Tag: unione

7 settembre 2018 0

Unione Antica Terra di Lavoro, carabinieri e prefettura sospendono il presidente Salvati

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE – Ieri pomeriggio, a San Giovanni Incarico,  i carabinieri del comando Provinciale Di Frosinone hanno notificato il decreto di sospensione dalla carica di presidente dell’Unione “Antica Terra di Lavoro” al Dr. Antonio Salvati. Tale provvedimento, emesso dalla Prefettura di Frosinone, adottato nelle more della definizione del procedimento di rimozione, scaturisce dalla mancanza di requisiti per la permanenza in carica (essendo lo stesso ex rappresentante di un Ente locale non facente parte all’Unione) nonché dall’indisponibilità, da parte del Presidente ad ottemperare all’obbligo di convocazione del Consiglio dell’Unione per l’elezione del nuovo presidente.

10 novembre 2017 0

Piedimonte S.Germano: Lavori nella piazza coperta dell’Unione Cinquecittà e messa in sicurezza dei giochi per bambini. De Bernardis e Capuano a lavoro

Di redazione

Piedimonte San Germano – Volge a termine la messa in sicurezza della zona coperta, nota come Unione Cinquecitta’,  sita in prossimità di piazza Sturzo. Entro un breve lasso di tempo prenderanno il via anche i lavori di messa in sicurezza dei giochi dei più piccoli posizionati nella aree comunali.  A parlare della questione, con una nota congiunta, l’assessore alla sicurezza Vincenza De Bernardis e l’ assessore alla manutenzione Leonardo Capuano. “L’intervento sulla copertura del piazzale dell’Unione Cinquecitta’ si rendeva assolutamente necessario – affermano – per la sicurezza dei cittadini che transitano in quel perimetro ed inoltre a volte lì vi si ritrovano. Altrettanto urgente l’esecuzione dei lavori di messa in sicurezza dei giochi che si trovano nella aree attrezzate per i bambini. Sono lavori che non possono essere rimandati. I piccoli fruitori degli spazi giochi devono poterli utilizzare in serenità e sicurezza. Inoltre i genitori hanno il sacrosanto diritto di vedere tranquillamente giocare i propri figli. Doveroso inoltre evitare che quelle zone siano nel degrado e prive di manutenzione. Ovviamente l’impegno e l’attenzione saranno dedicati anche ad altre zone del nostro territorio bisognose di cura”.

20 ottobre 2017 Non attivi

Unione Cinquecittà, il duro attacco di Cinzia De Carolis alla presidenza Mazzaroppi

Di redazione

Il consigliere dell’Unione Cinquecittà, Cinzia De Carolis attacca duramente la presidenza dell’ente e di seguito troviamo la dichiarazione che lei stessa ha fatto in seno al consiglio dei giorni scorsi. “Egregi Sindaci, Egregi consiglieri, le unioni dei comuni, lo dice il nome stesso, dovrebbero “unire”, e non “disunire”, come invece sta accadendo in questi ultimi anni con l’attuale presidenza dispotica e improduttiva, che continuamente sposta le beghe del proprio paese all’interno dell’Unione. Diciamolo francamente- si legge nella dichiarazione – questo ente non naviga in acque tranquille, pertanto, occorre creare le condizioni di un rilancio in uno spirito più collaborativo. Infatti, se si vuole tentare il salvataggio dell’Unione ei Comuni CINQUECITTA, all’interno di questo Consiglio dovrebbe essere ricercata più coesione e maggiore collaborazione, a prescindere dalle maggioranze ed opposizioni dei rispettivi Comuni. Ciò purtroppo non accade, e voi purtroppo ne conoscete benissimo le ragioni. Si continuano a innescare da parte della presidenza situazioni spiacevoli con atteggiamenti aggressivi e litigiosi, mentre invece precipuo compito di un presidente dovrebbe essere quello di mantenere un certo equilibrio tra le parti. Ormai non c’è più spirito di collaborazione tra i membri del Consiglio soprattutto a causa di questa presidenza arrogante e prepotente, che agisce in spregio delle più elementari regole della democrazia e della buona educazione. Per non parlare del grave vulnus alla trasparenza amministrativa che ormai si registra con questa presidenza. Quando un consigliere chiede di ricevere degli atti non può aspettare trenta giorni e subire, peraltro, sommarie e incomplete risposte. Quando parlo di “Consigliere dell’Unione” voglio intendere che qui non esiste opposizione o perlomeno non era mai esistita in passato e se oggi le cose non sono più così è per colpa del Presidente che non ha tenuto distanti e distinti i due ruoli, quello di Presidente e quello di Sindaco. Se oggi l’Unione non gode più della fiducia dei cittadini è per colpa di questa gestione che mi auguro venga cambiata al più presto. Faccio appello a tutti voi, Egregi Sindaci, Egregi consiglieri, al fine di eleggere un nuovo Presidente che rappresenti una svolta, un nuovo modo di gestire questo ente, in modo da rendere il clima più disteso e collaborativo. Occorre – conclude – a mio avviso una persona mite e pacata che rappresenti il Presidente di tutti e non solo di chi non lo contraddice o di chi egli stesso non consideri suo nemico”.

