Categoria: Francia

15 luglio 2016 0

Attacco terroristico a Nizza, 84 morti e centinaia di feriti. Molti i bambini

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Francia – Un altro attacco terroristico e la Francia torna nel buio  proprio nel giorno delle sua festa nazionale più rappresentativa, quella della presa della Bastiglia .

Il bilancio è pesantissimo e parla di 84 morti e decine di feriti tra cui 30 bambini. Un attacco militare di un solo fondamentalista, un franco Tunisino di 31 anni ucciso dalla polizia.

L’uomo armato di pistola e, soprattutto di un camion da 15 tonnellate, dopo aver forzato due barriere per il blocco del traffico sul lungomare di Nizza, lo ha percorso per circa due chilometri seminando la morte investendo ad 80 chilometri l’ora intere famiglie con il peso del mezzo e, come testimoni raccontano, raffiche di armi da fuoco.

Un colpo durissimo che segue gli attacchi di Parigi. Un vile atto terroristico di matrice islamica che ripropone il problema della sicurezza Nazionale in Francia e che mostra come la macchina del terrore si sia spostato dalla Capitale ad altri luoghi, anche se Nizza è comunque capitale turistica dove risiedono e lavorano migliaia di italiani.

Ermanno Amedei

articolo successivo

14 novembre 2015 0

Parigi sotto attacco, si prepara il blitz delle teste di cuoio al Bataclan

Di redazione

Parigi sotto attacco. La Francia schiera l’Esercito a Parigi. In quella già in serata è stata chiamata la notte del terrore, ed è appena mezzanotte, la città è tutt’altro che riportata alla sicurezza. Venerdì sera, la partita della Nazionale, tutti i locali aperti, qualche milione di persone in giro, e l’inferno si scatena tra il decimo e l’undicesimo arrondissement. Le teste di cuoi stanno preparando il blitz all’interno del Bataclan dove un numero indecifrato di terroristi mantiene ostaggio un centinaio di persone alcune delle quali attraverso i social hanno implorato alle forze dell’ordine di fare presto ad intervenire dato che all’interno del teatro i terroristi starebbero uccidendo gli ostaggi uno ad uno.

14 novembre 2015 0

Parigi Sotto attacco, Hollande annuncia lo Stato di Assedio e chiude le frontiere

Di redazione

Parigi – Parigi sotto attacco, Hollande annuncia lo Stato di Assedio e ordina la chiusura delle frontiere.

E’ una carneficina quella che si sta vivendo nella Capitale di Francia, nel cuore d’Europa. Gli attentatori sarebbero islamisti e ad avvalorare le voci secondo le quali gli attentatori sparavano ed uccidevano urlando “Allah è Grande”, vi sarebbero rivendicazioni dell’Isis. Nel Bataclan, la nota sala concerti parigina, sarebbero ancora 100 le persone ostaggio di terroristi armati anche di granate oltre che di Kalashnikov e fucili a pompa. Gli attacchi sono cominciati alle 21.30. allo Stadio e in un ristorante. Altri spari si sarebbero sentiti  nel vecchio mercato.

13 novembre 2015 0

Parigi sotto attacco terroristico, tre attacchi a colpi di Kalashnikov e granate

Di redazione

Parigi – Parigi è sotto attacco terroristico. Tre sarebbero stati gli obiettivi di un gruppo armato che si è mosso seguendo una stessa regia. Lo Stade de France, un ristorante e una sala concerti dove vi sarebbero circa 100 ostaggi. Decine i morti, una prima stima parla di 60 vittime dei colpi di Kalashnikov durante la partita Francia Germania e dove era presente anche il presidente Hollande.

24 marzo 2015 0

Airbus si schianta in Francia. Morte 148 persone sulla rotta Barcellona Dusseldorf

Di admin

Tragedia dei celi in Francia. Un aereo della compagnia German Wings si è schiantato nella regione del Digne a sud del paese transalpino. Si tratterebbe di un Airbus A320 con 148 persone a bordo, 6 di equipaggio, diretti da Barcellona a Dusseldorf. Nessun superstite. L’Airbas era partito alle 10 dall’aeroporto spagnolo scomparendo dai radar circa un’ora dopo. Si sarebbe schiantato sulle pendici dei monti dell’Alta Provenza.

10 gennaio 2015 0

Attentati terroristici in Francia, la solidarietà del sindaco di Roccasecca città gemellata con Croissy Beaubourg

Di admin

“Intendo rivolgere, a nome mio personale e dell’intera cittadinanza di Roccasecca, sentimenti di solidarietà e vicinanza al popolo francese per i vili episodi degli attentati terroristici che stanno insanguinando il paese in questi giorni”. A dichiararlo il sindaco di Roccasecca Giovanni Giorgio. “La Francia – continua il sindaco – rappresenta un paese ed un popolo a noi vicino, sia territorialmente che per storia. Le immagini che abbiamo visto in queste ore in televisione ci spaventano e ci offendono, ma non ci atterriscono. Anzi rafforzano l’impegno di tutti coloro che credono nella pace, nella tolleranza, nel rispetto tra i popoli, a continuare nel lavoro finalizzato a costruire una società in cui tali episodi di violenza vengano eliminati per sempre”. “In queste ore drammatiche – ha concluso Giovanni Giorgio – la vicinanza va soprattutto ai nostri tanti concittadini roccaseccani che vivono in Francia, dove sono dovuti emigrare per lavoro e che proprio attraverso il lavoro e la fatica portano in alto il nome del nostro paese e della nostra città. In particolare, mi corre l’obbligo di ricordare gli amici di Croissy Beaubourg, cittadina con noi gemellata e situata proprio alle porte di Parigi. Siamo vicini a tutti loro, condividendo le ansie e le preoccupazioni e rinnovando l’impegno comune ad affermare i valori della libertà di pensiero, di culto, di espressione in ogni angolo del pianeta, principi di cui la Francia è stata maestra nel corso della storia”.

