Categoria: Messina

27 Settembre 2014 0

Muro di fuoco a Milazzo, in fiamme un milione di litri di carburante. FederPetroli assicura: “Situazione sottocontrollo”

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Un milione di litri di carburante hanno alimentato questa notte uno spaventoso incendio nella raffineria Mediterranea a Milazzo. Otto ore di lavoro da parte di innumerevoli squadre di vigili del fuoco non sono ancora servite a domare le lingue di fuoco alte decine di metri. L’intervento dei pompieri serve a raffreddare le cisterne per evitare che l’incendio si propaghi, mentre il rogo si spegnerà solamente quando tutto il combustibile interessato dalle fiamme non sarà completamente esaurito. Allertate anche le autorità ambientali per valutare l’impatto. Intanto la FederPetroli ha diramato un comunicato nel quale si legge: “FderPetroli Italia sta monitorando continuamente la situazione e lo stato delle procedure messe in atto dalle disposizione di emergenza e sicurezza a seguito dell’incendio che si è verificato nella notte al sito serbatoi stoccaggio della Raffineria di Milazzo. Da informazioni, al momento l’incendio è domato dalle forze del Vigli del Fuoco e da altre squadre di sicurezza e si procede con intervento mirato sino ad esaurimento bruciatura prodotto presente nei serbatoi. Il Comune di Milazzo e la Prefettura di Messina ci hanno confermato che nessun operaio o tecnico è rimasto ferito nell’incidente al serbatoio 513 e non è presente alcun allarme rosso. Nonostante la nube a seguito dell’incendio, non vi sono situazioni dannose per l’ambiente e l’aria circostante. La Raffineria di Milazzo dopo gli interventi negli anni scorsi sull’ammodernamento delle infrastrutture, risulta una delle più all’avanguardia a livello europeo con impianti di raffinazione di alta efficienza tecnologica. FederPetroli Italia sta monitorando la situazione con gli organi preposti fino a fermo diretto e stato di sicurezza dell’incidente”. Er. Amedei

13 Gennaio 2013 0

Vulcano Stromboli, il dipartimento della Protezione Civile segue l’evolversi della situazione

Di admin

Il Dipartimento della Protezione Civile sta seguendo con attenzione l’evoluzione dei fenomeni registrati dalle reti dei Centri di Competenza – Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e Università di Firenze – negli ultimi giorni sul vulcano Stromboli, tanto che in mattinata sull’isola sono arrivati tecnici della protezione civile con il compito di verificare, insieme proprio al personale dei Centri di Competenza presenti sul territorio, lo stato di attività del vulcano. Il 10 gennaio, infatti, il Centro Funzionale Centrale per il Rischio Vulcanico del Dipartimento ha emesso un avviso di criticità elevata, tuttora vigente, a seguito di un trabocco lavico, di fenomeni di rotolamento di blocchi incandescenti osservati lungo la Sciara del Fuoco, e di un progressivo aumento dell’attività vulcanica sui crateri sommitali. Nella giornata di ieri, poi, è stato registrato un forte aumento del tremore vulcanico, a cui è seguita una spiccata deformazione del suolo nella parte sommitale del vulcano. Inoltre, una consistente emissione di cenere e vapori – che ha raggiunto diverse centinaia di metri di altezza -, in concomitanza con un aumento del flusso di lava, scorrendo lungo la Sciara del Fuoco ha innescato frane di materiale incoerente. Si ricorda, inoltre, che il 31 dicembre 2012 è scaduto lo stato di emergenza che attribuiva al Capo del Dipartimento della Protezione Civile, in veste di Commissario delegato del Governo, gli strumenti necessari per fronteggiare i danni causati dagli effetti indotti dai fenomeni vulcanici nell’isola di Stromboli. Di conseguenza, le amministrazioni ordinariamente competenti sul territorio sono subentrate nella gestione di queste attività.

11 Dicembre 2012 0

Terremoto nel Mar Tirreno a 15 km dalla costa siciliana. Scossa avvertita in provincia di Messina

Di admin

Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione in provincia di Messina. L’epicentro è situato in mare, a circa 15 km dalla costa siciliana. Le località più prossime all’epicentro sono Gioiosa Marea, Piraino e l’isola di Lipari. Dalle verifiche effettuate dalla “Sala Situazione Italia” del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone e/o cose. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico, si è verificato alle ore 12.42 con magnitudo 3.1.

