Tag: spiagge

26 luglio 2018 0

Commercio abusivo sulle spiagge pontine, sequestri e denunce

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

LATINA – La Polizia di Stato – Questura di Latina, in collaborazione con i comandi dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, delle Polizie Locali e della Capitaneria di Porto, ha coordinato una serie di controlli straordinari, dando forte e rinnovato impulso all’azione di prevenzione e contrasto della contraffazione e dell’abusivismo commerciale.

L’iniziativa prende le mosse da una direttiva ministeriale, che parte dalla consapevolezza che tali fenomeni sono presenti sull’intero territorio nazionale, determinando danni al sistema economico e fiscale, frequenti turbative dell’ordine pubblico, oltre a conseguenze ambientali e rischi per la salute; tali illecite attività favoriscono il riciclaggio di denaro e lo sfruttamento della manodopera, soprattutto straniera e si saldano con altre fattispecie criminose o illegali, diffuse nei centri urbani più grandi o caratterizzati da un grande afflusso di turisti, incidendo negativamente sulla vivibilità delle città ed alimentando il senso di insicurezza dei cittadini.

Allo scopo sono stati predisposti servizi coordinati con le altre Forze di Polizia, che interesseranno l’intera provincia, e monitorerà i lungomare di Latina, Sabaudia, San Felice, Terracina, Fondi, Sperlonga, Gaeta Formia e Scauri di Minturno.

I servizi sono inoltre volti a garantire lo svolgimento in sicurezza delle attività balneari, a verificare la salubrità e la fruibilità delle zone ad esse destinate, prestando costante attenzione alla sicurezza in mare, alla tutela dell’ecosistema marino ed al rispetto della fascia di navigazione da parte delle unità a motore.

Si riportano qui di seguito gli esiti dei servizi svolti: sono stati identificati complessivamente 75 cittadini, dei quali n. 53 stranieri di varie nazionalità; per due cittadini stranieri è stato avviato l’iter per l’espulsione in quanto non in regola sul territorio nazionale; due cittadini stranieri sono stati sanzionati poiché privi di regolare autorizzazione amministrativa per la vendita al dettaglio; sono stati controllati n. 5 veicoli, dei quali 3 sottoposti alla sanzione accessoria del fermo amministrativo; sono state elevate n. 4 contestazioni per violazioni al Nuovo C. di S.; sono stati sottoposti in sequestro n. 13 carrelli di merce (contenenti diverse migliaia di svariato materiale tra cui abbigliamento, bigiotteria, gonfiabili, ecc.); sono stati indagati in stato di libertà n. 4 cittadini, di cui 2 stranieri, i quali ponevano in vendita capi d’abbigliamento di prestigiose marche contraffatte; nei confronti di n. 2 cittadini italiani è stata emessa la misura di prevenzione del divieto di ritorno con rimpatrio con Foglio di Via Obbligatorio del Questore; sono stati effettuati n. 33 controlli amministrativi; sono state elevate n. 5 contestazioni amministrative; sono stati controllati n. 4 stabilimenti balneari; sono state controllate n. 4 imbarcazioni da diporto.

Tali attività verranno ripetute anche nei prossimi giorni.

23 maggio 2018 0

Bandiere Blu 2018: sono 368 le spiagge insignite in Italia di cui 8 in Sicilia

Di admin

ATTUALITA’ – Il programma “Bandiera Blu” è un riconoscimento a livello internazionale che è stato istituito nel 1987 e che viene assegnato ogni anno in 49 paesi grazie all’attenta valutazione di due agenzie dell’Organizzazione delle Nazioni Unite. Si tratta di un premio che viene assegnato alle località balneari che rispetto i criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio e che ha come scopo quello di indirizzare la politica di gestione locale di numerose città rivierasche verso dei processi rivolti alla sostenibilità ambientale.

Come ogni anno l’assegnazione dei premi Bandiera Blu è tornato puntuale anche per le località del nostro paese, andando a designare quelle che sono le spiagge e le acque più belle d’Italia. Sono ben 368 le spiagge italiane che sono state insignite del premio nel 2018, mentre 175 località di riviera hanno ricevuto il premio Bandiera Free. Tra questi numeri troviamo anche 8 località siciliane, una in meno dello scorso anno (Pozzallo ha perso tale riconoscimento), un numero che potrebbe essere anche decisamente superiore vista l’elevata presenza di spiagge da sogno che meritano di essere visitate al meno una volta durante la propria vita. Occasioni uniche di passare delle vacanze in una terra bellissima, ricca di tradizioni culturali, bellezze archeologiche e storiche, un patrimonio enogastronomico unico e tante bellissime località per godersi sole, mare e relax. Prenotare traghetti per la Sicilia è davvero semplice ed economico, visto l’elevato numero di trasferimenti che Moby mette a disposizione ogni giorno e grazie alle tantissime offerte che l’azienda mette a disposizione di chi vuole spostarsi via mare per raggiungere la meta delle proprie vacanze.

