Giorno: 5 novembre 2018

5 novembre 2018 0

Da oggi via alla distribuzione delle dotazioni per le ‘Isole ecologiche intelligenti”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – Sono in distribuzione da oggi, lunedì 5 novembre, presso gli uffici dell’Area Tecnica Ambiente del Comune di Cassino, le dotazioni necessarie per l’uso delle nuove ‘isole ecologiche intelligenti’ che verranno posizionate in piazza N. Green e in piazza Restagno. Verranno, infatti, consegnate a tutti i cittadini che hanno un’utenza domestica T.A.R.I. le seguenti dotazioni:

per tutte le utenze domestiche le card che consentiranno l’utilizzo delle “isole ecologiche intelligenti” che a breve saranno posizionate in città;

agli utenti le cui abitazioni si trovano in fabbricati con più di 8 alloggi, già muniti di carrellati le buste per la plastica (dotazione per 12 mesi) ed organico (dotazione per 5/6 mesi);

agli utenti delle case singole e fabbricati con utenze fino ad un max di n. 8 alloggi il mastello per la raccolta della plastica e le buste per organico (dotazione per 5/6 mesi).

“Invito i cittadini a recarsi presso gli uffici comunali per ritirare le dotazioni in questione. – ha dichiarato Dana Tauwinkelova, assessore all’Ambiente – I materiali saranno consegnati tutti i giorni dalle ore 09,30 alle ore 12,30 (escluso sabato, domenica e festivi) e per un max di 50 utenti al giorno, presso gli uffici dell’Area Tecnica Ambiente del Comune di Cassino, al secondo piano dell’edificio comunale sito in via T. Piano.

I titolari di più utenze domestiche possono prendere contatti e appuntamento, telefonando allo 0776-298361, al fine di programmare il ritiro del materiale a loro dovuto che avverrà nei giorni di martedì e giovedì dalle ore 15,30 alle 17,30. Tutti gli utenti devono presentarsi all’Ufficio Ambiente muniti dell’ultima bolletta T.A.R.I., del documento di riconoscimento, oppure in caso di impedimento fornire alla persona che si presenterà a loro nome l’ultima bolletta T.A.R.I., delega e copia del documento della persona delegata e delegante.

Voglio precisare che i materiali da fornire ai cittadini sono sufficienti per tutte le utenze domestiche, pertanto tutti avranno ciò che spetta loro, dal momento che la distribuzione continuerà fino alla completa consegna degli stessi”, ha concluso l’assessore Tauwinkelova.

5 novembre 2018 0

II Edizione di “Frosinone sale in cattedra”: la polizia di stato schiera la “squadra della legalità”

Di redazionecassino1

FROSINONE – Dopo il successo dello scorso anno, la Questura di Frosinone presenta per la seconda edizione del  progetto “Frosinone sale in cattedra”, ( nato dal protocollo “Insieme in campo”), l’ ormai consolidata  “squadra della legalità”, capitanata dal Primo Dirigente della Polizia di Stato dr.ssa Antonella Chiapparelli, esperta di ordine pubblico.

Al nastro di partenza, anche il Frosinone Calcio, l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, nonché l’Ufficio Scolastico Provinciale.

L’iniziativa, finalizzata a veicolare i valori della correttezza, della lealtà e del  rispetto delle regole, è rivolta agli studenti delle classi terze delle scuole secondarie di 1^ grado della provincia.

Il kick off, per la nuova stagione della legalità, è stato battuto, questa mattina, ad Alatri – Tecchiena – , nell’Aula Magna dell’ Istituto “E.Danti”: a fare gli onori di casa il Dirigente Scolastico dr.ssa Raffaela Carrubba.

Dopo i saluti di del Dirigente Vicario dell’Ufficio Scolastico Provinciale dr. Pierino Malandrucco e dei Dirigenti del Frosinone Calcio Salvatore Gualtieri e  Giuseppe Capozzoli, ha aperto l’incontro il difensore   Edoardo Goldaniga.

