Tag: salvate

16 luglio 2018 0

Tre ragazze disperse su monte Semprevisa, salvate dal Cnsas

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

CARPINETO ROMANO – Nel tardo pomeriggio di ieri i tecnici della stazione del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) di Collepardo sono intervenuti per recuperare tre escursioniste che avevano perso l’orientamento sui Monti Lepini, nel territorio del comune di Carpineto Romano.

Le tre ragazze, dopo aver lasciato la macchina in località Pian della Faggeta, hanno tentato di raggiungere la vetta del monte Semprevisa. Non realizzando più dove fossero, dopo aver tentato più volte di rimettersi sulla via del ritorno e dopo aver esaurito acqua e viveri, hanno contatto il Soccorso Alpino chiedendo aiuto.

Sul posto si sono dunque recati i tecnici del CNSAS che, dopo aver ricevuto la loro posizione tramite smartphone, le hanno raggiunte, rifocillate e ricondotte alla loro autovettura.

 

23 giugno 2018 0

Sbandano e finiscono con l’auto in un canale, due ragazze salvate dai Vigili del fuoco di Latina

Di redazionecassino1

LATINA – Durante la notte, poco dopo le 3:00, i vigili del fuoco di Latina sono intervenuti per un incidente stradale in via strada della striscia. Alla sala operativa giungeva una richiesta di soccorso a seguito di incidente stradale.

Un’auto con due ragazze a bordo è uscita di strada finendo capovolta nel canale.

Sul posto è intervenuta l’autogru ed un gommone. Tempestivamente due Vigili, esperti soccorritori acquatici, entravano nel canale raggiungendo le persone coinvolte. Le manovre si sono rivelate particolarmente complesse.

La vettura è stata agganciata con un cavo d’acciaio veniva girata ed  avvicinata alla sponda. Si procedeva al recupero delle ragazze e il personale del 118 ha provveduto alla rianimazione.

Con l’ausilio dell’autogru l’autovettura veniva estratta dal canale. Personale del 118 accertava il decesso di una persona.

L’intervento ha richiesto molte ore di lavoro per gli uomini del Distaccamento dei vigili del fuoco, terminando in mattinata.

22 maggio 2018 0

VIDEO – Misterioso incendio in via Casilina a Roma, venti persone salvate dalla polizia Locale

Di admin

ROMA – Una ventina dio persone sono state evacuate questa notte nel corso di un incendio che si è sviluppato poco prima dell’alba in un esercizio commerciale in via Casilina 1791. Le persone evacuate abitavano in locali adiacenti a quelli interessati dal rogo. Gli agenti della Polizia Locale giunti prontamente sul posto,  dopo aver allertato i Vigili del Fuoco, si sono adoperati nel tentativo di avvisare gli inquilini dell’edificio adiacente, ed in parte sovrastante il bar, già pervaso dal fumo. Non ricevendo alcuna risposta dall’interno dello stabile, hanno forzato il portone d’ingresso.

Grazie alla sollecita azione degli Agenti è stato possibile scongiurare il peggio. Le persone, colte nel sonno, non si erano accorte del fumo che aveva invaso tutto l’edificio. Gli inquilini, subito soccorsi, non sono rimasti intossicati né hanno riportato ferite. Solo tanta paura. Gli stessi hanno rifiutato l’ausilio della Sala Operativa Sociale, ricevendo assistenza presso parenti ed amici.

L’intervento dei Vigili del Fuoco ha permesso di domare le fiamme e spegnere l’incendio. Lo stabile, con evidenti danni, è stato posto sotto sequestro. Le indagini sono in corso per accertare le cause che hanno provocato il rogo. Al momento non si può escludere alcuna ipotesi, compresa quella dell’atto doloso.

14 maggio 2018 0

Studentesse di Cassino in balia del mare in tempesta, salvate dalla Guardia Costiera e da un bagnino

Di admin

GAETA – Studentesse straniere dell’Università di Cassino sono state salvate da un bagnino coraggioso e dalla Guardia Costiera.

Questa mattina, la macchina dei soccorsi della Guardia Costiera di Gaeta si è attivata a seguito di una segnalazione di richiesta di soccorso, pervenuta tramite il numero nazionale per le emergenze in mare 1530, da parte di un bagnante che si trovava nei pressi della spiaggia di Serapo di Gaeta, che riferiva della presenza di due soggetti che si trovavano pericolosamente bloccati su uno scoglio situato nei pressi della falesia di Monte Orlando.

