Tag: cani

1 settembre 2016 0

Cani nell’azienda sequestrata a Sant’Elia, grazie all’Anpana si apre un varco (nella vicenda)

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Sant’Elia Fiumerapido – La vicenda dei cani coinvolti nel sequestro della Selecta di Sant’Elia Fiumerapido, grazie all’interessamento degli animalisti dell’Anpana, delle sue volontarie e del suo presidente Francesco Altieri, sembra volgere al meglio.

Diverse le segnalazioni fatte dagli attivisti tra cui anche la sospetta sparizione di quei cani.  Il 10, invece, i cani sono stati nuovamente visti nell’area. In tutto 12, in particolare due cucciole erano rinchiuse all`interno del sito. Dopo aver temùuto il peggio, i cani sono pian piano ritornati, forse spaventati dagli operai che hanno sistemato i recinti dell`area immediatamente attorno al deposito di rifiuti, in Via Spineto.

Il 13 Agosto il Responsabile Francesco Altieri e l`operatrice Rocca Antonelli, previa comunicazione a tutti i soggetti aventi responsabilità sul sequestro, hanno provveduto, con grande pazienza, alla cattura di due dei più schivi cuccioli presenti che sono risultati molto mal messi e perciò subito traspostati dalla Veterinaria. ANPANA Fr ha comunque comunicato alla ASL e Comune che se non garantirà sostegno, costringerà i volontari, allo stremo, ad inviare le cucciole e tutti gli altri cani recuperati, al canile. Chi volesse adottare le cucciole contatti il numero 3396590331 o scriva a frosinone@anpana.it .

Qualche giorno fa, inoltre, è stata fatto il punto della situazione in un incontro congiunto tra Finanza, Polizia Locale e ANPANA FR onlus. Pur essendoci ancora cani randagi, questi possono muoversi liberamente.  “Inoltre  – ha dichiarato Francesco Altieri – il problema si sta affrontando e grazie all’ordinanza Sindacale, la collaborazione di Procura Finanza, Asl, curatura del fallimento: i bovini che pascolavano a ridosso del sito, ora sono ad una certa distanza ed i cani randagi sono gestibili”.

Er. Am.

25 maggio 2016 0

Randagismo a Cassino, 47 cani sterilizzati. Altieri (Anpana): “Iniziato giusto viatico”

Di admin

Cassino – E’ terminata da pochi giorni la campagna di sterilizzazione di cani liberi e non, del Comune di Cassino. Tramite la DGR Lazio n487 del 2007, le amministrazioni che ritengono, possono ottenere previa analisi e progettazione, il 50% delle spese per programmi di sterilizzazione di cani di proprietà e liberi a rischio di riproduzione incontrollata.

“Su un totale di 47 operazioni, – ha dichiarato Francesco Altieri, presidente di Anpana Frosinone  – le volontarie ANPANA hanno provveduto a fare le pratiche per 37 cani. In questo modo l’amministrazione ha iniziato un percorso virtuoso che in pochi anni porterà a controllare e poi sconfiggere il randagismo dilagante.

Infatti è da registrare anche un fatto preoccupante ed al contempo importante: nel solo cassinate sono stati circa 180 i cuccioli di cane dati in adozione nel 2015, direttamente dai volontari, quindi senza passare per il canile. Di questi l’80% dalle instancabili volontarie ANPANA Frosinone. Dato allarmante circa l`entità del fenomeno randagismo nella provincia di Frosinone e nel contempo importante per la mole di lavoro, ma anche per il risparmio economico dell’ente comune e, soprattutto, di dolore per gli animali.

Basti pensare che il costo dei cani al canile e di circa 3,5euro al giorno e mentre 150 euro è il costo per ciascun randagio accalappiato. Migliaia di euro risparmiati solo grazie al lavoro gratuito dei volontari. A questo va aggiunto l’impegno per la registrazione delle 12 colonie feline, fanno per le guardie Ecozoofile ANPANA Fr complessivamente 600 ore di servizio, 70 controlli eseguiti di cui 10 per maltrattamento. Il presidente di Anpana Frosinone Francesco Altieri ha ringraziato tutti i volontari per il lavoro svolto.