A seguire l’intervento del preparatore atletico prof. Paolo Nava, sull’importanza di un’alimentazione corretta, e della dr.ssa Chiapparelli, che ha illustrato alla giovane platea, attenta e partecipe, le dinamiche dell’ordine pubblico nell’ottica della manifestazione sportiva: nello specifico la sicurezza negli stadi.  La sicurezza deve essere obiettivo comune di tutti, in cui ognuno,  nelle rispettive specificità, ne è elemento partecipante e attivo, lavorando in “squadra” come fa in campo una squadra di calcio .

A chiudere la dr.ssa Marika Gimini, “portavoce” di una nuova sezione, che riguarda il   “fair play”, inserito come new-entry, all’interno del format sperimentato lo scorso anno.

5 novembre 2018 0

Virtus Cassino, black-out nel terzo quarto e arriva la sesta sconfitta consecutiva ad Agrigento

Di redazionecassino1

Una stagione che fa fatica a decollare, quella di Bagnoli e compagni. Una partita dal doppio volto, quella disputata dagli uomini di coach Vettese, quasi perfetti fino al secondo quarto, ma troppo disattenti e timorosi nella seconda parte di gara per portare a casa i due punti. Una vittoria che non ne vuole sapere di arrivare, e dopo il primo mese di campionato trascorso, adesso lo ‘0’ in classifica può davvero tanto pesare emotivamente sulla tenuta mentale delle ‘V’ rossoblù. Alcune indicazioni importanti, però, per coach Vettese, che ritrova uno strepitoso Bagnoli formato doppia-doppia, ed un sontuoso Davide Raucci, che nonostante una settimana difficile che lo ha tenuto ai box per tutta la settimana per via di un affaticamento muscolare, è voluto scendere a tutti costi in campo per supportare a dovere i compagni di squadra e la compagine cassinate.

Segnali meno confortanti, invece, da parte della coppia americana, che non riesce ad essere incisiva in termini di produzione ed efficacia offensiva. Poco lucidi nelle scelte, troppo morbidi in alcune circostanze di gara, passivi, nonché poco affamati nel riuscire a supportare in modo idoneo la causa virtussina.

La partita inizia con i soliti quintetti da ambe le parti: Bell, Ambrosin, Evangelisti, Cannon e Zilli per la squadra di casa, Jackson, Pepper, Paolin, Bagnoli e Raucci per la Virtus.

Parte meglio la formazione di coach Ciani, che con un jumper di Evangelisti nel pitturato che sblocca il punteggio. Cassino non ci sta e con Jackson e Pepper mette la freccia del sorpasso. A rimbalzo Bagnoli la fa da padrone sia in attacco che in difesa, e con l’ausilio dei compagni, a metà partita, ne mette 14 a referto. Mentre per lo staff siciliano, però, la panchina rappresenta una vera e propria risorsa, per la Virtus non risulta una ‘ricchezza’ su cui fare grosso affidamento. Coach Vettese non riesce a trovare energia dai giovani e dal solito Ingrosso, che non fornisce il suo solito impatto alla gara. La squadra di casa, invece, pesca in Pepe, Fontana e Sosa, delle possibilità da sfruttare e cavalcare. È semplicemente la fame e la voglia di fare bene, che differenzia in questo momento le due squadre. Agrigento è il tipico esempio di una squadra in fiducia, capace di rialzarsi dai momenti difficili, forte anche degli 8 punti in classifica su cui poteva contare all’inizio della gara; la Virtus Cassino dal canto suo, figura come una formazione poco in fiducia, non consapevole delle sue potenzialità e di quello che può fare in questo campionato. Risultato? Ad ogni minima difficoltà, si è propensi a scollarsi, e a provare a risolvere individualmente i problemi del collettivo.

