Tag: dedicato

18 gennaio 2018 0

Sicurezza a Velletri, Paolo Fede: con Greci sindaco, un assessore dedicato all’argomento

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VELLETRI – Il problema della sicurezza nelle città è dilagante ovunque e certamente caratterizzerà la prossima campagna elettorale. L’aumento di cittadini stranieri, il fenomeno inarrestabile della droga e tutto ciò che il suo mercato comporta, e con sempre meno risorse delle forze dell’ordine, l’argomento è, purtroppo, sempre più  di attualità. Velletri, città chiamata alle urne per il rinnovo dell’amministrazione comunale, l’argomento sarà lungamente dibattuto.

“Ormai si assiste impassibili, e con un immobilismo che mette ancora più paura, al dilagare di episodi di violenze e di furti presso abitazioni ed attività commerciali”.

Dichiara Paolo Fede sostenitore del candidato sindaco Giorgio Greci e candidato al consiglio comunale

“Velletri non è da meno su questo argomento. Basta affacciarsi sui gruppo social locali per leggere di continui furti presso case, sia durante il giorno che nella notte. Inammissibile non poter dormire in pace a casa propria, senza dover avere la minima paura per continui allarmi che suonano, cani che abbaiano, e con la consapevolezza che farsi una passeggiata per il corso o zone limitrofe è ormai sinonimo di possibili incontri con malintenzionati o gruppi di persone ubriache con bottiglie di birra in mano, potenziale arma di offesa.

Leggo con stupore di aumenti di corsi per la difesa personale presso palestre. Ma davvero siamo arrivati a questo punto a Velletri?

Facile dire in campagna elettorale “metteremo le telecamere di videosorveglianza”. La realtà è un’altra: le telecamere le abbiamo, usiamole. Con il candidato sindaco Giorgio Greci. andremo ad ampliarne la quantità sul territorio, andremo a coprire anche luoghi strategici e nodi stradali di scambio periferici, perchè magari il ladro o il malintenzionato prima o poi ci passa, ed è più facile in questo modo andarlo a rintracciare, a riconoscere o a scoraggiare.

Greci lo ha ribadito anche durante l’incontro al teatro Tognazzi l’8 dicembre: con lui Sindaco, introdurremo “l’assessore alla sicurezza”, un assessore che si occuperà solo di problemi legati alla sicurezza. Non sarà la panacea di tutti i problemi, ma almeno si inizia a progettare un sistema che individui strategie per tutelare i cittadini”.

18 settembre 2017 0

Aspettando la Notte Europea dei Ricercatori – 29 settembre – l’evento dedicato alla ricerca scientifica più importante d’Europa

Di redazione

Dal 23 al 30 settembre alla scoperta del sapere scientifico con la Settimana della Scienza: Laboratori, visite guidate nei centri di ricerca italiani, aperitivi scientifici, incontri con i ricercatori Dal 18 settembre aperte le iscrizioni al pubblico e alle scuole

Aspettando la Notte Europea dei Ricercatori – 29 settembre – l’evento dedicato alla ricerca scientifica più importante d’Europa

In Italia il progetto coordinato da Frascati Scienza con 25 città italiane e 370 eventi

Cresce in Italia l’attesa per la Settimana della Scienza dal 23 al 30 settembre 2017; eventi, aperitivi scientifici, incontri con i ricercatori, conferenze e visite nei più autorevoli centri di ricerca italiani aperti al grande pubblico e alle scuole di ogni ordine e grado. L’appuntamento precede un altro importante evento, la Notte Europea dei Ricercatori – 29 settembre, la più importante manifestazione europea di comunicazione scientifica che coinvolge 340 città europee in 27 stati e più di 17.500 ricercatori.

In Italia l’evento coordinato dall’Associazione Frascati Scienza apre il 18 settembre le iscrizioni a tutti gli appuntamenti.

La manifestazione ha l’obiettivo di avvicinare ricercatori e cittadini di tutte le età ed evidenziare l’importanza e l’impatto positivo della ricerca nella vita quotidiana. Un’opportunità per creare un legame tra scienza e società, per un confronto/dibattito continuo su temi cruciali della ricerca scientifica. Un’occasione, inoltre, per far incontrare i giovani e i ricercatori, per comprendere da vicino questo affascinante mestiere in grado di cambiare concretamente le nostre vite, diventare anche solo per un giorno ricercatore divertendosi e scoprendo discipline scientifiche e, perché no, restare affascinati dalla carriera scientifica pensando un giorno di intraprenderla.

