Giorno: 10 novembre 2016

10 novembre 2016 0

Arrestato un pensionato di Cervaro, in garage aveva un arsenale di residuati bellici

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cervaro – Un vero e proprio arsenale di armi e munizioni risalenti al 2° Conflitto Mondiale, quello ritrovato, a Cervaro, nel garage di un pensionato, dai Carabinieri della locale stazione coadiuvati dai colleghi di Picinisco. La scoperta è avvenuta nell’ambito dei controlli e dei servizi predisposti dal Comando Compagnia Carabinieri di Cassino, coordinati dal Comando Provinciale di Frosinone, circa la regolare custodia delle armi e delle munizioni detenute da persone titolari di nulla osta e/o porto d’armi uso caccia. Nell’ambito di tale attività a Cervaro i militari dell’Arma hanno tratto in arresto il pensionato, in possesso di un nulla osta alla detenzione di armi comuni da sparo, ma nella flagranza dei reati di “Detenzione illegale di armi, munizionamento bellico e parti di esse nonché di detenzione illegale di parti di arma comune da sparo e ricettazione”. Durante la perquisizione domiciliare eseguita dai Carabinieri di Cervaro e Picinisco presso l’abitazione del suddetto venivano rinvenute, occultate all’interno di un garage, una bomba a mano inertizzata mediante una perforazione laterale, tre baionette di varia lunghezza, un caricatore da mitragliatrice a più di trenta colpi, la parte ogivale di un proiettile, una pistola lanciarazzi, quattro canne per armi lunghe di vario calibro e 768 ogive, integre, per munizionamento da guerra, illegalmente detenute e risalenti al secondo conflitto mondiale nonché, una doppia canna per fucile calibro 12, per armi comuni da sparo, priva di matricola che il pensionato non aveva denunciato all’Autorità di PS. L’interessato dichiarava di essere appassionato di residuati bellici e per tale motivo aveva negli anni raccolti tali cimeli. Quanto rinvenuto veniva sottoposto a sequestro. Stante la flagranza il pensionato veniva tratto in arresto e, dopo le formalità di rito, ristretto in regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa della convalida, come disposto dall’A.G..

10 novembre 2016 0

Cassino – Via Vaglie, il sindaco firma ordinanza sgombero 

Di Antonio Nardelli

Il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro ha predisposto questa mattina l’ordinanza contingibile e urgente di sgombero delle tre unità abitative poste al 1° e al 2° piano di Via Vaglie 76 in Cassino. “Un provvedimento doveroso, soprattutto per le persone che al momento soggiornano negli edifici visto e considerato che per gli immobili sopraindicati non risultano rilasciati certificati di agibilità/abitabilità ai sensi degli art. 24-25 del D.P.R 380/2001 e non risultano depositati altresì certificati di conformità degli impianti elettrici, idraulici, attestazione di prestazione energetica. – ha detto il primo cittadino – Inoltre a  seguito di accertamento d’ufficio presso il Settore 5° del Comune di Cassino Sviluppo e qualità urbana – Servizio Ambiente e patrimonio, sugli immobili, non risulta alcuna istanza per il rilascio di autorizzazione agli scarichi delle acque reflue per le abitazioni non allacciate alla rete fognaria. La situazione di precarietà degli impianti elettrici e più specificatamente accertato il mancato allaccio della corrente elettrica, riscontrata in data 7 novembre 2016 durante un’ispezione eseguita dalle forze di Polizia municipale unitamente al sottoscritto, costituisce pericolo per l’incolumità e per la salute degli 87 (ottantasette) richiedenti asilo politico. Il venir meno delle condizioni igienico-sanitarie e di salubrità dei locali, nonché di sicurezza degli impianti, può determinare, a tutela dell’incolumità degli individui e delle preminenti esigenze di sanità e sicurezza pubblica, mi ha indotto, dopo aver sentito anche parere dell’assessore alla sicurezza, Carmelo Palombo e tutti la squadra di governo, ad avviare le procedure di sgombero coatto e chiusura degli stessi locali. Occorre anche sottolineare che a norma del D.M 5 luglio 1975 (GU 18/07/1975 n. 190) art.2 non sono soddisfatti i requisiti minimi della superficie abitabile e delle superfici minime in ordine alle destinazioni d’uso dei locali. Siamo stati costretti ad adottare questo provvedimento per tutelare tutte le persone che al momento soggiornano nelle strutture di via Vaglia. Sarò ripetitivo ma voglio precisare ancora che la nostra città vuole fare la sua parte in termini di accoglienza, ma soltanto nel pieno rispetto delle regole e dei criteri menzionati nella normativa vigente”. Il provvedimento del primo cittadino, prevede lo sgombero entro 48 ore dalla notifica della ordinanza, di persone, animali e cose, degli immobili ubicati in Cassino in Via Vaglie precisando che, in caso di non ottemperanza si procederà alla denuncia all’Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 650 c.p. ed all’avvio delle procedure coattive.

