Tag: provincia

21 novembre 2018 0

Blitz dei Carabinieri negli Istituti scolastici della provincia contro la ‘dispersione scolastica’

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Nella giornata di ieri, i militari dipendenti dei Comandi Compagnia Carabinieri di Frosinone, Alatri, Anagni, Cassino Pontecorvo e Sora , su disposizione del  Superiore Comando Provinciale hanno eseguito,  nelle rispettive  sfere giurisdizionali di competenza, un’ attività di controllo presso gli istituti  scolatici “primari e secondari”, al fine di verificare casi di inadempienza degli obblighi scolastici che possano, in qualche modo,  poi portare alla diffusione del cosiddetto fenomeno della “Dispersione Scolastica”. Tale fenomeno, considerato  un vero  problema sociale, non ha ripercussioni immediate solo sul percorso formativo dello studente ma influenza anche l’evoluzione delle sue condizioni di vita future, in quanto coloro che conseguono bassi livelli di scolarizzazione sono molto spesso destinati a percorsi lavorativi instabili ed irregolari e si espongono  purtroppo a maggiori rischi di  esclusione sociale, devianza o peggio ad essere vittime di illegalità”.

L’obbligo dell’Istruzione scolastica quindi, sancito dall’art. 34 della Costituzione, qualora disatteso,  causa inevitabili  riflessi di natura sociale che,  è sempre  da monitorare ed,  eventuali casi di non rispetto degli obblighi scolastici  sono sempre da  segnalare   ai competenti servizi sociali, al fine di evitare che sfocino in maniera allarmante nella “Dispersione Scolastica “, il cui processo complesso si struttura nel tempo  attraverso il ripetersi e/o il sommarsi di diversi fenomeni che vanno letti come indicatori di rischio sui quali attivare attenzione ed ascolto, tra cui vanno ricordati: i frequenti trasferimenti e cambiamenti di sede, i ritardi, le assenze ripetute e la frequenza irregolare, le difficoltà di adattamento alle regole, alle richieste e agli orari dell’istituzione scolastica, le difficoltà di relazione dei ragazzi con i pari e con gli insegnanti, le difficoltà di collaborazione con le famiglie, la scarsa partecipazione, il disinteresse, la bassa motivazione dei ragazzi in classe, le difficoltà d’apprendimento, il basso rendimento, l’accumulo di insuccessi,  le bocciature e l’eventuale  disomogeneità anagrafica coi pari.

A seguito dell’attività effettuata in tutta la Provincia è emerso che, seppur non sono accertate percentuali e situazioni allarmanti di inadempienza degli obblighi scolastici, sono stati però  rilevati i sottonotati casi, per i quali i rispettivi Dirigenti scolastici hanno già avviato l’iter burocratico previsto dalla normativa, interessando i compenti servizi sociali:

a)nel territorio del Comando Compagnia CC di Cassino:

–          in San Vittore del Lazio, un alunno  italiano di 6 anni,  regolarmente iscritto  presso la  locale Scuola Primaria, avendo superato il limite consentito di assenze;

–          in Cassino, un’ alunna italiana di 11 anni, regolarmente iscritta presso la Scuola Secondaria di primo grado “G. CONTE”, avendo superato il limite consentito di assenze;

–          in Cassino, 6 alunni : 5 (cinque)  italiani (due di 13 anni ed i restanti tre di 12 anni) ed 1 di nazionalità filippina ( di anni 13), tutti regolarmente iscritti  presso la Scuola Secondaria di primo grado “GAETANO DI BIASIO” , avendo superato il limite consentito di assenze;

b)nel territorio del Comando Compagnia di Pontecorvo:

–          in Aquino, un alunno italiano  di 11 anni poiché, pur regolarmente iscritto presso la locale Scuola Secondaria di primo grado, non ha mai ottemperato all’obbligo della frequenza dall’inizio  dell’anno scolastico;

c)nel territorio del Comando Compagnia di Frosinone;

–          in Frosinone,  5 alunni  di( due italiani di anni 13, due di  anni 13 e di nazionalità russa , uno di anni 14 di nazionalità rumena), regolarmente iscritti presso la Scuola Secondaria di primo grado “ Luigi Pietrobono” poiché, seppur tutti regolarmente iscritti,  non hanno mai ottemperato all’obbligo della frequenza dall’inizio  dell’anno scolastico;

