Autore: redazione

20 ottobre 2018 0

Paga con banconota da 50 euro falsa, ma viene individuato e denunciato a Ripi

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nella giornata di ieri, in Ripi, i militari della locale Stazione deferivano in stato di libertà un 44enne di origine campana (già censito per reati analoghi) per “spendita di monete false”. L’uomo si recava in un negozio del posto dove effettuava acquisti pagando con una banconota da 50 euro rivelatasi poi falsa, per poi dileguarsi a bordo dell’autovettura di proprietà della sua convivente. L’ attività investigativa condotta dai militari consentiva prima di risalire al numero di targa dell’auto e poi al malfattore, il quale veniva identificato dalla vittima grazie al riconoscimento della sua immagine tramite fascicolo fotografico. L’uomo pertanto veniva deferito e nei suoi confronti verrà avanzata proposta per l’applicazione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Ripi. Foto d’archivio

17 ottobre 2018 1

Concorso fotografico di Bioarchitettura a cura di Inbar. Scadenza bando 20 ottobre

Di redazione

L’istituto nazionale di Bioarchitettura, sezione provinciale di Frosinone, noto come Inbar, ente morale senza fini di lucro, bandisce la prima edizione del concorso fotografico dal titolo “Costruire nel rispetto della natura e dell’uomo. La mia bioarchitettura? una fotografia per raccontarla”. Si tratta di un concorso fotografico amatoriale ed è possibile consultare il bando sul sito internet www.bioarchitetturafrosinone.it oppure sulla pagina Facebook bioarchitetturafrosinone. La scadenza del bando è fissata per il 20 ottobre 2018. Un appuntamento da non perdere, dunque, per gli amanti della fotografia e della bioarchitettura.

16 ottobre 2018 1

Cassino, litigio per la precedenza finisce male

Di redazione

CASSINO – Urla, strattoni, qualche colpo e magliette ridotte a brandelli in via Di Biasio a Cassino per una precedenza stradale. É accaduto stamattina poco dopo le 13 davanti l’ingresso del parcheggio multipiano e alla facoltá di Ingegneria dell’Università di Cassino. I conducenti di due auto, una Mini Cooper e una Toyota, si sono guardati prima in cagnesco per decidere chi dovesse passare, poi sono volati insulti e poi, una volta usciti dalle vetture si sono picchiati strappandosi di dosso le magliette. Poi entrambi sono tornati nelle proprie auto andando via a torso nudo convinti di aver fatto valere le proprie ragioni mentre le decine di studenti testimoni della scenata sono rimasti a chiedersi come fosse possibile litigare e picchiarsi per una precedenza stradale. Ermanno Amedei

5 ottobre 2018 0

Piedimonte San Germano, Infortunio sul lavoro, grave un 41enne

Di redazione

Terribile incidente sul lavoro questa mattina, intorno alle ore 9.00, a Piedimonte San Germano in un’azienda. A rimanere coinvolto un operaio di 41 anni. Stando ad alcune indiscrezioni, l’uomo sarebbe caduto probabilmente da un’impalcatura o probabilmente da un tetto e impattando al suolo avrebbe riportato ferite e traumi. Immediatamente soccorso, l’operaio è stato trasferito però in un ospedale romano, presso il policlinico Gemelli, a causa dei preoccupanti traumi riportati. Sul posto anche i carabinieri della compagnia di Cassino per le opportune indagini sul caso. Foto d’archivio

17 settembre 2018 0

Piedimonte S.Germano: Incidente nei pressi dello stabilimento Fca. Soccorsi sul posto

Di redazione

Piedimonte San Germano – Si è appena verificato un incidente stradale nei pressi dello stabilimento Fca. Ad essere coinvolti uno scooter e, in base alle prime informazioni che ci pervengono, probabilmente anche un secondo mezzo. Al momento il traffico risulta essere congestionato per favorire l’accesso dei soccorsi. Sul posto un’ambulanza del 118. Una persona sarebbe rimasta ferita. Prestare attenzione anche in considerazione del fatto che in questa fascia oraria c’è un considerevole flusso di operai. Immagine d’archivio

15 settembre 2018 1

Pedofilo in manette. Amico di famiglia filmava la vittima durante gli abusi. Assurda vicenda ad Alatri

Di redazione

Alatri – Nella giornata di ieri, i militari della Compagnia, a conclusione di una complessa attività info-investigativa, hanno arrestato un soggetto dell’hinterland ciociaro per “violenza sessuale aggravata in danno di un minorenne, prostituzione minorile, pornografia minorile e detenzione di materiale pedopornografico”. Acquisita la notizia di reato, i militari dell’Arma hanno immediatamente avviato oculate e complesse indagini, di concerto con l’Autorità Giudiziaria, finalizzate ad accertare la veridicità di quanto rivelato dal minore alla famiglia. Un chiaro e sconcertante quadro del disegno criminoso sarebbe emerso. L’uomo, amico di famiglia, in tempi diversi dall’inizio del 2017 fino alla primavera dell’anno in corso, aveva approfittato della giovanissima età della vittima, costringendola a subire rapporti sessuali dallo stesso, filmando l’adolescente e producendo materiale pedopornografico senza divulgarlo. Le indagini tecniche permettevano di rinvenire, all’interno del computer di proprietà dell’arrestato, ulteriori immagini ritraenti altri minori in atteggiamenti sessuali espliciti. L’inequivocabile responsabilità penale del pedofilo, appurata nel corso dell’intensa attività investigativa svolta dai Carabinieri, consistente in una minuziosa ricostruzione con l’esplicita, permetteva di avanzare la richiesta di una misura cautelare tesa ad evitare la reiterazione del reato, accolta pienamente dal competente Tribunale Ordinario di Roma, che emetteva la misura della custodia cautelare in carcere. Il predetto veniva tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone. Foto d’archivio