17 Novembre 2012 0

Terremoti, scossa di magnitudo 2.9 in provincia di Messina

Di admin

Un evento sismico è stato avvertito dalla popolazione in provincia di Messina, le località prossime all’epicentro sono i comuni di Furnari, Falcone e Terme Vigliatore. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico è stato registrato alle ore 18.29 con magnitudo 2.9. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano al momento danni a persone e/o cose.

8 Febbraio 2012 0

Terremoto di magnitudo 3.1 tra Palermo e Messina

Di admin

Un evento sismico è stato lievemente avvertito dalla popolazione tra le province di Messina e Palermo. Le località più prossime all’epicentro sono Castel di Lucio (ME), Mistretta (ME) e San Mauro Castelverde (PA).

Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico è stato registrato alle ore 17.15 con magnitudo di 3.1

Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano al momento danni a persone e/o cose.

1 Febbraio 2012 0

Terremoto, scossa di magnitudo 3.1 tra Messina e Palermo

Di redazione

Un lieve evento sismico è stato avvertito dalla popolazione tra le province di Messina e Palermo. Le località più prossime all’epicentro sono Castel di Lucio (ME), Mistretta (ME) e San Mauro Castelverde (PA). Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico è stato registrato alle ore 15.28 con magnitudo di 3.1 Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano al momento danni a persone e/o cose.

23 Novembre 2011 0

Maltempo, il capo dipartimento della Protezione Civile in Sicilia

Di admin

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, professor Mario Monti, tenuto costantemente informato sull’evoluzione del maltempo che ha colpito il sud Italia, ha dato indicazione al Capo Dipartimento della Protezione civile, Franco Gabrielli, di recarsi nelle zone alluvionate per verificare di persona la situazione e valutare gli eventuali necessari interventi. Il Capo Dipartimento si sta dirigendo a Saponara, in provincia di Messina, dove nella tarda serata di ieri colate di fango hanno invaso il paese e sommerso alcuni edifici, provocando, al momento, quattro morti accertati.

15 Novembre 2011 0

Terremoti, serie di scosse in provincia di Messina, la più forte di magnitudo 4

Di admin

Nove scosse di terremoto, al momento, sono state registrate nel messinese dai sismografi della rete nazionale dell’istituto di geofisica e vulcanologia. La prima è stata registrata ad una profondità di 1,5 chilometri alle 5.59. Ha fatto registrare una magnitudo pari a 4 della scala Richter ed è stata la scossa più forte. Dopo 20 minuti, alle 6.19 c’è stata una scossa di magnitudo 2.3 seguita da una di magnitudo 2.7 alle 6.49 e 2.2 alle 6.58. Alle 7.05 nuova scossa di mangnitudo 2.3 e magnitudo 2 alle 7.33. Alle 7.51 si è registrata una magnitudo di 2.7 e 2.8 alle 7.57. Alle 9.27 l’ultima scossa di magnitudo 2. Le scosse sono avvenute in mare, quelle più forti sono state avvertite dalla popolazione ma non si registrano danni. I comuni vicini all’epicentro sono Brolo (Me), Capo D’Orlando (Me), Capri Leone (Me), Frazzano’ (Me), Mirto (Me), Naso (Me), San Marco D’Alunzio (Me), Sant’Agata Di Militello (Me) e Torrenova (Me).

8 Luglio 2011 0

Lieve scossa di terremoto con magnitudo 2.4 in provincia di Messina

Di admin

Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione in provincia di Messina. Le località prossime all’epicentro sono i comuni di Galati Mamertino, Longi e San Salvatore di Fitalia.

Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 15.11 con magnitudo 2.4.

6 Luglio 2011 0

Scossa di terremoto in provincia di Messina di magnitudo 3.7

Di admin

Una scossa sismica è stata avvertita dalla popolazione in provincia di Messina. Le località prossime all’epicentro sono i comuni di Tortorici, Longi e Galati Mamertino.

Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile non risultano danni a persone o cose.

Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 11.08 con magnitudo 3.7.