–          in Frosinone, un alunno italiano di 8 anni iscritto presso la Scuola Primaria “Giuseppe Verdi” poiché, seppur regolarmente iscritto,  non ha mai ottemperato all’obbligo della frequenza dall’inizio  dell’anno scolastico;

Per i casi suddetti, sono ora in corso di valutazione , le eventuali  responsabilità dei genitori degli alunni, esercenti la patria potestà, i quali potranno rispondere della violazione di cui all’art. 731 c.p. (Inosservanza dell’obbligo dell’istruzione elementare dei minori)

foto di repertorio

13 ottobre 2018 0

Furti di armi in provincia di Frosinone, rinvenuti 5 fucili: un arresto e due denunce

Di admin

ALATRI – Al termine di una indagine i carabinieri di Alatri comandata dal Maggiore Gabriele Argirò hanno arrestato una persona di Castelliri in quanto ritenuto responsabile del reato di porto e detenzione illegale di armi e munizioni nonché del reato di ricettazione. L’uomo aveva nelle sue disponibilità 5 fucili e diverso munizionamento provento di diversi furti verificatisi nella provincia di Frosinone. Nel corso dell’operazione sono stati denunciati per il reato di furto altre 2 persone di Alatri. I dettagli dell’indagine saranno divulgati in seguito alla conferenza stampa prevista stamattina presso il Comando Provinciale di Frosinone.

Foto repertorio

15 agosto 2018 0

Terremoto, scossa di magnitudo 4.7 in provincia di Campobasso

Di admin

CAMPOBASSO – Una scossa di terremoto di magnitudo 4.7 è stata registrata poco prima della mezzanotte con epicentro a Campobasso.

A seguito dell’evento sismico registrato dai sismograafi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia alle ore 23.48 del 14 agosto con magnitudo ML 4.7, sono in corso le verifiche da parte della Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della protezione civile. L’evento sismico – con epicentro localizzato nel Comune di Montecifone in provincia di Campobasso – risulta avvertito dalla popolazione. Al momento non sono stati segnalati danni a persone o cose.

11 giugno 2018 0

Elezioni 2018, i sindaci eletti in provincia di Frosinone

Di admin

PROVINCIA DI FROSINONE – Ad Amaseno il sindaco eletto è Antonio Como ad Aquino il sindaco uscente Libero Mazzaroppi ha ottenuto la riconferma, così come Renato rea ad Arpino.

Ad Atina è stato eletto sindaco Adolfo Valente, Enzo Perciballi a Boville Ernica, mentre Gianni Taurisano è il sindaco di Filettino e Alioska Baccarini è sindaco a Fiuggi.

A Pico l’ha spuntata Ornella Carnevale, mentre a Pignataro Interamna vince Benedetto Murro e a Serrone Giancarlo Proietto. A Torrice il sindaco si chiama Mauro Assalti, Luigi Rossi a Villa Latina e Antonio Iannarelli a Villa Santa Lucia.

Ad Anagni, le poche schede scrutinate danno il ballottaggio (provvisorio) tra Daniele Natalia e Daniele Tasca. A Ferentino, Antonio Pompeo viaggia verso la riconferma al primo turno.

Ermanno Amedei

(fonte Ministero dell’Interno ore 7.48)

28 maggio 2018 0

Visita del  Prefetto della Provincia di Frosinone alla Sottosezione Polizia Stradale di Cassino

Di admin

CASSINO – Lo scorso venerdì, il Prefetto di Frosinone dottoressa Emilia Zarrilli si è recata in vista presso la Sottosezione Polizia Stradale di Cassino per incontrare i “ragazzi” di quel Reparto che dall’inizio dell’anno si sono resi “protagonisti” di numerose operazioni di Polizia Giudiziaria.

Il Prefetto ha esternato il suo plauso per la dedizione ed il senso del dovere  degli operatori che, con intuito e professionalità, quotidianamente svolgono il proprio dovere.

