruggire: espugnata Anzio

Di redazionecassino1

I volsci rialzano la testa nella difficile trasferta del Palazzetto dello sport di Nettuno nella 21esima giornata della C Gold. La Fravil Expert Lucarelli NB Sora2000 firma l’impresa a Nettuno contro il quotato Anzio Basket. Nell’ 8va giornata di ritorno il quintetto di Stefano Bifera esce con i due punti in tasca dalla città pontina con il punteggio di 774 a 86. Due punti per la classifica ma sopratutto per il morale quelli raccolti da Fiorini e compagni che si rendono protagonisti di una gara impeccabile e condotta con autorità sin dalle prime battute tanto che al termine dell’intervallo lungo il tabellone segna già un significativo 40 a 44. La musica non cambia sino al suono della sirena ad eccezione di un piccolo blak out all’inizio dell’ultimo periodo nel quale il quintetto di Lico è arrivato a -5 abbozzando un tentativo di rimonta subito congelato dal time out chiamato dal coach Bifera e dalla susseguente tripla di capitan Marco Fiorini. Il finale è filato via in scioltezza forse per la prima volta dall’inizio del torneo. Grande la prestazione di tutti i biancocelesti a partire dalla regia di G.Fiorini sino ai punti di Pope di e dei bravi De Santis e De Pippo, passando per i 22 punti del cecchino Smith che sembra tornato quello di qualche settimana fa. Incoraggiante la prova del baby Alonzi e del veterano Iannarilli. Il blitz a Nettuno consente ai volsci di mantenere inattaccabile la seconda posizione anche se d’ora in poi sarà assolutamente vietato sbagliare anche un solo match. Una impresa che sembra avventurosa ma che resta ancorata gara per gara, ai risultati dei vari incontri, in questo periodo mai scontati. A fine gara grande la gioia in casa biancocelesti ospiti, amarezza invece per i locali e i propri tifosi.

Le parole di capitan Fiorini M. lasciano trasparire il felice momento della squadra di Bifera, dopo l’ultima sconfitta casalinga, ma è lui che per primo indica quali sono le cose da migliorare e pone il divieto assoluto di pericolosi voli pindarici avvertendo tutti che a prescindere dal buon risultato di domenica, questo campionato sarà molto duro. “Sono ovviamente molto soddisfatto, per me ma soprattutto per la mia squadra che è riuscita a partire col piede giusto, e sappiamo tutti che non era facile. E’ una vittoria che ci fornisce grandissimo entusiasmo e anche molta tranquillità. Siamo andati molto bene in difesa, mentre in attacco dobbiamo migliorare tanto. Domenica abbiamo avuto delle buone percentuali da fuori, e una buona selezione dei tiri e spesso siamo stati sfortunati. Comunque abbiamo bisogno di maggiore intensità offensiva soprattutto in certe situazioni. In difesa teniamo botta, Anzio aveva impostato la gara sulla grinta e la fisicità ma direi che siamo andati benissimo, oltre ogni previsione.” In vista dei playoff, sempre più vicini. La prossima settimana di nuovo una trasferta difficile per i volsci di coach Spaziani-Bifera che se la vedranno contro l’Alfa Omega. Anzio Basket Club 77 – Expert Lucarelli Sora 86

Anzio Bk Club: Nardi 23, Olivieri 5, Innamorati, D’Alfonso 11, Nwokoye 4, Margio 15, Camillo 7, Cuco n.e., Hoxha 1, Lerro 4, Gabrielli 7. Coach: Lico NB Sora2000: Pope 18, De Santis 10, De Pippo 8, Smith 22, Fiorini G. 7, Fiorini M. 17, Meglio, De Vittoris, Iannarilli 4, Alonzi. Coach: Bifera

15 marzo 2016 0

Schiacciato da una quercia, muore operaio 35enne di Arpino

Di admin

Arpino – E’ rimasto schiacciato dalla quercia che stava tagliando in località Parravano ad Arpino. Così, questa mattina alle 11, si è consumata la tragedia che ha visto la morte di Danilo Salvatore, 35 anni di Arpino. L’uomo lavorava in una piccola cartiera della zona. Saltuariamente svolgeva anche l’attività del tagliaboschi e, questa mattina alle 11, stava tagliando una grossa quercia. Esperto, il 35enne aveva tagliato la base dell’albero ma, improvvisamente, qualcosa è andato storto e la caduta è avvenuta seguendo una traiettoria diversa da quella immaginata dal 35enne che è stato travolto dal peso del grosso arbusto. Diversi quintali di legna lo hanno schiacciato senza lasciargli speranze di sopravvivenza. Inutili i soccorsi. Er. Am. Immagini repertorio

