Giorno: 23 maggio 2016

23 maggio 2016 0

Barca a vela alla deriva, diportisti salvati dalla Guardia Costiera di Gaeta

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Gaeta – Nel tardo pomeriggio, la Guardia Costiera di Gaeta è intervenuta a circa 4 miglia da Punta dello Stendardo di Gaeta per prestare soccorso ad una imbarcazione da diporto a vela. La motovedetta ha raggiunto l’unità da diporto che si trovava in difficoltà dovuta al fatto che la vela era finita nell’elica a causa del forte vento.

La sala operativa della Guardia Costiera, infatti ha raccolto un mayday da parte di due diportisti, originari di Roma, (63 e 64 anni), che nel manovrare la vela non erano riusciti, a causa delle condizioni meteo marine difficoltose, a governarla.

La vela, caduta in mare, è finita nell’elica, lasciando così l’imbarcazione in balia del mare.

La motovedetta CP 308, già impegnata per altra attività operativa, ha raggiunto l’imbarcazione  di 12 metri e dopo aver rassicurato i due occupanti la assisteva, fino al suo ormeggio alla banchina Caboto. In zona intervenivano in supporto anche la motovedetta della Guardia Costiera di Gaeta CP 834 e ad un gommone dei Vigili del Fuoco.

I due occupanti, sebbene scossi non hanno avuto bisogno di assistenza sanitaria.

“Si raccomanda a tutte le unità navali la massima prudenza – si legge in un nota della capitaneria di Porto – e di informarsi, prima di uscire in mare, sulle condizioni meteo per evitare di trovarsi ad affrontare situazioni di difficoltà in mare”.

23 maggio 2016 0

Grave incidente stradale ad Esperia, tre adolescenti feriti con Minicar. Grave 13enne

Di admin

Esperia – Grave incidente stradale, nel pomeriggio di oggi, sulla provinciale Badia a Badia di Esperia. A rimanere gravemente feriti sono tre adolescenti di età compresa tra i 13 e i 15 anni di cui due fratelli.

I giovanissimi viaggiavano su una Minicar quando per cause ancora al vaglio dei carabinieri si sono schiantati contro il guard-rail.

Un incidente autonomo ma che ha causato il grave ferimento di tutti e tre i giovanissimi e, in particolare di uno dei due fratelli. Il 13enne in gravi condizioni  è stato elitrasportato a Roma. Gli altri due, in codice giallo, sono stati trasportati in ospedale a Cassino. I carabinieri della compagnia di Pontecorvo comandati dal capitano Imbratta e coordinati sul campo dal tenente D’Elisa accerteranno anche il motivo per il quale i tre fossero su un mezzo omologato per il trasporto di due persone.

Er. Amedei

23 maggio 2016 0

Quattrocento studenti di Frosinone in tribunale per discutere di legalità e giustizia

Di admin

Frosinone – Un incontro tra legalità, giustizia e gli studenti del territorio di Frosinone proprio nei luoghi in cui giustizia e legalità vengono amministrate: il tribunale. E’ quanto avvenuto sabato scorso nel Palazzo di Giustizia di Frosinone, protagonisti quasi quattrocento studenti dell’ultimo anno delle Scuole secondarie di secondo grado di Frosinone. Una media di sessanta studenti per istituzione scolastica che con grande attenzione hanno ascoltato i protagonisti della giustizia – i Magistrati del Tribunale e della Procura della Repubblica di Frosinone – rispondere alle domande elaborate da loro stessi, nel corso di discussioni e dibattiti avvenuti in classe alla presenza dei loro docenti,in questi ultimi mesi di attività didattica.

Una giornata, quella del 21 maggio scorso, che ha preso le mosse con il saluto della dott.ssa Emilia Zarrilli, Prefetto di Frosinone rivolto a tutti i partecipanti e seguito dall’intervento del Procuratore della Repubblica, Dott. Giuseppe De Falco e dal benvenuto dei rappresentanti della sottosezione di Frosinone dell’Associazione Nazionale Magistrati, il dott. Massimo Lisi e la dott.ssa Caracuzzo, alla presenza del Vicario dell’Ufficio scolastico di Frosinone, dott. Pierino Malandrucco.

Profonda la sensibilità mostrata, anche in questa occasione, dalle Scuole del territorio, ossia dall’I.I.S. ‘N. Turriziani’, dall’I.I.S. ‘A. Volta’, dall’I.I.S. ‘Brunelleschi – da Vinci’, dal Liceo Scientifico ‘F. Severi’, dall’I.I.S. ‘A.G. Bragaglia’ e dall’I.I.S. ‘L. Angeloni’, che condividendo pienamente gli obiettivi della manifestazione, hanno partecipato attivamente alla piena riuscita dell’iniziativa. Non solo prendendo parte agli incontri ed ai dibattiti che nelle Aule di udienza del primo piano del Palazzo di Giustizia, i Magistrati hanno animato dibattendo tematiche e curiosità con i gruppi di studenti accompagnati dai docenti referenti per la Legalità delle singole Scuole, ma da vere protagoniste – come hanno fatto l’I.I.S. ‘L. Angeloni’ e l’I.I.S. ‘A.G. Bragaglia’-  esponendo i lavori dei propri studenti nell’atrio del Tribunale, realizzati con le più disparate modalità espressive: pittura, grafica, scrittura, moda, e altro.

