Categoria: Comuni Provincia di Frosinone

17 Ottobre 2019 0

Da cammino di San Benedetto a linea Gustav, geoevento a Villa Santa Lucia

Di Ermanno Amedei
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

VILLA SANTA LUCIA – “Acqua, calcare e territorio. Per fortuna c’è lentezza”. Si chiama così l’iniziativa organizzata a Villa Santa Lucia domenica 20 ottobre in occasione della 7° edizione della Settimana della Terra.

L’evento si svolgerà sul Colle Sant’Angelo (Comune di Villa Santa Lucia-Fr) a circa 400 m s.l.m., non molto lontano dal Convento Madonna delle Grazie, sul cammino della spiritualità Cammino di San Benedetto che conduce al Monastero di Montecassino in chiara dominanza sulla Valle Latina. Sono presenti rovine di un santuario romano di età repubblicana edificato nel II secolo a.C. Il sito si trova alle spalle di Montecassino sulla direttrice viaria che conduceva all’acropoli di Casinum. Il geoevento intende ripercorrere il Cammino di San Benedetto nel tratto che conduce al Santuario e riscoprire i luoghi in cui monaci e pellegrini passavano per recarsi a Montecassino. Gli stessi luoghi sono stati un baluardo fondamentale durante le ultime fasi della Seconda Guerra Mondiale. Le azioni belliche nell’area portarono alla liberazione di Montecassino grazie all’esercito Polacco che nel Maggio del 1944 lanciò l’offensiva verso il monte occupato dai tedeschi. PROGRAMMA Nell’intera giornata, dalle ore 9 al tramonto, è prevista la partenza dal piazzale antistante il Convento Madonna delle Grazie, per poi percorrere il Cammino di San Benedetto per circa 2 km. Giunti sul geosito è prevista una visita guidata per vedere i resti del complesso monumentale. L’evento terminerà con una degustazione enogastronomica.

COMITATO TECNICO SCIENTIFICO: Progetto Summa Ocre, Cooperativa Domenica Beni Culturali, Associazione Linea Gustav Il Santuario Repubblicano di Fortuna. A cura di Domenica s.c.s Beni Culturali Del complesso monastico di Sant’Angelo in Fortunula si hanno notizie certe a partire dal tardo XII secolo, mentre una prima menzione di resti antichi viene fatta dal negli anni ’40 del XX secolo. Il complesso santuariale si articola all’interno di un vasto recinto in opera pseudo poligonale. La porta dello stesso recinto, con blocchi isodomi, sembra essere testimonianza di un intervento successivo di restauro all’interno del recinto. Ciò che si impone in modo decisivo è il terrazzamento con paramento in opera incerta che contiene una grossa cisterna per l’acqua da ricondurre alla committenza di Quinto Eleio, questore di Casinum nel II secolo a.C.. Questa ha avuto un a continuità d’uso ininterrotta anche dopo la costruzione della superiore chiesa del monastero di S. Michele Arcangelo. Il grande terrazzamento si compone di due fasi distinte; una composto da blocchi squadrati e/o poligonali di modeste dimensioni disposti in modo regolare a paramento dell’opera cementizia che si addossa ad una fase precedente dove l’opera incerta si fa più continua e regolare verso monte. Sulla spianata di questo, dove ancora emerge una singola unità muraria del complesso cristiano (altri muri riferibili al monastero si addossano ortogonalmente ai piedi della sostruzione), si alza un podio in calcestruzzo rivestito in opera incerta limitato da una cisterna di modeste dimensioni. La posizione all’interno della spianata e la continuità d’uso prettamente cultuale andrebbero a favorire l’ipotesi di una base di cella all’interno di un centro di culto. Il sito presenta all’interno del recinto grossi muri di contenimento in opera incerta, ben individuabili nella letture delle curve di livello del versante collinare; alcuni muri sono abbastanza alti da rendere frequentabile e coltivabile vaste zone altrimenti inservibili, mentre è notevole l’intento di bonifica in antico delle cave da cui fu estratto il calcare delle fabbriche, mediante la foderatura in opera incerta delle stesse pareti di roccia delle cave non più in uso. La località in questione, ben collegata sin dall’antichità da una viabilità pedemontana, cui si raccorda una minore di versante, era ben raggiungibile dalla piana proiettandosi sulla via Latina afferente le romane Aquinum, Casinum e Interamna Lirenas