10 settembre 2014 0

Esperia – Una giornata con il “migliore amico dell’uomo”

Di redazionecassino4

. Una giornata dedicata al migliore amico dell’uomo. Domenica ad Esperia, in località Badia, si terrà un’esposizione cinofila amatoriale, il terzo Galà del cane organizzato dagli allevatori Giuseppe Mirelli ed Armando Botticelli. Le iscrizioni saranno aperte dalle ore 9 alle 11 in piazza Trombe di Rose, poi inizierà la fase dei giudizi. La gara è aperta a tutte le razze e sono previste diverse categorie: cuccioli, giovani, adulti, veterani. Poi ancora una classificazione per: pastore tedesco, american pitt bull, cani da caccia e una sezione speciale dedicata ai meticci. Ovviamente per questi ultimi l’unico metro di giudizio sarà la bellezza, mentre per quelli di razza saranno prese in esame le caratteristiche tipiche che li contraddistinguono. Anche i bambini potranno partecipare e portare il proprio “amico peloso”, condurlo davanti ai giudici e ricevere un premio. Sono previste coppe e mangime di prestigiosi marchi. “E’ un modo per trascorrere qualche ora in compagnia, si potrà mangiare qualcosa sul posto, e soprattutto si potrà interagire con questi animali meravigliosi – precisa Giuseppe Mirelli – che riescono a portare nella vita di tutti noi, una ventata di allegria e di dolcezza”. Gli interessati, per informazioni ed iscrizioni, possono contattare lo stesso Mirelli al numero 329-5868763.

30 settembre 2012 0

Cagnolini gettati come rifiuti salvati dai vigili del fuoco di Cassino

Di redazione

Sono stati abbandonati sul greto di un fiume, forse gettati come spazzatura nella speranza che l’acqua potesse trascinare via le loro vite. Ma un passante li ha notati e ha chiesto l’intervento dei vigili del fuoco di Cassino. I quattro cuccioli, due maschietti e due femminuce, erano stati gettati in una scatola vicino al fiume Rapido su via Madonna di Loreto. È stato li che i pompieri sono intervenuti raggiungendoli superando la vegetazione. Portati in salvo sono stati affidati alla persona che ne ha denunciato il pericolo. 

13 agosto 2012 0

La metà dei comuni italiani non raccoglie i cani randagi

Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo: Con una nota inviata oggi al ministero della salute ed in particolare al sottosegretario Cardinale AIDAA denuncia la mancata applicazione della legge 281/91 contro il randagismo da parte di almeno la metà dei comuni italiani che nel mese di agosto (periodo di maggiore abbandono dei cani) non ha attivato il servizio di raccolta dei cani randagi la cui competenza per legge è dei sindaci e da loro demandata quasi sempre al servizio di polizia locale o in appalto a servizi esterni di accalappiamento dei cani o attraverso servizi gestiti direttamente dal settore veterinario della ASL. In alcune regioni come la Puglia, la Campania, ma anche Sicilia, Sardegna ed a Abruzzo nei mesi estivi ed in particolare in agosto l’assenza di servizio continuativo di raccolta dei randagi raggiunge in alcune provincie anche il 70% dei comuni dove specialmente nei giorni festivi e nei fine settimana non è possibile segnalare la presenza dei cani randagi nel territorio comunale in quanto nessuno interviene per raccogliere i cani randagi. La mancanza di un servizio di raccolta dei cani randagi (anche per alcuni giorni al mese) e l’assenza dei canili sanitari è di fatto una violazione della legge sul randagismo da parte di oltre 4.000 sindaci italiani che saranno denunciati dall’Associazione italiana difesa animali ed ambiente per il reato di omissione di atti d’ufficio. AIDAA ricorda inoltre che secondo gli ultimi dati del ministero in Italia sono circa 500.000 i cani randagi la cui presenza è concentrata principalmente nelle regioni del centro-sud Italia, mentre solamente 150.000 sono ospitati nei canili pubblici e privati italiani e si stima che ogni anno vengano abbandonati almeno 100.000 cani su una popolazione totale di circa 10.000.000 di cani presenti nelle famiglie italiane.