20 ottobre 2017 Non attivi

Piano di Gestione a Frosinone, corsi gratuiti di sicurezza da Unione Artigiani per aziende che aprono sul terriotorio

Di admin
“Il Piano di Gestione “Frosinone Alta” procede spedito per la strada tracciata, sei mesi fa, in occasione della presentazione alla città, ai portatori di interesse e a tutti i soggetti coinvolti”. Lo si legge in una nota del comune di Frosinone. “Solo pochi giorni fa, l’Unione Artigiani Italiani di Frosinone, attraverso il responsabile provinciale Giuseppe Zannetti, ha aderito al Piano, firmando un protocollo d’intesa con il Comune di Frosinone, rappresentato dall’assessore al centro storico, Rossella Testa. La Uai si impegna, in virtù di tale documento, a formare a titolo gratuito tutte le nuove aziende, che dovessero stabilirsi nell’area del Piano, in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, offrendo, inoltre, consulenza nella creazione di impresa e nell’accesso ad agevolazioni e contributi per l’imprenditoria. La collaborazione siglata tra gli enti è volta ad estendere la conoscenza e la divulgazione tra gli associati delle opportunità offerte del Piano, fortemente voluto dall’amministrazione Ottaviani con il coordinamento dell’assessore Testa, allo scopo di riqualificare la parte alta della città, rilanciandone, nello stesso tempo, il tessuto economico. Risale, invece, a poco tempo fa, l’accordo sottoscritto dall’amministrazione Ottaviani con la Confcommercio Lazio sud del presidente Giovanni Acampora, tramite la propria articolazione territoriale Ascom – Confcommercio Frosinone, che ha così partecipato all’azione di staging prevista dal Piano; hanno aderito anche Agenzia Immobiliare Vittorio Veneto e Immobileuro. “Proseguono senza sosta gli interventi previsti dal Piano ‘Frosinone Alta’, così come da programma – ha dichiarato l’assessore Testa – Con la delibera proposta dall’assessorato al centro storico nell’ultima seduta di giunta, inoltre, l’amministrazione intende imprimere un’accelerazione alle azioni previste dal Piano, entrando nel cuore della fase operativa. Gli obiettivi sono tanti e vanno nella direzione indicata dal progetto stilato dall’affiatato e instancabile gruppo di professionisti che ha lavorato, gratuitamente, al Piano, di concerto con gli uffici del settore della governance, del patrimonio, del bilancio e della cultura del Comune di Frosinone. Tra questi, vanno citati la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale, con l’istituzionalizzazione di alcune ricorrenze importanti per la storia della nostra città e l’implementazione degli interventi di marketing, sia per la promozione del territorio a fini turistici, sia rivolti allo sviluppo di attività economiche ed imprenditoriali. A breve, potremo contare anche sull’adesione della Pro Loco di Frosinone. L’approccio che stiamo seguendo – ha concluso Testa- è quello di mettere insieme cittadini, operatori commerciali e associazioni per creare nuove opportunità di sviluppo, a seguito delle novità infrastrutturali introdotte dal Comune nel corso degli ultimi anni, che hanno confermato il sentimento di attenzione della nostra amministrazione verso il centro storico. Ora, con il Piano di gestione, siamo convinti di poter consolidare la nuova stagione di sviluppo per la parte alta della città”.
29 maggio 2017 0

Ciacciarelli (Fi) Unione Nazionale Mutilati per Servizio. Fondamentale tutela dipendenti privati che svolgono mansioni pubbliche. La politica ha il dovere di collaborare con associazioni

