Categoria: Comuni Provincia di Frosinone

15 dicembre 2018 0

Bimba cade dal balcone a Cassino, era stata lasciata sola in casa

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CASSINO – La bambina di sette anni caduta dal balcone di Casa in corso della Repubblica a Cassino è ricoverata in ospedale a Cassino sotto attenta osservazione medica.

La piccola appare vigile ma è necessario, con appositi esami, scongiurare la possibilità di eventuali trami interni.

Intanto si apprende che la bimba sia figlia di una donna straniera e che, al momento della caduta dal balcone, pare del tutto accidentale, fosse sola in casa in quanto la madre si era allontanata. Del caso se ne stanno occupando glia genti del commissariato di Cassino diretto dal vice Questore Raffaele Mascia.

Ermanno Amedei 

VIDEO – Bimba cade dal balcone a Cassino, la piccola è stata rianimata in ospedale

15 dicembre 2018 0

VIDEO – Bimba cade dal balcone a Cassino, la piccola è stata rianimata in ospedale

Di admin

CASSINO – La bambina di sette anni caduta questa mattina dal balcone in corso della Repubblica a Cassino avrebbe sette anni (e non 5 come precedentemente riportato) e dopo i primi soccorsi effettuati direttamente sul marciapiedi dove è stata trovata, è stata trasportata in ospedale a Cassino e rianimata.

Le sue condizioni, quindi sarebbero gravi ma dopo un volo di diversi metri appare miracoloso che sia ancora in vita.

A darle speranza di sopravvivenza, quasi certamente sono stato un albero di Corso della Repubblica sui cui rami la piccola sarebbe caduta attutendone l’impatto con il marciapiedi.

Ermanno Amedei

 

15 dicembre 2018 0

Bimba di 5 anni cade dal balcone a Cassino, attimi di terrore in Corso della Repubblica

Di admin

CASSINO – Una bambina di 5 anni è caduta dal balcone o finestra di casa in pieno centro a Cassino. Attimi e scene di panico questa mattina poco dopo le 12.30 quando la piccola è volata giù dal terzo piano finendo sul marciapiedi sottostante in Corso della Repubblica poco prima della clinica Serena.

Per primi a soccorrerla sono stati alcuni passanti, e successivamente gli operatori di una ambulanza del 118.

La bimba seppur grave è viva e ciò è stato possibile, a quanto si apprende, dal fatto che la caduta sia stata attutita dai rami degli alberi sottostanti al balcone.

Ermanno Amedei

Aggiornamento

14 dicembre 2018 0

Paura alla rotatoria di via Casilina nord per l’incendio di un’auto

Di redazionecassino1

CASSINO – Attimi di paura lungo la SS.  Casilina in direzione nord, poco fa, per un’autovettura in fiamme. L”incendio si è sviluppato in prossimità della rotatoria di San Benedetto dinanzi ad un noto centro commerciale.  L’auto, probabilmente, avrebbe preso fuoco mentre era in marcia, vista la scia di fiamme lasciate lungo la strada. Sul posto sono in azione i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Cassino che stanno cercando di spegnere il rogo ed accertarne le cause. Al momento sembra non ci siano feriti. Il fuoco ha investito la vettura con fiamme di grande intensità. Inevitabili i disagi alla circolazione in quel momento per l’ora di punta e la pioggia battente che durante l’intera giornata ha investito la città.

F.P.

14 dicembre 2018 0

Incendio al Tmb Salario, il presidente della provincia di Frosinone dice no ai rifiuti di Roma

Di admin

FROSINONE – “Purtroppo è una situazione già vissuta, che chiama in causa direttamente le mancanze dell’Amministrazione comunale di Roma. La Capitale d’Italia, simbolo del nostro Paese, non può non essere in  grado di gestire un servizio fondamentale per i cittadini come la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Non è più concepibile che si continui a rinviare una soluzione e si faccia sempre affidamento alle capacità altrui”.

E’ quanto dichiara in una nota il Presidente della Provincia di Frosinone Antonio Pompeo. L’incendio che martedì ha distrutto il TMB Salario a Roma, l’impianto che trattava i rifiuti della Capitale ha aperto alla necessità di cercare soprattutto nei terrirori circostanti impianti in cui smaltire i rifiuti di Roma in attesa di trovare una soluzione definitiva con un nuovo impianto.

“Roma – dice Pompeo nella nota – sta dimostrando di non avere nessuna strategia sullo smaltimento dei rifiuti, appoggiandosi sempre agli impianti di altri territori. Una strada che non può essere percorsa all’infinito e che, come già annunciato dalla sindaca, produrrà anche degli aumenti sulla Tari per i contribuenti capitolini”.

