Giorno: 5 aprile 2016

5 aprile 2016 0

Ventisette ore al Pronto Soccorso di Cassino, la Asl precisa: “Mai lasciato solo”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Ventisette ore al Pronto soccorso di Cassino, poi si fa dimettere, va a Frosinone e lì viene ricoverato per problemi al fegato. La vicenda resa nota dal sindaco di Pontecorvo con una denuncia pubblica che riguardava le sventure sanitarie di un giovane di Pontecorvo hanno suscitato enorme clamore (leggi articolo). Il primo cittadino aveva anticipato che avrebbe chiesto delucidazioni alla Asl che sono giunte poco fa con una nota stampa.

“Desideriamo chiarire l’episodio accaduto nello scorso fine settimana – si legge nella nota dell’Asl – riferito all’ attesa di ricovero per un 39enne di Pontecorvo, giunto al PS di Cassino con mezzi propri dopo essere stato visitato dalla Guardia Medica del Punto di Primo Intervento (PPI) di Pontecorvo.

Durante l’attesa a Cassino il paziente non è stato lasciato solo, sono stati praticati tutti gli accertamenti, tutti i controlli ed i riscontri necessari e sottoposto a terapia sintomatica. Si è dovuto attendere ancora gli esiti di ulteriori accertamenti per stabilire l’esatta eziologia dato che i sintomi potevano lasciar pensare a più di una diagnosi di natura epatica.

Non risulta che dagli operatori sia mai stato “consigliato di non scendere per non perdere la barella”.

Mentre tutto ciò avveniva il paziente ha firmato per essere dimesso e dopo neanche un’ora è stato accolto al PS di Frosinone, visitato dall’infettivologo e ricoverato a Malattie Infettive dove tuttora è degente.

Il cittadino ha ragione a non gradire le lunghe attese cui l’Azienda intende ovviare con l’apertura della Medicina d’ Urgenza che in questo momento, purtroppo, è chiusa per mancanza di personale e che si potrà aprire proprio con le nuove assunzioni previste dal decreto che il Presidente Zingaretti ha firmato da pochi giorni.

Detto questo si precisa che:

l’Azienda Sanitaria sul caso la risposta l’ha data, fornendo prestazioni ad elevato contenuto specialistico;

i sanitari di Cassino, sospettando una patologia infettiva hanno atteso gli esiti ed i riscontri degli accertamenti per una diagnosi approfondita che avrebbe comportato comunque il trasferimento a Frosinone dove c’è l’unica Infettivologia della Azienda.

Ed a proposito delle polemiche sollevate da Pontecorvo:

la funzione del Presidio di Pontecorvo è di Casa della Salute e Punto di Primo Intervento (PPI);

la rimodulazione organizzativa in corso, con il coinvolgimento sinergico delle altre componenti sanitarie e grazie anche all’impegno della Regione, prevede un PPI operativo h24 coniugando ciò con il contestuale incremento di prestazioni all’Ospedale di Cassino, come dimostrato dalla recente riapertura di Gastroenterologia (e, a breve, della Medicina di Urgenza);

è evidente che la situazione non è ancora ottimale ma le azioni in campo – tra le quali le imminenti nuove assunzioni per 75 medici ed operatori sanitari – mirano a raggiungere una offerta di servizi che vada incontro alle attese di tutto il territorio ciociaro, con priorità ai bisogni dei cittadini”.

5 aprile 2016 0

Frosinone – Inter, prima riunione del Gos

Di admin

Frosinone – Si è tenuta questa mattina in Questura la riunione del Gruppo Operativo Sicurezza che ha definito le misure organizzative per l’incontro di calcio Frosinone – Inter.

I duemila tagliandi messi a disposizione dei tifosi interisti sono già andati tutti venduti con una previsione di sold out.

Per i sostenitori ospiti che raggiungeranno Frosinone a bordo di autovetture è stato predisposto l’ormai collaudato servizio di navetta dall’ex area permaflex grazie alla preziosa collaborazione delle Ditte GEAF e CIALONE.

I pullman dei tifosi nerazzurri, invece, raggiungeranno direttamente lo stadio attraverso il percorso vigilato.

Tutti dovranno essere in possesso del tagliando d’ingresso come stabilito nell’ordinanza prefettizia che vieta la trasferta a coloro che non abbiano titolo per accedere allo stadio.

Le limitazioni alla circolazione cittadina saranno improntate alla massima elasticità e finalizzate solo ed esclusivamente a garantire la sicurezza e la fruibilità a tutti dell’evento sportivo.