L’assegnazione della Bandiere Blu 2018 premia il nostro paese, con tantissime località presenti e con la sorpresa Campania, che per numero di località assegnate è terza solo a Liguria e Toscana. L’assegnazione di questi premi avviene attraverso una valutazione basata su criteri molto rigidi, in prima battuta conta la qualità del mare, la gestione del territorio, gli impianti di depurazione, gestione di rifiuti, vivibilità nei periodi di massimo afflusso turistico e valorizzazione delle zone naturali. Tornando alla terra siciliana le località premiate si trovano in seri Comuni: tre in provincia di Messina, due in quella di Ragusa e una in provincia di Agrigento. Nel dettaglio le otto località insignite con la Bandiera Blu 2018 in Sicilia sono: Santa Teresa di Riva al lungomare, Tusa con la spiaggia Lampare e spiaggia Marina, Lipari con Acquacalda e Canneto, Vulcano con le Acque Termali e il Gelso, Stromboli con la località Ficogrande, Ispica con Santa Maria di Focallo, Ciriga I Tratto, Ciriga II Tratto  e Ciriga III Tratto, Marina di Ragusa e infine Menfi con Porto Palo, Cipollazzo e Lido Fiori Bertolin.

 

Se ad oggi non hai ancora deciso dove passare le tue vacanze estive, non c’è scusa valida per non mettere la Sicilia nella lista delle mete papabili.

25 agosto 2017 0

Gaeta: contrasto all’abusiva occupazione di spiagge libere

Di redazionecassino1

Gaeta – Novecento metri quadri di spiaggia restituiti al libero godimento e circa trecento attrezzature balneari sequestrate è il bilancio dell’attività svolta stamane dalla Guardia Costiera di Gaeta.

La Guardia Costiera di Gaeta, trascorsa la settimana di ferragosto, ha mantenuto alto il livello di vigilanza e monitoraggio in mare e lungo il litorale di giurisdizione con l’impiego di autopattuglie ed unità navali dipendenti, in considerazione dell’elevato numero di turisti e residenti presenti lungo la costa del sudpontino.

Questa mattina, infatti, è stato denunciato il titolare di un’attività di noleggio di attrezzature balneari di Gaeta il quale, sul litorale comunale di Serapo, abusivamente, occupava la porzione di “spiaggia libera” prospicente la propria attività commerciale, posizionando numerosissimi lettini ed ombrelloni.

I militari, diffidato il titolare dell’attività, provvedevano a far eseguire l’immediata rimozione degli apprestamenti abusivamente collocati, restituendo alla pubblica fruizione il tratto di “spiaggia libera” indebitamente sottratto ai bagnanti, ignari della possibilità di usufruire gratuitamente e liberamente di quel tratto di spiaggia.

Dopo aver sgomberato l’arenile restituendolo ad un uso libero, i militari provvedevano a sottoporre a sequestro le circa cinquanta attrezzature balneari che erano state posizionate in modo tale da occupare un arenile di circa duecento mq.

Il titolare B.A.di Gaeta è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Cassino per abusiva occupazione di demanio marittimo.

I militari, nel proseguire l’attività di vigilanza delle spiagge, denunciavano il titolare di un’altra attività di noleggio di attrezzature balneari resosi responsabile dell’abusiva occupazione di demanio marittimo a seguito del preposizionamento di attrezzature balneari, ancor prima dell’arrivo dell’utenza, con conseguente occupazione illecita di un tratto di spiaggia libera del lungomare Serapo di Gaeta. In questo caso circa trenta le attrezzature balneari (ombrelloni e lettini) sequestrate dai militari della Guardia Costiera di Gaeta, utilizzate per occupare abusivamente circa cento mq di spiaggia libera.

Il noleggiatore – T.R. 50 anni – è stato denunciato alla Autorità giudiziaria di Cassino.

Infine, l’attività di contrasto all’abusiva occupazione demaniale, svolta anche con personale in borghese, ha consentito di restituire al pubblico godimento ulteriori seicento metri quadri di spiagge libere, trasformate di fatto, a danno degli ignari bagnanti, in stabilimento balneare.

In questo caso, duecento sono state le attrezzature balneari sequestrate dai militari, che, dopo aver liberato l’ampio tratto di spiaggia occupato illecitamente, hanno proceduto a denunciare il noleggiatore – D.M. di Gaeta – alla Procura della Repubblica di Cassino.

Tutti i soggetti denunciati saranno, altresì, oggetto di comunicazione alle competenti amministrazioni comunali per l’adozione dei discendenti atti amministrativi previsti in caso di violazioni in materia di abusiva occupazione demaniale.

 

4 agosto 2017 0

Formia: Polizia Locale, controlli sulle spiagge. Sanzionati contro l’occupazione abusiva di suolo demaniale

Di redazione

Un blitz antiabusivismo è stato operato questa mattina all’alba dai Vigili del Comando di Polizia Locale con l’ausilio dei guardacoste dell’Ufficio Locale Marittimo e degli agenti del locale Commissariato di Polizia. Nel corso dei controlli effettuati sugli arenili di Santo Janni-Gianola è stata accertata la presenza di quindici carrettini in ferro del tipo usato dai venditori ambulanti, lasciati incustoditi sulla spiaggia.

Il personale della Polizia Locale ha provveduto al recupero e sequestro dei carri e della merce in essi contenuta e alla successiva identificazione dei rispettivi proprietari, risultati titolari di autorizzazione amministrativa per la vendita su aree pubbliche e di regolare fattura della merce. Ai venditori, successivamente presentatisi presso gli uffici del comando di Polizia Locale, è stato elevato un verbale di contravvenzione ai sensi dell’Ordinanza balneare n. 176 del 2014 e notificata la diffida a non occupare più abusivamente suolo demaniale per non incorrere nelle sanzioni previste dagli artt. 154 e 1161 del Codice della Navigazione.