“Tra l’altro la Provincia di Frosinone è fortemente impegnata sul potenziamento della raccolta differenziata, sia con risorse per i servizi e le strutture ai Comuni, sia con una campagna di sensibilizzazione rivolta ai cittadini, “Save Ciociaria”. Stiamo lavorando da tempo e per tempo per non soffrire quello che sta vivendo Roma e questa situazione può mettere in difficoltà anche chi comunque ha un sistema che funziona. In sede di confronto con la Regione Lazio, per l’aggiornamento del Piano dei Rifiuti, chiederemo espressamente e con forza il rispetto del principio dell’autosufficienza dei territori, non solo a tutela dei nostri cittadini, ma anche perché Il tempo degli slogan è finito. Roma faccia il suo dovere, come lo stanno facendo le Province del Lazio”.

14 dicembre 2018 0

Violenze e maltrattamenti alla madre, 27enne arrestato a Frosinone

Di admin

FROSINONE – Gli agenti della Squadra Mobile hanno dato esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del tribunale di Frosinone nei confronti di un 27enne residente nell’hinterland frusinate.

A motivare l’adozione del provvedimento il comportamento violento del giovane che ha messo in atto nei confronti della sua famiglia.

La drammatica vicenda è stata denunciata dalla ormai stanca madre, vittima  dei soprusi sia fisici che psicologici perpetrati dal figlio.

Della triste vicenda si è occupata la 2^ sezione – Reati contro la persona, in danno dei minori e reati sessuali – della locale Squadra Mobile: lo “scenario” emerso dall’attività investigativa degli uomini del vicequestore Carlo Bianchi ha  portato l’autorità giudiziaria ad emettere prima un decreto di allontanamento e successivamente, causa l’inosservanza, il divieto di dimora dal comune di  residenza.

Dopo l’ennesima inottemperanza, l’A.G. ha disposto l’aggravamento della misura e per il figlio violento si sono aperte le porte del carcere.

14 dicembre 2018 0

Evasione di fiscale da 58 milioni tra Fiuggi e Napoli: denunciate due persone

Di admin

FIUGGI – I finanzieri di Frosinone hanno concluso una verifica fiscale nei confronti di una società esercente l’attività commercio all’ingrosso di prodotti alimentari operante nel fiuggino e nel napoletano, che ha consentito di scoprire un’evasione fiscale per oltre 58 milioni di euro e di denunciare due persone per reati tributari.

E’ questo l’esito di un’operazione di servizio conclusa dalla Tenenza della Guardia di Finanza di Fiuggi nei confronti di una società, gestita da due persone di origine campana, che sebbene operativa e con una consistente forza lavoro alle dipendenze, aveva omesso non solo la presentazione delle dichiarazioni fiscali annuali per gli anni 2012, 2013, 2016 e 2017, risultando quindi un “evasore totale”, ma anche di versare le imposte e le ritenute Irpef relative alle retribuzioni corrisposte ai lavoratori dipendenti.

Per gli anni 2014 e 2015, invece, la società, pur presentando le dichiarazioni fiscali, non aveva indicato né i redditi prodotti, né l’I.V.A. a debito.

In questo modo, grazie al risparmio creato dalla mancata tassazione dei redditi e dal mancato versamento delle imposte, la società verificata era stata in grado, nei vari anni, di commercializzare i prodotti alimentari a prezzi altamente concorrenziali, con conseguente alterazione delle dinamiche di mercato.

Nel corso delle operazioni di verifica i responsabili della società, al fine di impedire la ricostruzione dei redditi non dichiarati nei vari anni, hanno omesso di esibire le scritture e i documenti contabili.

Ciononostante, i militari del Cap. Vincenzo Giove, attraverso le risultanze delle banche dati fiscali, dei controlli eseguiti nei confronti di aziende fornitrici e clienti della società verificata e degli accertamenti effettuati sui conti correnti bancari e postali intestati alla stessa e ai relativi amministratori, hanno quantificato un ammontare di ricavi non dichiarati per oltre 43 milioni di euro e un’I.V.A. evasa per oltre 15 milioni di euro, nonché omessi versamenti di ritenute Irpef su retribuzioni corrisposte a lavoratori dipendenti per circa 8 mila euro.

A conclusione della verifica fiscale, i due responsabili della società sono stati denunciati alla competente A.G. per i reati di omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali e di occultamento e distruzione di documentazione contabile.

L’operazione di servizio costituisce un’ulteriore conferma dell’impegno della Guardia di Finanza a contrasto dell’evasione fiscale, la quale produce effetti negativi per l’economia, ostacola la normale concorrenza fra imprese, danneggia le risorse economiche dello Stato ed accresce il carico fiscale per i cittadini onesti.

