Asili nido gestiti con pochi soldi, la funzione pubblica cgil chiede più denaro per pagare il personale in servizio

15 Maggio 2010 Off Di Natalia Costa

218 mila euro l’anno, di cui solamente 50 mila a carico del bilancio comunale, questo il finanziamento a disposizione per la gestione dell’asilo nido comunale di Anagni.

Per avere servizi di qualità e rispettosi delle norme occorrono risorse adeguate allo scopo, quelle che, purtroppo, mancano nel bando di gara.

Ne è convinta la funzione pubblica Cgil.

142 euro al mese per ogni bambino – dicono – sarebbero insufficienti per avere un servizio di qualità.

Secondo il sindacato l’amministrazione comunale deve trovare adeguate risorse da destinare all’asilo nido per pagare le educatrici e il personale ausiliario così come prevede il contratto nazionale.

E per quanto riguarda il personale, nel capitolato non c’è nessun richiamo alla salvaguardia del posto di lavoro per coloro che già prestano servizio all’asilo nido.

Per discutere di queste problematiche e apportare le dovute modifiche al bando, la Funzione Pubblica Cgil, ha chiesto un incontro al Sindaco di Anagni e all’assessore ai servizi sociali.

Tamara Graziani

Condividi