Gli studenti, i docenti ed i dirigenti scolastici – spendendo parole di elogio per le attività messe in campo già dallo scorso anno con tali esercizi di legalità – auspicano incontri sempre più ravvicinati con gli operatori della giustizia, sia nelle aule di Tribunale che nelle aule scolastiche, sia in incontri formali che in occasioni non strutturate, al fine di annodare forti e costruttivi  legamiper costruire una società più libera e più giusta.

23 maggio 2016 0

A quattro secoli dalla sua morte, Shakespeare rivive nel bosco incantato di Collepardo

Di admin

Collepardo – E’ una notte magica in un bosco incantato, con alberi secolari, arbusti aromatici e caverne piene di mistero, atmosfere da sogno, musiche e suoni evocativi, su cui domina il potere sublime della parola. Ammaliati dalla suggestione fiabesca del luogo e dall’amore per il bardo inglese, nell’anno del quattrocentesimo anniversario della morte di William Shakespeare, un gruppo di insegnanti  ha coinvolto attori, musicisti, cantautori, registi, giornalisti, studiosi ed appassionati per rievocare le figure, animare le scene, discutere e dibattere sui temi, riprendere i fili, tessere le trame di una riflessione, elaborare e ricreare la tensione drammatica delle opere del più grande drammaturgo, provare le passioni sentite dai personaggi, farsi catturare dalla musicalità e dalla maestria del suo verso, per una manifestazione che riassume l’universo scespiriano.

All’Adventure Camp Resort di Collepardo, venerdì 27 maggio, a partire dalle ore 17.00 con possibilità anche di cenare sul posto (prenotazione obbligatoria al num.3381625330) , vi aspetteranno, in rigoroso ordine di apparizione:  Marco Angelilli, il laboratorio teatrale del Liceo Pietrobono di Alatri, Alessandro Gebbia, Cecilia Nocella, Jomade Trio, Lorenzo Latini, Federico Palladini, Francesco Piccirilli, Damiana Leone, Luciano D’Abbruzzo, Alessio Marzilli. Non solo loro, sono graditi ed apprezzati gli interventi spontanei del pubblico. L’evento è aperto a tutti. Motore dell’iniziativa e riferimento per ulteriori informazioni è il gruppo LEND Lingue e Nuova Didattica di Frosinone.

Per informazioni : lendfrosinone@libero.it, tel. 338 1143201  3391808824.

 

PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE

ore 17.00 – 17.10 : benvenuto e presentazione a cura di LEND Frosinone

ore 17.10-17.30: “Shakespeare on stage” di Marco Angelilli, regista e insegnante di teatro

ore 17.30-17.45: “ M.S.N.D, artigiani ed elfi nel bosco incantato” Laboratorio teatrale del Liceo Pietrobono di Alatri

ore 17.45-18.15: “Shakespeare e il nuovo mondo: nuove ipotesi ed interpretazioni” Alessandro Gerbia, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”

ore 18.15-18.30: “Lettura da Twelfth Night e As you like It” Cecilia Nocella, attrice e regista

ore 18.20-19.00: “Musiche rinascimentali nel bosco” Jomade Trio

ore 19.00-19.15: “Macbeth: analisi psicologia attraverso sogni e apparizione” Lorenzo Latini, giornalista

ore 19.15-19.30: “Canzoni” Federico Palladini, musicista

ore 19.30-19.45: “Shakespeare nella letteratura dell’infanzia”Francesco Piccirilli, docente di inglese

ore 19.45-20.00: “I Sonetti” Damiana Leone, attrice e regista

ore 20.00 -20.15: “Il guardiano del bosco” Luciano D’Abbruzzo, cantautore

ore 20.15-20.30: “Letture da Hamlet” ART

ore 20.30: proiezione del video “Ophelia” di Alessio Marzilli

Seguiranno letture ed interventi spontanei da parte dei presenti

23 maggio 2016 0

Dito mozzato da motesega, 50enne in ospedale a Cassino

Di admin

Cassino – Un taglio netto di motosega e l’anulare della mano destra non c’è più.

A perdere il dito mentre lavorava a casa è stato un uomo di circa 50 anni che poco fa è arrivato al pronto soccorso di Cassino, trasportato da parenti, con la mano fasciata.

I medici lo hanno immediatamente medicato e sottoposto alle prime cure ma pare che non vi sia possibilità di riattaccare il dito perché lo stesso è rimasto sul luogo dell’incidente. Si sta comunque valutando la possibilità di trasferirlo a Roma .