I primi due quarti vedono primeggiare la squadra rossoblù, che chiude in vantaggio di sei lunghezze al 20’.

A questo punto, si decide la gara: nel terzo quarto. È black-out totale per Pepper e compagni. Poca presenza a rimbalzo, troppa superficialità, determinazione, ma soprattutto difesa, che fanno concludere in vantaggio al 30’ la squadra ospite, che vince il quarto per 28-14.

Lo staff rossoblù, prova così a ricucire il gap, provando a chiamare in poco più di 12 minuti, ben 3 time-out. Il nervosismo, però, è troppo, la fisicità e l’intensità messa in campo dal ‘quintetto piccolo’ (Bell, Ambrosin, Fontana, Evangelisti e Cannon, ndc) di coach Ciani è oltre misura, per essere contenuta da lupi rossoblù. Nel quarto periodo la truppa in maglia bianca gestisce il vantaggio, nulla più, ed il PalaMoncada non può far altro che esultare per il confermato primato in classifica. Il risultato finale di gara è di 85-75.

“Sono amareggiato, ma nonostante la sconfitta continuo ad avere fiducia incondizionata in questa squadra. Sono ottimista, e credo che presto riusciremo ad invertire la rotta” commenta in conferenza stampa post-partita il Direttore Sportivo cassinate, Leonardo Manzari.

“È inutile nascondere la delusione dopo un’altra sconfitta, arrivata nel momento in cui sembravamo avere in mano il match. Ci davano come la ‘Cenerentola’ del campionato, ma fino a questo momento non ho mai visto nessuno darcene di santa ragione. Veniamo da un periodo sfortunato sia in termini di infortuni, che in termini di risultati, e questo non ha sicuramente giovato nel risollevare il nostro morale. Anche questa sera, sempre in controllo della gara, ci siamo sciolti negli ultimi 3 minuti del terzo quarto su una decisione arbitrale abbastanza discutibile, dove sui tiri liberi segnati cdi Agrigento, dalla nostra rimessa le due squadre giocano, Dalton segna, ma tutto viene ripetuto perchè la terna arbitrale non aveva sentito la segnalazione dei cambi degli ufficiali di campo. È stata una decisione che ci ha senza dubbio penalizzato, perchè poi quando abbiamo rimesso la palla in gioco, abbiamo fatto fallo in attacco con un blocco irregolare di Bagnoli, e da una situazione di possibile parità, siamo passati ad un -5 sanguinoso, con una ‘bomba’ di Evangelisti da 3 sull’altro lato del campo. Questa, ahimè, è l’amara realtà. Nell’ultimo quarto, infatti, Agrigento non ci ha mai messo in difficoltà, ed abbiamo terminato con sole due lunghezze di distanza il parziale nel quarto. Adesso testa bassa, con ancora più umiltà di quanta non ne abbiamo avuta fino ad ora, per cercare di cambiare insieme, di squadra, le cose”.

Prossimo appuntamento sempre fuori casa per le ‘V’ cassinati, di nuovo in terra di Sicilia. Questa volta ad aspettare Ingrosso e compagni, ci sarà la Pallacanestro Trapani.

 

M Rinnovabili Agrigento – BPC Virtus Cassino 85-75 (16-24, 20-18, 28-14, 21-19)

 

M Rinnovabili Agrigento: Marco Evangelisti 20 (3/7, 4/6), Jalen Cannon 15 (7/12, 0/0), Amir Bell 13 (5/7, 0/1), Simone Pepe 11 (0/1, 3/5), Lorenzo Ambrosin 9 (3/5, 1/3), Edoardo Fontana 7 (2/2, 0/2), Giacomo Zilli 6 (3/5, 0/0), Dimitri Sousa 4 (2/5, 0/2), Giuseppe Cuffaro 0 (0/0, 0/0), Paolo Nicoloso 0 (0/0, 0/0), Paolo nello Trupia 0 (0/1, 0/0), Tommaso Guariglia 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 11 / 17 – Rimbalzi: 32 5 + 27 (Jalen Cannon, Amir Bell 7) – Assist: 19 (Marco Evangelisti 7)

