Da Enel un contributo di 15 mila euro per la ricostruzione

19 Ottobre 2010 Off Di Comunicato Stampa

Si è svolta questa mattina, presso la Sede di Confindustria, la cerimonia Zenith Pegaso con Enel Cuore durante la quale, alla presenza di tutti i colleghi della Zona dell’Aquila di Enel Distribuzione, è stato assegnato alla Fondazione Il Cireneo Onlus un contributo di solidarietà di 15.000 euro. A ritirare la donazione il Professore Marco Valenti.
Ad illustrare le attività svolte e il raggiungimento di importanti obiettivi di miglioramento grazie al progetto Pegaso, punto di riferimento per l’eccellenza operativa di Enel e della Divisione Infrastrutture e Reti, il Responsabile della Zona dell’Aquila Gianfranco Urbanelli e il Capo dell’Unità Operativa Claudio Cesi.
“Grazie all’impegno delle persone Enel che lavorano nella zona dell’Aquila abbiamo ottenuto significativi risultati, migliorando i processi lavorativi e le performance della rete – ha dichiarato Gianfranco Urbanelli -. Ora, una parte di questi risultati viene offerta a beneficio anche del territorio, a testimonianza di quanto l’azienda sia integrata nelle realtà locali; insieme a Enel Cuore abbiamo infatti deciso di sostenere la Fondazione il Cireneo ”.
Sono 33 in totale le unità vincitrici della Zenith Pegaso Competition, di cui 29 sono della rete elettrica e 4 della rete gas. L’Unità Operativa dell’Aquila è una delle 29 della rete elettrica.

La Zenith Pegaso Competition 2009 è una gara basata su indicatori di performance specifici per ogni unità e che si pone l’obiettivo di conseguire l’eccellenza operativa nelle attività e nei processi della rete, elettrica e gas, grazie al coinvolgimento attivo delle persone che vi lavorano.

Il programma di eccellenza operativa della Rete, infatti, è stato lanciato nel 2008 con lo scopo di facilitare i percorsi di cambiamento e di far sentire le risorse protagoniste del miglioramento e anche della solidarietà aziendale, destinando parte dei benefici economici raggiunti a iniziative di carattere sociale.

La solidarietà è sostenuta in parte da Enel e in parte da Enel Cuore Onlus.

Condividi