Tag: agenti

18 Giugno 2019 0

Frosinone, lite fra due prostitute nella zona Asi sedata dagli agenti delle Volanti. Una denuncia

Di redazionecassino1
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

FROSINONE –  Nella tarda serata di ieri la squadra volante è dovuta intervenire in zona Asi a causa di una cruenta lite scaturita tra due giovani nigeriane, una ventenne l’altra ventiseienne, che non arrestavano la loro furia nemmeno all’arrivo degli agenti.

Secondo la ricostruzione degli uomini delle volanti una delle due, la ventenne, avrebbe spruzzato lo spray urticante nelle parti intime della connazionale che avrebbe reagito raccogliendo da terra una bottiglia di vetro tagliata colpendo l’aggreditrice ripetutamente al collo e alla spalla, tanto da provocarle lesioni guaribili in 15 giorni di prognosi.

Sul posto anche personale del locale 118 che ha provveduto al trasferimento delle stesse presso il locale pronto soccorso per le cure del caso.

La nigeriana ventiseienne V.G. è stata denunciata per lesioni aggravate.

Al vaglio i motivi della feroce aggressione.

foto repertorio

 

26 Marzo 2019 0

Prima litiga in un bar e poi si scaglia contro gli agenti, arrestato 30enne di Sora

Di admin

SORA – La Volante del commissariato di Sora è dovuta intervenire nei pressi di un bar di una zona semiperiferica della città per una lite in corso tra due uomini nella quale veniva poi coinvolto anche il titolare del predetto bar. Gli agenti hanno riscontrato fin da subito una elevata conflittualità da parte del giovane arrestato che si estrinsecava anche in minacce rivolte agli operatori, rafforzate dalla detenzione di un utensile da officina nelle mani dello stesso. Stante la situazione di pericolo creatasi per loro stessi e per i presenti, gli operatori procedevano a disarmare l’arrestato che opponeva una ferma resistenza che veniva vinta solo di seguito ad colluttazione nella quale, fortunatamente, nessuno riportava lesioni. Per quanto successo, l’uomo è stato portato presso il Commissariato ove, di seguito agli accertamenti di rito, su disposizione del P.M. di turno della Procura della Repubblica di Cassino, è stato posto agli arresti domiciliari a disposizione del A.G. per l’espletamento di rito direttissimo.

13 Marzo 2019 0

Cassino, viene sorpreso dagli agenti mentre truffa e reagisce: arrestato pugliese

Di admin

CASSINO – Resistenza a Pubblico Ufficiale: 43enne arrestato dalla Polizia di Stato, che gli contesta anche una doppia truffa.

Un annuncio online, relativo alla vendita di un quad, attira l’attenzione di un 43enne pugliese che si rivelerà un truffatore.

L’uomo già aveva colpito un altro malcapitato, con lo stesso modus operandi: un assegno circolare predisposto per il pagamento, risultato falso, ed il ritiro del mezzo tramite un meccanico di fiducia.

L’episodio viene riferito ai poliziotti del Commissariato di Cassino dalla vittima, memore proprio della “trappola” in cui era caduto, qualche giorno prima, un suo parente.

Acquisite le informazioni utili, i poliziotti pianificano una strategia per incastrare il malfattore.

L’appuntamento per la compravendita è al casello autostradale di Cassino: il pugliese è alla guida di una Fiat Multipla, con carrello al seguito, quando viene fermato da una pattuglia della Polizia Stradale.

Nel frangente intervengono anche gli agenti del Commissariato.

L’uomo è privo di documenti e pertanto si decide di procedere a fotosegnalamento.

Il fantomatico meccanico oppone resistenza, spintonando e strattonando gli operatori di Polizia.

Scatta l’arresto per resistenza a Pubblico Ufficiale e, a seguito delle due truffe messe a segno in danno dei due venditori online, l’uomo è stato anche denunciato per truffa, inchiodato dai contatti con le due vittime  che aveva sul telefonino.

29 Dicembre 2018 0

Estorcevano denaro per evitare multe sull’A1, arrestati due poliziotti a Colleferro

