Tag: Antonazzo

9 Novembre 2017 0

Viaggio del vescovo Antonazzo in Germania, tra gli emigrati italiani della zona di Colonia

Di Comunicato Stampa
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({ google_ad_client: "ca-pub-3708340944781441", enable_page_level_ads: true });

Per conoscere, ascoltare, incoraggiare. Gianni Fabrizio. La diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo sempre a fianco del mondo del lavoro, con fatti concreti e con  significativi gesti di solidarietà e vicinanza. Soprattutto in questi momenti di gravissima crisi occupazionale  in tutto il nostro territorio, compresa la situazione e il caso FCA di Cassino. Sono sempre attuali le notizie di nostri concittadini, soprattutto giovani, che sono costretti a  lasciare l’Italia, alla ricerca di lavoro. Il nostro ormai è di nuovo il Paese di immigrazione ed emigrazione. Ed ecco che dal 10 al 12 novembre 2017, mons. Gerardo Antonazzo sarà in Germania per la visita pastorale in alcune Missioni Cattoliche vicino a Colonia, dove è parroco un presbitero, don Gabriele Cornea, della diocesi di Sora-Cassino-Aquino-Pontecorvo. Mons. Gerardo Antonazzo incontrerà il vescovo di Aquisgrana, mons. Helmut Dieser e gli emigrati italiani, compresi i militari della locale Base NATO. Sarà l’occasione per discutere sul vecchio e nuovo  fenomeno dell’emigrazione, un tema attuale, scottante e che interroga tutti, indistintamente. La visita pastorale di mons. Antonazzo vuole significare la continuità di un  dialogo sempre più necessario, una presenza ed una efficace  testimonianza, sicuramente concreta e fattiva in nome della Chiesa diocesana. Anche dentro questa complessa realtà, verso la quale il vescovo, mons. Gerardo Antonazzo,  fisicamente è partecipe per conoscere, ascoltare e incoraggiare. Mons Antonazzo celebrerà l’ Eucarestia nelle località di Krefeld,   Elsdorf  e  Geilenkirchen.

4 Ottobre 2016 0

Molestie sessuali in seminario, il Gip di Cassino archivia il caso

Di Ermanno Amedei

Cassino – Chiusa definitivamente la vicenda giudiziaria dai tratti scabrosi che riguardano il ************   ****** ***** ******** *****. Il Giudice per le Indagini Preliminari (GiP) di Cassino, accogliendo la richiesta della procura della Repubblica, ha archiviato il caso.

Ad Aprile la notizia dell’indagine che la procura stava svolgendo su presunte molestie sessuali del prelato ad alcuni seminaristi tutti maggiorenni. Ad innescarle è stata la lettera di uno dei seminaristi alla Procura. Dopo aver ascoltato diversi giovani seminaristi la Procura ha chiuso le indagini e chiesto l’archiviazione al Gip per difetto di querela. Richiesta accolta e caso chiuso.

Ermanno Amedei

3 Aprile 2016 0

Religioso indagato, richiesta di archiviazione “lampo”