Si avverte altresì che eventuali danni a persone o cose, derivanti dal mancato rispetto del presente provvedimento, saranno a carico del destinatario del presente atto che ne risponderanno in via civile, penale ed amministrativa. Qualora lo sgombero non venga effettuato nei tempi previsti, si interverrà coattivamente con diritto di rivalsa per le spese sostenute sui proprietari delle tre unità immobiliari oggetto della presente ordinanza; L’osservanza e la verifica della presente Ordinanza da parte della Locale Polizia Municipale, delle Forze dell’ordine, del Dipartimento Prevenzione U.O. Igiene e Sanità del distretto “D” di Cassino. A sensi delle Leggi 241/90. Il provvedimento è stato notificato a tutti gli attori interessati alla vicenda e alle forze dell’ordine e alla Prefettura.

10 novembre 2016 0

Ad Ausonia la Sottosezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri (Anc)

Di admin

Ausonia – Sabato 12 novembre ad Ausonia sarà inaugurata la sottosezione dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

La cerimonia prevede alle 9 il raduno dei partecipanti al monumento ai caduti, con deposizione della corona dall’alloro. Sarà suonato Il Piave e Il Silenzio d’ordinanza dal trombettiere ufficiale dell’associazione.

Poi il corteo proseguirà in direzione chiesa di San Michele dove sarà officiata la santa messa dal reverendo Don Salomone. Dopo la celebrazione sarà intonata la Virgo Fidelis, santa padrona dell’Arma, dal coro polifonico della città di Ausonia.

A seguire ci sarà l’alzabandiera sul punto più alto del comune di Ausonia, sulla parte superiore del castello con l’inno nazionale.

La cerimonia continuerà con l’inaugurazione dei nuovi locali all’interno dell’ex casa comunale, rimessi a nuovo e dati alla associazione nazionale carabinieri, sottosezione di Ausonia.

Prima dell’inaugurazione ci saranno gli interventi delle massime cariche istituzionali provinciali e dei sindaci dei comuni limitrofi. Il fiduciario Roberto Pontarelli “esprime grande soddisfazione per l’apertura di questa sede dell’associazione, finalmente raggiungiamo un obbiettivo che ci eravamo prefissi due anni fa quando abbiamo iniziato questa avventura, voglio ringraziare l’amministrazione comunale di ausonia per i locali e tutti gli iscritti e simpatizzanti”.

10 novembre 2016 0

Allarme cattivo odore a Colfelice, tecnici Arpa Lazio al lavoro

Di admin

Colfelice – Un forte odore nauseabondo, più di quello a cui sono abituati, ha allarmato a Colfelice i residenti che abitano nella zona dell’impianto di lavorazione rifiuti della Saf.

Sul posto sono arrivati gli uomini della polizia Provinciale di Frosinone e i carabinieri che hanno riscontrato la veridicità del fatto anche se, al loro arrivo, i residenti hanno riferito che l’odore si era attenuato di molto.