Di admin

COLLEFERRO – Questa mattina, gli uomini della squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Stradale di Roma, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Tivoli, dott. Mario Parisi, nei confronti di due agenti del Distaccamento Polizia stradale di Colleferro indagati per i reati di concussione, corruzione, truffa aggravata e falso. Le indagini, coordinate dalla Procura di Tivoli, con a capo il procuratore Francesco Menditto, sono iniziate lo scorso mese di maggio, quando un autotrasportatore ha denunciato alla squadra di polizia giudiziaria un episodio di concussione subito in località San Cesareo. Agli investigatori della stradale l’autotrasportatore ha raccontato di essere stato fermato da una pattuglia e di essere stato costretto, dai due agenti, a consegnare loro del denaro in contanti per evitare di essere sanzionato per il sovraccarico del mezzo. Gli investigatori hanno attivato immediatamente le procedure di accertamento che, grazie ai controlli incrociati effettuati dalla squadra e dal Centro Operativo Polizia Stradale, permettevano di individuare i responsabili, che risultavano essere due Agenti del Distaccamento di Colleferro. Le serrate indagini, dirette dalla Procura di Tivoli, svolte con intercettazioni, appostamenti e pedinamenti, in tre mesi, hanno consentito di accertare plurimi delitti posti in essere dai due indagati, per i quali il Gip ha emesso l’ordinanza cautelare di custodia in carcere, specificamente: a) due concussioni in cui i due indagati hanno costretto utenti della strada al pagamento di somme di denaro o utilità sotto il “ricatto” di elevare contravvenzioni stradale; b) una corruzione in cui hanno ricevuto danaro; c) tredici episodi di falso e truffe ai danni dello Stato realizzati attestando falsamente di essere in servizio. La gravità delle condotte dei due arrestati emerge dall’ordinanza cautelare in cui il Giudice per le indagini preliminari sottolinea che solo il carcere impedirà ai due indagati di “perseverare nel coltivare con disinvolta e proterva soddisfazione quella che pare una vera e propria costumanza di vita e di servizio; ricercando e cogliendo -o sinanche creando – ogni occasione utile per conseguire utilità indebite”. Per il Gip, emerge dai gravi fatti accertati: la personalità di due soggetti che non solo hanno ormai integralmente stravolto in proprio favore il servizio loro affidato, ma che praticano un costume esistenziale improntato alla continua e sprezzante indifferenza generale al precetto: la truffa e la menzogna sistematiche…(che) costituiscono sicuri indici del risalente e consapevole abbandono delle più elementari regole condivise dalla collettività”. I due agenti S.A. di 42 anni e M.E. di 48 anni sono stati arrestati e accompagnati presso il carcere di Rebibbia. Sono in atto ulteriori accertamenti per la definizione delle indagini. Va sottolineata la sensibilità del cittadino che ha segnalato la concussione patita e che ha consentito al personale del Compartimenti di Polizia Stradale di Roma, che ha profuso energia e impegno, di acquisire preziosi elementi per la ricostruzione della verità dei fatti ed evitare ulteriori condotte illecite da parte di pubblici ufficiali infedeli.

11 Dicembre 2018 0

Formia, minorenne colto sul fatto dalla polizia mentre recupera hashish da una cassetta postale

Di redazionecassino1

FORMIA – Nell’ambito dei servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, personale del Commissariato di P.S. di Formia, nel corso di un’attività di Polizia Giudiziaria hanno rinvenuto e sequestrato grammi 24,45 di sostanza stupefacente del tipo Hashish.

Gli Agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria, nel corso di attività info investigativa sono riusciti ad individuare un giovane minorenne, intento ad aprire una cassetta postale collocata in via dell’Acquedotto Romano, a poca distanza da un Istituto Scolastico,  cercando di vuotare il contenuto della stessa,  ove  erano celate varie bustine trasparenti, che racchiudevano la sostanza stupefacente del tipo Hashish, suddivisa in dosi singole ed un bilancino elettronico di precisione tascabile.

La sostanza stupefacente, frazionata in dieci pezzi singoli avvolti nelle buste di cellophane, è stata rinvenuta ben occultata all’interno della predetta cassetta postale utilizzata quale deposito temporaneo, per essere successivamente prelevata e messa in vendita sul mercato locale.

Dopo gli opportuni accertamenti tossicologici, di natura preliminare, la droga è stata sottoposta a sequestro.

Sono in atto indagini volte ad identificare altro giovane subito allontanatosi dal luogo, datosi a precipitosa fuga alla vista degli Agenti.

foto repertorio

 

19 Novembre 2018 0

Latina, Individuata dagli agenti della Squadra mobile la base operativa dei ‘furti con spaccata’

Di redazionecassino1

LATINA – Nell’ambito dei servizi tesi al contrasto dei reati predatori disposti dal Questore di Latina Carmine BELFIORE, nella serata di ieri 18 novembre 2018 la Squadra Mobile di Latina, in collaborazione con la Squadra volante, ha individuato la base operativa di una banda di soggetti dediti ai furti con il metodo della cd “ spaccata” in via monti Lepini in Latina.

I malviventi avevano infatti occultato, in un casale rurale non abitato, una trattrice agricola dotata di due lunghe forche, rubata a Pontinia alle prime ore del giorno precedente, pronto per essere utilizzato come “ariete”.

Gli autori del furto, giunti a bordo di un pick up anch’esso rubato a Pontinia il 29 ottobre scorso, si imbattevano con gli agenti della squadra mobile, i quali intervenivano ingaggiando con i malviventi un folle inseguimento tra i campi agricoli che terminava con la fuga a piedi dei due, che facevano perdere le proprie tracce nella fitta vegetazione che caratterizza i numerosi canali costituenti la rete di bonifica.

