Tag: 27enne

14 Marzo 2019 0

Micro auricolare nell’orecchio per i test della patente, 27enne prima in ospedale e poi arrestato

Di admin
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

ROMA – Ha cercato di passare l’esame per la patente facendosi suggerire le risposte da un complice esterno con cui comunicava con sofisticati auricolari e una microcamera nascosta in un bottone collegati a un telefonino nascosto sotto gli indumenti. Ma non l’ha fatta franca.

I Carabinieri della Stazione Roma Cecchignola hanno arrestato per truffa aggravata un 27enne romano, presentatosi ai test alla Motorizzazione di Roma Via Laurentina e sorpreso in flagranza dallo stesso personale di vigilanza della Motorizzazione, incaricato proprio di verificare il corretto svolgimento della prova.

Il sistema escogitato consentiva al candidato di trasmettere le domande all’esterno in modo da poter ricevere in tempo reale le risposte attraverso due minuscoli e trasparenti auricolari e microcamera senza fili. Un complice, completava l’operazione comunicando, dopo aver letto le domande, le risposte.

Per estrarre il piccolo e sofisticato auricolare che non si riusciva rimuovere dall’orecchio, è stato necessario portare il truffatore al pronto soccorso dell’ospedale S. Eugenio per un intervento medico.

I Carabinieri della Stazione Roma Cecchignola stanno cercando ora di risalire all’identità dei complici che suggerivano le risposte attraverso i cellulari sequestrati agli autori della tentata truffa. Il materiale utilizzato dall’arrestato è stato sequestrato.

Foto tratta dal web

19 Gennaio 2019 0

Donna pestata in strada da connazionale, 27enne nigeriano inseguito e arrestato

Di admin

FROSINONE – I carabinieri della compagnia di Frosinone coordinati dal colonnello Fabio Cagnazzo  hanno arrestato lesioni personali gravi e resistenza a pubblico ufficiale, O. N. 27enne di origini nigeriane con permesso per richiedenti asilo e ospite presso una cooperativa  di Frosinone, perché con inaudita violenza ha aggredito per strada una sua connazionale 31enne.

L’aggressore, dopo essere stato inseguito a piedi, è stato raggiunto e bloccato dai militari nei confronti dei quali ha opposto resistenza alla cattura cercando ripetutamente di divincolarsi per fuggire.

La vittima e l’aggressore sono stati trasportati entrambi dal 118 presso il pronto soccorso di Frosinone. L’aggressore medicato e dimesso con 8 giorni di prognosi mentre la donna è stata ricoverata per ulteriori accertamenti con una prognosi iniziale di 40 giorni.  Il 27enne è stato trattenuto presso la camera di sicurezza in attesa del rito direttissimo.

14 Dicembre 2018 0

Violenze e maltrattamenti alla madre, 27enne arrestato a Frosinone

Di admin

FROSINONE – Gli agenti della Squadra Mobile hanno dato esecuzione alla misura della custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del tribunale di Frosinone nei confronti di un 27enne residente nell’hinterland frusinate.

A motivare l’adozione del provvedimento il comportamento violento del giovane che ha messo in atto nei confronti della sua famiglia.

La drammatica vicenda è stata denunciata dalla ormai stanca madre, vittima  dei soprusi sia fisici che psicologici perpetrati dal figlio.

Della triste vicenda si è occupata la 2^ sezione – Reati contro la persona, in danno dei minori e reati sessuali – della locale Squadra Mobile: lo “scenario” emerso dall’attività investigativa degli uomini del vicequestore Carlo Bianchi ha  portato l’autorità giudiziaria ad emettere prima un decreto di allontanamento e successivamente, causa l’inosservanza, il divieto di dimora dal comune di  residenza.

Dopo l’ennesima inottemperanza, l’A.G. ha disposto l’aggravamento della misura e per il figlio violento si sono aperte le porte del carcere.

21 Maggio 2018 0

Escursionista ferito sulle pendici di Montecassino, soccorso 27enne di San Giorgio

Di admin

CASSINO – Una breve e sfortunata escursione sulle pendici di Montecassino oggi per un 27enne di San Giorgio a Liri. Il giovane, nel primo pomeriggio ha chiamato i parenti chiedendo aiuto. Averebbe riferito di essere scivolato e di essersi ferito ad un ginocchio.