All. Ciani

 

BPC Virtus Cassino: Davide Raucci 19 (8/11, 0/2), Simone Bagnoli 18 (9/14, 0/0), Dalton Pepper 13 (2/7, 3/8), Antino Jackson 10 (2/6, 2/6), Tommaso Ingrosso 7 (0/1, 1/2), Francesco Paolin 3 (0/1, 1/2), Dario Masciarelli 3 (0/0, 1/1), Filippo Rossi 2 (1/1, 0/1), Fabrizio De ninno 0 (0/1, 0/3), Luca Castelluccia 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 7 / 10 – Rimbalzi: 30 8 + 22 (Simone Bagnoli 12) – Assist: 17 (Dalton Pepper 5)

All. Vettese

5 novembre 2018 0

Domenica 11 nuova giornata ecologica ‘Rifiutiamo’ in campo Miranda

Di redazionecassino1

CASSINO – Domenica 11 novembre, a partire dalle ore 8 fino alle ore 12, si terrà la quinta giornata ecologica “Rifiutiamo”, promossa dall’Assessorato all’ambiente del Comune di Cassino con la collaborazione della De Vizia Trasfer. Il punto di raccolta sarà ubicato in Campo Miranda “Ci attende un’altra giornata all’insegna della tutela dell’ambiente del nostro territorio. – ha detto l’assessore all’Ambiente del comune di Cassino, Dana Tauwinkelova – Siamo giunti in un solo anno alla quinta edizione della giornata ecologica che rientra nella serie di interventi mirati alla sensibilizzazione della cittadinanza alla massima collaborazione con le istituzioni, per riuscire a mettere in campo le dovute azioni finalizzate a garantire il giusto decoro in tutte le zone della città di Cassino. La giornata ecologica si svolgerà nel piazzale di Campo Miranda e consisterà nella raccolta straordinaria e gratuita di rifiuti ingombranti e non solo, ma provenienti esclusivamente da civile abitazione. Potranno essere conferiti anche legno, pittura e vernici, ferro, oli vegetali esausti, piccoli e grandi elettrodomestici e Raee. Colgo l’occasione per ricordare che i cittadini di Cassino possono conferire i loro rifiuti ingombranti, legno, ferro e RAEE durante tutto l’anno richiedendo il servizio gratuito a domicilio al numero verde 800086508”.

5 novembre 2018 0

Latina, sei arresti tra affiliati al clan Di Silvio, nell’operazione “Alba Pontina”

Di redazionecassino1

LATINA – La Polizia di Stato, impegnando gli uomini della Squadra Mobile di Latina, della Squadra Mobile di Roma e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, dalle primissime ore della mattinata odierna ha dato esecuzione ad una misura cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma su richiesta della D.D.A. di Roma a carico di alcuni esponenti di spicco del clan mafioso rom dei DI SILVIO, già colpito pesantemente nel giugno scorso.

Il nuovo provvedimento restrittivo riguarda sei persone e rappresenta lo sviluppo più immediato dell’inchiesta denominata “Alba Pontina”, reso possibile dalle prime dichiarazioni di uno degli esponenti più importanti del clan rom, immediatamente riscontrate dalle indagini delle Squadre Mobili e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato; il predetto, infatti, decideva di collaborare subito dopo l’esecuzione della prima misura cautelare, con la quale è stata formulata a suo carico anche l’imputazione provvisoria di associazione per delinquere di stampo mafioso, unitamente ad altri sette esponenti del clan. L’Ordinanza odierna riguarda in particolare, DI SILVIO Armando, considerato il capo del clan di stampo mafioso, sua moglie DE ROSA Sabina, i figli DI SILVIO Ferdinando Pupetto, DI SILVIO Samuele e DI SILVIO Gianluca oltre a LUPPARELLI Yuri; quest’ultimo, esponente di un pericoloso gruppo criminale romano, dedito al traffico e allo spaccio di stupefacenti nel delicato quartiere di Tor Bella Monaca

I destinatari della nuova misura restrittiva sono considerati responsabili, a vario titolo, di gravi reati commessi con l’aggravante del metodo mafioso quali lo smercio di cocaina sulle piazze pontine nonché di alcuni gravi episodi di estorsione.

