Categoria: Comuni Provincia di Frosinone

20 Febbraio 2019 0

Cassinate – Neonata di un mese salvata dopo un rigurgito nel sonno. Provvidenziale intervento di soccorso

Di redazione
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Una mattinata, quella di oggi che difficilmente scordera` una famiglia del cassinate. Una piccola di appena un mese è rimasta quasi soffocata da un brutto rigurgito. La neonata stava dormendo quando la mamma si è accorta che qualcosa non andava. La bambina non riusciva a respirare, così ha chiesto immediatamente aiuto. Subito sono stati chiamati i soccorsi e intanto la piccola è stata caricata in macchina per portarla al pronto soccorso dell’ospedale di Cassino. Sulla via Casilina, data la gravità del caso è stato compiuta da due operatori del 118 una provvidenziale manovra disostruttiva che ha aiutato la piccola a respirare. Intanto il mezzo dei familiari della piccola ha proseguito la corsa verso l’ospedale di Cassino. Contestualmente anche i carabinieri della stazione di Piedimonte San Germano hanno offerto ausilio scortando i mezzi fino all’ospedale, mantenendo in sicurezza il tratto stradale dove è avvenuto l’intervento. Grazie alla prontezza della famiglia e all’impeccabile opera dei soccorritori, la piccola è stata messa in salvo. Fortunatamente non ci sono state conseguenze. In esclusiva abbiamo raccolto la testimonianza della nonna della neonata che ancora scossa ci ha raccontato “la nostra piccola ha avuto degli angeli stamattina ad aiutarla: i carabinieri di Piedimonte e gli operatori del 118. Che siano benedetti! Non basterà una vita per ringraziarli”.

20 Febbraio 2019 0

Proteste per l’aumento delle tariffe retroattive della Saf di Colfelice

Di redazionecassino1

FROSINONE – La giunta Ottaviani ha approvato la proposizione del ricorso per secondi motivi aggiunti contro gli aumenti tariffari retroattivi decisi da Regione Lazio e Saf per l’utilizzo dell’impianto di Colfelice relativi all’anno 2015.

Il Comune di Frosinone, mediante deliberazione di giunta comunale del 27/06/2018, aveva già autorizzato la proposizione di ricorso innanzi al TAR del Lazio, contro il provvedimento del Direttore Regionale Direzione Politiche Ambientali e ciclo dei rifiuti della Regione Lazio avente ad oggetto “Impianto SAF di Colfelice – Determinazione tariffa di accesso all’impianto”.

Con successiva Deliberazione di giunta comunale è stata autorizzata la proposizione di ricorso per motivi aggiunti in opposizione alla determinazione con la quale la Direzione Regionale Politiche Ambientali e ciclo dei rifiuti ha confermato i criteri di calcolo (basati sui cosiddetti costi effettivi) ai fini della determinazione della tariffa per l’accesso all’impianto di Colfelice per lo smaltimento e trattamento dei rifiuti.

Con determinazione dirigenziale, la stessa Direzione Regionale Politiche Ambientali ha approvato gli aumenti retroattivi della tariffa per l’utilizzo dell’impianto di Colfelice per l’anno 2015: Il Comune di Frosinone, quindi, ha ritenuto opportuno proporre secondi motivi aggiunti nel ricorso.

 

20 Febbraio 2019 0

San Vittore, tutto pronto per l’inaugurazione dell’Orto Botanico

Di admin

SAN VITTORE DEL LAZIO – “E’ prevista per il 28 febbraio l’inaugurazione dell’Orto Botanico voluto dall’amministrazione comunale di San Vittore del Lazio e realizzato in sinergia con la XV Comunità Montana “Valle del Liri” di Arce”.

Lo si legge in una nota dell’amminsitrazione comunale di San Vittore del Lazio.

