Uccisero il carabiniere Mario Cerciello Rega a Trastevere, procura chiede l’ergastolo per i due turisti americani

Uccisero il carabiniere Mario Cerciello Rega a Trastevere, procura chiede l’ergastolo per i due turisti americani

6 Marzo 2021 Off Di Ermanno Amedei

Roma – Ergastolo per entrambi gli imputati. Al termine della requisitoria il procuratore aggiunto Nunzia D’Elia e il sostituto procuratore Maria Sabina Calabretta, questa mattina in corte d’assise a Roma, nel processo per l’omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, hanno chiesto la pena massima per gli imputati, i due giovani turisti americani, Gabriel Natale Hjorth e Finnegan Lee Elder. Sarebbe stato quest’ultimo, la notta tra il 25 e il 26 luglio 2019 a Trastevere a colpire per 11 volte con un coltello portato dagli Usa, il militare intervenuto per fermare i due sospettati di aver tentato una estorsione a Sergio Brugiatelli, definito poi loro mediatore nell’acquisto non riuscito di cocaina. Una vicenda complessa che ha richiesto un lungo dibattimento per essere ricostruita. Dibattimento che si è concluso lunedi con le dichiarazioni spontane rese dall’imputato Elder che ha deciso di non sottoporsi, come invece ha fatto Natale Hjorth, all’esame della Corte. Una sostanziale divisione delle colpe, sembra essere la linea difensiva dei due, con Natale Hjorth a voler rispondere del tentativo di acquisto di droga e dell’estorsione a Brugiatelli, mentre su Finnegan Lee Elder quella dell’uccisione del militare ma, con le attenuanti sostenute dai difensori di non sapere che “gli aggressori” fossero carabinieri perchè non si sarebbero identificati cone tali. Di avviso diverso, invece, la pubblica accusa e le numerose parti civili che sostengono, invece, che, Cerciello e il suo collega Andrea Varriale, quella notte seppure fossero disarmati, avrebbero mostrato il tesserino e si sarebbero qualificati. In in modo o nell’altro, però, resta il fatto che, non 1 o 2, ma ben 11 coltellate inferte in via Gioacchino Belli, non sembrano poter far pensare ad un semplice tentativo di difesa finalizzato alla fuga. La procura, quindi, ha messo sullo stesso piano l’operato di Natale che, ingaggiando il corpo a corpo co Varriale, avrebbe impedito al carabiniere di soccorrere il collega e, quasi certamente, salvargli la vita.