15 Ottobre 2019 0

Fuga di gas in centro a Pontecorvo, evacuato il Comune e il liceo

Di Ermanno Amedei

PONTECORVO – Paura a Pontecorvo, stamattina, quando un forte odore di gas è stato avvertito in pieno centro. Immediatamente è scattato l’allarme che, ha scopo precauzionale, ha portato anche all’evacuazione sia del palazzo comunale che del liceo.

L’area interessata dall’emergenza, infatti era quella tra via Roma e piazza IV novembre dopo che un’auto ha urtato una colonnina del gas. L’incidente stradale, quindi, ha causato la perdita su cui sono intervenuti, oltre ai vigili del fuoco, anche i tecnici della rete metanifera.

Per la durata dell’intervento, oltre all’evacuazione dei due stabili, è stata chiusa anche la circolazione stradale.

Ermanno Amedei

14 Ottobre 2019 0

Il dipendente si distrae e cliente ruba 300 euro dalla cassa, arrestato 45enne

Di Ermanno Amedei

SAN GIORGIO A LIRI -I carabinieri di San Giorgio a Liri, hanno arrestato un 45enne del posto per furto aggravato. L’uomo, approfittando di un momento di distrazione dei dipendenti di un centro commerciale del luogo, ha sottratto da una delle casse la somma di 300 Euro in contatti per poi darsi alla fuga con la sua bicicletta.

Poco dopo si è recato presso lo stesso esercizio commerciale il Comandante della locale Stazione Carabinieri il quale, libero dal servizio, appurato quanto accaduto poco prima si è messo immediatamente alla ricerca del malfattore riuscendo a rintracciarlo poco dopo e recuperando l’intera somma restituendola all’avente diritto.

Il 45enne dichiarato in arresto e, come disposto dal Pubblico Ministero di turno, ristretto presso la camera di sicurezza della Compagnia di Pontecorvo, in attesa del rito direttissimo.