“Alle 11.00 del mattino il momento clou di una realizzazione che ha visto il team amministrativo della sindaca Nadia Bucci ed in particolare l’assessore Amilcare D’Orsi prodigarsi per donare ai giovani, alle scolaresche ed alla cittadinanza uno spazio meraviglioso, frutto del recupero di un’area a rischio degrado. L’opera è stata realizzata in collaborazione con la XV Comunità Montana VDL ed ha lo scopo precipuo di “restituire ai cittadini un’area degradata e fornire in particolare alla scuola uno strumento didattico per i percorsi di sensibilizzazione alle tematiche ambientali”. In occasione dell’inaugurazione la sezione di Cassino del Club Alpino Italiano donerà delle essenze vegetali che gli alunni del plesso Capoluogo potranno impiantare nell’orto stesso. Si avvierà così la concreta realizzazione dell’opera, che vedrà via via crescere ed accrescere il suo patrimonio di flora e rafforzare sempre più il suo ruolo didattico attivo. All’evento è prevista la presenza di autorità coinvolte a diverso titolo, concettuale ed operativo, nel progetto: il presidente della giunta della XV, ingegner Gianluca Quadrini, il dirigente scolastico, professor Pietro Pascale con il corpo docenti, il tenente colonnello Giuseppe Lopez del Gruppo carabinieri Forestali di Frosinone, il presidente del Cai Cassino Pietro Miele e il signor Erminio D’Agostino. “Sarà un momento culminante e di inizio al contempo – ha affermato un soddisfatto assessore D’Orsi – in cui alla fine dei lavori ed al taglio del nastro faranno seguito la piena operatività e la bellezza assoluta di un’opera che non si limita ad ispirarsi alla natura, ma che ne è parte integrante e testimonianza viva del rispetto che ad essa tutti dobbiamo”.

20 Febbraio 2019 0

Occupazione abusiva a Pontecorvo, il sindaco fa scattare i controlli della polizia locale

Di admin
PONTECORVO – “Occupazione abusiva dei marciapiedi: tantissime le proteste e le segnalazioni arrivate al comune da parte dei cittadini. Scattano i controlli della della polizia locale. Ad emanare la direttiva è stato il sindaco Anselmo Rotondo“. Lo si legge in una nota redatta dallo stesso sindaco di Pontecorvo. “A seguito di decine di segnalazioni arrivate dai cittadini che, non potendo transitare sui marciapiedi, a causa delle occupazioni abusive ho dato disposizione alla polizia locale di eseguire controlli su tutto il territorio comunale. Controlli che riguarderanno sia l’aspetto autorizzativo, sia quello del pagamento della tasse sull’occupazione del suolo pubblico. Si tratta di un provvedimento chiesto a gran voce dalla cittadinanza che tutela la legalità e il rispetto del decoro urbano”.
20 Febbraio 2019 0

In conferenza stampa, D’Alessandro: “Sono stato vittima dei traditori”. Le reazioni della politica locale alla crisi e alle elezioni

Di redazionecassino1

CASSINO – Ieri la conferenza stampa del sindaco D’Alessandro, in cui il Primo cittadino ha voluto far conoscere le ragioni della crisi che ha portato alla caduta della sua Amministrazione. Lo ha fatto senza peli sulla lingua: “Sono stato vittima dei traditori” lo ha detto chiaramente, senza giri di parole, il sindaco Carlo Maria D’Alessandro durante la conferenza stampa in sala Restagno, commentando le dimissioni in massa dei consiglieri comunali di opposizione e dei quattro dissidenti che hanno spalancato le porte verso le elezioni anticipate.

D’Alessandro ha ribadito che la crisi ha motivazioni che nulla hanno a che vedere con la politica: “Ci sono io e ci sono gli amici seduti qui con me, ha continuato, riferendosi ai presenti Dell’Omo, Calvani, Papa, Evangelista, Langiano, Tauwinkelova, Di Mambro, Langiano, Panaccione, Ranaldi e chi la mattina si sveglia e chiede cosa c’è per me”.  Il primo cittadino è stato molto vago sul suo futuro politico, pur lasciando aperto uno spiraglio su una sua eventuale ricandidatura: “Mi prenderò alcuni giorni per decidere insieme alla mia famiglia ed agli amici che mi sono rimasti vicini”. Fin qui le dichiarazioni di D’Alessandro, ma come ha reagito il mondo politico cittadino? Poco più di tre mesi ed i partiti guardano già alla prossima ed imminente campagna elettorale.