15 marzo 2016 0

Scomparso da dieci giorni, riprese oggi a Pontecorvo le ricerche di Sardelli

Di admin

Pontecorvo – Sono riprese questa mattina tra Pontecorvo ed Esperia le ricerche di Fernando Sardelli, il 60enne di Pontecorvo uscito di casa dieci giorni fa per cercare gli asparagi senza fare più ritorno. Dopo le ricerche infruttuose nella vasca della diga dell’Enel alla Badia di Esperia, le ricerche sono riprese questa mattina con i vigili del fuoco che hanno portato sul posto unità cinofile, Gruppo fluviali e gli esperti di ricerca a persona. Al momento, ancora nessuna traccia dell’uomo.

15 marzo 2016 0

Casa dello spaccio a Ciampino, i carabinieri di Velletri arrestano una 62enne

Di admin

Velletri – I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Velletri comandati dal capitano Davide Occhigrosso dopo accurate indagini e un’attenta attività di osservazione, controllo e pedinamenti di alcuni assuntori di sostanze stupefacenti della zona sono arrivati all’abitazione di una donna di Ciampino, M.G., 62 anni, arrestandola per detenzione ai fini di spaccio di 29 grammi di cocaina purissima, suddivisa in 18 dosi, confezionate singolarmente, nonché un bilancino di precisione e materiale per confezionamento e taglio. Al momento dell’arrivo dei militari dell’Arma nell’abitazione della donna veniva riscontrata anche la presenza di tale C.M., di anni 30, sottoposto alla misura della Sorveglianza Speciale con obbligo di soggiorno nel Comune di Ciampino, che veniva tratto in arresto per violazione degli obblighi inerenti la misura di prevenzione. Durante la perquisizione dell’abitazione sono stati rinvenuti anche 4 grammi di sostanza stupefacente di tipo marijuana appartenenti al figlio della donna, che per questo è stato segnalato amministrativamente alla Prefettura di Roma. Per il reato di detenzione in concorso ai fini di spaccio di cocaina è stata anche denunciata in stato di libertà la figlia della donna. Dopo il giudizio di ieri di convalida dell’arresto in flagranza di reato l’indagata è stata tradotta presso il Carcere di Roma Rebibbia, invece il giovane sorvegliato speciale è stato condannato ad una pena di 10 mesi ed associato alla misura dei domiciliari. Lo stupefacente rinvenuto e sequestrato avrebbe fruttato sul mercato illecito della droga più di 1.000 euro.

15 marzo 2016 0

Consuntivo della Guardia di Finanza del Lazio, sequestrati 167 milioni in beni accumulati illecitamente

Di admin

Lazio – Contrasto all’evasione, alle frodi fiscali ed all’economia sommersa, vigilanza sulla spesa pubblica e tutela dell’economia legale dalle diverse forme di illecito che ne minano l’integrità: sono questi gli obiettivi principali dell’azione svolta sul territorio dalla Guardia di Finanza. In occasione della presentazione del Rapporto Annuale da parte del Comando Generale del Corpo, avvenuto nei giorni scorsi, anche le Fiamme Gialle del Lazio tracciano il bilancio dell’attività del 2015.

In questo quadro, la lotta all’evasione continua a costituire la prioritaria missione istituzionale. Lo scorso anno sono stati portati a termine nella Regione oltre 8.400 interventi ispettivi, ricorrendo a moduli operativi flessibili che vanno dalle forme più speditive di controllo alle attività di maggiore complessità, quali le verifiche fiscali nei confronti dei “grandi contribuenti”.

Particolare attenzione è stata posta nelle investigazioni per il contrasto alle condotte fraudolente. Nel complesso, l’attività condotta in questo settore ha portato alla denuncia di 1.580 responsabili per reati fiscali (di cui nr. 12 in stato di arresto), per aver utilizzato o emesso fatture false (212 violazioni), per omessa presentazione della dichiarazione (nr.