Per questo sono stati allertati anche i tecnici dell’Arpa Lazio perché effettuassero dei campionamenti da esaminare e trovare eventuali responsabilità al fenomeno.

Ermanno Amedei

10 novembre 2016 0

Feto ritrovato nelle fogne, aborto con farmaco per ulcera

Di admin

Ferentino – Era lungo circa 20 centimetri e quando l’operaio lo ha tolto dalla conduttura fognaria, ha pensato che fosse un rifiuto contenuto in una busta di plastica.

Ha scoperto dopo con orrore, che era un bambini avvolto nella placenta la cui gravidanza era stata interrotta più o meno, al quarto mese.

I primi ad arrivare sul posto sono stati gli uomini della squadra volanti della polizia diretti dal vice questore Giuseppe Di Franco. Hanno verificato la gravità della cosa e ben presto sono stati affiancati dai loro colleghi della Squadra Mobile diretta dal vice questore Carlo Bianchi.

Le indagini sono arrivate alla ragazza, la 20enne rumena che, secondo una prima ricostruzione, avrebbe abortito usando un farmaco destinato alla cura dell’ulcera ma noto soprattutto perché provoca aborto in donne in stato di gravidanza.

Nell’appartamento in cui la donna vive è stato ritrovato anche un biglietto di prenotazione presso un consultorio di Frosinone che rafforza l’ipotesi che fosse proprio la giovane donna ad aver abortito ma l’esame del dna non lascerà dubbi.

Le ipotesi in campo vanno dall’interruzione volontaria della gravidanza senza l’assistenza medica, che prevede la pena della reclusione fino a 6 mesi, all’induzione all’aborto, punita con la pena della reclusione fino a 3 anni.

10 novembre 2016 0

Terremoto: L’Abate di Montecassino e il sindaco D’Alessandro a Norcia

Di redazionecassino1

L’ABATE DI MONTECASSINO E IL SINDACO D’ALESSANDRO A NORCIA

Il Sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro, insieme all’Abate di Montecassino Dom Donato Ogliari e Dom Luigi Di Bussolo si sono recati, questa mattina, a Norcia per esprimere la vicinanza della nostra comunità al sindaco, Nicola Alemanno e a tutti i cittadini di Norcia. Città colpita in modo violento dallo sciame sismico che sta imperversando nel Centro Italia e gemellata con la città martire nel nome di San Benedetto. “Una grande commozione ci ha pervaso nel vedere la città segnata dal terremoto. – ha detto il primo cittadino, D’Alessandro – Non è facile reggere la vista delle strade deserte e del patrimonio artistico e religioso così fortemente compromesso. Norcia sta reagendo, e noi tutti, ciascuno come può, non faremo mancare il nostro sostegno a questa popolazione. Quello tra cassino e Norcia è un rapporto nato secoli fa quando San Benedetto partì dalla sua terra natale per affrontare il viaggio che lo avrebbe portato a fondare a Montecassino quello che sarebbe diventato il Monachesimo occidentale, radice della Comunità europea. Oggi come secoli fa quel legame con la città di Norcia è forte e in questo momento di difficoltà lo è più che mai. I cassinati saranno al fianco della comunità norcina e aiuteranno questo splendido posto a ripartire verso un futuro migliore, ma con l’obiettivo di recuperare le radici di un passato glorioso. Il lavoro da fare è tanto ma come ci insegna San Benedetto è tempo di darsi da fare tutti insieme”. Ha concluso il sindaco del comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro

10 novembre 2016 0

Pallamano/A2: La storia si ripete, Cus Cassino Gaeta sconfitta dalla Lazio ai rigori