Il Pd festeggia «La liberazione della città di Cassino che adesso può dare il via ad un nuovo inizio così come, la storia ci insegna, è sempre riuscita a fare» lo fa attraverso i suoi dirigenti, che puntano «A mettere in campo una valida alternativa credibile a chi fino ad oggi ha (mal)governato la nostra Città. Riteniamo opportuno – secondo Marino Fardelli, Romeo Fionda e Armando Russo – la convocazione di un direttivo cittadino quanto prima consapevoli che gli errori passati siano da insegnamento, che le divisioni siano solo un vantaggio per altri, che i distinguo interni siano solo pretesti a favore di altri per asfaltarci politicamente parlando. Sarà nostra incontrare i consiglieri comunali e insieme decidere la data di un direttivo quanto prima perché è arrivato il momento delle scelte».

Più cauta la posizione di Fratelli d’Italia che secondo Angela Abatecola, portavoce del partito a Cassino, «La fine molto prematura dell’amministrazione D’Alessandro rappresenta l’epilogo di una somma irreparabile di errori, commessi da tutti gli attori del dramma vissuto dalla città di Cassino. Difficile, in questo momento, prevedere un futuro per la nostra città: c’è un centrodestra da costruire completamente su basi nuove, come diciamo ormai da tempo. Ora è necessario lavorare per una strategia precisa con un obiettivo condivisibile, lasciando l’apparente convergenza di alcuni con la sinistra al fatto occasionale. Ora è il momento dell’attenta riflessione. Noi siamo pronti: con le nostre idee, i nostri programmi, i nostri uomini, le nostre donne”.

Per il Carroccio il vice-coordinatore provinciale Gabriele Picano: «È finita la lenta agonia dell’amministrazione D’Alessandro. Ora guardiamo al futuro per dare alla Città un Governo autorevole e credibile: i nostri cittadini se lo meritano”.

Un tono pacato, quello del segretario provinciale del movimento dello Scarpone, Niki Dragonetti, «Non c’è nulla da festeggiare. Dobbiamo solo rimboccarci le maniche e pensare a ridare dignità e vita a Cassino che merita di più, molto di più. Debbo ringraziare pubblicamente Rossella Chiusaroli, Dino Secondino, Gianluca Tartaglia ed Antonio Valente che, con la loro firma di sfiducia, hanno dato possibilità ai cittadini di poter nuovamente scegliere un sindaco e una Giunta che abbiano realmente a cuore le sorti di Cassino. Il passato deve essere immediatamente lasciato alla spalle e per poter tornare ad essere fulcro di turismo, cultura ed economia oltre che di ambiente e vivibilità, dobbiamo essere uniti e soprattutto dalla parte della collettività e non degli interessi personali».

«E’ stato un peccato aver gettato a mare il progetto di centrodestra che aveva vinto le amministrative nel 2016. Ognuno è libero di prendere le decisioni come meglio crede ed allo stesso modo si assumerà le responsabilità delle proprie scelte. Adesso si ricomincia tutto da capo» la telegrafica posizione di Mario Abbruzzese.

F. Pensabene

 

20 Febbraio 2019 0

La pet therapy all’istituto comprensivo Egnazio Danti di Alatri

Di admin

ALATRI – “La convivenza con gli animali d’affezione rappresenta una fonte di beneficio per la società”.

E’ quanto si legge in una nota dell’Istituto comprensivo “Egnazio Danti” Alatri.