Il filo conduttore della manifestazione organizzata da Frascati Scienza è il Made in Science, per una scienza intesa come vera e propria ‘filiera della conoscenza’. Tutto quello che ci circonda è scienza e lo strumento essenziale per conoscere, spiegare e interpretare il mondo è proprio il metodo scientifico.

Frascati Scienza, oltre a coordinare tutte le attività dell’area tuscolana e nella regione Lazio che apre molte delle infrastrutture di ricerca più importanti d’Italia, sarà presente in tantissime città da nord a sud della penisola, isole comprese: Bari, Cagliari, Carbonia, Cassino, Caserta, Catania, Cave, Cosenza, Ferrara, Frascati, Frosinone, Gorga, Isnello, Lecce, Milano, Monte Porzio Catone, Napoli, Palermo, Parma, Pavia, Pula, Roma, Sassari, Trieste, Viterbo.

Si comincia il 23 settembre a Roma all’interno del parco dell’Ex Cartiera Latina; con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura e Politiche Giovanili della Regione Lazio, verrà inaugurato il “Luna Park della Scienza” che aprirà ufficialmente la Settimana della Scienza, dando inizio ai numerosi eventi in programma.

28 maggio 2017 0

Al via il Festival della Preistoria, dedicato al sito archeologico “Orme di dinosauro

Di redazionecassino1

Esperia –  Già dalla prima giornata non si può che decretare un vero successo l’intuizione del Comune di Esperia: un festival gratuito dedicato al sito archeologico “Orme di dinosauro” e all’era preistorica.

Il primo open day della manifestazione ha visto la partecipazione di scolaresche, studiosi ed esperti del settore, insieme con un nutrito gruppo di turisti richiamati da un evento che già dal primo appuntamento è riuscito nell’intento di destare curiosità ed interesse.

Una giornata entusiasmante per grandi e piccini, durante la quale si sono susseguite visite guidate animate al sito archeologico e al museo del Carsismo di Esperia, laboratori didattici sulla Preistoria, animazioni multimediali, il tutto nella cornice di uno splendido borgo incastonato nel verde parco dei Monti Aurunci.

Le orme di dinosauro rinvenute in località San Martino sono le più antiche mai scoperte nel Lazio. Più di 40 impronte risalenti a circa 12-140 milioni di anni fa, 10 milioni di anni più vecchie di quelle rinvenute a Sezze. Le impronte risalgono al periodo Cretaceo, quando l’intero territorio era ricoperto di acqua, e appartengono a due specie: il Tyrannosaurus rex (Carnivoro) e Brontosaurus (Erbivoro).

Tant’è l’interesse per il sito archeologico e per la manifestazione che ad accompagnare i partecipanti durante tutta la giornata anche un operatore del TGR Lazio. Non è la prima volta che il sito richiama l’interesse della TV, ricordiamo infatti che già nel 2015 rai2 volle dedicare un dettagliato servizio al sito, volto a sottolineare l’importanza dello stesso non solo a livello nazionale ma in tutta Europa. Le orme in questione infatti, sono le più antiche tracce mai repertate a livello nazionale dei sauropodi, la specie più grande dei dinosauri erbivori vissuti tra il Triassico e il Cretacico superiore.

“Questa prima giornata ci lascia davvero colmi di soddisfazione” ha dichiarato il Sindaco Rag. Giuseppe Villani “ma questa manifestazione non sarebbe stata possibile senza il contributo del Consiglio Regionale del Lazio e la Comunità Montana “L’Arco degli Aurunci”, la collaborazione del tour operator Kelle Terre e l’ass. culturale Lestrigonia.”. Ricordiamo infatti che il Festival  è stato vincitore di un bando del Consiglio Regionale del Lazio, il quale mirava a finanziare “iniziative idonee a valorizzare sul piano culturale, sportivo, sociale ed economico la collettività regionale”, collocandosi tra i primi 50 progetti nella graduatoria di merito

“È solo un punto di partenza questo della nostra amministrazione di puntare sulle Orme del dinosauro, un sito archeologico che rende Esperia unica nel panorama nazionale – dichiara il Sindaco Giuseppe Villani – ringraziamo il Consiglio Regionale e la Regione Lazio per aver creduto in questo progetto che si tiene la prima volta nel nostro territorio ma sarà solo la prima di tante edizioni.”

Per chi volesse conoscere questo luogo straordinario i prossimi appuntamenti sono il 28 maggio e il 3 giugno con 2 open day rivolti ai bambini, alle famiglie e a chiunque volesse scoprire il sito delle orme. A chiudere il festival il 3 giugno una festa serale con un ospite d’eccezione: Enrico Capuano e la Tammurriata rock in concerto.