Venivano quindi rinvenuti, e restituiti ai legittimi proprietari, la trattrice agricola e il pick up, a bordo del quale erano presenti della robuste imbracature per l’alaggio delle imbarcazioni utilizzate proprio per divellere dispositivi bancomat.

16 Novembre 2018 0

Ruba una Fiat Panda nella Capitale, intercettato e denunciato dagli agenti della Polstrada di Cassino

Di redazionecassino1

CASSINO – Nella mattinata odierna, verso le ore 9, operatori della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, in servizio di vigilanza autostradale, sul tratto dell’A/1, nel territorio del Comune di Villa Santa Lucia, intercettavano il transito di una Fiat Panda, risultata rubata a Roma. Per il conducente, già noto agli operatori, scatta la denuncia.

ARTICOLO

Nella mattinata odierna, verso le ore 9, operatori della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, in servizio di vigilanza autostradale, sul tratto dell’A/1, nel territorio del Comune di Villa Santa Lucia, intercettavano il transito di una Fiat Panda, il cui conducente  era una persona conosciuta e denunciata in precedenti operazioni.

Intimato l’alt.

Il mezzo presentava una leggera forzatura della portiera anteriore lato guida ed il blocco accensione divelto.

Nella circostanza, spontaneamente, l’uomo, un 49enne nato e residente in provincia di Salerno,  dichiarava che l’auto  era stata rubata a Roma,  come confermato da successivi accertamenti in Banca Dati.

Il denunciato veniva posto in stato di libertà a disposizione dell’A.G. competente.

Il veicolo veniva recuperato per la restituzione al proprietario.

 

15 Novembre 2018 0

Sicurezza, vigili del fuoco e agenti penitenziaria a Montecitorio per chiedere rispetto della dignità

Di admin

ROMA – E’ in corso di svolgimento a Roma in Piazza Montecitorio la manifestazione Nazionale indetta dalla Cisl Fns (Federazione Nazionale della Sicurezza). In piazza riempita la capienza massima consentita dalle forze dell’ordine di 200 manifestanti rappresentanti di vigili del fuoco e agenti della polizia penitenziaria provenienti da diverse regioni d’Italia.

“Ai vigili del fuoco mancano a livello nazionale circa 3mila unità di cui 500 nella sola Regione Lazio dove vi è una gravissima situazione nelle carceri di aggressioni agli agenti della Penitenziaria. Chiediamo un intento straordinario urgente”.

Lo ha detto Pompeo Mannone Segretario Generale Nazionale della Cisl Fns

“Avevano scritto sull’accordo di Governo che ci sarebbe stata l’equiparazione con forze dell’ordine  e che sarebbe stato obiettivo da raggiungere, ma a 5 mesi le organizzazioni sindacali ancora non sono state convocate.  Chiediamo il rispetto delle promesse. Siamo stanchi di essere strumentalizzati e di sentirci dire, siete bravi, siete utili ma poi quando si tratta di mantenere le promesse tutti scappano”.

Lo ha detto in piazza a Montecitorio Massimo Vespia segretario regionale FNS Cisl.

Ermanno Amedei

7 Novembre 2018 0

Cane cieco salvato da agenti mentre vaga nel traffico di Roma

Di admin

ROMA – Così è stato soccorso dagli agenti della Polizia di Stato del commissariato Colombo nella serata di ieri, l’animale che, sotto la pioggia incessante, vagava in mezzo alla strada completamente bagnato nei pressi di piazza Michele da Carbonara. I poliziotti, una volta vinte le diffidenze del cane nel farsi aiutare, lo hanno soccorso e portato presso gli uffici del Commissariato per accertarsi delle sue condizioni e contattare i servizi preposti. In attesa dell’arrivo del veterinario di turno – contattato tramite il gruppo Eur di Polizia Roma Capitale – per condurre il cane nelle strutture idonee, i poliziotti si sono presi cura dell’animale asciugandolo e procurandogli del cibo. Successivamente, verso le 22.30, tramite un gruppo Facebook del quartiere gli agenti hanno terminato “le indagini” individuando la proprietaria del cane alla quale poco dopo veniva riaffidato.

9 Luglio 2018 0

Rapace investito sull’A1, soccorso e salvato dagli agenti della Polstrada a Frosinone

Di admin

FROSINONE – Una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone all’altezza del Km.633, nel territorio del comune di Pofi, in corsia di emergenza, ha salvato un rapace, presumibilmente Biancone (specie protetta), che era stato investito da un veicolo.

Con l’ausilio di un telo, gli agenti sono riusciti a bloccare il volatile e trasportarlo  presso gli uffici della Sottosezione, dove, come da protocollo operativo, richiedono  l’intervento del veterinario della ASL provinciale  al fine di predisporre le immediate  cure.

Successivamente il volatile è stato trasferito presso il centro di recupero animali selvatici sito a Fogliano (Lt).