“Gli animali domestici possono svolgere un importante ruolo di mediatori nei processi educativi e terapeutico-riabilitativi. Per questi motivi, l’Istituto comprensivo “Egnazio Danti” ha avviato, già da qualche anno, Interventi Assistiti con gli Animali (IAA, genericamente noti come pet therapy) per la loro valenza terapeutica, riabilitativa, educativa e ludico-ricreativa.  Gli interventi si rivolgono, in particolare, a studenti con problemi emotivi e comportamentali, con disabilità fisica o psichica e con disagio sociale. Attraverso il gioco si raggiungono importanti risultati come miglioramenti nelle attività psicomotorie, nei deficit dell’attenzione e in generale dell’umore e della qualità della vita. La presenza costante del cane in classe a scuola influisce positivamente sul percorso formativo-educativo dello studente. Gli IAA, organizzati in laboratori, si propongono di fornire agli studenti con BES maggiori possibilità di espressione, integrazione, responsabilizzazione e interazione con il diverso (il cane appunto). Nati nell’ottica del peer tutoring, i laboratori hanno visto la partecipazione di tutti gli studenti dell’istituto e sono stati veicolo di sviluppo delle autonomie e di capacità relazionali, superando i limiti della disabilità e della conflittualità.

I Laboratori IAA si tengono presso la scuola secondaria di primo grado in presenza di cani (Stitch e Cesare) selezionati e preparati per gli interventi assistiti con corsi di formazione tenuti dall’Università “La Sapienza” di Roma, dall’Istituto superiore della Sanità e dalla ASL di Latina. Responsabile delle attività come referente di intervento e coadiutore IAA è la professoressa Ileana De Bernardis supportata dal team K9 Italy.

Come per gli scorsi anni scolastici, anche nell’attuale, sono stati attivati due progetti: “Il cane base sicura di una classe” che coinvolge tutta una classe della scuola secondaria e “Pluto” che è rivolto agli studenti con Bisogni Educativi Speciali. Prendersi cura dell’animale, accudirlo e coccolarlo, mitiga o inibisce comportamenti aggressivi e di incuria, di mancanza di attenzione verso il prossimo e di scarsa considerazione di sé. Il rapporto con il pet rafforza inoltre la sicurezza affettiva, ossia i processi di empowerment.

I progetti “Il cane base sicura di una classe” e “Pluto” sono parte integrante del Piano Triennale dell’Offerta formativa dell’istituto già da diversi anni. Gli studenti che vi hanno partecipato hanno realizzato cucce e cuscini che sono stati dati in beneficenza ad associazioni per animali del territorio. In questo anno scolastico sono previste altre attività ed è in cantiere un interessante progetto nell’ambito del sociale che vede il coinvolgimento del territorio del comune di Alatri.

Grazie alla lungimiranza e alla sensibilità del Dirigente Scolastico Raffaella Carrubba, l’Istituto comprensivo “Egnazio Danti” si caratterizza anche per questa tipologia di laboratori che hanno dato riscontri molto positivi nel corso degli anni tanto per le attività con gli alunni quanto per la condivisione con le famiglie. L’istituzione scuola, in sinergia con le famiglie degli studenti, supporta e valorizza questi progetti di indiscusso valore sociale e pedagogico. Strumenti a supporto del rafforzamento delle competenze trasversali, dello stare bene in classe e a scuola, delle relazioni interpersonali e della gestione autonoma di sé stessi a supporto dei compagni.

E’ stata attivata una pagina di Facebook “ConFido in te” dove far confluire le esperienze, le sensazioni e le emozioni provate durante la partecipazione ai progetti “Il cane base sicura di una classe” e “Pluto”. La pagina è pronta ad accogliere anche richieste e curiosità.

 

19 Febbraio 2019 0

La super luna visibile anche nel cielo di Cassino

Di redazionecassino1

CASSINO – “Spunta la luna dal monte…” iniziava così un brano di qualche anno fa. È una luna speciale quella che molti cittadini di Cassino potranno ammirare salire piano piano nel cielo questa sera, spuntando dal monte che sovrasta Viticuso sede del parco eolico. Il nostro satellite si potrà ammirare più grande, luminoso e visibile ad occhio nudo da tutti. Un giallo intenso inizialmente con sfumature rossastre, uno spettacolo unico da lasciare in molti con il naso all’insù ad ammirare l’evento.