12 Ottobre 2019 0

Helena Janeczek premiata dagli studenti della rete per Letterature dal Fronte

Di Antonio Nardelli

Alla presenza e con gli interventi di S.E.Rev.ma l’Abate di Montecassino, dom Donato Ogliari, del Sindaco di Cassino, dott. Enzo Salera, del Magnifico Rettore dell’Università di Cassino, prof. Giovanni Betta, si è tenuta , presso la Sala Restagno del Comune di Cassino, la manifestazione di assegnazione del Premio internazionale città di Cassino LETTERATURE DAL FRONTE, vinto quest’anno dalla scrittrice Helena Janeczek, per il libro “Le rondini di Montecassino”. La XIV edizione di questo premio 2018-2019, è stata dedicata alla letteratura italiana dal fronte, in concomitanza con il centenario della conclusione della Grande Guerra e il 75simo anniversario della seconda guerra mondiale , che come ha detto la scrittrice nel suo intervento “sono strettamente legate da un filo di continuità che fa della della guerra 39-45, la naturale conseguenza di quella del 14-18”.La dottoresa Clara Abatecola, Segretario Generale dell’Associazione LETTERATURE DAL FRONTE nel presentare Helena Janezcek ,l’ha definita una “scrittrice dal fronte” sottolineando come “tutti i suoi romanzi siano storie scaturite dalle più laceranti crisi dell’umanità”. Soprattutto il romanzo Le Rondini di Montecassino, quello maggiormente apprezzato quest’anno dagli studenti della Rete delle scuole di Cassino e dai loro colleghi del Liceo Francesco Petrarca di Trieste e della Scuola italiana statale di Atene (collegati in teleconferenza alla sala Restagno), “sia così aderente alle intenzioni del Premio, quasi ne fosse l’effetto, il prodotto partecipativo delle finalità” di LETTERATURE DAL FRONTE e ne rappresenti perciò il libro ideale. Nel presentare la scrittrice, Clara Abatecola ne ha sottolineato il valore dal punto di vista dello stile letterario innovativo nel tessere gli eventi, nel proporre un linguaggio plastico ed evocativo e soprattutto, essendo l’autrice di origine ebreo-polacca e di educazione tedesca, il Segretario Generale ha sottolineato come la sua scelta di diventare cittadina italiana e di scrivere nella nostra lingua, rappresenti un esempio della capacità di arricchimento della nostra cultura grazie all’apporto di altre culure. Helena Janezcek , che si è detta commossa ed emozionata dal tributo che gli hanno riservato gli studenti e la città di Cassino, è stata vincitrice, nel 2018, del prestigioso Premio Strega con il romanzo, “La ragazza con la Leica” successivo alle “Rondini di Montecassino,” che – come sottolineato dalla stessa autrice – in realtà ne ha motivato la ricerca e successiva scrittura. I saluti portati dal Sindaco di Cassino Enzo Salera e dal Magnifico Rettore Giovanni Betta, hanno riconosciuto il valore che ha assunto sul territorio, dopo quattordici anni di attività, il Premio internazionale Città di Cassino LETTERATURE DAL FRONTE:conoscere le crisi dell’umanità per costruire la pace. Il sindaco di Cassino ha detto che le iniziative del Premio meritano di essere sostenute perché rappresentative dello spirito culturale della città, mentre il Magnifico Rettore si è detto disponibile a collaborare con LETTERATURE DAL FRONTE e che per le prossime manifestazioni amerà vedere tra gli sponsor anche l’Università di Cassino e del Lazio Meridionale. S.E l’Abate di Montecassino, dom Donato Ogliari, chiamato a consegnare il premio all’autrice, ha evocato la domanda di pace, come processo costruttivo dei gesti quotidiani ed ha dato rilievo al sottotitolo del Premio “conoscere le crisi dell’umanità per costruire la pace”. Con le sue parole ha spronato gli studenti ed le loro insegnanti a continuare nella ricerca del sapere, nell’esplorazione delle condizioni e situazioni di crisi di altri popoli, per apprezzare anche la loro ricerca di pace, dando al Premio internazionale città di Cassino LETTERATURE DAL FRONTE, un ruolo fondamentale di stimolo e sensibilizzazione. La manifestazione – coordinata dal prof. Pasquale Merino, dirigente de l’ITIS Majorana, attuale capofila della Rete delle scuole di Cassino che l’anno prossimo passerà al Liceo Carducci e alla sua dirigente Licia Pietrobuono – è iniziata con la presentazione di un breve filmato a sostegno della campagna di crowdfunding lanciata a favore delle iniziative di LETTERATURE DA FRONTE, da parte della prof.ssa Mariagrazia Mattei, del liceo scientifico Pellecchia. Per l’occasione, la prof.ssa Mattei ha guidato alcuni studenti della Rete nella produzione di questo breve, ma significativo filmato che riassume storie e proposte del Premio e che ha meritato applausi e consensi. Il coro dell’ASDOE, come è ormai diventata consuetudine nelle manifestazioni della premiazione di LETTERATURE DAL FRONTE, ha concluso la manifestazione con l’interpretazione di tre “brani dal fronte” : Ta pum Ta pun, Smeile e l’inno nazionale polacco “i papaveri rossi di Montecassino. Entusiasmo, commozione, amicizia e riconoscenza da parte di chi ha reso possibile questa giornata, sono stati i sentimenti che hanno reso questa mattinata unica.

11 Ottobre 2019 0

Anagni, operazione ad alto impatto di contrasto alle violazioni del Codice della Polizia Stradale

