Tag: spiridigliozzi

19 aprile 2017 0

L’ex assessore Elena Spiridigliozzi: “Sul bilancio di previsione solo bugie a fini elettorali”

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Piedimonte San Germano – “Non sono i numeri di questo bilancio di previsione il vero problema di Piedimonte San Germano ma i “signori” della politica falsa e tendenziosa che in questi ultimi decenni ha prevalso nella nostra cittadina. Questi “signori”, negli ultimi mesi, hanno cercato con il lanternino gli appigli più assurdi ed insignificanti, sia sotto l’aspetto contabile che puramente razionale, con il solo infimo intento di voler strumentalizzare il bilancio dell’Ente al fine di screditare l’operato della ex Giunta che, invece, si è contraddistinto per serietà professionale ed ha agito sempre nel pieno rispetto della normativa vigente, nell’ottica di incarnare la Politica nella sua essenza primaria: soddisfazione e salvaguardia del bene comune. Ritengo che siano stati proprio loro, con scelte spregiudicate e logiche di potere, a portare oggi la città al “terremoto amministrativo” tanto decantato nella convention del dottor Urbano. E’ per questo che mi preme dare un riconoscimento al grande lavoro portato avanti dal Commissario Prefettizio che – in appena cinquanta giorni – è riuscito a smentire quei “signori” avvalorando e riconoscendo il debito dell’Ente nei confronti della RSA “San Germano”, debito pari a circa 336 mila euro e relativo alle annualità 2013, 2014 e 2015. Lo stesso importo che l’ex Giunta aveva già deliberato e sottoposto all’approvazione del Consiglio Comunale ma che i sette ex consiglieri di maggioranza “dimissionari” non hanno voluto approvare chiedendone il rinvio a data da destinarsi, premeditando di non riconoscerlo più. Infatti, qualche settimana dopo, ci hanno sfiduciato giustificandosi, tra l’altro, indicando i conti come “poco chiari” e arrivando anche a presupporre, tramite lettere “top secret”, che erano in atto falsi in bilancio. Non contenti, oggi, vanno in giro a raccontare ai cittadini – a cinquanta giorni dal voto – che una Giunta inesperta, in soli diciotto mesi, ha sperperato denaro pubblico causando la chiusura di servizi a domanda individuale, come ad esempio quello del Baby Parking. O meglio: che vi saranno aumenti tariffari sempre a causa dell’incapacità della sottoscritta e degli ex assessori Leonardo Capuano, Donatella Massaro e Valerio D’Alessandro. In realtà, è doveroso precisare alla cittadinanza che la sola verità che emergerà dal bilancio di previsione 2017, redatto dal Commissario Prefettizio, sarà il definitivo riconoscimento del debito verso la RSA che si è procrastinato fino ad oggi quando, invece, si sarebbe potuto riconoscere già l’anno scorso, a discapito della stessa RSA e soprattutto dei dipendenti della stessa i quali probabilmente hanno anche loro risentito di una inevitabile sofferenza finanziaria per mancanza di liquidità da parte della RSA stessa. Emergerà, inoltre, che nel rispetto dei principi contabili imposti dalla normativa vigente, il Commissario Prefettizio ha dovuto dare un segnale forte con il taglio ai servizi a domanda individuale in quanto l’Ente per troppi anni si è fatto carico degli stessi senza avere un ritorno in termini di entrate da parte degli stessi cittadini beneficiari. Sul bilancio, quindi, solo tanta demagogia e bugie a fini elettorali. Ora attendiamo fiduciosi la pubblicazione del bilancio e successivamente del rendiconto finanziario oltre al comunicato ufficiale del Commissario Prefettizio che, mi auguro, servirà a rassicurare la cittadinanza e smentirà definitivamente le falsità messe in giro da questi “signori” della demagogia”. Lo ha dichiarato con una nota l’ex assessore al Bilancio del Comune di Piedimonte, Elena Spiridigliozzi.

21 marzo 2017 0

Piedimonte al voto. Ferdinandi e Spiridigliozzi: “I fondi per sistemare Traversa via dei Mille ci sono”

Di redazionecassino1

Piedimonte San Germano – “Sono circa venti anni che vivo in questa zona e puntualmente ad ogni elezione viene qualcuno a chiedere i voti in cambio di una strada che non è mai stata considerata. Mi chiedo per quanto tempo ancora dobbiamo continuare ad ascoltare solo promesse senza vedere uno straccio di sistemazione di questa via centralissima del Paese”. Questo è stato l’accorato appello rivolto, nel pomeriggio di lunedì scorso, da un residente di Traversa via Dei Mille, direttamente all’aspirante primo cittadino Gioacchino Ferdinandi, impegnato da quasi un mese nel “Tour dell’Ascolto”, iniziativa promossa dal suo gruppo di sostenitori in preparazione al voto amministrativo del prossimo mese di giugno. L’incontro-dibattito, promosso dalla candidata Elena Spiridigliozzi, Gioacchino Marchetti, Carlo Cerrito e Valerio D’Alessandro ha fatto emergere anche altre criticità che gli intervenuti hanno voluto rappresentare al trentacinquenne avvocato pedemontano. Si è discusso, oltre al problema della strada, anche del potenziamento dell’illuminazione pubblica e degli accessi a Traversa via Dei Mille. “Sembra una strada del terzo mondo – ha detto un altro residente -. Quello che vi torniamo a chiedere è solo di mettere seriamente in cantiere il progetto per il rifacimento della viabilità di questa arteria, che abbraccia un quartiere residenziale nel quale vi sono anche diverse attività commerciali oltre ad abitarci decine di famiglie”. L’appello è stato accolto favorevolmente dal candidato sindaco Gioacchino Ferdinandi e dalla candidata Elena Spiridigliozzi la quale, già assessore al Bilancio nella passata amministrazione, ha voluto rassicurare tutti i cittadini presenti. “Per la prima volta dopo venti anni di sole promesse – ha detto quest’ultima – siamo riusciti ad impegnare, con una delibera e non a chiacchiere, circa cinquecentomila mila euro per cantierare opere pubbliche importantissime per Piedimonte. Di questi soldi ben cento ottantamila sono già a disposizione per la progettazione e realizzazione dei lavori in Traversa Via dei Mille, fondi che serviranno a pagare gli espropri e a potenziare anche gli impianti di pubblica illuminazione”. Sulla questione si è pronunciato anche il candidato a primo cittadino Gioacchino Ferdinandi. “Bisogna avere il coraggio di prendere decisioni forti e fare delle scelte chiare e concrete – ha affermato -. E’ decisamente assurdo ed improponibile che a due passi dal centro cittadino esistano ancora oggi vie non asfaltate. Non esagero nel dire che Traversa Via dei Mille sembra una strada rurale e questo è sotto gli occhi di tutti. Da un lato si parla tanto di “smart city”, città intelligente, pianificata, ottimizzata nell’urbanistica e con servizi pubblici innovativi e all’avanguardia, dall’altro lato della medaglia a Piedimonte San Germano continuiamo ad avere strade sterrate e senza un benché minimo servizio. Una volta in Comune mi attiverò con gli organi competenti per pianificare questo importantissimo intervento di manutenzione. Dobbiamo assolutamente sciogliere non solo questo nodo critico – ha concluso Ferdinandi – e far ripartire tutti quei lavori di riqualificazione e miglioramento della viabilità del nostro Paese”.