Scientificamente è definito perigeo lunare il momento del minimo avvicinamento della luna a Terra.

Una super luna, secondo la NASA, fino al 14% più grande e al 30% più luminosa di come appare durante la maggior parte delle volte. Il cielo continua a regalare spettacolo in questa sera del 19 febbraio 2019 una luna piena spettacolare considerata uno degli eventi astronomici più emozionanti dell’anno. La luna apparirà, infatti, più brillante e luminosa che mai perché si troverà esattamente nel punto della sua orbita più vicina alla Terra. La Luna raggiungerà il perigeo, ossia il punto della sua orbita più vicina alla Terra, alle 10:07 del mattino, mentre il plenilunio è atteso per le 16:53. Per godersi al meglio lo spettacolo, si consiglia di recarsi in un vasto spazio all’aperto e lontano dall’inquinamento artificiale. Quindi in campagna o in montagna, se possibile. “È un appuntamento da non perdere” perchè il nostro satellite disterà “solo” 356.761 chilometri dalla Terra. Di solito la distanza è di circa 30.000 km in più. Mai, per tutto il 2019, avremo una Luna piena più vicina di così.

Quella di stasera sarà la seconda Superluna del 2019, dopo la luna rossa della notte fra il 20 e il 21 gennaio scorso. Per vederne un’altra bisognerà attendere il terzo appuntamento, il prossimo 19 marzo, a ridosso dell’equinozio di primavera.

F. Pensabene

19 Febbraio 2019 0

Violenza in famiglia a Roccasecca, picchia la compagna e la figliastra: arrestato 47enne

Di admin

ROCCASECCA – I carabinieri di Roccasecca hanno arrestato un 47 enne del luogo (già gravato da vicende penali  per ingiuria e minaccia) poiché colto nella flagranza dei reati di “maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e violenza o minaccia a P.U.” nei confronti della convivente e della figlia di quest’ultima.

I  militari operanti, a seguito di specifica richiesta giunta alla centrale operativa, intervenivano presso l’abitazione dell’arrestato, in quanto era stato segnalato un litigio con contestuale forte frastuono. Giunti sul posto i militari constatavano che l’arrestato stava malmenando sia la convivente 41enne, casalinga, che la figlia 16enne della donna, studentessa, verosimilmente per futili motivi. L’uomo alla vista dei militari andava in escandescenza tanto che quest’ultimi, visto il suo stato di forte agitazione, allontanavano immediatamente la moglie e i 4 figli riuscendo poi a calmarlo ed ad accompagnarlo negli uffici del Comando Arma .

Le due donne sono state poi trasportate presso il pronto soccorso dell’ospedale di Cassino ove, a seguito dei previsti accertamenti venivano dimesse, la convivente 41enne (che presentava vistosi lividi ed escoriazioni ed una contusione all’emitorace), con una prognosi di 10 giorni mentre la figlia 16enne ( che presentava solo alcuni lividi e uno stato ansioso), con una prognosi di 5 giorni.

Espletate le formalità di rito l’arrestato è stato accompagnato presso un’altra abitazione poiché sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

L’intervento dei Carabinieri permetteva di interrompere dei maltrattamenti che, purtroppo,  andavano avanti da molto tempo e che non erano mai stati denunciati.

19 Febbraio 2019 0

Ferentino, picchia l’anziano padre con il suo stesso bastone: arrestato 52enne

Di admin

FERENTINO – Ha picchiato l’anziano padre a sangue rompendogli addosso il bastone e tentando di colpirlo anche con un martello. Per questo i carabinieri di Ferentino hanno arrestato ieri sera S.G. 52 anni del posto, accusandolo di tentato omicidio e maltrattamenti in famiglia.

I carabinieri sono intervenuti su richiesta della badante dei genitori dell’arrestato, bloccandolo, dopo un breve inseguimento. L’uomo, poco prima si era reso responsabile di aver percosso, per questioni ereditarie, l’anziano padre con calci, pugni e con il suo bastone da sostegno, che a seguito dei colpi inferti si è addirittura rotto in più parti, tentando inoltre di colpirlo con un martello da carpentiere e non riuscendoci per il pronto intervento della badante che ne impediva di fatto l’evento.