15 luglio 2012 0

Cosa fare se incontri un cane abbandonato? I consigli di Aidaa

Di admin

Dall’associazione Aidaa riceviamo e pubblichiamo: Estate tempo di abbandono per i cani. Ci siamo domandati molte volte cosa fare se si trova un cane abbandonato magari durante il nostro viaggio verso le vacanze. L’associazione italiana difesa animali ed ambiente – AIDAA ha messo a punto una serie di piccoli ma utili consigli su cosa fare se si incontra un cane abbandonato. 1- Prima cosa occorre capire se si tratta di un cane abbandonato o di proprietà che magari sta solamente facendo un giretto nel quartiere, questo possiamo capirlo dal comportamento del cane, un cane abbandonato si trova a disagio, va a zig zag per strada, è spaventato e non annusa e spesso ha la coda tra le gambe. 2- Avvicinarsi al cane senza mai sbarragli strada, parargli davanti con l’auto o effettuare gesti bruschi, l’animale potrebbe fuggire e fare deviazioni improvvise finendo sotto una macchina o provocare incidenti stradali. 3- Non rincorrete mai il cane si metterebbe a correre anche lui con le conseguenze su riportate, specialmente se il cane si trova in una strada ad alta densità di traffico o su un autostrada 4- Se il cane si avvicina a noi facciamo dei movimenti lenti, mai bruschi, veloci o avventati, se il cane si avvicina ancora di piu proviamo ad abbassarci dandogli le spalle e allungando una mano verso di lui con del cibo. 5- In ogni caso occorre agire con molta prudenza e pazienza ed aspettare che sia lui ad avvicinarsi. 6- In caso non siamo sicuri di cosa possa accadere o non siamo degli esperti è buona cosa chiamare la polizia stradale o i vigili urbani o il piu vicino canile (numero rintracciabile telefonando al numero 892424 che fornirà il numero richiesto -vale anche per il veterinario di zona- e ci metterà in diretta comunicazione con le persone interessate). Aspettare poi l’arrivo del personale preposto seguendo il cane da vicino nei suoi spostamenti tenendo a mente i consigli precedentemente riportati. 7- Il cane recuperato verrà portato in un canile sanitario e dopo le visite di rito il veterinario rileverà se lo stesso cane è provvisto di microchip e da qui si capirà se l’animale è stato abbandonato o è fuggito. 8 – Se sei testimone di un abbandono prendi subito la targa ed il tipo di auto segnando ora e luogo dove tale abbandono è avvenuto. Prima soccorri il cane e poi chiama L’AIDAA che ti sosterrà nella denuncia contro colui che ha abbandonato il cane. Il primo contatto può avvenire anche via sms al numero 3403848654 oppure telefonando al numero 3478883546 9- Se trovi un cucciolo vagante chiama l’associazione di tutela animali più vicina o il rifugio per cani o gatti più vicino che si prenderà cura del cucciolo aiutandolo a trovare una famiglia. 10- Se investi un animale o più semplicemente trovi un animale ferito chiama il 118 e chiedi del veterinario in turno o attraverso il numero 892424 attivo 24 ore su 24 chiedi di essere messo in contatto con il veterinario aperto più vicino che provvederà al recupero ed alla cura dell’animale.

16 giugno 2012 0

Arriva il caldo, mettiamo una ciotola d’acqua per cani e gatti

Di admin

Da Aidaa (ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE) riceviamo e pubblichiamo:

Nella lontana estate del 1877 in occasione di una forte ondata di calore, molti sindaci e magistrati civici di città e paesi italiani ordinarono (vedi immagine 1) ai loro concittadini di lasciare sempre una ciotola d’acqua fresca fuori dalla porta di casa per permettere che i cani ed i gatti randagi si dissetassero. Oggi nel 2012 AIDAA rilancia l’antico appello ai titolari di locali pubblici, a coloro che hanno le case che danno sulla strada ed ai sindaci degli oltre 8.000 comuni italiani perchè riprendendo quell’antica usanza si provveda in questi giorni a mettere una ciotola d’acqua fresca fuori dalla porta di casa in modo che cani e gatti (randagi o di passaggio) possano dissetarsi, in particolare l’invito è rivolto ai titolari di locali pubblici di quelle regioni del centro sud dove maggiormente è concentrata la presenza dei circa 750.000 cani randagi presenti sul territorio italiano. Nei prossimi giorni infatti si pensa che il caldo possa arrivare a sfiorare se non addirittura a superare i 40 gradi, per questo motivo è fondamentale permettere ai cani ed ai gatti di dissetarsi in maniera regolare e per questo motivo AIDAA invita i sindaci ad emettere “apposite ordinanze” allo scopo di favorire la presenza delle ciotole d’acqua fresca fuori dai locali pubblici cosi da permettere agli amici pelosi di potersi dissetare in questi giorni di forte calura pre-estiva. per info 3478883546-3926552051

