Tag: lametta

10 gennaio 2017 0

Lite tra detenuti a Cassino, con lametta tunisino taglia il volto ad un italiano

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Cassino – Con un colpo di lametta, un detenuto tunisino ha sfregiato il volto di un detenuto di Frosinone. L’episodio sarebbe avvenuto domenica pomeriggio nel carcere di Cassino durante la così detta ora d’aria.

La lite è ancora al vaglio degli agenti della penitenziaria che sono prontamente intervenuti per evitare il peggio.

Il medico del penitenziario ha suturato la ferita al detenuto aggredito con ben 15 punti. L’aggressore che sarebbe stato portato in isolamento si sarebbe già reso protagonista di altri episodi come l’incendio della sua stessa cella appena 40 giorni fa.

Ermanno Amedei

5 dicembre 2016 0

Aggressione con lametta in carcere, detenuti in aumento a Cassino e a Frosinone

Di admin

Frosinone – La popolazione carceraria di Cassino è aumentata di 102 unità nell’ultimo mese; 49 in più nel carcere di Frosinone ma, nel Lazio, complessivamente in tutte le case circondariali, la popolazione è cresciuta nell’ultimo mese di 83 unità. I dati forniti da Cristina Celani, segretario responsabile Fns cisl del carcere di Frosinone fanno emergere che se in altre strutture carcerarie della Regione i detenuti sono diminuiti nell’ultimo mese, nei due carceri della provincia di Frosinone sono aumentati sensibilmente. Un sovraffollamento che ha inevitabili ripercussioni, secondo il sindacato, sulla sicurezza interna. Ieri, un detenuto arrivato dal Carcere di Regina Coeli trasferito per motivi di ordine e sicurezza poiché aveva aggredito violentemente un Sovrintendente, ha tentato di aggredire l’ispettore di sorveglianza nel carcere di Frosinone con una lametta. Per contenere le intemperanze dell’uomo ed evitare il peggio è stato necessario sguarnire di personale altre sezioni. C’era in corso lo svolgimento della partita di rugby ed erano aperti i seggi interni per le elezioni. “C’è necessità di correttivi per una maggiore consistenza effettiva del personale di polizia penitenziaria”. Dice la sindacalista. “Purtroppo dobbiamo evidenziare il grave disagio che vive il personale gravato da turnazioni estenuanti e da episodi gravi ormai all’ordine del giorno”. Ermanno Amedei