La Sala Operativa della Guardia Costiera disponeva impiego dei propri mezzi navali di soccorso, supportati anche dalle pattuglie via terra, al fine di fornire ausilio nelle operazioni di recupero delle persone in difficoltà. Tale situazione di pericolo era stata generata dalla imprudente decisione di due studentesse straniere ospiti dell’Università di Cassino Y. G. e V. V , 27 anni entrambe, una turca e l’altra ungherese di fare il bagno nelle acque gaetane nonostante le condizioni meteo marine proibitive.

La prima ragazza è stata subito soccorsa e portata a termine dal bagnino (D. M. 22 anni) di uno stabilimento della zona; lo stesso, rientrato in mare per soccorrere la seconda studentessa, è rimasto bloccato, con la stessa, sugli scogli, per il peggioramento delle condizioni del mare.

Dopo vari tentativi di recupero, che si sono resi necessari in relazione alle difficoltose condizioni operative, dovute alle forti raffiche di vento ed alle alte onde (oltre due metri) presenti in zona nonché dal pericolo di infrangere contro la scogliera, le operazioni di soccorso svolte sotto il coordinamento della sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta, consentivano, con la collaborazione del personale dei Vigili del Fuoco di portare a compimento il recupero dei soggetti malcapitati.

Ricondotte a terra in sicurezza i malcapitati venivano sottoposti ai dovuti controlli sanitari a cura del servizio 118 risultando in buono stato di salute sebbene ancora sotto shock per la brutta avventura vissuta.

La guardia costiera ricorda che è necessario consultare sempre i bollettini meteo della zona di interesse, prima di intraprendere qualsiasi tipo di navigazione in mare e che è attivo su tutto il territorio nazionale il numero per le emergenze in mare “1530” oppure è possibile consultare il sito istituzionale della Guardia Costiera www.guardiacostiera.it dal quale è possibile attraverso i numeri telefonici contattare i Comandi territoriali del Corpo.

10 luglio 2017 0

Mare Sicuro, la barca affonda: salvate cinque persone a Gaeta

Di admin

Gaeta – Continuano le attività di controllo lungo il litorale di giurisdizione della Guardia Costiera di Gaeta e di Formia. L’ultimo fine settimana, caratterizzato da un notevole afflusso di bagnanti sulle spiagge e da un aumento delle attività ludico-diportistiche nelle acque ricadenti nel circondario marittimo di Gaeta, ha visto impegnati i militari delle pattuglie di terra e delle motovedette nei controlli dell’operazione “Mare Sicuro” sul rispetto della normativa dettata a tutela della balneazione e per la sicurezza della navigazione.

Nelle prime ore di sabato pomeriggio, durante la quotidiana attività di pattugliamento a mare, i militari della motovedetta di polizia marittima sono intervenuti, nelle acque antistanti il litorale di Serapo, al fine di prestare soccorso a favore di cinque persone a bordo di un gommone a motore, preso a noleggio, che imbarcava acqua dal lato poppiero.

Sotto il coordinamento della Sala operativa della Guardia Costiera di Gaeta, i militari hanno tratto in salvo gli occupanti, trasbordandoli a bordo dell’unità, in buono stato di salute, al fine di sbarcarli, in seguito, presso la banchina Caboto nel Comune di Gaeta.

Successivamente, l’unità a noleggio è stata riconsegnata ad un responsabile della società, nel frattempo contattata dalla Sala Operativa.

Nel corso del pattugliamento a mare, i militari della motovedetta di polizia marittima hanno, successivamente, accertato, in corrispondenza della “Grotta del Turco” una violazione al divieto imposto dall’Ordinanza di sicurezza balneare ai conduttori delle unità da diporto di navigare all’interno della fascia di balneazione. Al trasgressore, di origine casertane, è stato elevato un verbale amministrativo per oltre 170 euro.

Infine, nell’ambito dell’attività tesa alla tutela ambientale e delle risorse ittiche, il personale della Guardia Costiera di Formia, ha svolto, ieri mattina, un’attività di contrasto agli illeciti lungo la filiera ittica accertando sulla spiaggia di Santo Janni la presenza di un venditore abusivo di prodotti ittici.

Il soggetto originario della provincia di Napoli, era intento a vendere ai bagnanti il pescato senza possedere alcuna documentazione amministrativa, non garantendo in tal modo la rintracciabilità del prodotto né la possibilità di accertarne l’origine, in violazione delle norme poste a tutela della salute del consumatore.

Al trasgressore è stata inoltre contestata la vendita di prodotto ittico sulle spiagge in assenza di autorizzazione, oltre alla non corretta conservazione dei molluschi bivalvi aspersi in acqua.

Pertanto i militari, accertato il fatto, hanno posto sotto sequestro amministrativo oltre 40 kilogrammi di prodotti ittici, tra i quali molluschi, crostacei, orate e seppie.

Al trasgressore è stata, pertanto, elevata una sanzione amministrativa per oltre 7500 euro”