I pre – varchi ed i varchi saranno presidiati dalle Forze dell’Ordine e dagli steward muniti di metal detector ed ogni violazione (con particolare riguardo al mancato possesso del tagliando d’ingresso, della tessera del tifoso e del documento di riconoscimento) che dovesse essere accertata all’interno di tale zona sarà sanzionata ai sensi della vigente normativa in materia di manifestazioni sportive.

Sarà vietato vendere e/o somministrare alcoolici e superalcoolici negli esercizi pubblici ubicati nelle vicinanze dello stadio “ Matusa”, mentre la mescita delle altre bevande sarà consentita solo in bicchieri di carta e plastica.

Stop anche ai venditori ambulanti itineranti.

5 aprile 2016 0

Basket serie B : La Virtus Cassino espugna il Pala Mangano di Scafati

Di redazionecassino1

Una grandissima BPC Virtus Cassino espugna il PalaMangano di Scafati confermandosi al 3° posto in classica del Campionato Nazionale di Serie B , girone C, 2015 – 16 , quando ormai mancano solo tre giornate al termine della regular season . Già perché la BPC Virtus Cassino ha staccato ormai da 15 giorni il pass per la post season ed ora c’è in palio la miglior posizione per affrontare i playoff stagionali . E’ stata davvero una grande Virtus quella che i tenaci tifosi cassinati al seguito di Carrizo e soci hanno potuto ammirare nell’impianto campano . Una BPC Virtus Cassino che aveva il compito di riscattare la sconfitta dell’andata venuta per mano di Di Capua e compagni nello scorso mese di dicembre al termine di una gara completamente diversa dal punto di vista tattico da quella a cui abbiamo avuto modo di assistere oggi. Iovino, il coach campano , alla vigilia aveva dichiarato “ Veniamo da 3 vittorie consecutive ma sappiamo che arriverà a Scafati un aversario temibile che non ha mai nascosto le proprie velleità di promozione. Però siamo consapevoli che tutto dipenda da noi e da quanta voglia ed intensità metteremo sul campo da gioco “ . Ebbene di certo l’intensità non è mancata per i gialli padroni di casa ma stasera al PalaMangano di Scafati c’era una Virtus Cassino tostissima . Una Virtus Cassino versione deluxe che non ha mai perso il bandolo della matassa e come un diesel ha macinato i rivali costringendoli, con una progressione da passista scalatore , se si vuole usare una metafora ciclistica , alla resa già nel corso della terza frazione di gioco . La forbice si è allargata man mano inesorabilmente tra le due formazioni con Cassino che è rimasta sempre in completo controllo della gara , padrona del proprio destino e di quello delle sorti del match. E’ stata una affermazione ottenuta con la consapevolezza delle grandi squadre, portata a casa con grande autorità . La BPC Virtus Cassino, ha praticamente imposto la sua legge a partire dal secondo quarto su un campo complicatissimo come quello del Pala Mangano. Una grande prova di maturità per la squadra della città martire, che dimostra di essere consapevole della propria forza e soprattutto ha dimostrato di aver tenuto botta , dal punto di vista mentale , all’affermazione con la prima della classe , Eurobasket , di ormai 20 giorni fa e di non essere rimasta irretita dalla sosta pasquale e di continuare imperterrita la sua marcia da grande protagonista. Coach Vettese parte subito con il quintetto classico : Lovatti , Grilli , Dri , Castelluccia e Ianes . Quintetto di partenza della Cesarano di coach Iovino composto da Di Capua, Sergio, Mlinar, Carrichiello e il neo acquisto Forte. Cassino è già sul pezzo , fin dall’avvio , e piazza un 0-5 prima di subire il sorpasso campano ad opera di Di Capua. Dopo 5’ di gioco