499 violazioni) e per occultamento o distruzione delle scritture contabili (262 violazioni), procedendo al sequestro “per equivalente” di beni mobili, immobili e disponibilità finanziare per un valore complessivo di circa 167 milioni di euro.

Notevole impegno è stato riversato nella lotta all’evasione fiscale internazionale, con l’esecuzione di 114 interventi, per la maggior parte riconducibili a soggetti, persone fisiche e giuridiche, che hanno dichiarato fittiziamente la propria residenza all’estero, nonché alla individuazione di casi di elusione delle norme tributarie, di norma attuati attraverso schemi e condotte sofisticati e complessi.

Relativamente alle attività economiche “sommerse”, ovvero svolte totalmente “in nero”, anche grazie al sempre più frequente ricorso a piani coordinati di controllo, calibrati sulle singole realtà territoriali e mirati al contrasto delle forme di abusivismo e del lavoro irregolare, nella Regione sono stati individuati nr. 957 evasori totali, nr. 1.136 lavoratori in nero e nr 1.981 irregolari, impiegati da nr. 593 datori di lavoro.

Il controllo economico del territorio viene garantito anche attraverso le attività ispettive che puntano a prevenire e contenere fenomenologie evasive diffuse, che, seppur di minore rilievo, potrebbero essere sintomatiche di violazioni di maggior spessore. Per questo viene mantenuto un adeguato livello di vigilanza nei confronti della platea di contribuenti di medie e piccole dimensioni, obbligati alla emissione di scontrini e ricevute fiscali. Anche in questo campo resta fondamentale l’analisi di rischio che guida la selezione dei soggetti nei confronti dei quali effettuare i controlli. I risultati evidenziano la bontà di tale scelta, considerato che nel 2015 è risultato irregolare il 35,63% dei 36.690 controlli in materia di scontrini e ricevute fiscali, ovvero 1 intervento su 3.

Nel quadro della più ampia azione diretta al contrasto dei fenomeni di abusivismo e di illegalità, si innestano le attività che interessano il mercato dei giochi e delle scommesse. In tale ambito, sono stati effettuati 417 interventi, di cui il 35,97% con esito irregolare conclusisi con l’accertamento di violazioni in 151 casi e con la segnalazione di 419 responsabili.

Sul versante delle uscite, resta prioritario il contrasto a tutte le frodi che colpiscono le risorse messe a disposizione dai bilanci comunitario, nazionale e locale, rivolte al sostegno delle imprese. In questo campo la Guardia di Finanza del Lazio ha effettuato 527 interventi (tra indagini di polizia giudiziaria ed accertamenti amministrativi), scoprendo indebite percezioni di finanziamento per oltre 103 milioni di euro, denunciando all’Autorità Giudiziaria 196 soggetti, di cui 5 tratti in arresto.

Particolarmente impegnative sono inoltre state le indagini svolte sui reati contro la Pubblica Amministrazione (peculato, abuso d’ufficio, corruzione, concussione ecc.), con importanti filoni investigativi che hanno portato alla luce comportamenti illeciti di amministratori, funzionari ed impiegati infedeli, specialmente nel settore degli appalti e della fornitura di servizi alla Pubblica Amministrazione. In tale contesto, nell’ambito delle circa 200 indagini svolte, sono stati 598 i soggetti denunciati all’Autorità Giudiziaria competente, dei quali 43 tratti in arresto.

Oltre all’attività svolta d’iniziativa o su delega della Magistratura ordinaria, di notevole importanza sono i servizi eseguiti su richiesta della Corte dei Conti, con 292 accertamenti conclusi e la constatazione di danni all’Erario per circa 950 milioni di euro.

Nello stesso comparto, infine:

– sono stati eseguiti oltre 880 controlli volti a verificare la sussistenza dei requisiti di legge previsti per l’erogazione di prestazioni sociali agevolate e per l’esenzione del ticket sanitario, con l’accertamento di frodi per 281.350 euro;

– in materia di spesa sanitaria, sono stati eseguiti 52 interventi che hanno portato ad accertare truffe ai danni del SSN per oltre 3,45 milioni di euro, con la denuncia alla magistratura di 13 responsabili.