15 giugno 2012 0

5mila cani abbandonati ogni estate in autostrada

Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo: Sono cinquemila ogni estate (giugno-settembre) i cani avvistati vaganti sulle autostrade italiane con una punta di circa 1.800 cani nel solo mese d’agosto. Negli ultimi tre anni nel mese d’agosto c’è stata comunque una diminuzione delle segnalazioni dei cani vaganti di circa il 30% passando dalle 2.372 segnalazioni del 2009 alle 1.807 del mese di agosto 2011*. Per quest’anno il rischio è che dopo tre anni di costante discesa del numero delle segnalazioni si torni ad un incremento dei cani vaganti è dietro l’angolo. Da qui l’appello di AIDAA a tutte le istituzioni ad anticipare la campagna contro l’abbandono dei cani gia a partire dal mese di luglio, in quanto da questi primi giorni di giugno i dati sugli avvistamenti non sono affatto positivi e fanno registrare un incremento rispetto allo scorso anno (212 segnalazioni rispetto alle 186 dello scorso anno). Gli avvistamenti sono concetrati prevalentemente nelle autostrade del centro e sud italia, ma sono in aumento anche nella zona del raccordo di roma (23 segnalazioni) e delle tangenziali di milano e torino dove si sono registrati rispettivamente 14 ed 11 avvistamenti. Maglia nera degli avvistamenti per quanto riguarda i cani vaganti nell’agosto del 2011 le autostrade di puglia, calabria e campania. Ottimi risultati invece con pochissimi avvistamenti sulle autostrade di Emilia, Friuli e Valle d’Aosta. per info 3478883546-3926552051

* fonte database operazione Io l’ho visto triennio 2009-2011

18 maggio 2012 0

Aidaa: “Giù le mani dai cani, nessuna tassa ne oggi ne mai”

Di admin

Da Aidaa riceviamoe pubblichiamo: Ci dispiace dover dire lo avevamo detto, ma purtroppo avevamo ragione, avevamo previsto che in primavera sarebbero ritornati alla carica con la tassa sui cani ed eccoci qua. Ancora una volta diciamo no a qualunque tassa sugli animali in particolare sui cani, nessuno escluso. La tassa sui cani rischia di diventare una nuova tassa di possesso cosi come avviene per le auto e per le moto. Noi diciamo No senza se e senza ma. In un periodo in cui si sta lottando per dare diritti e dignità agli animali, in cui si sta lottando da anni per combattere il randagismo e l’abbandono dei cani che tocca il suo apice proprio nei mesi estivi si vuole ora ancora una volta proporre una tassa sui cani favorendo di fatto il rischio di abbandono degli animali. AIDAA farà tutto quanto in suo potere per combattere questa assurda proposta di legge ed invita tutti i proprietari di cani ad una mobilitazione generale, con una marcia sul parlamento con i nostri amici a quattro zampe per fare sentire tutti insieme la nostra voce contro questa assurda proposta.

16 gennaio 2012 0

Cani e bambini: ecco i consigli utili per una serena convivenza familiare

Di admin

Da Aidaa riceviamo e pubblichiamo:

Sono 7 milioni le famiglie italiane che possiedono animali domestici con i quali convivono nelle stesse case, negli stessi appartamenti.

Tra queste circa un milione sono le famiglie con bambini piccoli che convivono con il cane di casa.

Per questo motivo AIDAA ha messo a punto una serie di consigli utili per le famiglie con bambini piccoli e cane, consigli pratici su come imparare a far convivere il piccolo umano con fido (ma anche con micio).

Infatti è importante che fin da piccoli si impari a convivere, ma anche a rispettare (e farsi rispettare) il peloso di casa ed a istaurare il giusto rapporto e la giusta scala gerarchica in famiglia dove l’arrivo di un bambino può essere motivo di gelosia per l’animale di casa.

Questi e molti altri consigli sono contenuti nelle 44 pagine dell’edizione 2012 del volume online MICIO E FIDO PER AFFRONTARE OGNI SITUAZIONE in distribuzione gratuita (solo web) realizzato a cura di Tiziana Pascali responsabile organizzativo di AIDAA sotto la supervisione del servizio legale e veterinario dell’associazione.

Il libro è giunto alla seconda edizione aggiornata, mentre per l’edizione 2011 sono state oltre 7.000 le copie distribuite gratuitamente.

Per prenotare la propria copia gratuita online basta scrivere a direttivo.aidaa@libero.it. Il volume è composto da diversi capitoli che vanno dal rapporto tra bimbo e animale domestico, fino alle normative per la buona gestione di fido e micio in casa e fuori, e presenta anche i consigli sulle piante velenose per i pelosi di casa e per evitare ai nostri amici pelosi lo stress per i botti di capodanno.