il risultato è sul 10-9 per la Cesarano. La prima frazione prosegue sul filo dell’equilibrio con triple a segno da parte di entrambe le squadre, che vanno al primo riposo sul 20-18. Non prima di aver assistito nell’ultimo minuto a una tripla di Carrichiello e poi ad una conclusione ravvicinata di Biagio Sergio. Inframmezzata però dalla caparbia reazione di un Cassino che non demorde anche se privo di Ianes, in panca per aver commesso già due falli. Gli uomini di Vettese restano incollati ai padroni di casa , il primo quarto si chiude con Scafati in vantaggio come detto per 20 a 18. Resterà l’unico parziale a favore dei padroni di casa . Nel secondo periodo Cassino passa avanti grazie a un break di 11 a 2 e in seguito si affida alla buona vena di Dri per ampliare il distacco della rivale di giornata. Il marine cassinate con le sue incursioni procura il vantaggio cassinate ,25-31 a 5’35’’ dalla pausa lunga . Carrizo piazza una tripla dall’angolo che fa calare il silenzio nel Palamangano: i gialloblù padroni di casa non riescono a farsi sotto . Entra Malick per Iovino. E proprio lui, a 1’50’’ dal termine del quarto a portare la squadra sul -6. Cassino però non è in vena di disattenzioni e soprattutto di regali e mette a segno ancora punti importanti, soprattutto con il sempre più ispirato Dri che porta i laziali sul momentaneo +10. Saranno due tiri liberi di Biagio Sergio a concretizzare il 32-40. Dopo un canestro di Di Capua, sulla sirena ancora il numero 33 ospite, questa volta da 3, ferma il risultato sul 34-43 per Cassino. Al ritorno in campo si erge a protagonista Grilli, che fa arrivare il vantaggio dei suoi a un rassicurante +15, ben gestito dai rossoblu fino all’ultimo riposo. I minuti passano, e gli uomini di coach Iovino non riescono a risalire la china. Il tecnico chiama timeout. Al ritorno in campo Di Capua guadagno un fallo e realizza due tiri liberi su due. Il risultato è sul 38-52 per gli ospiti e mancano 4’30’’ alla fine del quarto. Si procede con un testa a testa emozionante fino al termine dei terzi 10 minuti di gioco . Allorquando il redivivo Lovatti , ancora sulla sirena, piazza una tripla devastante per le aspirazioni dei padroni di casa . La frazione termina sul 47-61 per gli ospiti rossoblù della BPC Virtus Cassino . Nell’ultimo quarto la Cesarano prova timidamente a rifarsi sotto ma ancora Lovatti e poi Liburdi aggiornano il massimo vantaggio a +20 . Cassino continua la sua cavalcata. Per un attimo i campani sembrano rosicchiare qualcosa ma coach Vettese è attento anche se costretto a chiamare time out per parlarci sopra. Passano i minuti e gli ospiti non abbassano mai il livello della propria performance soprattutto mentale. Grinta e cuore sono gli ingredienti che gli uomini di Coach Iovino mettono sul parquet nel tentativo di recuperare . Ma gli avversari sono incontenibili e cinicamente continuano a segnare. A 3’37’’ dal termine della sfida è +14 per Cassino (59-73). Un ottimo Biagio Sergio, tra i migliori dei suoi, realizza un altro punto dalla lunetta. Il destino della gara però non cambia con i rossoblù che alla fine possono esultare sotto lo spicchio di tribuna dove esultano festanti i sostenitori cassinati . “Siamo stati bravi e concentrati fino al 40esimo “ afferma raggiante a fine gara coach Vettese “ ma non abbiamo fatto nulla . adesso ci aspetta una gara difficilissima come quella con Empoli e noi non dobbiamo distrarci nemmeno per un attimo . Il nostro destino è nelle nostre mani e dobbiamo indirizzarlo secondo i nostri desideri . Perciò testa bassa e pedalare fino al traguardo “ conclude il coach cassinate