Tra le operazioni più significative ricordiamo  il sequestro di 65 Kg. TLE, 10 Kg di sostanza stupefacente,  di materiale ed attrezzature di cantiere, rintraccio di persone clandestine o ricercate e da ultimo due ragazzi studenti  Erasmus che ignari circolavano in  bicicletta in autostrada.

25 aprile 2018 0

Terremoto, scossa di magnitudo 4.2 in provincia di Campobasso. Protezione civile: non risultano danni o feriti

Di admin

CAMPOBASSO – “A seguito dell’evento sismico registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia in provincia di Campobasso alle ore 11.48 con magnitudo ML 4.2, sono in corso le verifiche da parte della Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile in contatto con le strutture locali del Servizio nazionale della protezione civile”. Lo si legge in una nota del Dipartimento di Protezione Civile. “L’evento sismico – con epicentro localizzato tra i comuni di Guglionesi, Montecilfone e Palata in provincia di Campobasso – risulta avvertito dalla popolazione. Al momento non sono stati segnalati danni a persone o cose”.

8 marzo 2018 0

Verrà presentato domani in Provincia il libro di Riccardi “Col laccio sulle Forche”

Di admin

FROSINONE – Si terrà venerdì 9 marzo, presso il salone di rappresentanza della Provincia di Frosinone la presentazione del libro “Col laccio sulle forche” di Fernando Riccardi, edito dall’Associazione Pama.

Un volume che mette in luce la vicenda storica dell’attività carbonara nella zona della Valle del Liri e soprattutto di Roccasecca. In particolare vengono ricordate le storie di Raffaele Giovinazzi e Benedetto Patamia, carbonari che si sono immolati per inseguire l’ideale di libertà e democrazia.

A fare gli onori di casa insieme al presidente del Consiglio Provinciale e delegato alla Cultura Luigi Vacana ci sarà il consigliere Antonio Di Nota. Con loro la presidente dell’Associazione “Pama” Cristiana Martini e Patrizia Delli Colli che dialogherà con l’autore.

“Un appuntamento assolutamente importante per conoscere ed approfondire la storia del nostro territorio – sottolineano Vacana e Di Nota – una storia che non va dimenticata e anzi andrebbe portata nelle scuole per permettere ai nostri ragazzi di conoscere più da vicino le proprie origini”

Appuntamento per questa importante iniziativa venerdi 9 marzo alle ore 17 presso il salone dell’Ente di Piazza Gramsci.

26 febbraio 2018 0

Grande freddo, appello della provincia di Frosinone: attenzione al ghiaccio delle prossime ore

Di admin

FROSINONE – “Il settore Viabilità della Provincia di Frosinone è al lavoro costante per affrontare l’emergenza creata dalle nevicate di queste ore. Tecnici, operai e mezzi sono in attività dalle prime ore della giornata sulle arterie di competenza per liberare le strade dagli accumuli di neve. In particolare nelle zone montane”.

Lo si legge in una nota dell’amministrazione provinciale di Frosinone.

“Inoltre, la Provincia sta collaborando con la Prefettura per la gestione della situazione. Al momento non si registrano eccessivi disagi, ma il problema potrebbe essere rappresentato dalle gelate delle prossime ore.

Si provvederà allo spargimento del sale, ma dalla Provincia si raccomanda massima attenzione e soprattutto di evitare di mettersi in viaggio, se non proprio in situazioni di necessità”.

26 febbraio 2018 0

Grande freddo, Burian è arrivato: neve su tutta la provincia di Frosinone

Di admin

FROSINONE – Burian è arrivato. Le previsioni ampiamente annunciate dell’arrivo del freddo siberiano non sbagliavano. I primo fiocchi sono cominciati a cadere in Ciociaria ieri sera.

Le prime luci dell’alba hanno svelato accumuli di neve diversi a seconda dell’altitudine. Nevica anche a quote bassissime come a Cassino dove è in corso una abbondante nevicata e dove si è posato un sottile anche se incerto manto che prende spessore nei centri in altura come Cervaro.

E’ di diversi centimetri ad Alatri e a Frosinone, più spesso il manto a Veroli e Fiuggi.

