Tag: poesia

27 ottobre 2017 Non attivi

“Ogni anno il 1 novembre….” La magia della poesia napoletana nel Cisternone romano di Formia

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Formia – In occasione della celebrazione di “Ognissanti”, il Cisternone romano di Formia, diventerà la suggestiva cornice per alcuni classici della poesia napoletana di Totò e di Eduardo de Filippo, tra le quali ‘A livella’, ‘je vulesse truvà pace’. 

L’evento si terrà il giorno 1 novembre dalle 17.00 alle 20.30 con ripetizioni ogni 30 min. Per dare spazio alla manifestazione, nel pomeriggio saranno sospese le visite guidate tradizionali, effettuate al mattino dalle 10.30 alle 12.30. L’evento prevede un contributo di partecipazione ed è necessaria la prenotazione al 3392217202 o tramite sinusformianus@gmail.com. 

Alle ore 16 un archeologo di Sinus Formianus accompagnerà i visitatori tra i suggestivi vicoli del Borgo alla scoperta della storia di Castellone.

Quest’iniziativa realizzata dalla RTA Sinus Formianus, in collaborazione con Martina Carpino e Hugo Fonti della Compagnia Teatrale “Gli Scapigliati”, rientra tra quelle predisposte dal Raggruppamento Temporaneo di Associazioni per la valorizzazione dei siti archeologici di Formia. A breve sul sito www.sinusformianus.it sarà disponibile il programma completo delle numerose attività e iniziative, destinate sia agli adulti che ai bambini, previste per il periodo natalizio. 

Foto repertorio

 

3 ottobre 2017 0

Incontri internazionali di poesia, a Campobasso dal 15 al 19 ottobre

Di redazione

A Campobasso in ottobre la prima edizione della rassegna Incontri Internazionali di Poesia: per cinque giorni nel capoluogo molisano si raccoglieranno le principali voci poetiche del panorama mondiale contemporaneo, attraverso il coordinamento nazionale di Loretto Rafanelli che curerà anche le edizioni previste a Bologna e Milano, con la direzione artistica di Valentino Campo. Negli spazi del Palazzo Gil si alterneranno cinque importanti poeti provenienti dall’Africa, dall’Asia, dal Continente americano e dall’Europa. Voci assolute di chiara riconoscibilità internazionale la cui poetica attinge a tematiche di stretta attualità, quali la guerra, la pace, la migrazione di popoli, il mondo islamico, la figura della donna, l’ambiente e le risorse. Ciascuno di essi lo farà dal proprio punto di vista, da una specifica prospettiva geografica e sociale.

Gli Incontri internazionali di Poesia avranno inizio il prossimo 15 ottobre con la presenza di MAHMOUDAN HAWAD, scrittore e pittore tuareg, con la sua poetica del pensiero nomade di cui è erede: “Per il nomade, il pensiero esiste solo quando è in marcia o quando canta; tutto ciò che è nomade deve essere cantato o in cammino per essere veramente tale”. La sua ultima raccolta Poésies, 1985-2015 (2017)è edita da Gallimard.

Il 16 ottobre protagonista della giornata sarà il poeta lussemburghese ma di famiglia italiana, JEAN PORTANTE. La sua è la lingua dello sradicamento: un incessante viaggio da una lingua all’altra, che permette, nella sua poesia, di rinnovare, o meglio di rendere “straniera” la lingua francese. Jean Portante parla anche di foggiare (efaçonner è altro titolo di una delle sue raccolte). Si tratta di foggiare la scrittura, cancellarla un po’, affinché sorga la vera lingua. Storia, biografia e finzione, per districare le trappole della memoria, dell’identità, dello sradicamento, della migrazione, i temi centrali dei suoi libri.

Il 17 ottobre a Campobasso giunge la poesia di MARAM AL MASRI, poetessa siriana, dissidente, esule. Nelle sue opere oltre l’amore, che ha sempre un sapore autobiografico, la solitudine dell’immigrato, la nostalgia della propria terra e la libertà della donna.

Dal Messico il 18 ottobre arriva a Campobasso MARIO BOJÒRQUEZ, scrittore, saggista e poeta di fama internazionale. Nei suoi lavori la misura sillabica, la poesia drammatica, il versetto libero, il versetto bianco: mezzi espressivi per affermare che la poesia è una risposta alla vita.

Infine, per chiudere gli Incontri internazionali di poesia, il 19 ottobre l’importante presenza di YANG LIAN, considerato il più grande poeta cinese vivente. In esilio dopo il massacro di Tienanmen, negli ultimi anni, grazie a un diverso clima ideologico e culturale, Yang Lian è ritornato più volte in Cina, dove le sue opere sono state pubblicate con grande rilievo. Yang Lian ha lavorato in più di 20 Paesi, rappresentando una delle maggiori voci nel panorama letterario, politico e culturale mondiale. Nel 2002 viene candidato per il premio Nobel.

Palazzo Gil, Via Milano Campobasso – Auditorium Arturo Giovannitti Ore 18,30. Ingresso gratuito. Gli Incontri Internazionali di Poesia di Campobasso promuovono la campagna nazionale contro il femminicidio “Non ti amo da morire”, sostenuta da Confcommercio Molise e numerose associazioni locali e nazionali.