Sul posto, nei pressi del quinto tornante della provinciale per il Monastero, oltre ai parenti stessi, sono arrivati carabinieri, operatori del 118 e vigili del fuoco.

Data la zona impervia, per il recupero, è stato necessario far intervenire anche l’elicottero specializzato per il recupero con tecniche Saf. Il giovane, imbragato è stato portato in salvo e affidato agli operatori del 118.

Ermanno Amedei 

foto repertorio   

18 Maggio 2018 0

Terracina: Minacce e lancio di oggetti dalla finestra. 27enne dai domiciliari al carcere

Di redazione

Gli Agenti del Commissariato di Terracina, oggi hanno eseguito la Misura della Custodia Cautelare in Carcere a carico di M. L. 27enne terracinese. Lo stesso, era stato tratto in arresto lo scorso 10 Aprile in quanto colto nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso con un pregiudicato di Roma. I due nella circostanza furono trovati in possesso di oltre 3 Kg di HASHISH e quasi 2 etti di cocaina e dopo il rito di convalida sottoposti entrambi agli arresti domiciliari. Il giovane, che stava espiando la Misura cautelare presso la propria abitazione, in pochi giorni si è reso responsabile della reiterata violazione delle prescrizioni imposte e di gravi fatti costituenti reato. Più volte la Volante della Polizia è dovuta intervenire a causa dei comportamenti aggressivi di cui si è reso responsabile sia verso i familiari conviventi che nei confronti di altri condomini. Non sono mancate le minacce ed il lancio di oggetti dalla finestra che hanno preoccupato l’intero isolato. Lo stesso si rendeva altresì protagonista di gesti provocatori tra i quali il tentativo di danneggiare le tubature del gas. I gravi fatti venivano documentati dagli Agenti del Commissariato e, compendiati dai dovuti riscontri, confluivano nella relativa richiesta di Custodia Cautelare in carcere avanzata al Tribunale di Roma. Il ragazzo ad esito degli adempimenti di rito veniva ristretto presso la Casa Circondariale di Latina. Foto d’archivio

6 Marzo 2018 0

Aprilia, investe ed uccide una 27enne poi scappa: denunciato automobilista 40enne

Di admin

APRILIA – Ha investito una 27enne causandone la morte ed è fuggito. E’ accaduto ieri sera sulla strada Nettunense ad Aprilia.

La vittima è una 27enne che stava attraversando la strada quando L’auto guidata da un 40enne del posto l’ha centrata in pieno scaraventandola contro la vettura che procedeva sul senso di marcia opposto.

La donna è morta mentre il 40enne è fuggito senza prestarle soccorso. E’ tornato successivamente sul posto dell’incidente e, risultando positivo agli accertamenti alcolemici è stato denunciato per omicidio colposo.

 

7 Febbraio 2018 0

Ruba telefoni in un negozio di Frosinone e dimentica il suo, 27enne rintracciato e denunciato

Di admin

FROSINONE – In seguito a segnalazione giunta sulla linea di emergenza 113 della Questura, la Squadra Volante interviene nella zona bassa del capoluogo, in un negozio di telefonia, dove era stato perpetrato un furto.

Asportato il registratore di cassa ed alcuni telefonini.

Nel corso dell’atto illecito però, il distratto ladro lascia “traccia” del suo “passaggio”, notata immediatamente  dagli agenti: un telefonino munito di sim card.

Si risale all’identità del malvivente,  un 27enne dell’ hinterland frusinate, che dovrà pertanto rispondere del reato di  furto.

Sono in corso accertamenti per risalire all’identità dei suoi complici.

9 Dicembre 2017 0

Anziana scippata in via XX settembre, denunciato un 27enne

Di redazionecassino1

Cassino – Un’anziana donna sta camminando in via XX Settembre quando un giovane l’avvicina e le strappa la borsa, spintonandola  sull’asfalto.

La vittima dello scippo viene soccorsa da alcuni passati e trasportata presso il locale Pronto Soccorso, con prognosi di 30 giorni .

Gli agenti della Squadra Volante, nel frattempo allertati, riescono a delineare l’identikit del malvivente e denunciarlo: è un 27enne cassinate, già volto noto, per i suoi precedenti delinquenziali.

