Giorno: 3 Agosto 2019

3 Agosto 2019 0

I VIP riscoprono il Cilento, tra sole, mare e buona cucina

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ATTUALITA’ – Il Cilento è la zona meridionale della Campania dichiarata patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, in cui troviamo vette che superano i 1700 metri ma anche stupende spiagge di sabbia finissima, con la presenza di scogliere e grotte ricavate naturalmente dalla roccia.

Una terra che nel corso degli ultimi anni ha visto aumentare in modo massiccio le presenze di turisti italiani e stranieri, che scelgono queste zone preferendo a mete più rinomate, ad esempio  della Sardegna e Sicilia.

Anche i personaggi famosi hanno riscoperto questo territorio, tanto che molti VIP sono avvistati regolarmente in queste zone a trascorrere le loro vacanze o il tempo libero, e proprio grazie alle loro testimonianze è possibile conoscere meglio il territorio e i posti in cui alloggiare e/o fermarsi a pranzo.

Il Cilento è un territorio che oggi è facilmente raggiungibile via aliscafo con la tratta Napoli Cilento, utilizzando le imbarcazioni che Alicost mette a disposizione di chi vuole visitare questi luoghi incantevoli, garantendo trasporti veloci, sicuri e con un elevato comfort a bordo.

Come dice Serena Autieri, conosciuta attrice italiana, il Cilento è una zona che permette alla gente di ritrovarsi, dove è possibile trascorrere del tempo lontano da tutto e tutti, riscoprendo il piacere della quiete e delle incredibili bellezze naturali che questo territorio mette a disposizione.

L’attrice è stata vista più volte nella città di Agropoli, complice anche l’amicizia con il presidente del parco nazionale del Cilento, e nei locali tipici della cucina locale ad assaporare le specialità che questa terra mette a disposizione dei visitatori.

Lino Banfi è spesso avvistato nel lungomare di San Marco, luoghi che l’attore ha scoperto tardi ma che adesso non abbandona per nessun altro genere di destinazione.

“Nonno libero” ha sposato la filosofia del Ci-lento, quella malcelata voglia di rallentare i ritmi della giornata prendendosi qualche pausa che genera del benessere alla mente e al corpo.

Anche il cantante Simone Cristicchi è solito soggiornare a Marina di Pisciotta, nei villaggi che si affacciano direttamente sul mare, anche lui ha scoperto questa terra da poco e apprezza molto i suoi sapori in tavola, come la maracucciata, un’antica ricetta a base di maracuccio, un piccolo legume che è preparato unitamente alle alici.

A Marina di Camerota è spesso avvistato, assieme alla sua immancabile bici, il campione di bike trial Vittorio Brumotti, volto conosciuto Mediaset, che è diventato cilentano d’adozione vista che è sempre presente durante le stagioni estive degli ultimi anni.

Anche Mario Mortone, regista teatrale, cinematografico e sceneggiatore, è innamorato di questa terra da decenni, soprattutto delle zone di Acciaioli, tanto che queste zone sono state le protagoniste di tre dei suoi film.

3 Agosto 2019 0

Sperlonga, sequestro della discoteca “Valle Corsari” carenze di condizioni di sicurezza e solidità del locale

Di felice pensabene

SPERLONGA (LT)– – Su disposizione della Procura della Repubblica di Latina, personale dipendente ha eseguito questa mattina il provvedimento di sequestro preventivo della discoteca “Valle Corsari”, per carenza delle condizioni di sicurezza e solidità della struttura, oltre ad irregolarità relative ai requisiti previsti per i locali di trattenimento e pubblico spettacolo ex artt. 68, 69 ed 80 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza.

L’attività di controllo, a questo e ad altri locali della Provincia, ha avuto inizio nel decorso mese di aprile, a cavallo delle festività pasquali, allorché, in seno ad un monitoraggio ad ampio raggio delle aree destinate alla movida, sono stati attuati controlli amministrativi presso i locali di trattenimento danzante e pubblico spettacolo soggetti, fra l’altro, al rispetto del TULPS e delle norme poste a tutela dell’incolumità degli avventori, in special modo il Codice di Prevenzione Incendi ed il Testo Unico per la Sicurezza sul Lavoro.

Nel corso dei ripetuti controlli presso il locale “Valle Corsari”, è stato possibile ricostruire le vicende amministrative del locale degli ultimi 3 anni, la cui gestione “subentrava” alla precedente, regolarmente autorizzata. Infatti sono state riscontrate modifiche allo stato dei luoghi non autorizzate e risalenti carenze relative alle dotazioni di sicurezza ed emergenza, specialmente, in caso di incendio e di evacuazione di massa della discoteca.

La Procura della Repubblica, condividendo le ipotesi di reato prospettate dalle articolazioni della Questura, emetteva il provvedimento d’urgenza in questione a carico del noto locale per trattenimenti all’aperto del Sud Pontino, nonché fra i maggiori del basso Lazio.

 

 

 

3 Agosto 2019 0

Pedone investito a Velletri, 38enne con un ginocchio rotto

Di Ermanno Amedei

VELLETRI – Stava attraversando la strada quando l’auto guidata da un anziano lo ha centrato in pieno scaraventandolo sull’asfalto. E’ accaduto mercoledì pomeriggio, poco prima delle 19, in via dei Volsci a Velletri.

