Insulti e percosse per i bambini della scuola materna, maestra in manette a Monterosi

7 Marzo 2014 Off Di Ermanno Amedei

Maltrattamenti aggravati ai danni di bambini di tre anni. Per questo, ieri, al termine della scuola, una insegnante della Materna di Monterosi di 53 anni, originaria di Ronciglione, è stata arrestata dai carabinieri di Viterbo. Ad innescare le indagini sono stati alcuni segni trovati dai genitori sul corpo del figlio che frequentava la scuola. Piccoli graffi e lividi che lasciavano pensare a qualcosa di diverso dalle solite liti con i compagni. Per questo la segnalazione alla stazione dei carabinieri che fanno partire le indagini. Le immagini delle telecamere impiantate di nascosto nei locali del plesso hanno confermato i timori: insulti, spintoni, urla trascinamenti (quando i bimbi non volevano andare a sedersi) ai 20 bimbi che i genitori le lasciavano in custodia. Un mese di indagini tecniche e ieri, su disposizione della procura, è scattato l’arresto. Tra i genitori che aspettavano i bambini per portarli a casa, c’erano i carabinieri comandati dal maggiore Giovanni Rizzo che hanno tratto in arresto la donna alla quale, poi, sono stati concessi i domiciliari. Questa mattina l’arresto è stato convalidato dal Gip.

Condividi