17 agosto 2017 0

San Pietro Infine: Arte e poesia si intrecciano nel Parco della Memoria Storica, dal 25 al 27 agosto, il festival Gliu Vient

Di redazione

Il vento, elemento volatile e impalpabile, diventa simbolo e metafora di un percorso filosofico e culturale. Il vento è il tema portante di un festival unico nel suo genere che unisce poesia e arti figurative. Il festival si terrà a San Pietro Infine, nei giorni del 25, 26 e 27 agosto, nel Parco della Memoria Storica. Il borgo collocato al confine tra Campania, Lazio e Molise, distrutto durante la seconda guerra mondiale tornerà a vivere attraverso l’arte. Un’arte salvifica che fa memoria e risana quell’antica ferita restituendo un soffio vitale al paese devastato e abbandonato. Gliu Vient è emblema del paese, è qui che soffia un vento impetuoso che scuote, vibra, percuote, si allontana e ritorna, un vento dispettoso e intenso, un vento remoto che sembra sospingere passati e memorie, attirando a sé altri futuri possibili. Per creare un collegamento ancora più intenso con il paese è stata scelta l’espressione dialettale per dare il nome al Festival. Gli organizzatori del Festival sono L’arte della terra, le associazioni Pentacromo e Lost in Babylon in collaborazione con Tantestorie.it e Sorridi alla vita. La direzione artistica è affidata a Rosaria Pezzella e i curatori sono Cosimo Colella e Rosario Parisi. Il festival Gliu Vient si avvale del patrocinio della Regione Campania, della Comunità Montana, del Comune di San Pietro Infine e della Fondazione Parco della Memoria Storica. Quasi cento gli artisti, tra scultori, pittori, fotografi e poeti, che hanno aderito all’appello e hanno creato un’opera d’arte esclusiva ispirata al vento. Le opere verranno esposte nella tre giorni del festival, inoltre, le poesie saranno interpretate dagli allievi del teatro Manzoni di Cassino diretti da Giorgio Mennoia. Nell’ultima serata verranno decretati i versi vincitori e tutte le opere verranno pubblicate, una al giorno, sul sito www.tantestorie.it Il programma: Mostra collettiva d’arte contemporanea Gliu Vient Wind connection live painting collettiva Interazione poetica di Annarita Borrelli Anche oggi non si vola, installazione interattiva di Salvatore Cammilleri Inspired by the wind, action painting a cura di Cosimo Colella e Davide Antinozzi Raku nel vento, workshop di ceramica Raku a cura di Gaetano Branca e Stefania Saturnino (il costo del corso è di 15 euro) Gliu vient reading performance a cura degli allievi del teatro Manzoni Anime al vento performance a cura di Vera Cavallaro, autrice della poesia e voce recitante, e Manuela Ruggieri, danzatrice, con Chiara Raponi, flauto traverso, e Sara D’Alessandro Dove il vento ci porta, dove le radici ci tengono, laboratorio di pittura per bambini a cura di Helena Wadsley. Helena è un’artista canadese che realizzerà un’opera con la collaborazione di bambini dai 9 anni in su. Il laboratorio è gratuito e si terrà il 25 agosto Kites Attach laboratorio di aquiloni per bambini a cura di Marta Fiscelli. Marta per tre giorni realizzerà aquiloni con i bambini. Ogni giorno i bambini potranno creare un aquilone. Il laboratorio è gratuito Letture al Vento reading di favole e racconti per bambini a cura di Gisella Darini e Tiziana Trotta Io sono il vento mostra pittorica dei bambini di Sorridi alla Vita Il paese del vento: San Pietro Infine mostra fotografica a cura di Ad Flexum Open to the Wind visita al Museo multimediale Parco della Memoria Storica Darbuka e tamburo sciamanico

27 giugno 2010 0

Concorso di poesia ‘L’amore in tutte le sue espressioni’, premiati i vincitori

Di redazione

Si è tenuta nei locali del circolo Arci a causa del maltempo, sabato scorso, la premiazione dei vincitori del concorso di poesia ‘L’amore in tutte le sue espressioni’ bandito dal Comune di Paliano. L’Assessore alla cultura, Simone Marucci, unitamente alla giuria composta da Umberto Romani, Maurizio Turriziani e Giuseppe Rubini, hanno dato inizio alla serata che è proseguita con la performance di alcune componenti della Compagnia teatrale ‘Le Particelle Elementari’. Le attrici hanno declamato, alternandoli, sia i componimenti poetici dei presentati al concorso, sia poesie di autori famosi quali Prévert, Dante, Leopardi, Cavalcanti, Trilussa, De Amicis. I finalisti del Concorso, articolato nella sezione ‘Giovani’ e ‘Adulti’, sono stati: Categoria ‘Giovani’: premio ex equo a Diego Valentino con la poesia “Natura Selvaggia” e Francesco Amici con la poesia “La lacrima”. Per la categoria ‘Adulti’ prima Classificata: Mariagrazia De Cola, con ‘Il Bacio’; Seconda classificata Teresa Zompanti con “Il barbone”; al terzo posto Lucio Idrosigni con un componimento senza titolo. Premio Speciale ad Alvaro Graziani con “L’amore oltre la vita” e ad Andreina Laurenzi con “I due volti”. “L’occasione di ulteriori incontri informali, adatti a far incontrare le persone e favorire relazioni umane – ha sottolineato l’Assessore Simone Marucci nel ringraziare i partecipanti alla prima edizione del concorso -, verrà incentivata nel corso di tutto l’anno con la proposta sia di altre serate poetiche a tema, sia con argomenti di carattere sociale, culturale e ludico”.