Tag: quattrocento

17 gennaio 2018 0

Quattrocento prosciutti di dubbia provenienza, denunciato commerciante di Frosinone

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Quattrocento prosciutti di dubbia provenienza, una frode in commercio svelata dai carabinieri del Nas di Latina comandati dal capitano Egidio Felice. Al termine di una complessa attività investigativa, i militari hanno denunciato una persona alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone. Le indagini dei Carabinieri sono iniziate circa due mesi fa quando, nel corso di un’ispezione presso una ditta all’ingrosso di alimenti, vennero rinvenuti 400 prosciutti privi di etichettatura e pronti per essere immessi in commercio. I successivi accertamenti hanno permesso di appurare che i salumi erano destinati ad essere rietichettati con informazioni che li avrebbero indicati come originari della zona di Frosinone, sebbene prodotti in altre province italiane.

20 marzo 2010 0

Regionali 2010/Oltre quattrocento cassinati per Mario Abbruzzese all’incontro promosso dall’assessore Giuseppe Sebastianelli

Di redazionecassino1

Una folla di tutto rispetto ha accolto il candidato alle elezioni regionali, Mario Abbruzzese, che nella serata di venerdì scorso, poco dopo le 22, all’interno del ristorante “Varlese” di Cassino, ha incontrato cittadini, simpatizzanti del Popolo della Libertà e amministratori della Città Martire, provenienti da tutto il cassinate. Oltre quattrocento le persone che hanno preso parte all’appuntamento politico-elettorale, promosso dall’assessore comunale Giuseppe Sebastianelli, uno dei massimi sostenitori della candidatura di Abbruzzese al Consiglio regionale del Lazio. E’ stato lo stesso Sebastianelli a presentare il candidato del Pdl, impegnato in una serratissima campagna elettorale che terminerà con il voto del 28 e 29 marzo. “Mario è il candidato giusto al posto giusto, ma soprattutto è la naturale espressione del nostro territorio – ha affermato con forza Sebastianelli alla presenza dei tantissimi intervenuti, che hanno accolto l’arrivo dell’esponente pidiellino con uno scrosciante applauso -. Abbruzzese, e non sono solo io ad affermarlo, in questi giorni ha ricevuto da tanti amministratori della Provincia, importanti attestati di stima e fiducia legati alle sue capacità manageriali e politiche, capacità che ha dimostrato di avere per poter ricoprire un incarico come quello di consigliere regionale, strategico per la nostra terra. Il nostro territorio, tutto l’elettorato, deve pensare che l’elezione di Mario Abbruzzese può rappresentare una grande opportunità di crescita per tutti. A lui – ha concluso l’assessore comunale – va tutto il nostro sostegno. Continueremo a girare casa per casa per raccogliere il massimo dei consensi e per mandare l’amico Mario al governo della Regione Lazio”. Abbruzzese ha ringraziato i presenti per il calore e gli attestati di stima e fiducia. Lo ha fatto alla presenza di diversi amministratori di Cassino intervenuti. Fra questi vi erano: i consigliere comunali Gianni Valente, Salvatore Secondino e Aldo Diodati, oltre agli assessori Franco Evangelista e Carmelo Palombo. Alla serata ha partecipato anche l’eurodeputato Alfredo Pallone e il consigliere comunale di Ceprano, Gianni Sorge. “I miei impegni per lavoro, sviluppo, sanità, infrastrutture, hanno il valore di un “contratto” serio con gli elettori – ha affermato Mario Abbruzzese -. Creare lavoro è la mia priorità assoluta. E’ necessario pensare a uno sviluppo, non costruito esclusivamente sulle grandi industrie, che pure devono essere incentivate e sostenute, ma anche sul turismo, sui servizi, e soprattutto sulle micro e le piccole e medie imprese, perché sono quelle veramente capaci di creare uno sviluppo duraturo e nuovo lavoro sul nostro territorio. Noi del Popolo della Libertà garantiamo la massima attenzione nel rafforzare la competitività del territorio e per promuovere le politiche nazionali e dell’Unione Europea a favore delle Pmi di tutta la Regione Lazio. Solo se ripartono le nostre imprese ci sarà nuova occupazione nella nostra terra”.