Categoria: Fresagrandinaria

21 Maggio 2011 0

Ruba attrezzatura agricola ma viene fermato e arrestato dai carabinieri

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

I carabinieri della Stazione di Fresagrandinaria, nel tardo pomeriggio di ieri, in Dogliola, hanno tratto in arresto Martin Florian, 32enne cittadino romeno, domiciliato a Francavilla al Mare. Durante un normale controllo del territorio, la pattuglia della Stazione di Fresagrandinaria, in territorio di Dogliola, fermava un autocarro Fiat Iveco con a bordo due individui sospetti. Alla vista dei carabinieri, uno dei due passeggeri, sceso dall’autocarro, si dava a precipitosa fuga facendo perdere le sue tracce. Dal controllo del materiale trasportato veniva accertato che si trattava di materiale asportato poco prima da alcuni casolari e da una rimessa agricola del posto. I carabinieri, infatti, da un controllo più approfondito, accertavano che il romeno fermato, verosimilmente con la complicità dell’altro soggetto fuggito al momento del controllo, dopo aver divelto la rete di recinzione, era entrato in una rimessa, asportando attrezzatura agricola e altro materiale ferroso. La refurtiva, interamente recuperata, dopo il riconoscimento, è stata restituita al legittimo proprietario. Martin Florian, espletate le formalità burocratiche, è stato associato presso la Casa Circondariale di Vasto, dovendo rispondere di furto aggravato in concorso. Proseguono le indagini per identificare e rintracciare il presunto complice.

26 Maggio 2010 0

Ex vicesindaco muore soffocato mentre tenta di spegnere incendio

Di redazione

E’ morto per asfissia mentre tentava di domare un incendio divampato sul suo terreno a Fresagrandinaria (Ch). La tragedia si è consumata nella tarda mttinata di ieri in località Pidocchiaro e a perdere la vita è stato il 73enne Sebastiano De Innocentis, ex imprenditore edile ed ex vice sindaco del comune tra gli anni ’80 e ’85. A ritrovare il suo corpo esanime è stato il sindaco attuale Giovanni Di Stefano ed il figlio della vittima. Pare che l’incendio si sia sviluppato tra le erbacce e che l’uomo, nel tentativo di domarlo, abbia respirato tanta anidrite carbonica da rimanere soffocato.