Di redazionecassino1

La gara ripetuta contro la Lazio per decisione del giudice sportivo a seguito di errore arbitrale, ha avuto lo stesso epilogo e con rammarico per i gaetani,ad avere la meglio sono stati i laziali e nuovamente alla lotteria dei rigori in cui hanno pesato gli errori di Capomaccio,Uglietta e Pantanella. Passando alla cronaca del match, a siglare la prima rete sono gli ospiti di coach Langiano con Mariani che sigla dopo 32 secondi l’1-0. Ma i gaetani prima pareggiano immediatamente con capitan Capomaccio e poi grazie alle parate di un D’Ovidio in giornata di grazia, riescono ad allungare ed aumentare il passivo fino al +4 portandosi sul 6-2 grazie alle reti di Uranga,Mitrano e Valente. Gli ospiti accorciano fino al 7-5 a seguito di errori di troppo dei gaetani al tiro ma la gestione del vantaggio è ottimale e dalle parti di D’Ovidio non si passa,la difesa è compatta e la prima frazione si chiude sul 14-10 per i padroni di casa. Al rientro i gaetani sono ben concentrati e sembrano poter continuare a gestire il vantaggio ma il duo Mucci-Mariani risponde colpo su colpo, gli errori in centrifuga dei gaetani fanno il resto ed a questo punto i biancocelesti prendono fiducia e attuano un passivo di 6-2 fino a raggiungere il primo pareggio del match sul 16-16. Da qui la gara sale di agonismo, di tensione ed i giovani gaetani non sono cinici sotto porta permettendo ai laziali di rimanere sempre in partita e nonostante le numerose parate dell’estremo difensore D’Ovidio, alla sirena il risultato è fisso sul 24-24 con i gaetani che non riescono ad aapprofittare della superiorità numerica. Si andrà ai rigori così come nel match disputato prima di questa ripetizione. Alla lotteria dei rigori termina 3-2 per i laziali e pesano nuovamente ben 3 errori dalla linea di rigore con Capomaccio,Uglietta e Pantanella che si fanno ipnotizzare dall’estremo difensore laziale Mariani C. Rimane comunque il primo punto storico per i cussini di coach Antonio Viola per la prima volta in assoluto in un campionato nazionale di serie A2. A parlare è Lorenzo Uttaro,tra i migliori in campo e decisivo nei minuti finali di gara:”Siamo partiti molto bene all’inizio, il nostro portiere ha parato tantissimo,la difesa era compatta ed in attacco eravamo lucidi e decisi tanto che abbiamo chiuso in vantaggio. Poi nella ripresa hanno pesato i troppi errori in controfuga e non siamo stati capaci di cambiare il gioco in base alla loro difesa e non abbiamo attuato il gioco provato in allenamento quando marcano ad uomo il nostro straniero. Rimane il rammarico ma stiamo crescendo molto, noi giovani abbiamo ancora poca esperienza ma i senatori ci stanno aiutando molto e ci faremo trovare sempre più pronti ripagando loro e il mister che ci sta dando piena fiducia. Ora testa alla sfida di sabato contro il Putignano”. Cus Cassino Gaeta ’84 – Lazio 27-26 dopo tiri di rigore (14-10 p.t. / 24-24 s.t.) Cus Cassino Gaeta: D’Ovidio,Uglietta 1,Di Schino,Mitrano 5,Valente 3,Capomaccio 5,Ciano,Carbone,Uttaro 2,Pantanella 2,Monti A. 5,Monti R.,Bertolami,Uranga 3. All: Viola Antonio. Dirigenti: Di Liegro Luigi e Pantanella Felice. Medico: Magliozzi Francesco. Lazio: Carmen,Corrado 4,Sallicano 7,Manfrè 1,La Rosa,Mariani F. 7,Mucci 5,Pelone,La Rosa 3,Mariani C.

10 novembre 2016 0

Sgomberata dai carabinieri del Nas casa per anziani a Latina

Di admin

Latina – Con un decreto di sequestro esecutivo del tribunale di Latina, questa mattina i carabinieri del Nas insieme ai loro colleghi della territoriale, hanno chiuso una comunità di alloggio per anziani nel capoluogo pontino.

