Tag: pneumatici

16 dicembre 2016 0

Una montagna di pneumatici a Santi Cosma e Damiano, sequestrata area

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Santi Cosma e Damiano – Una vera e propria discarica abusiva di 4.500 metri quadrati su cui sono ammassate grosse quantità di pneumatici in disuso è stata sequestrata dai carabinieri a Santi Cosma e Damiano.

Nell’area, C.S. 34enne di Formia, aveva ammassato complessivamente tremila tonnellate di pneumatici.

L’uomo è titolare di una società che si occupa di lavorazione e riciclaggio di gomma, materiale plastico e derivati.

I pneumatici, dovevano essere sottoposti ad un complesso trattamento per separare il prodotto riutilizzabile da quello che non lo è. Invece erano ammassati a cielo aperto in quella che era diventata una discarica abusiva.

Per questo, oltre al sequestro, è scattata la denuncia per abbandono e deposito incontrollato di rifiuti.

9 novembre 2016 0

Discarica di pneumatici nata a Cassino su area sequestrata

Di admin

Cassino – Sono migliaia i pneumatici accatastati in un’area tra il campo sportivo di Caira a Cassino e il fiume Rapido Leggi .

Pneumatici di ogni forma e dimensione che sembrano essere inghiottiti dalla vegetazione e che così nascondono tutta la loro pericolosità. A segnalarlo agli agenti della Polizia Provinciale di Cassino è stato l’attivista Bruno della Corte che si è trovato di fronte, oltre al muro di pneumatici, una discarica che occupa alcuni ettari su cui sono stati scaricati rifiuti di ogni genere.

Abbondano i fogli di catrame di quelli usati nell’edilizia, materassi e rifiuti plastici. Dalle prime indagini svolte dalla polizia provinciale risulterebbe che l’area era già stata sequestrata nel 2011 da altra forza di polizia ma che da allora, dei sigilli non ne è rimasta traccia mentre i rifiuti sono cresciuti.

Informata la Procura della Repubblica di Cassino si sta lavorando per trovare una soluzione per bonificare l’area che appartiene a titolari che sostengono di averla acquistata sulla carta, e di non sapere cosa vi fosse stipato.

Il pericolo è evidente. I rifiuti, tutti e non solo i pneumatici, sono fagocitati dalla vegetazione composta per lo più da sterpaglie. In caso di incendio, quei rifiuti lo alimenterebbero per giorni creando una vera e propria nube tossica contro cui sarebbe difficile trovare soluzioni per arginarla. “Occorre, quindi, agire in fretta – dichiara Bruno Della Corte – mettendo in atto un piano per ripulire l’area dai materiali pericolosi”.

Ermanno Amedei

4 novembre 2016 0

Un muro di pneumatici nella campagna di Cassino

Di admin

Cassino – Le campagne di Caira continuano a riservare sorprese che, purtroppo, sono tutt’altro che piacevoli. Dopo veleni di ogni tipo interrati al confine tra Cassino e Sant’Elia Fiumerapido su cui la magistratura sta indagando, un’altra indecenza è stata segnalata dall’attivista Bruno Della Corte.

La zona è quella compresa tra il campo di calcio di Caira e il fiume Rapido; alcuni ettari di terra trasformati in discarica a cielo aperto. “Mi avevano segnalato alcuni cumuli di rifiuti -ha detto Della Corte – ma quando sono arrivato per accertarmene ho capito che la discarica aveva dimensioni ben maggiori”.

Un vero muretto realizzato con pneumatici semicoperto da rovi copre si stende sul lato del perimetro che comprende anche cumuli di materassi e grosse quantità di fogli di catrame. Uno scempio che è arricchito di ogni altra tipologia di rifiuto, da quelli di tipo solido urbano, agli inerti scarto di lavorazioni edili.

Il pericolo maggiore è costituito dal mix di vegetazione e grosse quantità di pneumatici e materiale plastico che, in caso di incendio, considerando la gran quantità di combustibile, brucerebbe per giorni. Certamente non è più periodo di incendi, ma l’estate tornerà. Intanto Bruno Della Corte ha informato anche le autorità affinché si prendano provvedimenti per bonificando l’indecenza.

La circostanza di Caira dimostra quanta immondizia ci sia non solo nelle campagne di Cassino, ma anche tra i cittadini alcuni dei quali sono incapaci di comportamenti civili: immondizia appunto.

Ermanno Amedei