Di redazione

Riceviamo e pubblichiamo dal coordinatore provinciale di FI, Ciacciarelli “Sabato 27 ho preso parte all’incontro,tenutosi a Cassino, dell’Unione Nazionale Mutilati per servizio, sezione di Cassino “Franco Cesareo”. Un Ente morale presente sull’intero territorio peninsulare, dotato di Consigli Regionali, sedi provinciali in ogni capoluogo, Sottosezioni cittadine. Un’associazione che tutela tutti coloro i quali, alle dipendenze dello Stato e degli Enti locali, territoriali ed istituzionali, hanno riportato mutilazioni ed infermità in servizio e per causa di servizio militare e civile, offrendo tutela ai fini dell’ottenimento di pensioni di reversibilità, equo indennizzo, riclassificazione per aggravamento, quota di riserva nei concorsi pubblici, facendo, inoltre, informazione per mezzo del periodico “Corriere dell’Unione”. L’unione, che rappresenta ad oggi 350.000 invalidi per servizio, ha intenzione di promuovere il riconoscimento dei suoi valori morali anche nel panorama europeo, stringendo legami con simili associazioni attive in Europa. Credo che, ad oggi, occorra focalizzarsi sui tanti dipendenti che svolgono attività proprie della pubblica amministrazione, ma in società private. Mi riferisco anche ai dipendenti di cooperative sovvenzionate da enti pubblici, che di contro, non possono godere delle tutele del pubblico impiego, molto spesso giovani che iniziano un percorso lavorativo in apparati che definirei parastatali . Ad oggi, purtroppo, non vi è la possibilità di poter aprire la maglia delle assunzioni in enti pubblici, statali, pertanto si ricorre sempre più spesso a figure che, nonostante contratti privatistici, svolgono attività pubblica. Un grande riconoscimento si deve all’associazione in oggetto, impegnata costantemente nelle sue battaglie a tutela dei dipendenti e proprio grazie alla forza associativa, si può cercare di trovare assieme alla politica delle soluzioni atte a tutelare queste categorie. La politica tutta, al di là dell’appartenenza partitica, ha il dovere di mettersi a servizio di simili associazioni nella ricerca di soluzioni condivise”.

22 novembre 2016 0

Immigrati nel frusinate, Salvati e Federici (Unione dei Comuni) condannati a risarcire l’Erario

Di admin
Frosinone – Antonio Salvati presidente dell’Unione dei Comuni “Antica Terra di Lavoro” e il dirigente dello stesso ente Giovanni Federici sono stati condannati dalla Corte dei Conti a risarcire l’Erario di una somma complessiva pari a 208.500 euro. La vicenda è legata alla emergenza Nord Africa del 2011 per gestire la quale in provincia di Frosinone, l’ente presieduto dal coordinatore provinciale di Fratelli D’Italia affidò in maniera diretta e illegittimamente, secondo gli investigatori della Finanza che hanno indagato e dei giudici amministrativi che lo hanno condannato, la Gara alla cooperativa una coperativa “Noi” ritenuta inadatta a sostenere il progetto perchè non aveva mezzi nè strutture idonee. Ai due, in sintesi, i giudici della Corte dei Conti contestano uno spreco e false rendicontazioni fatte in un contesto spacciato per emergenziale quando emergenziale non lo era. Servizi rendicontati per la gestione degli stranieri ma che non erano svolti a loro favore tanto che erano costretti a condizioni alloggiative e senza beneficiare di un vitto adeguato. La procura e la finanza aveva chiesto per loro un risarcimento di 794 mila euro ma la condanna è stata più mite: poco piu di 208mila euro.
23 luglio 2010 0

Gianrico Rossi confermato presidente dell’Unione sportiva Acli

Di redazione

Nella giornata di sabato 17 luglio, si è celebrato presso la sede delle Acli di Frosinone il congresso straordinario dell’Unione Sportiva Acli, che ha visto riconfermare alla carica di Presidente provinciale dell’ente di promozione sportiva Gianrico Rossi. Tale momento di rinnovo democratico degli organi associativi ha visto l’ampia partecipazione della quasi totalità delle associazioni sportive affiliate usacli, che attraverso i loro rappresentanti, hanno dato vita, durante l’assise, ad un intenso scambio di riflessioni sui principali temi del mondo dell’associazionismo sportivo dibattendo anche sulle dinamiche di interesse più strettamente locale, quali il rafforzamento del rapporto con le Acli di Frosinone e la ripresa del dialogo e della collaborazione con tutta la serie di interlocutori privilegiati del nostro movimento e cioè Istituzioni locali, Coni provinciale, Comunità ecclesiastica, altri Enti di promozione sportiva. Molte le iniziative in programma per il nuovo comitato che si impegnerà a realizzarle già dalle prossime settimane, tra le prime ricordiamo i corsi per figure tecniche come i giudici di gara per il settore del ciclismo e della mountain bike ed arbitri per la disciplina del calcio a cinque. Infine si profonderà il massimo impegno per organizzare in provincia alcune delle tappe dei circuiti nazionali e regionali. Un ringraziamento particolare va dal Presidente a tutti i componenti il nuovo comitato e al Presidente regionale usacli che, in qualità di commissario, ha saputo traghettare l’usacli provinciale fino al nuovo congresso continuando ad assicurare alle società sportive il massimo supporto per tutte le loro esigenze. Naturalmente un plauso merita anche l’intera dirigenza nazionale.