Il sequestro e relativa chiusura sono dovuti ad una inosservanza del provvedimento dell’autorità. Evidentemente alcune prescrizioni di irregolarità precedentemente fatte, non sono state soddisfatte.

Per questo, gli uomini del tenente Maurizio Santori, hanno sgomberato la struttura dai 13 anziani che ospitava e che sono stati ricollocati presso le famiglie di origine o altre strutture idonee.

 

10 novembre 2016 0

Volley serie D: I cassinati del Cus danno filo da torcere alla capolista ma tornano con una sconfitta

Di redazionecassino1

Quarta giornata per il campionato regionale di Serie D Maschile di Pallavolo e seconda trasferta per i ragazzi universitari del CUS Cassino Volley BPC. Le premesse per una partita emozionante erano ben chiare sia per i trascorsi, con i due team che nello scorso campionato si erano affrontati nell’ultimo impegno dell’anno per la conquista di un posto nei playoff, dal quale i cassinati uscirono come trionfatori assoluti, sia per la posizione in classifica in questo torneo, con i romani primi in classifica e i cassinati al secondo posto. L’avvio di gara degli ospiti cussini è di alto livello, con i padroni di casa che commettono diversi errori e mandano gli universitari in vantaggio per 5-2. Poi in campo cassinate c’è qualche attimo di imprecisione di troppo, con i capitolini che ritrovano prima il pareggio e poi la testa della frazione. I cassinati, però, non si lasciano intimidire, e riescono ad operare nuovamente il sorpasso, e poi resistono ai tentativi di rimonta del Roman Volley, tagliando per primi il traguardo dei 25 punti, con i romani fermi a 20, aggiudicandosi così il primo set. Nel secondo tempo di gioco le distrazioni, gli errori e le imprecisioni in entrambi i campi diventano quasi inesistenti, e così il punteggio resta costantemente in bilico, con i due team in campo che si controllano a vicenda e procedono punto a punto fino alla conclusione della frazione. Qui a decidere la contesa ci pensa un po’ la spinta del pubblico, e un po’ la bravura del libero di casa, che difende palloni impossibili e regala ai suoi compagni la possibilità di rigiocare un turno di gioco davvero insperato, con cui poi si concretizza il punto finale del 25-23, con il quale i romani vincono il parziale e riequilibrano il conto dei set vinti. Il terzo parziale vede i due sestetti tornare in campo decisi più che mai a riconquistare un vantaggio, e difatti in campo fioccano le azioni spettacolari, le difese maestose e i colpi di scena. Le due formazioni non ne vogliono sapere di tirare i remi in barca, non perdono un briciolo di concentrazione durante tutto il parziale e vanno avanti a spron battuto per tutta la durata del game. Si arriva in vista del traguardo con il punteggio ancora completamente in bilico, il 25-25 la dice lunga su quello che le due squadre stanno mettendo in campo, e il caloroso e numerosissimo pubblico presenta dimostra di apprezzare lo spettacolo. Il direttore di gara si rende protagonista ogni tanto con qualche chiamata strampalata, ma fortunatamente ciò non incide molto sul gioco, in quanto gli errori vengono equamente distribuiti in entrambi i campi. La tensione sportiva tuttavia è alle stelle, e con i due team che comunque dimostrano grande rispetto l’uno per l’altro, la vittoria del secondo parziale viene decisa da un buon muro dei locali, che riescono così ad agguantare il doppio vantaggio e chiudere i conti sul 27-25. Con i romani in vantaggio per 2-1 nel conto set, i cassinati si riversano in campo decisi a cercare il pareggio. La partenza dei capitolini è però bruciante, il CUS Cassino Volley BPC va in difficoltà e accusa 3 punti di distacco dai padroni di casa. Gli universitari hanno il merito di non abbattersi, continuano a costruire gioco e la loro costanza viene premiata con un bel recupero che permette a Pittiglio e compagni di scalare la vetta dello svantaggio e acciuffare il pareggio. Di qui in poi è nuovamente battaglia su tutti i fronti, con i cassinati che riescono addirittura a guadagnare un paio di lunghezze di vantaggio e conservarle fino alle battute finali. Nella parte conclusiva di questa quarta frazione, dopo l’ennesima decisione “creativa” da parte del fischietto del match e vista la grandissima tensione e concentrazione con cui stanno giocando i ragazzi in campo, l’opposto del Roman Volley perde la testa per un momento, proferisce qualche frase “fuori legge” al direttore di gara, la quale lo manda anzitempo negli spogliatoi. Il clima si surriscalda ancora di più, ma il tutto sfocia in una gara ancora più bella da vedere e da giocare. I romani, spinti da un tifo incredibilmente tenace e rumoroso, riescono a trovare il giusto momento per piazzare il break, ricuciono lo strappo di due punti e si affiancano ai cussini. Il finale di set è ancora una volta pirotecnico e ad alta tensione: i due team si superano in continuazione alla testa del match, e lo score in vista del finale è nuovamente bloccato sul 25-25. La chiave per uscire dallo stallo la ritrova anche in questa circostanza il sestetto di casa, che prima trova un mirabolante lungolinea su un attacco dell’opposto subentrato al titolare espulso, un colpo incredibile, indifendibile, che riesce poche volte nella vita, e poi stampa un muro sull’attacco dei cassinati, che devono quindi nuovamente cedere il parziale con lo score di 27-25 e lasciare spazio ai festeggiamenti romani, con i locali che fanno loro la gara grazie al 3-1 finale. Grandissima partita da parte di entrambe le formazioni in campo, un match che ha riempito di gioia e adrenalina gli occhi e il cuore sia dei ragazzi in campo, sia di tutto il pubblico presente nell’impianto, una gara difficile da dimenticare per la quale il risultato conta ma non così tanto. Prossimo appuntamento per il CUS Cassino Volley BPC sarà la gara casalinga che andrà in scena la Palasport Osvaldo Soriano di Atina alle ore 19.00 di Domenica 13 Novembre contro il team capitolino del Green Volley.