Nella circostanza la figlia della vittima, ha sporto denuncia nei confronti del fratello per ripetuti maltrattamenti nei confronti di suo padre, eventi mai denunciati cui produceva certificati medici a seguito del quale il padre colpito da figlio, è stato giudicato guaribile in 5 giorni per ferita lacero contusa legione orbitale sinistro. Il martello, il bastone da sostegno rotto sono stati posti sotto sequestro. L’arrestato dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la casa circondariale di Frosinone a disposizione dell’autorità giudiziaria.

19 Febbraio 2019 0

Cassino, la biblioteca ‘Pietro Malatesta’ trasloca al museo Historiale

Di redazionecassino1

CASSINO – Una delibera della Giunta comunale, del 7 febbraio scorso, ha disposto lo spostamento della biblioteca comunale “Pietro Malatesta” dagli attuali locali dell’ex galleria Arcobaleno, di via del Carmine, all’ex book shop del museo Historiale. Un trasloco che permetterà al Comune un risparmio di oltre 70mila euro l’anno di solo affitto. Il trasferimento della biblioteca era nell’aria da tempo. Inizialmente si era pensato al foyer del Teatro Manzoni. Opzione affascinante ma concettualmente difficile da mettere in atto. Infatti per “foyer” era inteso lo spazio attiguo alla struttura principale del Manzoni. L’operazione porterà un notevole risparmio per le casse del Comune e potrebbe far rinascere un’area, quella del museo Historiale, al momento sconosciuta ai più. E’ pur vero che un flusso massiccio di persone non c’è mai stato in biblioteca e che bisognerebbe ripensarla. L’area dove andrà a collocarsi la biblioteca sarà decisamente diversa da quella odierna visto che “sono stati ultimati i lavori di ristrutturazione dei locali dependance della superficie di circa 195 mg, finanziati con fondi regionali, e oggi la stessa è fruibile come piccola sala convegni e/o mostre anche nell’ambito del progetto ‘Atelier Arte Bellezza Cultura’” si legge nella relazione del dirigente allegata alla delibera di Giunta. Per l’Historiale vero e proprio “Sono in corso i lavori di manutenzione straordinaria dell’edifico museale che sarà, quindi, a breve riaperto per la fruizione pubblica”, mentre la biblioteca andrà ad occupare “un altro edificio della superficie di circa 293 mq, attualmente destinato a nessuna attività e, precedentemente, con destinazione di “Book shop”. Lo spazio è stato scelto non solo per l’importante risparmio economico per il Comune, quanto per l’ubicazione “nell’immediato centro cittadino nonché sul percorso pedonale e viario di collegamento dell’Università con la stazione ferroviaria e autobus” è inoltre “dotato di ampie aree a verde e pavimentate che ben si prestano per la fruizione delle persone”. Nei locali dell’Historiale troverà posto anche l’archivio storico. Per rendere l’edificio fruibile in tempi celeri sono necessari interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria come ad esempio la sistemazione delle pareti dei locali esistenti con opere di tinteggiatura e pulizia; la revisione e potenziamento degli impianti tecnologici esistenti; la manutenzione straordinaria alla copertura del fabbricato; la revisione degli infissi esistenti e la pulizia ed allestimento dei locali. Tutto per un importo stimato di poco meno di 30mila euro. Il via libera alla delibera, secondo le volontà dell’amministrazione, dovrebbe andare nella direzione di “valorizzare il patrimonio immobiliare disponibile”, “abbattere la spesa per i canoni di locazione passive, “ridurre i costi di gestione degli immobili e dei consumi energetici”; “finanziare le opere di manutenzione con le minori spese, già allocate nel bilancio stabilmente riequilibrato, da pagare per la locazione dell’attuale sede”; “allocare la biblioteca comunale in un contesto multi-culturale” secondo quanto indicato nella delibera adottata dalla Giunta.

F. P.