La Opel Astra guidata da un 82enne del posto, forse a causa di un momento di distrazione o forse per qualche altro motivo su cui gli agenti della polizia locale di Velletri stanno ancora indagando, ha travolto il 38enne colpendolo ad una gamba.

L’uomo dolorante è caduto sul manto stradale ed è stato immediatamente soccorso dai passanti e dallo stesso automobilista. Poco dopo sono arrivati gli agenti della polizia locale che hanno che hanno aiutato il ferito a sedersi su un marciapiedi in attesa dell’ambulanza e hanno veicolato il traffico per evitare il verificarsi di altri incidenti oltre che per ridurre la coda di auto che si era creata dovuta ai curiosi.

Il 38enne lamentava forti dolori al ginocchio e, per questo è stato trasportato in ospedale a Velletri dove, i medici gli avrebbero riscontrato diverse fratture per una prognosi diversi giorni.

3 Agosto 2019 0

ArtCity 2019, Marina Massironi, con ironia e visione femminile de l’Otello, incanta il pubblico all’Anfiteatro

Di felice pensabene

CASSINO – Ancora un successo ieri sera all’Anfiteatro romano di Cassino con lo spettacolo di Marina Massironi, “Ma che razza di Otello?”, nell’ambito di ArtCity 2019 e la rassegna Anfiteatro curata da Marina Cogotti.

Una rilettura teatrale sull’Otello Verdiano, la sua genesi e il suo sviluppo, in uno spettacolo leggero, ironico e divertente che ha appassionato il pubblico del suggestivo sito archeologico della Città Martire.

Un’ora e mezza, circa, in cui Marina Massironi, accompagnata al leggio da una tessitura di musiche e immagini curate da Paolo Cananzi, con battute e spunti accattivanti, effettua l’incursione semi-seria in campo shakespeariana e verdiano. I testi di Lia Celi pescano trasversalmente dalla trama dell’Otello e da quel che è dietro l’opera, immaginando i sentimenti dei personaggi, ma anche quelli di Shakespeare e Verdi, nel loro confrontarsi con la vicenda del Moro di Venezia, e provando a costruire tutto questo con umorismo e ironia. “Ma che razza di Otello?” e l’interpretazione della Massironi si inserisce prepotentemente in questo filone di riscritture, avvalendosi di una narrazione che ripercorre in modo ironico la storia di questa impresa verdiana e shakespeariana. C’è nella performance di Marina Massironi, nello spettacolo di ieri, un sottile ed un inedito punto di vista al femminile rispetto alle eroine del melodramma e divertenti cortocircuiti con l’attualità.

In altre parole, Marina Massironi ha proposto al pubblico il triangolo Otello-Iago-Desdemona alternando umorismo sottile e spiazzante a momenti tragicamente appassionati, il vero successo della serata.

F. Pensabene

 

3 Agosto 2019 0

E-fattura, cosa prevede per gli amministratori e i condomini

Di Ermanno Amedei

ATTUALITA’ – Il condominio, essendo sprovvisto di partita Iva, che deve ricevere i documenti di fatturazione elettronica da parte dei fornitori, deve adeguarsi in modo che l’amministratore possa visionare le fatture direttamente per via telematica e inserirle all’interno dei registri. 

Per facilitare il compito dell’amministratore condominiale, Danea ha realizzato il software per gestione condominio Domustudio, che si occupa efficacemente della contabilità e della gestione fiscale dell’immobile, aiutando l’amministratore quindi a conservare in maniera ordinata e ben catalogata i registri e tutta la documentazione condominiale. 

La e-fattura deve essere redatta in maniera digitale e trasmessa per via telematica al cliente tramite il Sistema di interscambio (SdI), che verifica che la fattura contenga tutti i dati fiscali e controlla la partita Iva del fornitore e il recapito del destinatario, consegnando la fattura al cliente, rilasciando una ricevuta. 

Il condominio è un soggetto fiscale privo di partita Iva, per cui riceve le e-fatture ma non può inviarle; è dotato di un codice fiscale identificativo ed è rappresentato dall’amministratore dell’immobile, che fa le veci di tutti i condomini. Il fornitore compila la fattura in formato “xml”, inserisce i propri dati e quelli del condominio, invia la fattura elettronica e ne consegna una copia cartacea all’amministratore, da conservare negli appositi registri dell’immobile. L’amministratore di condominio può anche accedere all’area riservata per visualizzare online la fattura elettronica e registrarla nel proprio software di gestione condominiale. 

A sua volta, anche l’amministratore dell’immobile è soggetto all’invio di una fattura elettronica in relazione ai propri compensi, salvo nel caso in cui l’amministratore sia provvisto di partita Iva individuale o sia inserito in un regime forfetario, oppure se l’incarico di gestione condominiale è stato affidato al singolo condomino e non a un professionista. In tutti gli altri casi, invece, l’amministratore di condominio deve emettere la fattura elettronica per i compensi ricevuti, comportandosi nei confronti del condominio come ogni altro fornitore.