Cinema Teatro Manzoni Cassino: si alza il sipario sulla stagione teatrale 2022/2023

Cinema Teatro Manzoni Cassino: si alza il sipario sulla stagione teatrale 2022/2023

26 Ottobre 2022 Off Di redazione

Domani 27 ottobre si alzerà il sipario sulla stagione teatrale 2022/2023 del Cinema Teatro Manzoni di Cassino. Un cartellone tanto atteso quanto variegato: un vero e proprio viaggio nella cultura teatrale da Sheakespeare alla commedia, dal musical allo stand up comedy. Nino Frassica, Lino Guanciale, Sabina Guzzanti, Giorgio Pasotti e altri grandi personaggi del mondo della musica, del cinema e della danza calcheranno il palcoscenico del Cinema Teatro Manzoni per una stagione che promette veramente di incantare il pubblico del cassinate ma anche dell’intero Lazio Meridionale. 

Si partirà domani, con un vero e proprio anniversario con il palcoscenico. In scena “Così rossi che più rossi non si può”, uno spettacolo divertente e coinvolgente che abbraccia oltre 20 anni di carriera di uno dei grandi comici e cabarettisti italiani: Riccardo Rossi.

Sul palco i suoi innumerevoli ritratti di persone e situazioni analizzate nel suo modo assolutamente visionario e dissacrante: Michael Jackson che sfida Albano, una festa di matrimonio che dura più del matrimonio stesso, l’acquisto dell’agenda più famosa del mondo: la Filofax, le lettere alla rubrica della “Salute di Repubblica”, l’età dell’innocenza che tutti noi abbiamo vissuto alle elementari, sono alcuni momenti di un’intera carrellata di situazioni che Rossi ha stigmatizzato con la sua follia comica durante la sua carriera.

Rossi esagera ma non troppo, Rossi giudica ma non troppo, Rossi dipinge un quadro della quotidianità che se visto con gli occhi di Rossi diventa grottesco ma non innaturale, perché in fondo è veramente un po’ così. Insomma Riccardo Rossi in questo show la vede “alla Rossi”, in un modo che più Rossi non si può.

«La seconda stagione teatrale del Cinema Teatro Manzoni, targata RadioCassinoStereo – afferma il direttore artistico Marco Pagano – ci sta dando già grandi soddisfazioni. Il pubblico vede ormai la struttura un punto di riferimento culturale del territorio, ma si può ancora migliorare. Per ora ci godiamo già qualche sold out conseguito in pochi giorni e con la continua richiesta di abbonamenti. Il cartellone prevede diverse tipologie di spettacolo: questo perché abbiamo deciso di dare al nostro pubblico la possibilità di scegliere ciò che più piace, non abbassando mai, però, il livello qualitativo delle pièce. Auguriamo a tutti e anche a noi una buona stagione teatrale, all’insegna della cultura, dello spettacolo e della musica».