Er. Amedei

23 maggio 2016 0

Omicidio a Latina, uccide la moglie nel letto con un colpo di pistola

Di admin

Latina – Omicidio Latina. Hanno trovato lei morta sul letto, attinta da un colpo di arma da fuoco e lui su un divano in stato di shock. L’omicidio è avvenuto ieri sera poco prima delle 22 nella centralissima via Pisacane a Latina.

Ernesto Cardosi, 72 anni e Anna Recalcati 69 anni non rispondevano più alle insistenti telefonate del figlio, ed è stato proprio lui a recarsi nel loro appartamento e scoprire la tragedia. Per la donna non c’era più nulla da fare.

Il marito le aveva sparato con una pistola che deteneva regolarmente. Poi lui è stato portato in ospedale da dove, però, è stato dimesso dopo poche ore e arrestato per omicidio dai carabinieri della compagnia di Latina che stanno indagando sull’episodio per scoprire i motivi di tanta violenza. L’autopsia darà risposte anche in merito a possibili maltrattamenti o violenze subite in precedenza dalla donna.

 

23 maggio 2016 0

Italians Out, la pensione sociale dall’Inps ma risiedevano all’estero, maxi truffa da 16 milioni

Di admin

Lazio – Quarantotto persone nel Lazio sono coinvolte in una vasta operazione svolta dalla guardia di Finanza in tutta Italia per aver percepito indebitamente la pensione sociale erogata dall’Inps. Il danno arrecato dai laziali all’istituto di previdenza sociale ammonterebbe ad un milione 613mila euro circa dei totali 16, 5 milioni di euro frutto della truffa complessiva a livello nazionale che conta, tra le varie regioni, 517 soggetti indagati. A svolgere le indagini è stata la Guardia di Finanza e l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale. Il Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie del Corpo ha sviluppato, sulla base dei dati forniti dall’I.N.P.S., un’analisi di rischio e coordinato una complessa attività investigativa, denominata “Italians Out”, che ha portato all’individuazione ed interruzione di un diffuso sistema di percezione indebita dell’assegno sociale (già pensione sociale). L’attività è stata condotta sull’intero territorio nazionale ed ha permesso di scovare centinaia di cittadini italiani che, successivamente all’ottenimento dell’assegno sociale, si erano trasferiti all’estero non rispettando pertanto il requisito essenziale della stabile residenza e continuando a riscuotere illecitamente l’emolumento assistenziale attraverso l’accredito su conto corrente oppure tornando, saltuariamente, in Italia al solo scopo di ritirare le somme allo sportello. Sono stati così tutti denunciati all’Autorità Giudiziaria per il reato di truffa continuata ai danni dello Stato e della collettività. L’operazione ha riguardato 19 regioni e 81 province e i controlli sono stati eseguiti dai Reparti della Guardia di Finanza territorialmente competenti. L’azione ha permesso di accertare 511 casi irregolari; denunciare all’Autorità Giudiziaria 517 soggetti; constatare l’indebita percezione di emolumenti per oltre 16,5 milioni di euro. Ma dato ancora più rilevante: oltre all’avvio del recupero di quanto indebitamente percepito dai soggetti responsabili, l’attività consentirà un risparmio alla casse dello Stato pari a circa 3 milioni di euro annui per i prossimi esercizi. Di seguito le Regioni dove sono stati riscontrati i maggiori picchi di irregolarità: Sicilia: indebita percezione di emolumenti pari ad € 3.761.647,12; n. 123 soggetti denunciati alla magistratura ordinaria a seguito dell’accertamento di n. 115 posizioni irregolari; Campania: indebita percezione di emolumenti pari ad € 3.441.686,37; n. 98 soggetti denunciati alla magistratura ordinaria a seguito dell’accertamento di n. 96 posizioni irregolari; Calabria: indebita percezione di emolumenti pari ad € 2.392.214,75; n. 75 soggetti denunciati alla magistratura ordinaria a seguito dell’accertamento di n. 69 posizioni irregolari; Lazio: indebita percezione di emolumenti pari ad € 1.612.929,49; n. 48 soggetti denunciati alla magistratura ordinaria a seguito dell’accertamento di n. 57 posizioni irregolari; Puglia: indebita percezione di emolumenti pari ad € 904.495,48; n. 29 soggetti denunciati alla magistratura ordinaria a seguito dell’accertamento di n. 27 posizioni irregolari; Abruzzo: indebita percezione di emolumenti pari ad € 837.847,90; n. 32 soggetti denunciati alla magistratura ordinaria a seguito dell’accertamento di n. 34 posizioni irregolari; Umbria: indebita percezione di emolumenti pari ad € 553.186,60; n. 9 soggetti denunciati alla magistratura ordinaria a seguito dell’accertamento di n. 11 posizioni irregolari.