Di Comunicato Stampa

ANAGNI – Nella giornata del 9 ottobre si è svolta nella città di Anagni un’operazione ad “Alto Impatto” con l’impiego di quattro unità operative della Sezione Polizia Stradale di Frosinone e del personale del Distaccamento di Sora. I servizi programmati riguardano in particolare l’utilizzo corretto delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini e sono finalizzati a prevenire tutte quelle abitudini scorrette e pericolose che possono determinare in caso di sinistro gravi lesioni agli occupanti dei veicoli coinvolti. Gli operatori hanno proceduto a controllare centinaia di autovetture in transito e al termine risultano essere state contestate 145 violazioni, di cui ben 111 per il mancato uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per i bambini, una decina di conducenti sono stati sorpresi alla guida facendo uso del telefono cellulare, alcuni procedevano eccedendo il limite di velocità, tre veicoli circolavano senza essere stati sottoposti alla visita di revisione periodica, sono state ritirate tre patenti di guida e tre carte di circolazione e decurtati 670 punti . L’esito del servizio effettuato ha fatto emergere il dato allarmante della inosservanza delle più elementari norme di sicurezza alla guida e la necessità di perseverare nella attività di controllo e di prevenzione con futuri e frequenti posti di controllo.

foto di repertorio

10 Ottobre 2019 0

Alimenti non rintracciabili, Nas multa e sequestra merce in un ristorante di Cassino

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Merce senza tracciabilità è stata rinvenuta e sequestrata dai carabinieri del Nas di Latina durante un controlli all’interno di un ristorante in centro a Cassino.

I militari comandati dal capitano Felice Egidio hanno sequestrato oltre 20 chili di alimenti di vario genere tra prodotti carnei, vegetali e pasta alimentare fresca poiché rinvenuti privi della necessarie indicazioni relative alla tracciabilità e rintracciabilità.

Il ristoratore sarà sanzionato con l’erogazione di una contravvenzione pari  a 1.500 euro, mentre il valore degli alimenti sequestrati è di circa   500 euro.

9 Ottobre 2019 0

Passaggio di presidenza alla Fidapa BPW Italy di Cassino, la nuova presidente è Anna Maria Cacciami

Di Ermanno Amedei

CASSINO – Passaggio di consegne al vertice della sezione Fidapa di Cassino, dove venerdì 4 ottobre si sono avvicendate la presidente uscente Silvia Gallozzi Volante e la nuova presidente Anna Maria Cacciami.

Una cerimonia che si è svolta alla presenza delle socie della Sezione, che nel 2020 celebrerà i 35 anni dalla sua costituzione. Nel ringraziare per il mandato ricevuto, la nuova presidente ha illustrato alcuni punti del programma che la sezione realizzerà nel biennio 2019/2021.

Con un’attenzione particolare nei confronti delle tematiche femminili, della parità di genere, lotta alle discriminazioni e contrasto alla violenza contro la donna; non mancheranno, inoltre, argomenti che riguarderanno il sociale, l’ambiente, il lavoro, la salute. Un programma per certi versi ricco di progetti ambiziosi, che con l’entusiasmo e il desiderio di operare per il “bene…essere” della donna e in generale della società tutta, il gruppo di socie della sezione di Cassino affronterà con rinnovata energia e decisione. Il direttivo, composto dalla vice presidente Elisabetta Lamberti, la segretaria Alberta Valente, la tesoriera Alessia Mentella e la past president Silvia Gallozzi Volante, punta a raggiungere quegli obiettivi che il movimento di opinione della Fidapa persegue da circa 90 anni in Italia, in Europa e nel mondo.

9 Ottobre 2019 0

Quarta linea al termocombustore di San Vittore, il sindaco: perché fare la differenziata quando vengono a bruciare rifiuti di chi non la fa?

Di Ermanno Amedei

SAN VITTORE DEL LAZIO – Una quarta linea di incenerimento nel termocombustore di San Vittore del Lazio sembra essere ben più di un’ipotesi se l’amministratore delegato di Acea ne parla serenamente in un’intervista rilasciata a Il Fatto Quotidiano.