Cesarano Scafati – BPC Virtus Cassino 60-81 Parziali 20-18, 14-25, 13-18, 13-20

Cesarano Scafati: Seguenti Monacelli 3 (1/3 da tre), Di Capua 11 (3/8, 1/5), Mlinar 8 (4/7 da due), Carrichiello 17 (6/17, 1/4), Malpede 4 (1/2, 0/1), Sergio 15 (2/4, 1/5) N.E.: Cucco All.Iovino Tiri Liberi: 14/20 – Rimbalzi: 31 21+10 (Sergio 12) – Assist: 10 (Sergio 5) – Cinque Falli: Carrichiello

BPC Virtus Cassino: Grilli 14 (1/5, 2/4), Castelluccia 9 (3/6 da tre), Ausiello 5 (1/3 da tre), Ianes 8 (4/8 da due), Carrizo 15 (2/4, 3/5), Lovatti 8 (1/3, 2/4), Dri 16 (4/7, 2/3), Liburdi 6 (2/4 da due) All.Vettese Tiri Liberi: 14/16 – Rimbalzi: 42 34+8 (Dri 10) – Assist: 18 (Carrizo 6)

5 aprile 2016 0

Basket serie C: Risveglio di Civitavecchia, Sora cade nel finale

Di redazionecassino1

Al Pala Panico va’ in scena la sfida ad alta quota tra i padroni di casa della Fravil-Expert Lucarelli NB Sora 2000 – in striscia positiva da due gare – e la Cestistica Civitavecchia reduce dalla sconfitta interna con ilSan Paolo Ostiense ; la posta in palio è il mantenimento della seconda posizione in solitaria da parte dei padroni di casa e il consolidamento della quarta piazza per i tirreni quindi motivazioni a mille e grande attesa per questo incrocio. Sora deve fare i conti con l’assenza, nel già ristretto roster, di De Santis assente per motivi personali , dalla parte opposta Bondi si coccola un rientrante Perin in un periodo di grazia. I quintetti: Pope, De Poppo, Fiorini G. Fiorini M. e Smith per i volsci mentre per Civitavecchia iniziano la contesa Perin, Compagnoni, Gianvincenzi, Billi e Rogani. Pope e Smith per un avvio a tinte biancocelesti , Civitavecchia replica con Bottone ma la Fravil-Expert mostra i denti e con Pope mette in piedi il break che la fa volare a +4 (8-4); l’assenza di De Santis e il buono impiego di De Pippo sembrano non influire – ma rivitalizzare a tratti – i sorani che chiudono 18-16 la frazione iniziale. Un canestro di Billi (Civitavecchia) apre le danze del secondo periodo ma la squadra di Bifera mantiene le distanze con la bomba da tre di capitan Fiorini M. (21-18), Civitavecchia cerca di sfruttare i centimetri di Billi e Rogani ma sono le difese ad avere sempre la meglio. La difesa locale viene presa di mira dal duo arbitrale che già nei primi minuti del periodo fa gravare Fiorini M. con 2 falli e Pope con 3 costringendo coach Bifera a richiamarli in panchina. Intanto la gara talmente equilibrata vede un batti e ribatti tra le compagini. Per il Sora si distingue il giovane De Pippo che con la sua caparbieria riesce a distanziare gli ospiti sul + 4(30-26). Gianvincenzi riesce a bucare la difesa biancoceleste a pochi secondi dalla fine. Pope, unico dei suoi che vede il canestro e permette ai padroni di casa di entrare negli spogliatoi avanti per 38-35. Inizia il terzo periodo con le formazioni abbastanza tese, complice l’equilibrio che vigila in campo anche quando Alfarano firma il nuovo +1 e Compagnoni sbaglia i liberi per un possibile +3 per la Cestistica. La NB Sora si rifà vedere e si porta in vantaggio con Smith e un bel canestro di Giorgio Fiorini. De Pippo e Pope soffrono ma la spuntano nel pitturato mentre Fiorni M., innervosito dai cospicui falli non fischiati, si vede attribuire un tecnico. Ma proprio questa decisione arbitrale fa sì che Sora non si spenga ma anzi, nell’ ultimo 1’45”, guidata da Smith, fissi un parziale di 7-2 per il 61-53 all’ultima pausa. Marco Fiorini dai 6,75 per l’avvio del parziale finale ma Perin replica con 4 punti di fila riavvicinando il Civitavecchia (64-63), Roberti e Compagnoni e il solito Perin hanno le mani calde e gli ospiti mettono la freccia (66-70) quando si entra nei 4′ finali. Quando la gara vede cambiar padrone ecco la sterile reazione della NB Sora che trova in Pope e Smith gli unici realizzatori dei 9 punti dell’ultimo periodo. Ospiti che vanno a segno con facilità e Del Buono con una tripla spegne tutte le speranze biancocelesti per recuperare, complice anche la sfortuna che ha visto sbattere sul secondo ferro un tiro dalla distanza di Giorgio Fiorini per l’ipotetico pareggio che avrebbe potuto quantomeno portare Sora ai supplementari. Peccato. Molta l’amarezza tra le file biancocelesti che vedono la formazione di casa capitolare per la terza volta in casa e vedono la Tiber raggiungerli a 36 punti in classifica, ma in realtà superarli per differenza canestri. Appuntamento ancora più difficile quello di sabato prossimo alle 19:30 contro la capolista Vis Nova, in cui i ragazzi di coach Bifera sono chiamati ad una prova di forza per cercare di riprendere il secondo posto e chiudere al meglio regular season. RISULTATO FINALE: SORA 70- CIVITAVECCHIA 73 Parziali: 18-16 / 20-19 / 23-18 / 9-20 N.B. Sora 2000: Pope 29, Reali 0, Alonzi n.e., De Pippo 13, Smith 18, Fiorini G. 3, Fiorini M. 7, Iannarilli 0, Testa n.e.; Coach: Bifera Cest. Civitavecchia: Perin 23, Del Buono 3, Compagnoni 5, Roberti 4, Gianvincenzi 10, Bottone n.e., Alfarano 12, Billi 10, Rogani 6, Bencini n.e., Profumo n.e.; Coach: Bondi