Tag: spedizione

8 settembre 2009 0

Spedizione incendiaria punitiva sventata dai carabinieri

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Probabilmente uno sgarro o un riufiuto a qualche richiesta, fatto sta che in quattro, tutti napoletani, stavano per dagli fuoco alla macchina. A Salvare l’autovettira al 40enne di Basorano (Aq), sono stati i carabinieri della compagnia di Pontecorvo aghli ordini del capitano Piefrancesco Di Carlo. Sono così finiti in arresto Guadagnuolo Sabatino 58 enne, Piccolo Antonio 31 enne, Guadagnuolo Ciro 27 enne e De Rosa Giovanni 22 enne, tutti domiciliati nel napoletano. I Militari operanti, attraverso un mirato e prolungato servizio di pedinamento ed osservazione, consentiva loro di bloccare il Piccolo ed il De Rosa mentre questi, dopo aver cosparso di benzina un’autovettura Renault di proprietà di un 40 enne di Balsorano, si accingevano a dargli fuoco, mentre i loro compagni avevano funzioni di vedette, per segnalare un eventuale arrivo delle Forze dell’ordine. Sul luogo del misfatto, sono stati rinvenuti e posto sotto sequestro 2 bottiglie di plastica contenente liquido infiammabile, 1 accendino, 1 stoppino e due autovetture di proprietà degli arrestati. Ad espletate formalità di rito, gli arrestati sono stati associati presso la Casa Circondariale de L’Aquila.

4 giugno 2009 0

Spedizione punitiva contro un avvocato, tre arresti

Di redazione

Tibia e perone roitto, setto nasale fracassato e lsioni varie per tutto il corpo. E’ stata una vera e propria spedizion punitiva quella che un avvocato di Frosinone, Gianluca Caccavale di 40 anni, ha dovuto subire il 19 dicembre dello scorso anno in una stazione di servizio del capoluogo ciociaro. A distanza di sei mesi, il mandante e gli autori di quella aggressione sono stati arrestati dalla polizia. Difficile credere alla prima versione fornita dalla vittima secondo la quale, in due lo avevano pestato per una questione di precedenza. La tibia e il perone otto, il setto nasale fracassato lasciava credere che dietro di fossero altre motivazioni. La polizia, quindi, ha indagato e, a distanza di sei mesi, ha ricostruito il quadro di quella che è stata una vera spedizione punitiva. Si è scorto che l’avvocato aveva litigato ferocemente, per la questione della vendita di un’auto, con un imprenditore di Frosinone di 46 anni, il quale aveva incaricato Cosimo e Marco Fiorillo, zio e nipote di 46 e 35 anni, di “punire” il legale. Per questo i tre sono stati arrestati.