Le dichiarazioni del collaboratore di giustizia e le conseguenti indagini della P.G. hanno fatto emergere modalità estremamente significative sotto il profilo criminale, utilizzate dal clan DI SILVIO per l’acquisizione violenta di consistenti partite di cocaina da altri gruppi criminali senza corrisponderne il prezzo. Lo stupefacente, una volta acquisito, veniva distribuito tra i componenti del clan per essere piazzato sul mercato locale, senza alcuna possibilità di ritorsioni da parte dei trafficanti espropriati, a testimonianza della forza mafiosa esercitata dai DI SILVIO sul proprio territorio.

Nella misura appena eseguita, vengono, inoltre, contestate alcune estorsioni commesse con modalità particolarmente pesanti e con le aggravanti di aver agito in più persone, sotto la minaccia delle armi, da parte di soggetti appartenenti ad un’associazione per delinquere di cui all’art. 416 bis e con l’utilizzo del relativo metodo mafioso.

Si tratta, in un primo caso, di considerevoli somme di denaro estorte ad un avvocato di Latina, al quale è stata garantita protezione dietro la falsa prospettazione di essere gravemente esposto alla vendetta di esponenti della camorra napoletana per fatti inerenti la propria attività professionale.

Il legale, infatti, veniva costretto a sborsare svariate migliaia di euro a favore del clan, in diverse tranche, nonostante avesse dimostrato di essere stato lui a subire condotte minacciose ed estorsive da parte di un soggetto di cui aveva assistito legalmente una congiunta.

Un’altra estorsione contestata nel provvedimento si è, invece, concretizzata in una pluralità di pesanti richieste economiche rivolte ad un importante imprenditore florovivaistico del territorio, terrorizzato dagli esponenti del clan DI SILVIO e costretto a consegnare, a più riprese, rilevanti somme di denaro, a seguito delle continue visite di alcuni degli indagati, nonostante questi avesse tentato di farsi proteggere da un sorvegliato speciale amico del capo clan.

5 novembre 2018 0

Longobarda sconfitta perde il primato, Janula e Belmonte restano in vetta ai loro gironi

Di redazionecassino1

Brutta sconfitta per 3 a 1, nel settimo turno di Eccellenza, per la capolista Longobarda rimediata nel derby contro Tordoni. La capolista perde anche il primato in classifica in favore proprio di Tordoni precipitando al terzo posto dietro al Borussia Porcmund vittorioso nel confronto con DS Dodici. Sconfitta, di misura, anche per Collecedro contro i padroni di casa di Cervaro. Sconfitta casalinga per Canceglie nel match contro Caira che se lo aggiudica per 2 a 1. Nello scontro diretto fra Isotopi e Moscuso a spuntarla è la formazione di Pontecorvo per 2 a 1. Nel torneo ora quattro formazioni si contendono, a pochi punti dalla capolista, il diritto ad insediarne il primato.

Nel girone ‘A’ del torneo di Promozione resta saldamente in testa alla classifica, a quota sedici punti, Janula dopo la vittoria sui padroni di casa del Cerreto per 2 a 1. Non molla Amatori Aquino a sole tre lunghezze dalla capolista con la vittoria casalinga per 3 a 0 contro Sordella. Importante la vittoria esterna di Niemoslive sui padroni di casa Felcese Pignataro. Solo una lunghezza divide, in classifica, Niemoslive da Amatori Pignataro costretto al pareggio, 2 a 2, da Villa Santa Lucia.

