Giorno: 30 gennaio 2018

30 gennaio 2018 0

Cassinate: Molestie telefoniche, nei guai un 55enne e una 49enne

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I Carabinieri della Stazione di Cervaro, a conclusione di indagini, hanno deferito in stato di libertà, un 55enne residente nel cassinate, il reato di molestie a mezzo telefono. Gli operanti, dall’analisi dei tabulati telefonici, acquisivano inconfutabili elementi di reità a carico del predetto circa continue molestie telefoniche effettuate nei confronti di una 50enne di San Vittore del Lazio, allorquando quest’ultima si trovava sul luogo di lavoro. Nelle continue telefonate effettuate alla donna, il predetto cercava di metterla in guardia circa uno “stretto rapporto di amicizia” venutosi a creare tra il marito ed una sua collega di lavoro. Gli stessi militari, in un’altra distinta indagine, denunciavano per il medesimo reato, una 49enne, residente ad Aquino, poiché dall’analisi dei tabulati telefonici, acquisivano inconfutabili elementi reità a carico della predetta circa continue molestie telefoniche effettuate nei confronti di una 64enne, residente nel Cassinate, al fine di ostacolare la relazione sentimentale che quest’ultima aveva intrapreso con un suo figlio.

30 gennaio 2018 0

Picinisco: Truffa on line. Si fa ricaricare la postepay ma non consegna la merce

Di redazione

A Picinisco, i militari della locale Stazione, a conclusione di attività d’indagine, hanno denunciato in stato di libertà, per truffa, un 50enne residente a Milano, già censito per analoghi reati. L’uomo, tramite un annuncio su un noto sito internet, aveva concordato, con un giovane del luogo, la vendita autoricambi. Ma la merce non è stata mai consegnata al destinatario nonostante la vittima avesse versato un anticipo del pagamento, ovvero la somma di € 230 su una carta “postepay” intestata allo stesso.

30 gennaio 2018 0

Getta cocaina dall’auto. Segnalato con il suo amico, un 32enne a Cassino

Di redazione

A Cassino, i militari del NORM della Compagnia, nel corso di servizio per il controllo del territorio, hanno segnalato un 32enne e un 28enne di Cervaro, quali assuntori di sostanze stupefacenti. Gli operanti hanno intimato l’alt ad un’autovettura con a bordo i predetti, il cui passeggero prima di fermarsi lanciava dal finestrino un piccolo involucro in cellophan, immediatamente recuperato dagli operanti, contenente gr.0,418 di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”, sottoposta a sequestro. La successiva perquisizione personale e veicolare non permetteva di rinvenire altro.

30 gennaio 2018 0

Sora: Gravi carenze igienico strutturali, chiusa attività di macellazione

Di redazione

Incessante l’impegno dei Carabinieri del N.A.S. di Latina che, nell’ambito della sicurezza alimentare, a seguito di approfondito controllo ispettivo, concluso in tarda serata presso un’attività di macellazione di bovini, suini , ovi-caprini ed equini di Sora (FR), disponevano, con l’ausilio del personale veterinario dell’ASL Frosinone, l’immediata chiusura e la cessazione delle attività di macellazione fino al ripristino delle corrette condizioni igienico-strutturali. In effetti, tutti i locali di macellazione, (gli ambienti di lavorazione e le attrezzature annesse, i frigoriferi per la conservazione delle carni , i corridoi di collegamento fra i vari locali, i servizi igienici e gli spogliatoi dei lavoratori) si presentavano all’occhio esperto dei militari del N.A.S., con gravi carenze igienico-strutturali (sporco diffuso non rimosso da tempo in tutti gli ambienti; distacchi di intonaci dei soffitti e pareti con le attrezzature arrugginite nei locali di macellazione ; muffe e residui della lavorazione alle pareti, pavimentazioni e soffitti delle celle frigorifere). Per le carenze rilevate, il titolare dell’attività sarà altresì sanzionato con 1000 euro di contravvenzione. Il valore delle struttura chiusa ammonta a circa 800.000 euro.

30 gennaio 2018 0

Chiama la Polizia segnalando una sparatoria, ma è uno scherzo. Denunciato un 18enne

Di redazione

Frosinone – È finito nei guai un giovane di 18 anni che si è reso protagonista di un fatto davvero increscioso. Il ragazzo, senza rendersi conto delle conseguenze, ha ben pensato di allertare la polizia segnalando una sparatoria. Tuttavia il fatto non è mai accaduto, ma era tutto frutto della sua fantasia. Il 18enne ha contattato il 113 dicendo che nei pressi di Piazzale Kambo si era consumata una sparatoria durante la quale un uomo era rimasto ferito. Immediatamente la nota è stata diramata dall’operatore alle Volanti presenti sul territorio che, giunte sul posto, si sono rese conto che la zona indicata non era mai stata interessata da quanto riferito. Gli agenti hanno ricontattato l’utenza telefonica dalla quale era partito l’allarme e dopo accurati accertamenti “incastrano” il 18enne telefonista. Ai poliziotti il giovane ha confessato di essere stato l’autore di quello “scherzo” , che gli è costato una denuncia per procurato allarme. La prossima volta, prima di mettersi a giocare, ci penserà sicuramente meglio.

30 gennaio 2018 0

Polizia di Stato con docenti e studenti per prevenire bullismo e cyberbullismo

Di redazione

Docenti e studenti hanno incontrato il Direttore Tecnico Capo Psicologo dr.ssa Cristina Pagliarosi, rispettivamente a Ferentino presso l’Istituto Tecnico Industriale Statale “Morosini” e a Frosinone presso il Liceo “A.G.Bragaglia”.

Nel pomeriggio di ieri il Direttore Tecnico Capo Psicologo dr.ssa Cristina Pagliarosi è intervenuto, nell’ambito della formazione docente, ad un convegno organizzato presso l’Istituto Tecnico Industriale Statale “Morosini”. Finalità dell’iniziativa è stato quello di riflettere sull’attuale contesto socio culturale sempre più lanciato in prospettiva “online”, fornendo al tempo stesso gli strumenti necessari per prevenire e contrastare ogni comportamento vessatorio e prevaricante, quali il bullismo e, la sua “trasformazione” virtuale, il cyberbullismo. Da giugno 2017, la nuova legge sul cyberbullismo riafferma l’importante compito della scuola: i regolamenti scolastici dovranno prevedere esplicite sanzione disciplinare commisurate alla gravità degli atti compiuti; il dirigente scolastico informerà tempestivamente i genitori dei minori coinvolti. Al tempo stesso deve essere promosso un ruolo attivo degli studenti e in quest’ottica si inserisce l’incontro dibattito che l’ instancabile Psicologo, questa mattina, ha tenuto con gli studenti del Liceo “A.G.Bragaglia”, per sensibilizzarli sulle conseguenze negative che quei comportamenti persecutori hanno sulla vittima, evidenziando al tempo stesso le conseguenze anche penali dei cyberprepotenti. Proiettato anche  il corto “cyberbull” di Fernando Popoli. “#esserci sempre”