21 dicembre 2013 0

Evacuata la metrò di Parigi per allarme amianto

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Quattro linee della metropolitana di Parigi sono state evacuate nella tarda mattinata di ieri 20 dicembre, dopo che un allarme amianto è scattato in una sala comandi. Il traffico sino a ieri sera non era ancora ripreso regolarmente. Si tratta di linee chiave per raggiungere le principali stazioni ferroviarie della capitale, come la Gare Montparnasse e la Gare du Nord e ciò alla vigilia delle vacanze di Natale, per una delle mete del periodo più attrattive anche per gli italiani, come sottolinea Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. La RATP, che gestisce la metropolitana parigina, ha riferito che l’amianto è stato trovato in una sala comandi che si trova in un edificio esterno, non nei pressi della rete sotterranea e non accessibile ai viaggiatori. Un locale, è stato anche precisato, dove tra l’altro sono stati effettuati di recente dei lavori di rinnovamento. Sui monitor di informazione della metropolitana è indicato che il traffico è interrotto sulle quattro linee interessate, la 2, la 6, la 10 e la 11, a causa di un incidente tecnico.

23 ottobre 2013 0

I reggiseni sarebbero pericolosi per la salute? Uno studio francese non ha dubbi

Di admin

Da Giovanni D’Agata riceviamo e pubblichiamo: Uno studio scientifico francese condotto a Besançon rivela che i reggiseni sarebbero inutile o addirittura pericolosi. Queste rivelazioni sono state svelate in occasione del Simposio sul tema del seno settimana organizzato dall’Università della Franca Contea.

Secondo il dottor Jean-Denis Rouillon, i reggiseni non sarebbero efficaci come pensiamo ed addirittura farebbero anche male alla salute.

Dal 1997, ha visitato più di 300 donne per effettuare un particolare tipo di test che misura la distanza tra le punte dei capezzoli e l’ombelico, con e senza reggiseno.

E i risultati sono senza appello. Il reggiseno produce o peggiora la ptosi, cioè la caduta del seno. Nelle donne che avevano smesso di mettere il reggiseno era possibile constatare un miglioramento.

Le pazienti si sentono nuovamente liberi.

Contrariamente alla credenza popolare, le donne si trovano di fronte ad una possibilità di scelta. Non è pericoloso mettere un reggiseno, al contrario, anche per i seni pesanti, ha sottolineato il Professor Rouillon.

In attesa di dati scientifici conclamati per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” è ovvio che questo studio appare senz’altro curioso almeno per quella che è l’opinione di gran parte delle donne, perché da quando esiste questo accessorio femminile per molte è divenuto un oggetto inseparabile anche a livello psicologico proprio per paura di veder cascare le mammelle a causa della forza di gravità.

Ci auguriamo dunque che ricerche più puntuali possano sfatare il mito e liberare definitivamente le donne da quello che per tante appare un’odiosa costrizione.

17 luglio 2013 0

Stop francese alle Mercedes equipaggiate con un gas refrigerante dei condizionatori non conforme alle norme europee

Di admin

Confermata la legittimità del blocco francese alle Mercedes non conformi alla legge europea in quanto equipaggiate con un gas refrigerante dei condizionatori .

Potrebbero essere prese misure per portare tali veicoli in conformità, compreso il ritiro dei mezzi non conformi già venduti sul mercato. Lo rende noto la Commissione Ue dopo una riunione del Comitato Tecnico sui veicoli a motore. Intanto la Francia ha confermato la legittimità del blocco alle Mercedes ma addirittura potrebbe essere imposto anche il ritiro delle auto già vendute.

Per Giovanni D’Agata presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, evidenzia come al momento non è dato sapere se in Italia siano stati presi analoghi provvedimenti. In ogni caso l’associazione monitorerà l’evolversi della situazione informando tempestivamente i consumatori.

17 luglio 2013 0

Arrestato in Francia il musicista black metal norvegese Varg Vikernes, stava progettando una strage

Di admin

Arrestato in Francia, a Corre’ze, il musicista Black Metal norvegese Varg Vikernes, secondo la polizia d’Oltralpe stava progettando un attentato terroristico, che doveva concretizzarsi in una strage. In passato, il musicista scandinavo, meglio noto nel panorama Black Metal con il nome di Burzum, fanatico cultore e studioso delle tradizioni nordiche e pagane, vicino a posizioni neonaziste (come gran parte degli esponenti della musica Black Metal), era già stato condannato, negli anni ’90, ad una pena detentiva di 21 anni di carcere per avere ucciso un cantante rivale Øystein “Euronymous” Aarseth, frontman dei Mayhem, e aver dato alle fiamme alcune chiese luterane. Secondo la polizia francese, Varg Vikerness, esplicitamente indicato come “vicino agli ambienti neonazisti”, e sua moglie stavano “lavorando all’organizzazione di un atto terrorista di grande portata”. Nel 2009 Vikernes era uscito dal carcere (dopo la riduzione della pena a 15 anni) e dalla natia Norvegia si era trasferito in Francia. La notizia dell’arresto è stata divulgata dal ministero dell’Interno di Parigi, tramite una nota. L’operazione viene definita “sensibile” dalla procura antiterrorismo di Parigi, è stata decisa per la “pericolosità potenziale” dei due soggetti. Va ricordato che tra i fan del cantante norvegese c’è anche Anders Breivik, l’autore della strage di Utoya nel 2011. Varg Vikernes fu uno dei soggetti a cui Breivik inviò il suo manifesto delirante in cui annunciava la strage poco prima di metterla in atto.