Insomma l’appendice del Lazio, il territorio regionale più lontano dalla Capitale si conferma il luogo ideale, per gli impresari di Acea e per la politica Romana e forse anche regionale, dove andare a smaltire i rifiuti della Capitale. Una logica a cui il sindaco di San Vittore Nadia Bucci non ci sta e lo scrive a chiare note in un post su facebook.     “Roma va salvata, va aiutata, è pur sempre la Capitale se poi c’è guadagno perchè fermarsi? chissenefrega di ciò che succede al Sud di Roma… Ecco… già sentir parlare di incenerimento di rifiuti in seno ad un convegno dedicato alla sostenibilità la dice lunga sulla concezione di economia circolare e sostenibile!!!! E poi perchè i miei cittadini dovrebbero essere vessati e subire incondizionatamente? Perchè dovrebbero sforzarsi a fare quotidianamente la raccolta differenziata e poi comunque subire l’incenerimento dei rifiuti prodotti da altri cittadini e amministratori che non hanno ancora maturato quella famosa sensibilità “ecosostenibile” di cui si vantano sui social? Ci tengo a precisare che non è una questione politica perchè se l’impianto di San Vittore è nato sotto determinate bandiere politiche è cresciuto sotto altre. Però sentir affermare che non ci sono problemi di sorta e soprattutto sentir dire dalla Sindaca di Roma, l’avv. Raggi, che è rimasta sola sulla questione rifiuti, bhè sa veramente di ridicolo. Invece di piangersi addosso o di ricorrere al facile guadagno, applicassero le soluzioni più tecnologicamente avanzate che ai tempi di oggi di certo non mancano, che programmassero investimenti da realizzare sui loro territori che sono alquanto vasti, e quindi che si preoccupassero di quegli iter autorizzativi e non della quarta linea a San Vittore. IL NOSTRO PICCOLO, ED EX ORTICELLO, E’ ORMAI SATURO”.

9 Ottobre 2019 0

Camion di finocchi distrutto da incendio sulla Cassino-Sora

Di Ermanno Amedei

ATINA – La cabina di un camion che trasportava ortaggi è andata completamente distrutta, questa mattina, mentre il mezzo viaggiava sulla superstrada Cassino Sora nel territorio di Atina.

Il camion che trasportava finocchi è stato avvolto dalle fiamme che si sono sprigionate nel motore del mezzo mentre lo stesso attraversava la galleria in direzione Cassino.

Non appena fuori dal tunnel l’autista ha fermato il camion ed è scappato mentre le fiamme si propagavano all’intero trattore stradale. Se il mezzo si fosse fermato nella galleria, l’incendio avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi.

 

9 Ottobre 2019 0

Roccasecca; Fanno acquisti in alcuni negozi con banconote false, in manette due campani

Di felice pensabene

ROCCASECCA – Nella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Roccasecca unitamente i colleghi di Aquino hanno arrestato, in flagranza di reato, due persone per spendita ed introduzione nello Stato di monete falsificate in concorso. I due soggetti campani, B.E. 46enne e V.S. 41enne, con precedenti per reati contro il patrimonio, contro la fede pubblica, per contrabbando, hanno effettuato degli acquisti in alcuni negozi di Roccasecca con delle banconote false.

In particolare uno dei due ha tentato di acquistare una tutina ed una confezione di tintura per capelli con una banconota di 100 euro, ma la commerciante, insospettita, dicendo di non avere il resto, lo ha fatto desistere, ed ha chiamato il 112. A questo punto sono partite le ricerche dei due soggetti da parte dei militari operanti che li rintracciavano in un altro negozio di Roccasecca ove avevano tentato di fare un acquisto tramite postepay. Con un semplice espediente i due inizialmente chiedevano di pagare con postepay ma, una volta che la transazione non andava a buon fine, poiché non vi era credito nella carta, chiedevano di pagare con banconote da 100 e 50 euro. Dalla perquisizione dell’autovettura in uso agli arrestati sono stati rinvenuti diversi scontrini, tra cui quelli relativi ai mancati pagamenti della postepay, che hanno consentito ai Carabinieri di individuare altri due negozi di Roccasecca, una macelleria ed un tabacchino, dove i due avevano acquistato della carne e delle sigarette, merce restituita agli aventi diritto. Ai due truffatori, inoltre, veniva notificato l’avvio del procedimento amministrativo finalizzato all’emissione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno dal comune di Roccasecca.

Complessivamente sono state recuperate due banconote false, da 100 euro e 50 euro e, come disposto dall’A.G., i due sono stati ristretti presso le camere di sicurezza della Stazione di Pontecorvo.