15 settembre 2018 0

Villa Santa Lucia: La Coppa Rioni 2018 va a via Querceto

Di redazione

Anche quest’anno consueto appuntamento con la manifestazione sportiva di paese Coppa Rioni Villa Santa Lucia. L’edizione 2018 è stata vinta ieri sera dalla squadra dei ragazzi di Via Querceto. Le varie competizioni di calcio a 5 sono state giocate sul campetto del Central Bar di contrada Piumarola. La manifestazione, sempre molto seguita, ha visto affrontarsi tutte le squadre dei vari rioni del paese, sia parte bassa che alta. Alla fine a spuntarla è stata la squadra di via Querceto con una bellissima ed emozionante finale disputata con l’agguerrita squadra dei Pittoni. Soddisfazione a fine torneo, con la consegna del trofeo, della premiazione e delle foto di rito, è stata espressa da parte delle squadre partecipanti e degli organizzatori. Si tratta di un torneo teso a favorire l’incontro tra i giovani e non solo, ma principalmente a sentire la vivacità di un paese, diviso in contrade, ma sempre pronte a divertirsi insieme. Si guarda intanto già al prossimo anno con una nuova avvincente Coppa Rioni. N.Costa Nella foto la squadra vincitrice

14 settembre 2018 0

Cassino: Torna l’appuntamento con il Cryptodrink. Tutto su Bitcoin e criptovalute

Di redazione

Secondo incontro CryptoDrink questa sera alle ore 18:00 presso il Symposio Context Cafè di via Tommaso Piano a Cassino. Torna, dunque, l’appuntamento per saperne di più di Bitcoin e Blockchain ma anche di Mining, delle Coin più importanti e di Trading Bot su intelligenza artificiale. Con l’occasione si festeggerà anche la neonata Associazione “CryptoHub” con lo scopo di : – Educare con diffusione della conoscenza del protocollo Bitcoin e promuovere la tecnologia Blockchain. -Condivisione per favorire la condivisione di materiale e risorse tra i membri dell’organizzazione. – Network creare una rete di universitari con diversi background così da favorire lo sviluppo di progetti legati alla Blockchain. Dopo il seguitissimo primo appuntamento, si passa dunque al secondo step con la presenza degli esperti relatori pronti a rispondere ad ogni domanda e curiosità sulle criptovalute e sulla diffusione massiccia a livello mondiale. Tutti al Symposio Context Cafè allora per essere aggiornati sulla moneta digitale, sulle ultime novità e sulle più disparate tematiche legate alle criptovalute.

11 settembre 2018 0

Credeva di aver perso per sempre la mano, invece…Storia a lieto fine di un operaio ad Isola Liri

Di redazione

Roma-Isola Liri- Una storia a lieto fine quella di un operaio di 54 anni. L’uomo era rimasto coinvolto in un incidente sul lavoro in un’azienda di Isola Liri alcuni giorni fa. Un incidente grave che aveva indotto i sanitari intervenuti a disporne il trasferimento immediato in un ospedale della Capitale, il San Camillo di Roma, a causa di un arto praticamente mozzato. La mano dell’uomo completamente staccata sembrava ormai persa per sempre. Eppure la storia non è finita così. E a parlarne quest’oggi anche il tg5 che ha evidenziato l’ eccezionalità dell’intervento chirurgico messo in atto. Ovvero all’operaio è stata riattaccata la mano ed il decorso post operatorio sembra procedere per il meglio con il paziente che ai microfoni del telegiornale di Canale 5, Mediaset, ha spiegato di iniziare ad avvertire i primi formicolii alla mano rimessa al suo posto e di essere fiducioso. Non è infatti scontato che un arto completamente staccato possa essere riattaccato e con successo. Ma la bella notizia ha rincuorato non solo l’operaio vittima dell’incidente, ma anche amici, familiari, colleghi e lascia accese sempre le speranze di tutti sui progressi della chirurgia e della medicina. Immagine d’archivio N.C.

18 agosto 2018 0

1,5 kg di marijuana e una coltivazione di 60 piantine a casa. In manette un 30enne di San Donato Val di Comino

Di redazione

Questa mattina i carabinieri di Picinisco unitamente al NO Compagnia Cassino e Sant’Apollinare nonché cinofili, nel corso di una perquisizione su decreto dell’autorità giudiziaria hanno fatto scattare le manette ad un 30enne, S.D. di San Donato Val di Comino per detenzione ai fini di spaccio nonché coltivazione abusiva di Kg 1,500 circa di marijuana essiccata; 35 piantine in vasi, 25 piante nel terreno nonché la somma contanti di 1.900 euro composte da banconote dal taglio di 50 euro. L’uomo, dopo le formalità do rito, è stato condotto agli arresti domiciliari. Foto d’archivio