Ermanno Amedei 

14 febbraio 2018 0

Cultura ciociara stimata nel mondo ma non in Ciociaria, provincia senza un museo o pinacoteca

Di admin

FROSINONE – Abbiamo più volte avuto il piacere di informare i lettori su qualche opera d’arte concernente la Ciociaria – quadri  sul costume ciociaro o opere di artisti ciociari – apparsa sul mercato antiquario e abbiamo anche informato quando qualcuna di queste opere è tornata  in patria.

Abbiamo altresì ricordato la totale assenza di musei e di pinacoteche in tutta la Ciociaria frusinate ancora oggi, prova evidente che nelle alte sfere siffatte istituzioni nulla contano e a nulla servono. Di conseguenza, per esempio, si immagini che cosa potrebbe succedere nel caso, ammettiamolo: eccezionale, che qualche collezionista o  amatore volesse donare un’opera d’arte alla comunità per condividerne il godimento:  a chi la darebbe e dove collocata, in tutta sicurezza? E’ una macchia enorme quella che affligge la Ciociaria in particolare la provincia di FR: è il solo capoluogo italiano dove nemmeno a livello interlocutorio si parla di una galleria o museo o pinacoteca, possibilmente veri. I paragoni sono sempre sgradevoli ma al di là delle Alpi è normale in ogni cittadina anche di tremila abitanti rinvenirvi almeno un museo civico che raccolga e tramandi la storia e le vicende della città. Qui in provincia di FR, e perciò non solo nel capoluogo, zero completo! E stiamo parlando di museo civico:  figurarsi di un museo o di una pinacoteca, vale a dire contenitori prestigiosi di opere d’arte. Gli uomini politici dai quali ci si aspetterebbe interesse e sensibilità nei confronti della comunità, meglio non svegliarli.

Ora siamo in clima elettorale quindi il momento propizio ed opportuno per le promesse gli impegni e i giuramenti: eppure neanche  in tale felice frangente i nostri fortunati uomini politici conoscono i termini di arte, di museo, di pinacoteca, di galleria ed analoghi: si direbbe che abbiano paura o vergogna a pronunciare queste parole! Le parole di Pasolini si direbbero più che mai veritiere: “L’odio per la cultura è della sottocultura!” Ma non ci vogliamo credere.  E’ certo che il cavallo di  battaglia è sempre: il cemento armato, capannoni e industrializzazione, asfalto e strade, si riparla di tanti progetti e programmi tutti finalizzati alla degradazione dell’ambiente e del paesaggio e a togliere agli italiani ancora un po’ del suolo rimasto.

Eppure gli uomini politici sono i soli che possono conferire tono e forma e sostanza alla comunità, cioè essere portatori -e portatrici- di cultura e di progresso, cioè di libertà e di civiltà. Colgano dunque questa occasione per proporre o almeno promettere una  pinacoteca, nel capoluogo possibilmente, magari la pinacoteca del costume ciociaro cioè delle opere d’arte dipinte dagli artisti europei tra la fine del 1700 e le prime decadi del 1900 che illustrano con enorme successo la umanità ciociara dell’epoca a Roma e per le vie del mondo a Parigi, Londra, Berlino, Monaco…La vestitura dei ciociari di quei secoli, cioè il costume ciociaro, è stato ed è quello più illustrato e più documentato tra tutti i costumi tradizionali europei, il più conosciuto, il più amato tanto che è quasi impossibile entrare in una pinacoteca del pianeta e non trovarvi appeso un quadro col costume ciociaro. E perfino i massimi artisti lo hanno illustrato: Manet, Degas, Corot, Cézanne, Van Gogh, Picasso… Nessun soggetto pittorico può vantare queste firme. Eppure nelle istituzioni  specie frusinati di tali opere non se ne vede nemmeno una.

Ecco dunque per qualche uomo politico più attento, e anche coraggioso!! un momento favorevole per almeno promettere e impegnarsi e dunque parlare, della pinacoteca del costume ciociaro, se non ne ha  vergogna o paura! A Parigi  dove di musei, e che musei e pinacoteche!, ve ne sono a ventine e cinquantine, solamente in questi ultimi due-tre anni ne sono stati aperti o in via di apertura almeno altri tre, enormi, ricchissimi. E qui in Ciociaria frusinate si ignora, ancora, oggi, perfino la parola: pinacoteca.

Michele Santulli