Di Ermanno Amedei

Cassino – Una notizia che ha rasserenato la comunità religiosa del Cassinate e del Sorano. La procura della Repubblica di Cassino, per bocca del suo procuratore capo Luciano D’Emmanuele, chiede l’archiviazione dell’indagine sulle presunte molestie sessuali che un seminarista ha rivolto al ******************   **************. La notizia che ieri aveva creato un’onda mediatica talmente potente da far temere che potesse sradicare l’amato prelato dalla sua diocesi, oggi, si è dissolta come neve al sole di agosto. Dopo la vicenda dell’ex Abate di Montecassino, si temeva che fosse necessario abituarsi a simili scandali; ma per fortuna, oggi, i “Cristiani” in genere, ma quelli di Ciociaria in particolare, possono tirare un sospiro di sollievo. Restano però domande alle quali, qualcuno dovrebbe dare necessariamente risposte. Sorprende, infatti, come nel giro di poche ore la procura abbia chiuso l’indagine e abbia chiesto l’archiviazione del caso. Lo stesso procuratore capo, infatti, ieri pomeriggio, aveva precisato con dichiarazioni ad alcune agenzie stampa, che contrariamente a quanto affermato da giornali on line, relativamente all’indagine che riguardava il +++++++ non era stata notificato alcun avviso di chiusura delle indagini senza specificare, in effetti, se l’indagine fosse ancora in corso o meno. Questa mattina, quindi meno di 24ore dopo, con una seconda nota lo stesso procuratore annuncia la chiusura delle indagini e la contestuale richiesta di archiviazione del caso per difetto di querela. Una decisione di archiviare che sarebbe maturata in poche ore dato che, altrimenti, sarebbe stata annunciata nella comunicazione di ieri. A questo punto bisognerà aspettare cosa ne pensa il Gip a cui spetta in compito di accettare la richiesta e chiudere definitivamente il caso, o chiedere ulteriori accertamenti. Per adesso, però, nella Curia vescovile sembra essere tornato il sereno. Er. Amedei Articolo precedente

aggiornamento

Vescovo Antonazzo indagato per molestie sessuali. La Procura archivia il caso.

3 Aprile 2016 0

Religioso indagato per molestie sessuali. La Procura archivia il caso

Di Comunicato Stampa

CASSINO – Indagini definite con richiesta di archiviazione per difetto di querela. La nota della Procura della Repubblica di Cassino del dottor Luciano D’Emmanuele sulla questione che in queste ultime ore ha riguardato ** ********** ********, è concisa e chiara. Lo ricordiamo, al centro della scottante questione, l’accusa da parte di alcuni seminaristi mossa al ******* per presunte molestie sessuali. Una vicenda che ha colpito tutta la comunità locale e non solo. Tra amarezza, sconcerto e incredulità, i fedeli del territorio cassinate hanno faticato a mandar giù questo boccone amaro. Tuttavia arriva la doverosa precisazione. Scrive nella nota il procuratore D’Emmanuele: “con riferimento al contenuto delle notizie apparse sulla stampa odierna e relative ad indagini a carico del ********* ********* ****** ******** ****, questa procura ritiene doveroso, al fine della tutela di una corretta informazione e della posizione dell’ indagato, comunicare che le indagini sono state definite con richiesta di archiviazione per difetto di querela e il numero delle parti potenzialmente offese non è di 7/8 persone, così come in alcune notizie riportato. ”

La questione, dunque, assume contorni differenti a distanza di pochissime ore dalla diffusione delle prime notizie. Il ***** nell’immediatezza si era detto totalmente estraneo a tali accuse e dalla sua parte è intervenuta ieri anche la Santa Sede. Natalia Costa

2 Aprile 2016 0

Religioso indagato, la Santa Sede lo difende: “Accusato da seminaristi respinti”

Di Ermanno Amedei

Cassino – L’indagine che ha coinvolto il ************************ ***********, relativamente a presunte molestie subite da seminaristi, ha creato enorme clamore nella comunità di fedeli del territorio. Una vicenda che non giova a rasserenare gli animi dopo la tempesta legata a Montecassino e all’indagine che ha riguardato l’ex abate. Due circostanze comunque molto diverse e che, di fronte alle quali, in modo diverso, sembra essersi posta anche la Santa Sede che all’Ansa oggi ha affidato una breve nota in cui si sostiene di essere a conoscenza del dossier della Procura della Repubblica di Cassino ma che sulle accuse si esprimono forti dubbi. Le accuse mosse al ********* sarebbero state valutate come costruite ad arte da coloro che sono stati respinti dal seminari. Sulla stessa vicenda invece, la procura di Cassino, solo ad alcuni giornali avrebbe affidato una breve precisazione. “Relativamente a notizie apparse in queste ore su siti di informazione, riguardanti indagini penali a carico del **************** questa Procura reputa doveroso e necessario comunicare che non è stato emesso alcun avviso di chiusura indagini”. Ermanno Amedei Articolo prededente 

Vescovo Antonazzo indagato per molestie sessuali. La Procura archivia il caso.