Nel girone ‘B’ di Promozione sono tre le formazioni che lottano per contendere il primato alla capolista Belmonte (nella foto) reduce dalla vittoria fra le mura domestiche, per 3 a 1, contro AM. Piedimonte che deve accontentarsi, ora, della terza posizione superato da AM Castelnuovo. La formazione aurunca agguanta un punto con un pareggio a reti inviolate nel match con AM Colfelice. Tre punti importanti per l’altra formazione aurunca, Real Castelnuovo, che consentono alla formazione di spingersi a ridosso del gruppo delle squadre che occupano i piani alti della classifica. Real Castelnuovo batte, infatti, in trasferta agevolmente, 3 a 0, Drink Team Duff. Terzo posto con dodici punti per Caffè Reale, che però deve accontentarsi di dividerlo insieme alla formazione di Piedimonte, dopo la brillante vittoria, 2 a 4, ottenuta sui padroni di casa di Terelle.

F. Pensabene

5 novembre 2018 0

Formia si costituisce parte civile contro Acqualatina per la frana del 2013

Di admin

FORMIA – “Lo scorso mese di ottobre il Comune di Formia, nella persona del Sindaco Paola Villa, si costituiva parte civile nel procedimento penale n. 2815/17 a carico di Ennio Cima quale legale rappresentante della Società Acqualatina S.p.A.” Lo si legge in una nota del comune di Formia. “Il procedimento penale è scaturito, secondo gli atti, dall’omissione da parte di Acqualatina S.p.A ad effettuare la necessaria manutenzione alla condotta idrica sita nel Comune di Formia, tra Via Olivetani e Via S. Maria la Noce. Tale condotta coinvolta in una perdita idrica di elevata portata, protratta per giorni, tanto da causare, l’11 gennaio 2013, una frana del terreno circostante, in un’area densamente urbanizzata, rendendo necessario lo sgombero di un’intera palazzina. La costituzione di parte civile è fondamentale per ribadire come il Comune intenda muoversi nel difendere il proprio territorio e come l’attuale amministrazione si proponga di difendere i diritti dei propri cittadini”.

5 novembre 2018 0

In giro per Frosinone con un’ascia in macchina, denunciato 28enne

Di admin

FROSINONE – Nel corso di servizi ad “alto impatto”, che hanno interessato il territorio del capoluogo, la Squadra Volante della Questura e le unità operative del Reparto Prevenzione Crimine Lazio hanno denunciato un frusinate, con precedenti per rapina aggravata e in materia di stupefacenti.

L’uomo, fermato nel corso di un posto di controllo, viaggiava  a bordo di un’utilitaria, in compagnia di un coetaneo e di una giovane donna.

Nel corso della perquisizione veicolare,  atto eseguito in seguito all’evidente nervosismo palesato dal 28enne, è stata rinvenuta, sotto il sedile, un’ascia da boscaiolo dalla lunghezza complessiva di 38 centimetri.

Dell’arma impropria se ne assumeva la proprietà.

(foto repertorio)

 

5 novembre 2018 0

La puntura di Ultimo… ai sindaci che non contrastano l’abusivismo

Di admin

LA PUNTURA DI ULTIMO – “Se si vuole fare qualcosa per evitare le tragedie dovute al maltempo, si inizi subito col sollevare i sindaci dall’onere di procedere all’abbattimento delle costruzioni abusive.

Pochi sindaci lo fanno perché poi rischiano di non essere rieletti e così si lascia una situazione di pericolo con cui, prima o poi, bisogna fare i conti.

Si dia il compito alle prefetture invece, tanto i Prefetti non devono essere eletti. In queste situazioni poi, gli adulti sono sempre colpevoli mentre i bambini purtroppo sono le vittime innocenti”.

Ultimo