10 novembre 2016 0

Tutto pronto per la festa di San Martino a Piumarola

Di redazione

Tutto è pronto per la trentanovesima edizione della festa di San Martino in contrada Piumarola a Villa Santa Lucia. Le vie del paese si riempiranno di gente per festeggiare San Martino e soprattutto degustare ottime pietanze locali. L’appuntamento è per sabato 12 novembre a partire dalle ore 20.00. Ad organizzare la manifestazione, che di anno in anno cresce e riscuote tanto successo di partecipazione, l’associazione “Il Laghetto” con il patrocinio del comune di Villa Santa Lucia e la collaborazione delle associazioni “Io non perdo in memoria di Antonio Costa”, “L’Oca Selvaggia”, “la Combriccola” e “Proloco Villa Santa Lucia”. Su via delle Sorgenti e via San Giacomo Apostolo a Piumarola ci saranno tanti stand gastronomici dove saranno distribuite le gustose pietanze: pane e nutella per la festa della zucca, bruschette alla cimmarulese, tagliolini e fagioli alla zia Benedetta, penne all’oca selvaggia, capellini alla Antonione Grosso, pasta al sugo di Angus alla Tommaso e Tonino, pizza rossa alla Donato e Alessio, polenta alla Di Fiore, polenta alla Tarquinio, minestra a pane sotto alla Iannarelli, patate al sugo alla Solla, trippa alla Turcano, ciambelline al vino e tozzetti offerti dall’associazione io non perdo in memoria di Antonio Costa, frittelle alla Massimo e Carla, dolci vari offerti dalla Proloco di Villa Santa Lucia. Il tutto innaffiato da ottimo vino rosso locale. Ad animare la serata spettacolo musicale offerto da Emidio e la sua band con la partecipazione del maestro di ballo Leonardo Capuano e dei suoi allievi. N.C.