Al riguardo, da inizio anno sono 155 le persone denunciate dalle Fiamme Gialle di Frosinone per reati fiscali, individuate nel corso di 570 attività ispettive che hanno portato alla quantificazione di una base imponibile sottratta a tassazione di oltre 518 milioni di euro e una maggiore IVA di oltre 91 milioni di euro.

14 dicembre 2018 0

Fiuggi, falsi certificati medici per sottrarsi all’obbligo di firma: denunciato 32enne e va ai domiciliari

Di admin

FIUGGI – A seguito di un’attività investigativa, il Settore Anticrimine del Commissariato di Fiuggi ha accertato che un 32enne,  residente nella cittadina termale , sottoposto  alla misura cautelare dell’obbligo di firma giornaliero, presso il Commissariato, nell’ambito di un procedimento penale per furto aggravato continuato, aveva escogitato un abile stratagemma per sottrarsi, in alcuni giorni, all’obbligo impostogli .-

In particolare, l’uomo aveva esibito, per giustificare la sua mancata presentazione, alcuni certificati medici attestanti uno stato di malattia.

La fattezza dei certificati non convinceva i poliziotti: da accertamenti esperiti presso  i laboratori della Polizia Scientifica emergeva che la certificazione medica presentata era stata abilmente falsificata.

Per il 32enne scattava, pertanto, la denuncia per falsità materiale commessa dal privato, con  la sostituzione della misura cautelare in atto con quella degli arresti domiciliari .

13 dicembre 2018 0

Incidente stradale il largo Dante a Cassino, cinque auto coinvolte

Di admin

CASSINO – Carambola di auto, nel tardo pomeriggio di oggi, in largo Dante a Cassino. Sarebbero almeno cinque le vetture coinvolte e a causarla sarebbe stato il conducente di uno dei mezzi che, giunto alla rotatoria, avrebbe perso il controllo dell’auto schiantandosi contro le altre, alcune in transito ed altre parcheggiate fermando la corso sul marciapiedi di fronte al Risto pub Risciò.

Tra gli automobilisti ci sarebbe qualche ferito lieve e sul posto, oltre ad una ambulanza, sono arrivati i carabinieri di Cassino per effettuare i rilievi e risalire alle cause e alle responsabilità dell’accaduto.

Ermanno Amedei

13 dicembre 2018 0

Politica cassinate, D’Alessandro: Con me tutto il centro destra e contro gli alleati Pd e Lega

Di admin

CASSINO – “Ritengo sia opportuno puntualizzare qualora ce ne fosse ancora bisogno che al di fuori dell’amministrazione D’Alessandro, non c’è possibilità di costituire un altro centro destra a Cassino. Al di fuori della mia amministrazione c’è solo il centro sinistra e, fuori dal consiglio comunale, i 5 Stelle”.

Lo ha detto in una nota il Sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro.

“Prendo atto che il partito della Lega abbia deciso di votare favorevolmente una mozione di sfiducia presentata dal Partito Democratico e che quindi il Carroccio, a Cassino, ha un accordo sottoscritto con il PD per cercare in ogni momento di far cadere l’unica amministrazione di centro-destra di questa città. E’ indubbio che Tale situazione andava chiarita dopo tutti questi mesi e per l’evidenza è arrivato, in consiglio comunale, il voto favorevole alla sfiducia. Voglio rimarcare che il sottoscritto rimane un sindaco dell’intera coalizione di centro-destra. La stessa persona che è stata scelta dal popolo nel 2016, grazie all’Unione dei tre partiti e al blocco delle liste civiche. Non intendo derogare da questo sistema chi invece ritiene di fare accordi sottobanco con il Partito Democratico. Devono avere il coraggio di assumere questa decisione a tutti i livelli oppure i livelli sovracomunali devono avere la forza di intervenire per scongiurare un ennesimo accordo extra consiliare politico che nulla ha a che vedere con il bene della città. Inoltre prendo atto, con grande soddisfazione di avere comunque insieme con me altri 12 consiglieri comunali, pronti a rilanciare l’azione amministrativa per questa città sui 10 punti programmatici. Quelli che ho già evidenziato in un precedente consiglio comunale e che intendo portare avanti in questi restanti due anni e mezzo di amministrazione. Non ho nessuna paura di affrontare le continue spallate che sta producendo e continuerà a produrre l’accordo Lega – Partito Democratico. Saranno i cittadini a giudicare quando ci presenteremo al loro cospetto al termine del mandato. Loro sono gli unici deputati a giudicare un’amministrazione”. Ha concluso il Sindaco Carlo Maria D’Alessandro.