23 Novembre 2017 0

Arrestato dai carabinieri un 27enne per spaccio di stupefacenti

Di redazionecassino1

Veroli – I militari della locale Stazione, la scorsa notte nell’ambito di un predisposto servizio teso a contrastare il fenomeno dello spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto in  flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti D’AVERSA Matteo, 27enne frusinate, già censito per analogo reato.

Il predetto è stato sorpreso dai militari operanti nei pressi dell’abitazione di un noto pregiudicato del luogo a bordo della propria autovettura insieme alla convivente, una 31enne, e a un uomo 37enne, entrambi con precedenti per reati contro il patrimonio e la persona. I Carabinieri hanno sottoposto a perquisizione personale il 27enne ed hanno rinvenuto un astuccio cilindrico in plastica con all’interno 20 involucri in cellophane contenenti in quattro grammi di sostanza stupefacente tipo “crack“. I militari operanti, avuto sentore che l’uomo potesse nascondere altra sostanza stupefacente, hanno successivamente effettuato una  perquisizione domiciliare ove rinvenivano ulteriori tredici grammi di sostanza stupefacente del tipo “cocaina”, già suddivisa in dosi, tre bilancini elettronici di precisione, materiale da taglio e confezionamento dello stupefacente nonché una somma di danaro in banconote di vario taglio,  ritenuta provento dell’attività di spaccio. Nel corso della medesima operazione,  nella disponibilità della convivente, sono stati rinvenuti uno “spinello” parzialmente consumato e ulteriori grammi 1,60 di sostanza stupefacente tipo “hashish” e pertanto la stessa è stata segnalata, quale assuntore, alla Prefettura di Frosinone ai sensi dell’Art.75 del D.P.R. 309/1990.

Inoltre, a carico di tutti, gli uomini della benemerita hanno inoltrato alla Questura di Frosinone la proposta per irrogazione della misura di prevenzione del F.V.O. con divieto di ritorno nel comune di Veroli per tre anni. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso il proprio domicilio in regime di arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

La sostanza stupefacente, il materiale per la pesatura, il taglio ed il confezionamento dello stupefacente  nonché il danaro provento dell’attività di spaccio è stato posto sotto sequestro.

10 Ottobre 2017 0

Un 27enne viene denunciato dalla polizia per il reato di ricettazione, ad incastrarlo la madre

Di redazionecassino1

Frosinone – Molto spesso i proventi di furto sono difficili da reperire perché immediatamente smerciati altrove tramite un “passamano criminoso” che rende quasi impossibile il ritrovamento degli oggetti sottratti al legittimo proprietario.  Questa volta, però, non è andata così. Questa volta è stata la madre del giovane ricettatore a chiamare le Forze dell’ordine, insospettita da alcuni beni in possesso del figlio ventisettenne. Alle 06:00 a.m. circa, grazie ad una segnalazione pervenuta sulla linea di emergenza 113, gli uomini della volante della Polizia di Stato sono andati presso l’ abitazione della stessa donna che ha richiesto l’ intervento degli agenti. Il motivo? La donna voleva denunciare quanto accaduto poco prima: racconta di aver sentito il figlio, 27enne, rincasare alle prime luci del mattino, con al seguito alcune borse da donna, svariati foulard e uno stereo per autovettura, giustificandosi con la stessa, dicendo di aver fatto “un affare”. Ma la donna, oltre questi oggetti, ha notato anche la presenza di una patente di guida ed una tessera sanitaria intestate ad una donna Frusinate. Date le circostanze dubbiose, aggravate anche dalla consapevolezza da parte di questa coraggiosa mamma che il figlio sia consumatore di sostanze stupefacenti ma, di fatto, senza stabile impiego lavorativo, ha deciso di chiedere aiuto agli agenti della Questura di Frosinone. Data esecuzione a tutti gli accertamenti doverosi al fine di capirne la provenienza, i documenti ritrovati risultano essere effettivamente proventi di furto debitamente segnalati tramite denuncia sporta dalla vittima poche settimane fa.

Per il ragazzo non c’è stata più giustificazione valida ed è dunque stato deferito all’ A.G. per il reato di ricettazione.

Un plauso va agli operatori di Polizia, ma anche a questa mamma che, seppur trattasi di suo figlio, ha deciso di fare la cosa giusta.