Per quanto riguarda il contrasto alla criminalità economica e finanziaria, le Fiamme Gialle laziali hanno sviluppato una intensa azione di contrasto al fine di aggredire i patrimoni illecitamente accumulati e prevenire le infiltrazioni dei proventi di origine delittuosa nel tessuto economico legale.

In applicazione degli strumenti previsti dalla normativa antimafia e dalla legislazione connessa in tema di misure di prevenzione, la Guardia di Finanza del Lazio ha effettuato accertamenti patrimoniali nei confronti di 1.092 soggetti, tra persone fisiche ed imprese, che hanno portato alla confisca ed al sequestro di beni ed altre risorse economiche per un valore di circa 700 milioni di euro, nonché ad avanzare proposte per l’applicazione della medesima misura per disponibilità ed altre utilità per un valore di 920 milioni di euro.

In materia di contrasto al riciclaggio, 176 sono state le persone denunciate all’A.G., in relazione all’accertamento di flussi finanziari illeciti ammontanti a 172 milioni di euro.

Nello stesso comparto la Guardia di Finanza del Lazio ha:

– sviluppato nr. 1.777 segnalazioni di operazioni sospette;

– effettuato nr. 29 attività ispettive per la verifica del rispetto degli adempimenti antiriciclaggio nei confronti dei soggetti obbligati;

– eseguito controlli sulle movimentazioni di valuta alla frontiera nei confronti di nr. 254 soggetti, intercettando valuta e titoli non dichiarati per un valore pari 3,3 milioni di euro.

Più in generale, sono stati 108 i soggetti denunciati all’Autorità Giudiziaria per reati societari, di borsa, fallimentari, bancari e finanziari, di cui 28 in stato di arresto, con il sequestro di beni per oltre 440 milioni di euro.

Tra le principali fonti di finanziamento della criminalità si conferma senz’altro il traffico di stupefacenti. Resta quindi alta l’attenzione della Guardia di Finanza che, in oltre 2.000 interventi effettuati nello scorso anno, ha operato il sequestro di 1.513 chilogrammi di sostanze stupefacenti e l’arresto di 285 soggetti a vario titolo impegnati nel narcotraffico.

In materia di tutela dell’ambiente, anche grazie al contributo offerto dalla componente aeronavale del Corpo, all’esito di 157 controlli effettuati sono stati denunciati 69 responsabili e sono state sequestrate 2.800 tonnellate di rifiuti industriali, nonché aree adibite a discariche abusive per oltre 30.000 mq.

E’ stata dedicata particolare attenzione anche al fenomeno della contraffazione, del falso “made in Italy” e della commercializzazione di prodotti “non sicuri”, in ragione dell’impatto negativo che tali illeciti hanno sull’attività delle imprese regolari.

Nel corso del 2015, quindi le Fiamme Gialle del Lazio sono state fortemente impegnate nella tutela dei diritti di proprietà e dei consumatori, attraverso il presidio degli spazi doganali, il controllo economico del territorio e lo sviluppo di indagini di polizia giudiziaria, finalizzate alla ricostruzione e disarticolazione di tutta la filiera del “falso” e dei prodotti  insicuri, dai canali di importazione ai centri di abusiva produzione, dalle aree di deposito alle reti di distribuzione, dai mezzi di finanziamento alle ricchezze accumulate illegalmente dai responsabili.

Tale attività ha permesso il sequestro di circa 9 milioni di articoli contraffatti e/o privi dei requisiti di sicurezza, nel corso di oltre 2.300 interventi.

A tal proposito, nell’ottica di debellare possibili forme di abusivismo commerciale, la Guardia di Finanza di Roma ha realizzato uno specifico piano d’intervento – da attuare durante l’intero anno giubilare, il cosiddetto “Piano Jubilaeum”, che, tenuto conto del probabile incremento di pellegrini nella Capitale, prevede un’intensificazione dell’attività ispettiva a contrasto delle forme di abusivismo nel settore ricettivo, turistico, dei trasporti e della somministrazione di alimenti e bevande. In questo quadro è stato altresì aumentato il numero di pattuglie di pubblica utilità “117” presenti sul territorio, al fine di intensificare l’azione di controllo del territorio, assistere i visitatori ed elevare il livello di “sicurezza percepita”, coinvolgendo anche la componente specialistica dei Baschi Verdi.